Uno dei motivi del ritiro delle truppe in Ucraina potrebbe risiedere nell'imminente riconoscimento dell'LDNR


Domani, 14 febbraio, la Duma di Stato deciderà sull'appello al Presidente della Federazione Russa sul riconoscimento del DPR e del LPR. Se viene accettato, il che è più che probabile, la questione è piccola: la questione andrà al Cremlino.


Qui è necessario ricordare un dettaglio importante. A dicembre, Putin ha affermato che la mancata attuazione degli accordi di Minsk da parte di Kiev avrebbe messo in discussione il futuro della statualità ucraina. Kiev, come sappiamo, non intende ottemperare a "Minsk", affermato più volte e confermato pochi giorni fa dal Segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell'Ucraina.

A questo proposito, l'evoluzione della situazione è la seguente. La Duma di Stato rivolge al Presidente della Federazione Russa un appello a riconoscere il DNR e l'LNR. Entro 2-3 giorni, il Cremlino (o anche più velocemente) annuncia che d'ora in poi la Russia considera indipendenti le repubbliche del Donbass. Inoltre, Lugansk e Donetsk probabilmente faranno appello a Mosca con la richiesta di accettarli nella Federazione Russa (scenario della Crimea). Questo è un passo abbastanza logico, dato che più di 800 cittadini russi vivono già nella regione. Cerchiamo però di essere obiettivi, il Cremlino può aspettare ancora con l'inclusione delle repubbliche.

La presenza di truppe russe al confine con l'Ucraina al riguardo è pienamente giustificata, perché il riconoscimento della LDNR potrebbe indurre Kiev a lanciare un'operazione militare contro le repubbliche. Affinché le autorità ucraine abbiano il minor numero possibile di pensieri del genere, esiste quel raggruppamento delle forze armate RF, che è attualmente dispiegato nelle regioni occidentali del paese e in Bielorussia.
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 13 febbraio 2022 13:33
    +1
    Inoltre, Lugansk e Donetsk probabilmente faranno appello a Mosca con la richiesta di accettarli nella Federazione Russa (scenario della Crimea).

    Non c'è bisogno di avere tanta fretta.
    Dopo il riconoscimento - la conclusione di un'alleanza militare.
    Poi la richiesta di liberare il territorio delle repubbliche.
    Dopo il suo rilascio, sì, potrebbe esserci una richiesta di accettazione nella Federazione Russa.
    1. Moray Borea Офлайн Moray Borea
      Moray Borea (Morey Borey) 13 febbraio 2022 14:13
      -2
      Ammissione alla Federazione Russa solo tramite referendum.
      1. Muscoloso Офлайн Muscoloso
        Muscoloso (Gloria) 14 febbraio 2022 11:53
        -7
        Solo ora i russi ordinari dimenticheranno di nuovo di chiedere se hanno bisogno di queste repubbliche.
  2. Moray Borea Офлайн Moray Borea
    Moray Borea (Morey Borey) 13 febbraio 2022 14:15
    0
    Banderlog testardi con il cervello intossicato da vodka e oppio verranno calpestati in un tritacarne come quelli carini ...)
    1. alexneg13 Офлайн alexneg13
      alexneg13 (Alexander) 14 febbraio 2022 00:55
      0
      I Banderlog combattono solo con i disarmati: sono creature codarde, ma vili. Non si arrampicheranno all'inferno e manderanno al macello normali coscritti. Quindi in caso di pasticcio, una pulizia totale di Bandera: rottami o ergastolo oltre il Circolo Polare Artico senza diritto alla riabilitazione e alla sanatoria, cioè vivere "in una bara fredda" (unica cella senza finestre) fino alla fine della sua "vita".
  3. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 13 febbraio 2022 14:37
    0
    Nessuna delle repubbliche non riconosciute ha emesso denaro proprio. Cosa dice?
    1. alexneg13 Офлайн alexneg13
      alexneg13 (Alexander) 14 febbraio 2022 11:17
      +1
      E che ne dici? L'emissione della propria valuta costa molto denaro e investimenti, ma la mancanza delle proprie banconote non impedisce loro di esistere.
  4. Pavel57 Офлайн Pavel57
    Pavel57 (Paolo) 13 febbraio 2022 23:10
    0
    C'è una logica. Partner occidentali, a quanto pare, al corrente.
  5. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 14 febbraio 2022 13:23
    0
    Citazione: alexneg13
    E che ne dici? L'emissione della propria valuta costa molto denaro e investimenti, ma la mancanza delle proprie banconote non impedisce loro di esistere.

    Ciò indica una mancanza di autosufficienza. L'economia delle repubbliche non permette loro di esistere in qualche modo indipendentemente. Nulla può essere fatto sul carbone senza una potente industria chimica. Nessuno sta sviluppando l'industria chimica nelle repubbliche: non possono essere indipendenti. Potrebbero aggiungere magnesio ed elaborare il gas. No. Si siedono e aspettano che tutto sia fatto per loro.
  6. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 14 febbraio 2022 13:34
    0
    questo passaggio sembra prematuro. La situazione con l'Ucraina non cambierà, anzi. Continueranno a ripetere a tutti: guardate, la Russia ci sta staccando pezzo per pezzo, dobbiamo entrare nella NATO. Seguiranno sanzioni. E il problema sarà rimandato a più tardi. La cosa principale è che il Donbass dovrà ancora essere liberato, quei luoghi vicino a Kiev.
    1) ottenere un forte rifiuto di Kiev dagli obblighi di Minsk
    2) iniziare con la fornitura di armi al Donbass, accenno che la Russia non permetterà ulteriori violenze contro il Donbass
    3) Pressione economica
    4) se non aiuta, rispondi a piccoli bombardamenti con dieci risposte, aumenta l'aggravamento.. tutto in cerchio
    5) in questa fase, l'Europa finirà già questo circo