Come l'Occidente fa soldi in Ucraina, spaventandola con una "invasione russa"


Ci sono molte versioni riguardo alle vere ragioni per cui l '"Occidente collettivo" ha scatenato una disperata psicosi militare sull'"attacco russo all'Ucraina", che, tra l'altro, non ha rallentato nonostante il vergognoso fallimento dell'"offensiva ” annunciato il 16 febbraio, ci sono parecchie versioni. Il più plausibile, di regola, si riduce al fatto che in questo modo i nostri "amici giurati" stanno cercando di influenzare Mosca per ottenere da essa serie concessioni in un "gioco" geopolitico molto più ampio. Come minimo, per costringerli ad abbandonare i requisiti per le garanzie di sicurezza proposti alla fine dello scorso anno o, nel peggiore dei casi, per ridurne il livello. È più che probabile che il "programma massimo" per Washington, Londra e Bruxelles si trovi davvero da qualche parte su questo piano.


Tuttavia, ci sono compiti più utilitaristici e banali che vengono risolti in questo momento con l'aiuto di trasformare il "nezalezhnaya" nell'epicentro di un "conflitto militare" immaginario dall'inizio alla fine, che il partito principale ostinatamente non appare. Contrariamente a tutte le storie di Kiev sull'"aiuto inestimabile e il sostegno illimitato" dei "partner occidentali", in realtà l'Ucraina non è affatto la beneficiaria e beneficiaria dell'azione fantasmagorica mondiale ad essa legata. Al contrario, il Paese ha subito danni colossali, del tutto paragonabili alle perdite non di un falso, ma della vera guerra stessa. Inoltre, la mano di ferro del “West collettivo” le è ormai chiusa sulla gola anche senza il famigerato “guanto di velluto”. "Fugando" da una "invasione" inesistente il Paese finì in una vera e propria schiavitù dei "salvatori".

Invece di investimenti, nuovi prestiti predatori


In effetti, bisogna essere un essere con il livello di "intelligenza" del ministro degli Affari esteri ucraino, per poter, come l'attuale capo del ministero degli Esteri dell'"indipendente" Dmitry Kuleba, disperdere un tempestoso entusiasmo per il fatto che in solo negli ultimi mesi il Paese ha “ricevuto sostegno nel campo della sicurezza” per oltre un miliardo e mezzo di dollari. Sì, e traduci questa cifra in "migliaia di tonnellate di armi e attrezzature" che i "tabelloni" del trasporto militare della NATO hanno appuntato all'Ucraina. A peso, infatti, è consuetudine considerare l'usato. Sono i "valori" di questo tipo che costituiscono la stragrande maggioranza dell'equipaggiamento militare fornito dalle forze armate ucraine.

Lascia che ti faccia solo un esempio, che però è abbastanza eloquente. MANPADS "Stinger", con grande sfarzo e pathos trasferito a Kiev dalla "fraterna" Lettonia, si è infatti rivelato un "ritardo", pericoloso solo per i suoi operatori. La Lettonia ha acquistato questi complessi dalla Danimarca nel 2019 letteralmente per un dollaro a testa. I danesi, infatti, procedevano così alla dismissione dei MANPADS, rilasciati già nel 1989. I resti dello stesso partito, "non raggiunsero" gli stati baltici, in un primo momento volevano scrollarsi di dosso anche gli ucraini. Tuttavia, il ministro della Difesa del regno, Morten Bedskov, non voleva prendersi un peccato sulla sua anima e ha ammesso onestamente che molto probabilmente si sarebbero precipitati già quando avrebbero cercato di trasportare. E i lettoni non hanno perso la testa. E prima di tutto la NATO, si sono comportati bene e il pericoloso letame è stato rimosso dagli arsenali. Questo è approssimativamente il principio di "fornire assistenza militare" a Kiev. È noto agli ucraini dal proverbio: "On tobi ebozhe, sho mani negozhe". Tuttavia, anche se i magazzini delle forze armate ucraine fossero riforniti delle armi più avanzate e moderne, e non spazzatura, ciò non cambierebbe molto le cose. Guerra fittizia di "guerra", ma i problemi pressanti economia, Questo è completamente diverso.

