La guerra potrebbe essere la soluzione più semplice alla crisi globale


Nessuno voleva la guerra. La guerra era inevitabile. E ora non stiamo parlando dell'Ucraina. Il complesso dei problemi accumulati nel mondo è ormai tale che diventa estremamente auspicabile un conflitto armato regionale, dove i vinti vengono "piegati" da una folla amica e nominati ultimi per tutto, obbligando a pagare le indennità. La guerra consentirà di alleggerire il debito e di far ripartire l'Occidente l'economia, mettendolo su un piano militare. Cosa ci dà motivo di crederlo?


Tra i principali prerequisiti per la crisi economica odierna ci sono la pandemia di coronavirus che ha colpito un'umanità impreparata nel 2020, una falsa partenza con il passaggio alle fonti di energia rinnovabile, nonché la conseguente crisi energetica del 2021. Molti esperti chiamano la prossima crisi la crisi alimentare. Questo è il prezzo della globalizzazione, poiché ora tutto è strettamente interconnesso.

Come sapete, le restrizioni pandemiche del 2020 hanno ridotto drasticamente il volume della domanda dei consumatori e della produzione industriale. Di conseguenza, il consumo di tutti i tipi di risorse è diminuito. Il prezzo del gas negli hub europei è sceso a $ 30 per 1 metri cubi, mentre il petrolio per qualche tempo ha raggiunto quotazioni negative inedite. Tuttavia, proprio l'anno successivo, la Cina è stata la prima ad alzare la testa, seguita dal resto dei paesi della regione del sud-est asiatico. Grazie all'intenso sostegno finanziario, gli Stati Uniti e l'Unione Europea vengono ripristinati.

Qui la scommessa prematura dell'Occidente sul "verde" ha fatto il suo sporco atto. L'anno post-pandemia si è rivelato insolitamente freddo e allo stesso tempo poco ventoso. Ciò, in particolare, ha portato a conseguenze colossali nello stato sudamericano del Texas, dove il freddo artico ha improvvisamente invaso. Il clima era insolitamente freddo anche nel sud-est asiatico, dove i prezzi del gas hanno iniziato a salire alle stelle, attirando l'attenzione degli esportatori di GNL lontano dall'Europa. A Bruxelles si sono creati problemi continuando a trascinare il processo di certificazione del gasdotto russo Northern Optok-2, che avrebbe dovuto fornire fino a 55 miliardi di metri cubi di "combustibile blu" al Vecchio Mondo. Il rifiuto di Gazprom di esportare nell'UE volumi di gas superiori a quelli stipulati nei contratti ha portato al fatto che il costo di 1 metri cubi ha superato la soglia dei 1 dollari, battendo tutti i record precedenti. Oggi, il livello di occupazione degli impianti di stoccaggio del gas sotterranei europei è solo del 35%.

Anche il prezzo del petrolio è salito a un livello di oltre $ 90 al barile, il più alto dal 2014. È anche problematico aumentare semplicemente di nuovo la produzione, perché sullo sfondo di un'agenda "verde", le compagnie petrolifere hanno paura di fare investimenti significativi. I prezzi estremi delle risorse energetiche hanno giocato uno scherzo crudele su tutti gli altri settori dell'economia mondiale.

Quindi, nel 2021, i metalli hanno iniziato a salire notevolmente di prezzo. Petrolio e gas costosi hanno portato ad un aumento dei prezzi dell'elettricità per la loro fusione, così come del carburante per i trasporti. Questo, a sua volta, ha portato ad un aumento dei costi di costruzione e produzione industriale. Il London Metal Exchange, ad esempio, sta attualmente sperimentando una grave carenza di rame e alluminio. Le imprese metallurgiche in Europa e nel sud-est asiatico hanno ridotto significativamente il volume della loro fusione a causa degli alti prezzi dell'elettricità. Fermare il lavoro delle fonderie di alluminio comporterà oggettivamente un aumento del costo di una vasta gamma di merci: dagli aerei di linea agli imballaggi banali.

Ma se puoi ancora vivere in qualche modo senza comprare un nuovo Boeing, allora non c'è modo senza cibo. Secondo l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), nel 2021 gli aumenti dei prezzi alimentari globali sono stati in media del 28,1%. Questo è il più grande aumento di prezzo degli ultimi anni. Ad esempio, il prezzo del mais è aumentato del 44,1%, il grano - del 31,3%, lo zucchero - del 37,5%, il burro - del 65,8%, la carne - del 12,7%, i latticini - del 16,9%. Gli indicatori del grano sono stati influenzati dai fallimenti dei raccolti locali e dagli acquisti centralizzati di grano per le riserve da parte delle autorità. Nel 2022 il raccolto potrebbe rivelarsi anche peggiore e il costo della sua produzione sarà molto più alto. Il gas costoso ha portato a una diminuzione della produzione di fertilizzanti azotati e petrolio costoso, un aumento del costo del carburante, dei carburanti e dei lubrificanti. Gli imballaggi aumenteranno ancora di prezzo, aumenteranno i costi delle catene di vendita al dettaglio e dei corrieri.

