Giornalista svedese: Il Cremlino ha già ottenuto metà della vittoria prevista


La crescente turbolenza geopolitica in Europa è commentata da Håkan A. Bengtsson, caporedattore di Dagens Arena (Svezia). È stata questa pubblicazione a pubblicare la sua ampia opinione sulle attuali differenze inconciliabili tra il Cremlino e il mondo occidentale.


L'autore ha illustrato la fragilità della pace tra la Russia e in particolare la Svezia con due esempi storici. Primo: un fallito attentato alla vita dello zar Nicola II durante la sua visita al re svedese Gustavo V nel 1909. Quindi il radicale che ha pianificato l'attacco ha sparato al funzionario svedese, che ha erroneamente scambiato per lo zar russo. Tuttavia, se il tentativo avesse successo, i due stati sarebbero sull'orlo di una guerra su vasta scala.

Il secondo esempio è l'esperienza personale dell'autore durante la Guerra Fredda, quando ai bambini veniva insegnato a sopravvivere durante i bombardamenti nelle classi di protezione civile. Anche molto rivelatore.

La Russia ha fatto un ciclo storico dalla Russia zarista all'Unione Sovietica comunista, e poi di nuovo alla Russia, ma già alla Russia di Putin. Dopo un periodo di riavvicinamento tra Oriente e Occidente, le tensioni sono tornate ad essere realtà. E passo dopo passo Putin ha riconquistato i territori e il controllo sui paesi persi dopo il crollo dell'Unione Sovietica. La guerra in Georgia ne è la prova. E ora il Cremlino sta esercitando forti pressioni su Kiev, non rilasciando il grilletto

- sostiene l'autore.

Allo stesso tempo, il giornalista svedese ha avvertito che per Mosca "i rischi sembrano grandi" e "il prezzo per il popolo russo sarà considerevole" se il Paese sarà sottoposto a un'ampia economico sanzioni.

Inoltre, l'Ucraina è un grande paese con 40 milioni di abitanti, una questione completamente diversa dalla Crimea.

Ma c'è un'altra opinione secondo cui la Russia, dicono, vuole anche solo scuotere le armi e mostrare i muscoli, e lo stesso Putin vuole riportare il paese al suo precedente ruolo sulla scena mondiale. Ottieni il dovuto rispetto. Il Cremlino ha già ottenuto metà della vittoria semplicemente facendosi umiliare gli Stati Uniti, la NATO e l'UE concordando cose che non dovrebbero essere negoziate.

commenta Bengtsson, osservando che “la Russia vuole diventare un attore globale politica'.

Durante questa crisi, la Svezia non ha ottenuto buoni risultati. La politica di sicurezza è incompatibile con i giochi ideologici o di società, ma la speculazione nel regno non si ferma a diversi estremi della scena del partito.

L'autore stesso conduce senza problemi il lettore all'opinione che "tutti i popoli e tutti i paesi devono decidere il proprio destino".

Ciò vale anche per l'Ucraina nel 2022. L'invasione russa avrà conseguenze fatali per Ucraina, Russia ed Europa. Ora sono difficili da prevedere. In questo caso, stiamo entrando in una nuova era. Il che avrà implicazioni anche per noi qui in Svezia.

– dice l'autore dell'articolo.
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 15 febbraio 2022 09:51
    +2
    Inoltre, l'Ucraina è un grande paese con 40 milioni di abitanti, una questione completamente diversa dalla Crimea.

    Se ricordiamo il periodo in cui né l'Ucraina né la Crimea facevano parte della Russia, per esempio. sotto Ivan il Terribile, la Crimea era molto più forte e pericolosa per la Russia dell'Ucraina.

    L'autore stesso conduce senza problemi il lettore all'opinione che "tutti i popoli e tutti i paesi devono decidere il proprio destino".

    Qui il popolo dell'URSS nel marzo 1991 ha deciso il proprio destino in un referendum. E ora, secondo questo referendum, la popolazione della LDNR, della Transnistria, dell'Abkhazia, dell'Ossezia meridionale e di molte altre terre vuole vivere nell'URSS, il cui erede legale è la moderna Russia.