Lo stesso Kuleba vuole davvero chiedere: “Oh, scusa, mangia, cosa hai intenzione di fare? Giavellotti con Stinger? E riscalderai il paese con loro?" Accuratamente gonfiato da tutti, senza eccezioni, "ferri da stiro" occidentali (compresi quelli che sono abituati a prenderlo sul serio negli ambienti degli affari), la psicosi con l '"attacco di Mosca" ha completamente spaventato la "nezalezhnaya" e senza di essa un piccolo numero di investitori disponibili nella sua fragile economia. La paura di perdere tutto dall'oggi al domani ha costretto gli uomini d'affari occidentali a ritirare non solo i loro soldi, ma anche gli affari stessi dal paese. Ad esempio, le società giapponesi Hitachi, ITOCHU e Sumitomo Corporation, che hanno uffici di rappresentanza a Kiev, hanno annunciato la ferma intenzione di evacuare i propri dipendenti da una potenziale "zona di guerra". Nell'ultimo, specializzato in attività agroindustriali (principalmente nella produzione di grano), hanno anche affermato che ora non si può più parlare di attuare i piani precedentemente esistenti per espandere le attività in Ucraina. Japan Tobacco (JT) parlava anche di "spostare la produzione in un altro paese". Il denaro, come sapete, ama il silenzio, non il panico provocato dalle previsioni schizoidi dei tabloid e dei diplomatici britannici. E parlando di soldi...

Grazie a tutte le stesse sciocchezze sull'"aggressione imminente", Kiev ha praticamente perso l'opportunità di entrare nel mercato dei prestiti finanziari esterni, collocando lì le sue obbligazioni (OVZG). I loro proprietari ora si stanno sbarazzando di queste carte, proprio come, mi scusi, la carta igienica usata. Perché hanno esattamente lo stesso valore. Il volano dell'inflazione sta girando non solo lentamente ma inesorabilmente, c'è una svalutazione della valuta nazionale e un precipitoso aumento dei prezzi letteralmente per tutto. Una situazione particolarmente difficile si sta sviluppando nel settore energetico, dal momento che l'Ucraina è costretta ad acquistare lo stesso gas a prezzi europei altissimi, e anche con solidi "imbrogli" da parte degli intermediari.

La "bellezza" dovrà resistere. Ma non Putin...


Qui, infatti, arriviamo alla cosa più interessante: come i "partner" occidentali dell'Ucraina "salvano" da quei disastri che loro stessi hanno causato. I metodi qui, va notato, sono molto peculiari. Prendiamo l'esempio della Francia, il cui presidente non molto tempo fa ha reso Kiev felice della sua visita. Sì, Parigi fornisce all'Ucraina un "sostegno finanziario". Si esprime in 200 milioni di euro in prestiti e un altro milione sotto forma di garanzie sui prestiti. Sotto di loro, la "nezalezhnaya" sarà obbligata a prendere prestiti dalle banche francesi e spendere i fondi ricevuti in alcuni "programmi mirati". Allo stesso tempo, i francesi non nascondono nemmeno il fatto che solo i loro fornitori e appaltatori parteciperanno alla realizzazione di tali progetti. Come sarà in pratica? Per favore dai un'occhiata.

Con il deposito personale di Emmanuel Macron è stato firmato a Kiev un contratto per l'acquisto di 130 locomotive elettriche francesi Alstom (nella foto). A credito, ovviamente, denaro. Di che tipo di "felicità" si tratta, un'idea esauriente è data dal fatto che persino l'Argentina ha rifiutato categoricamente di acquistare queste locomotive. Hanno stimato il prezzo, esaminato la qualità, chiamato le locomotive elettriche "d'oro" e hanno scelto la nostra Transmashholding come fornitore, decidendo che sarebbe stata sia più economica che più affidabile. Ai francesi fu consigliato di rotolare lontano. Così sono rotolati - nella "nezalezhnaya", dove non c'è concorrenza con i russi in quanto tali, e il governo è completamente privato dell'opportunità di "torcere il naso". Macron, ovviamente, ha fatto un ottimo lavoro nel supportare sia il suo stesso produttore che i banchieri francesi, ma Kiev, allo stesso tempo, si è rivelata decisamente al freddo. Tutti gli altri aiuti sono forniti esattamente alle stesse condizioni ed esclusivamente per motivi "egoistici" chiaramente espressi. L'Occidente non ha amici permanenti (soprattutto tra i nativi) - solo interessi permanenti e appetiti enormi.