Tutto questo è una miscela davvero esplosiva che può esplodere da un momento all'altro. Ricordiamo che l'inizio della "Primavera araba" è stato preceduto da un notevole aumento del costo del cibo, e quindi è bastato un fiammifero per infiammare l'intera regione. Uno dopo l'altro, i regimi mediorientali apparentemente irremovibili sono caduti.

Oggi la situazione è forse molto peggiore, poiché non solo i residenti dei paesi del Terzo Mondo, ma anche europei e americani piuttosto ricchi stanno soffrendo le conseguenze della crisi economica. Ad alcuni, la guerra può sembrare la soluzione più semplice.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 16 febbraio 2022 15:30
    0
    La guerra potrebbe essere la soluzione più semplice alla crisi globale

    Forse, forse no, ma finora, hanno scritto, tutti si aspettavano / si aspettano una crescita economica dopo il corona.

    Meno: i vettori energetici sono aumentati di prezzo a causa dell'Asia, sono riusciti a anticipare la crescita della loro economia lì.
    Inoltre, tutte le compagnie petrolifere, la metallurgia, i costruttori, gli agricoltori e altri hanno mostrato tali "profitti in eccedenza", così che anche VV Putin e la Duma "hanno mostrato preoccupazione".

    Guerra, quando la lista di Forbes e quindi tutto meraviglioso??? E per distrarre la popolazione basta parlare, come è successo più di una volta - quasi, quasi...
    Resisterà.
  2. Expert_Analyst_Forecaster 16 febbraio 2022 15:46
    +3
    Dov'è la crisi? Ebbene sì, se chiami il crollo dell'economia inflazione del 10%, allora sì. Sì, la disoccupazione è aumentata dello 0,5% - guai, guai!! Al momento, i principali giocatori mondiali si sentono bene. Soprattutto gli Stati Uniti.
    E sopravviveranno a un'inflazione relativamente alta. La loro economia ha avuto ottimi risultati nell'ultimo anno.
    E ora stanno anche vendendo gas agli europei a prezzi folli e, in futuro, una grossa fetta del mercato energetico europeo. Saranno centinaia di miliardi. Già, una materia prima appendice dell'Europa strizzò l'occhio
  3. Expert_Analyst_Forecaster 16 febbraio 2022 15:49
    0
    gli aumenti globali dei prezzi alimentari nel 2021 sono stati in media del 28,1%. Questo è il più grande aumento di prezzo degli ultimi anni.

    C'è carestia negli Stati Uniti? Forse in Giappone, Cina o Regno Unito?
    E ora immagino che siano iniziate rivolte per il cibo in Francia e Germania. E la NATO ha deciso di iniziare una guerra nucleare con la Russia per distrarre le masse affamate.
  4. 123 Офлайн 123
    123 (123) 16 febbraio 2022 16:01
    0
    Nel frattempo, "l'intero mondo civile" stava contando i momenti prima dell'invasione, da qualche parte nei sotterranei del paese aggressore stavano testando un'arma segreta contro il dollaro. I compagni cinesi si abbandonano alla stessa cosa. Forse qui sta una delle fonti dell'isteria?

    Rublo digitale: inizio test

    La Banca di Russia e gli operatori di mercato hanno iniziato a testare la piattaforma del rublo digitale e hanno completato con successo i primi trasferimenti in rublo digitale tra cittadini.

    https://www.cbr.ru/press/event/?id=12685
  5. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 16 febbraio 2022 16:53
    -1
    perché non solo i residenti dei paesi del Terzo Mondo, ma anche europei e americani piuttosto ricchi subiscono le conseguenze della crisi economica.

    Oh! Che alimentino i loro migranti, che siedono senza lavoro nella sfera sociale.
  6. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
    Alexander K_2 (Alexander K) 17 febbraio 2022 16:55
    0
    Due domande all'autore: chi combatterà: il Mendicante con gli Affamati o il Ricco con i Soddisfatti? Dove combatteranno?
  7. Assalto Офлайн Assalto
    Assalto (Assalto) 23 febbraio 2022 14:59
    0
    Ci sono due opzioni: forse forse, forse no. In termini di gestione della crisi.