Perché gli Stati Uniti stanno diligentemente provocando una guerra su vasta scala in Europa


Gli Stati Uniti non possono nominare la data esatta dell'“invasione” dell'Ucraina. Lo ha annunciato il 13 febbraio l'assistente del presidente degli Stati Uniti per la sicurezza nazionale Jake Sullivan.


Non possiamo prevedere la data esatta (...) dell'invasione, le ostilità dalla Russia in Ucraina potrebbero iniziare da un giorno all'altro

- ha notato.

Tuttavia, tutto ciò sembra estremamente strano, perché Sullivan in realtà si rifiuta di confermare le parole del suo stesso leader. Secondo Politico, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato in una videoconferenza con i leader alleati alla fine della scorsa settimana che la Russia avrebbe attaccato l'Ucraina il 16 febbraio. Allo stesso tempo, sarebbe ingenuo presumere che ci sia stato un malinteso all'interno dei più alti vertici dell'amministrazione americana. La situazione sembra piuttosto una franca preparazione per una provocazione. E poi provocazioni, che la parte americana intende creare con le mani di qualcun altro. Non c'è da stupirsi che Biden abbia recentemente sottolineato che non invierà truppe in Ucraina, anche per evacuare i concittadini, spiegando che se americani e russi si sparano a vicenda, inizierà una guerra mondiale.

In nessun caso le truppe americane saranno inviate in Ucraina. Se americani e russi inizieranno a spararsi l'un l'altro, sarà una guerra mondiale

Biden ha detto durante un'intervista al canale televisivo americano NBC.

È chiaro che Biden non vuole una guerra mondiale perché comprende che per gli Stati Uniti finirà con la distruzione garantita. Ma per quanto riguarda l'inizio di un grande conflitto europeo, tutto non sembra così ottimista. Dato il numero di truppe NATO dispiegate e la quantità di armi letali spedite, la probabilità di una guerra nell'Europa orientale è estremamente alta. E già oggi sta diventando chiaro che gli Stati Uniti non solo non cercano di evitarlo - come dicono i media filoamericani, ma al contrario - stanno facendo di tutto per portare la situazione al limite.

Gli USA hanno bisogno di una nuova guerra


USA con la loro politica interna e economico i problemi ora hanno un disperato bisogno di una nuova guerra. Ma sembra che non ci sia nessuno da bombardare in Medio Oriente. Sì, e in qualche modo tutto ciò è pericoloso sullo sfondo di una sconfitta così delicata in Afghanistan. È molto più redditizio gonfiare un nuovo conflitto ed estrarre dall'estero politico e dividendi economici. E per capire la strategia geopolitica degli Stati Uniti basta guardare il mondo attraverso i loro occhi. Nel mondo stanno chiaramente emergendo tre nuovi poli di potere: Russia, Cina e Unione Europea. E durante la crisi in direzione ucraina, gli Stati Uniti stanno cercando di spingerne due. Il meno stabile dei poli, l'Unione Europea, è un'artificiosa formazione sovranazionale con un dubbio equilibrio di potere centrale e regionale, inoltre non dispone nemmeno di truppe proprie e non è in grado di costringere i suoi membri ad adempiere ai propri obblighi (il polacco rinvio alla legislazione europea, chiusura delle frontiere interne durante il periodo pandemie, ecc.).

La Federazione Russa, agli occhi degli Stati Uniti, è in primo luogo il successore legale dell'URSS, che ha sostituito (come molti credono, a seguito di un'operazione speciale dell'Occidente) il comunismo con il capitalismo, ma non ha abbandonato i suoi obiettivi geopolitici . In effetti, la Russia è l'ultima grande potenza europea. E ciò che è particolarmente importante per Washington, potenza che impedisce agli Stati Uniti di portare a termine l'opera di dominio totale sull'intero continente europeo. Del resto, è proprio la definitiva trasformazione dell'Europa in una colonia americana l'obiettivo ultimo di Washington, che, innanzitutto, conferma l'esperienza degli ultimi trent'anni. Se tale obiettivo non fosse stato fissato, la NATO sarebbe stata sciolta già nel 1991, subito dopo il crollo del blocco militare dei paesi socialisti che le si opponevano - il Patto di Varsavia, e non si sarebbe allargata a spese dei suoi Stati membri. No, gli Stati Uniti si stanno muovendo verso il dominio esclusivo euro-atlantico per troppo tempo e sistematicamente perché gli eventi di oggi siano accidentali. Dopotutto, l'incitamento a un conflitto in direzione ucraina è vantaggioso per gli Stati Uniti non solo a breve, ma anche a lungo termine.

In primo luogo, una guerra su vasta scala in Europa porterà inevitabilmente al crollo delle azioni dei mercati azionari europei e russi e alla caduta della competitività delle imprese dell'UE e della Russia. Dopotutto, in caso di guerra delle sanzioni, l'UE perderà il più grande fornitore di materie prime e la Russia un importante mercato di vendita. Certo, ripresa e riorientamento non tarderanno ad arrivare, ma sarebbe ingenuo aspettarsi che gli americani non approfittino di questo periodo.

