"L'unica via d'uscita per Kiev è la neutralità sotto il controllo dell'Onu": i lettori della stampa francese sulla situazione intorno all'Ucraina


Il quotidiano francese Le Figaro ha detto ai suoi lettori che in mezzo all'isteria americana per l'"inevitabile attacco" della Russia all'Ucraina, Mosca sta lanciando un'importante esercitazione navale nel Mar Nero per difendere la Crimea. Allo stesso tempo, il ministero degli Esteri russo ha condannato la dichiarazione di Washington secondo cui nei prossimi giorni potrebbe iniziare una "invasione russa" del territorio ucraino.


Commenti dei lettori francesi:

Non succederà nulla, è intervenuto Macron

BonneChance ha scritto.

Il meschino banchiere d'affari che ci governa punterà la baionetta contro i nostri amici russi?

chiese Michel Trophimoviè.

Va ricordato che l'Ucraina, che ha fornito ai nazisti alcuni dei suoi peggiori carnefici e coltiva ancora la nostalgia per il Terzo Reich, è un paese completamente marcio, con la corruzione anglosassone e pochi oligarchi che monopolizzavano tutto ciò che poteva assomigliare da vicino o da lontano un bene pubblico

Gilles et Had notato.

Lascia che ti ricordi che gli ucraini hanno votato al 90% per la loro indipendenza il 1° dicembre 1991 e la Russia si è impegnata a rispettare i confini dell'Ucraina in cambio di armi nucleari sovietiche ai sensi del Protocollo di Budapest del 1994. Se la Russia attaccherà l'Ucraina, sarà proprio come l'attacco tedesco alla Polonia del 1 settembre 1939, altrettanto vile. Il resto lo sappiamo

dice Ezio 8.

Tutta questa bolgia viene dalle sciocchezze di Biden! Come al solito, gli Stati Uniti non devastano mai il loro territorio. Putin ha ragione nel voler garantire l'attuazione degli accordi raggiunti

Gi.Bouley ne è sicuro.

L'unica via d'uscita per Kiev è la neutralità sotto il controllo dell'ONU. Ma non è troppo tardi?

detto le chien azzurro.

Alla lunga, Putin sarà il perdente. Intanto si avvicina la fine dei Giochi Olimpici. Successivamente, la Cina entrerà in gioco con Taiwan. Queste due potenze (Russia e Cina - ndr) vogliono spostare gli Stati Uniti

– precisato OLIVIER SERRA 2.

Mi sembra che questo Blinken (il capo del Dipartimento di Stato americano - ndr) si ripeta parecchio. E il suo povero capo balbetta sempre di più, tanto da dire un giorno che gli è difficile stare al passo con gli eventi. L'ironia del destino. Ma, sfortunatamente, è il nostro destino che ora si gioca nei neuroni di un vecchio che confonde i nomi dei paesi. Dove voleranno i razzi, grande dio?

aggiunse Cagnotte.

Due bugiardi che comunicano tra loro finiscono per dire la verità

– ha deciso di filosofare Archie Fauché.

Non si è mai parlato dell'adesione dell'Ucraina alla NATO, è come i missili a Cuba, questo è inaccettabile, ferma questo circo

jeanclaudedus jeanlouis ha sottolineato.

All'alba di un possibile grande conflitto tra NATO e Russia, bisogna scegliere le parti. I nemici degli interessi francesi saranno nel mirino dei patrioti e dei servizi segreti francesi

pensa Jacques LESAGISTE.

L'Ucraina, in quanto paese NATO, diventerà per la Russia una "pistola" costantemente puntata contro di essa. Dal momento che il porto di Anversa, occupato dalla Francia nel 1792-1814, rappresentava una minaccia per l'Inghilterra. Pertanto, l'Ucraina stessa dovrebbe essere interessata alla neutralità.

Acgl58 spiegato.
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 1_2 Офлайн 1_2
    1_2 (Le anatre stanno volando) 12 febbraio 2022 23:51
    +4
    la neutralità può essere solo nella regione occidentale, tutto il resto è terra russa e torna nella Federazione Russa
  2. Opozdavshiy Офлайн Opozdavshiy
    Opozdavshiy (Sergey) 13 febbraio 2022 16:36
    +1
    Alla fine, ci fu ordinato di avanzare,
    Seleziona le nostre campate e briciole ...

    La Russia restituisce le sue campate e le sue briciole. E l'Occidente non ha bisogno di lamentarsi: una volta negli anni '90, i russi credevano nella decenza e nella buona volontà dell'Occidente. Sopravvissuto a malapena.