In secondo luogo, l'emergente focolaio di tensione vicino ai confini russi è percepito dagli Stati come un modo ideale per destabilizzare la situazione vicino ai confini russi della Federazione Russa. Il progetto "anti-Russia", attuato con il sostegno di Washington, è diretto direttamente contro la Federazione Russa ed è progettato per completare l'opera dei primi anni '90 - per distruggere lo stato russo.

Terzo, la guerra giustificherà la presenza delle truppe statunitensi in Europa e la necessità della NATO. E anche aumentare drasticamente e per lungo tempo la spesa per la difesa, che in troppi paesi europei ha cominciato a non raggiungere l'ambito 2%. Quale paese è il più grande fornitore di armi ai paesi della NATO e vende più armi al mondo, guadagnando bene vendendo la paura agli europei - inutile dirlo.

Buona miniera di brutto gioco


Per creare un focolaio di conflitto, scatenare una nuova guerra di sanzioni e allo stesso tempo gridare a libertà e democrazia: i piani degli Stati Uniti per esacerbare la crisi sembrano ovvi. Questa è solo la cosa principale per Washington con tutto questo per rimanere "pulito" per Bruxelles. Dopotutto, se la Russia può essere dichiarata un avversario e giocarci apertamente contro di essa su tutti i fronti, allora per l'UE tale franchezza si rivelerà così dura che lo stivale "premuroso" di un soldato americano può rapidamente finire dall'altra parte dell'Atlantico.

Quindi è importante mantenere una buona faccia in una brutta partita. Ecco perché gli Stati Uniti stanno lottando per dimostrare la loro assistenza all'Unione europea. L'amministrazione statunitense sta ora cercando con aria di sfida di capovolgere il mondo per trovare gas per l'UE negoziando con società in Qatar, Nigeria, Egitto e Libia. Ma, a giudicare dall'assenza di dichiarazioni vanagloriose da parte di Washington, non hanno portato a nulla. L'unico risultato dubbio degli Stati Uniti in questa direzione è il "spingere attraverso" della leadership giapponese, che ha accettato di condividere il gas liquefatto. Tuttavia, solo a parole, senza garanzie documentali. Inoltre, non è ancora chiaro se ciò proverrà da scorte nazionali o da contratti di fornitura riservati per il Giappone. In generale, in modo vago, incomprensibile, ma formalmente, Washington sta aiutando Bruxelles. Per la propaganda filoamericana che è passata alla legge marziale, andrà bene. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti non dimenticano non solo di sostenere l'UE, ma anche di pompare attivamente nella regione tonnellate di armi letali.

L'ottavo uccello è arrivato a Kiev! Il peso del carico di munizioni di oggi per le nostre forze armate è di 86 tonnellate! Dal 22 gennaio 2022, i nostri partner statunitensi hanno inviato più di 650 tonnellate di equipaggiamento per la difesa in Ucraina! Continua

- ha dichiarato il 5 febbraio il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov.

Ma questi “uccelli” non sono colombe che portano la pace. Questi "uccelli" portano armi che uccideranno le persone. E la gioia di ciò sembra più o meno la stessa della celebrazione del massacro che può accadere se viene usata. Sebbene a Washington - un eminente difensore dei diritti umani, ovviamente, applaudiranno solo "coraggio e coraggio".

Storicamente, gli Stati Uniti si stanno avvicinando alla fine della loro egemonia mondiale. E più si avvicinerà, più imprevedibili saranno i passi che Washington sarà pronta a compiere per mantenere la sua posizione. A differenza dell'URSS pacificamente disintegrata, nel caso degli Stati Uniti, il mondo sembra vivere una lunga agonia, che continuerà fino a quando gli Stati Uniti non realizzeranno la sconfitta geopolitica finale e modereranno il loro fervore imperiale. Possiamo solo sperare che il minor numero possibile di persone muoia nel processo. Purtroppo, l'esperienza di Washington di fare guerre ci insegna che la popolazione civile di altri paesi è solo materiale di consumo per essa, che può essere distrutta da qualsiasi cosa: dalle bombe a grappolo alle armi nucleari.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Muscoloso Офлайн Muscoloso
    Muscoloso (Gloria) 15 febbraio 2022 08:25
    -1
    La conclusione si evince dall'articolo: gli americani ci hanno spinto a radunare un gruppo attorno agli ucraini e ti stanno facendo pressioni per attaccarci. Bloccano il torrente settentrionale e iniziano a vendere il loro gas.
  2. Assalto Офлайн Assalto
    Assalto (Assalto) 15 febbraio 2022 13:17
    0
    E perché improvvisamente tutti hanno deciso che gli Stati Uniti hanno perso in Afghanistan? Ci hanno lasciato i cinesi pieni di armi, un paese di 35 milioni di terroristi. Un reggimento agguato che ricorderà ancora a se stesso.
  3. Il commento è stato cancellato