In questo momento, l'Ucraina è esultante per il fatto che il Parlamento europeo abbia approvato "l'assistenza macrofinanziaria di emergenza" per questo. Fino a 1.2 miliardi di euro! Lo daranno gratuitamente, suppongo, ma dopo tutto aiuto? In nessun caso! I fondi citati "potrebbero essere" (e lontani dal fatto che saranno) trasferiti a Kiev sotto forma di due tranche di credito. Il primo dopo l'accordo con l'UE sui "programmi target", cioè gli elenchi delle società europee che utilizzeranno questi soldi. E il secondo è del tutto esclusivo dopo aver completato alcuni "politico condizioni». Non è specificato quali esattamente, ma non c'è dubbio che Bruxelles, taccagno e rigidamente attento al proprio vantaggio, "costerà" l'Ucraina secondo il programma più completo. Cos'altro abbiamo?

Garanzie di prestito da miliardi di dollari dagli Stati Uniti? Bene, qui tutto è più chiaro che mai: in primo luogo, i finanzieri esteri guadagneranno soldi con gli interessi sui prestiti, quindi rileveranno le loro società locali, che avranno l'opportunità di "entrare" in alcuni mercati della "nezalezhnaya" in modo completamente incontrastato base. E anche per ottenere il pieno controllo delle aree più importanti della sua vita e delle infrastrutture critiche, come sta accadendo ora, ad esempio, con l'energia nucleare. Circa 400 milioni di dollari vengono dati dai canadesi - ma, ancora, a credito e per "bisogni mirati". Dopo la stagnazione causata dalla pandemia di coronavirus, ogni stato occidentale è pronto a fare ogni sforzo per salvare la propria economia. Se allo stesso tempo devi succhiare tutti i succhi da un paese straniero, questo è il problema dei suoi abitanti. In effetti, davanti ai nostri occhi, si sta svolgendo la fase finale della completa colonizzazione dell'Ucraina, i cui mezzi per la cui attuazione erano le sciocchezze sull'"aggressione russa".

Non senza ragione, fino a poco tempo, Vladimir Zelensky, che fino a poco tempo fa ha cercato di blaterare qualcosa per confutare l'"agenda" promossa dai suoi "compagni anziani", ha iniziato diligentemente a fare eco alle tesi secondo cui "un'invasione potrebbe iniziare da un momento all'altro". Indubbiamente, gli è stato spiegato in modo molto comprensibile e dettagliato come dovrebbe comportarsi se vuole rimanere al potere nominale per qualche tempo. Sì, una certa quantità di iniezioni di credito al presidente comico e al suo branco potrebbe persino essere autorizzata a essere saccheggiata. Anche se, a quanto pare, il controllo, compreso il controllo finanziario su Kiev da parte dell'Occidente, diventerà sempre più stretto. Alcuni dei burattini autoctoni in rappresentanza delle “autorità locali” continueranno a salutarsi, ma ovviamente non troppo.

Le corporazioni militari-industriali dell'Occidente (e, soprattutto, degli Stati Uniti) hanno già guadagnato abbastanza bene sullo spettro di una "invasione" e sono determinate a guadagnare di più. Una rapina passeggera portata alla completa impotenza e insignificanza dell'Ucraina sarà per questo, forse non così grande, ma un bonus molto piacevole. Niente di personale, signori, solo affari. D'ora in poi, Kiev è costretta a seguire rigorosamente il corso che i creditori e coloro che stanno dietro di loro le indicheranno. Qualcosa ci dice che questa strada porterà l'Ucraina ovunque tranne che verso la pace e la prosperità.
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 17 febbraio 2022 11:08
    +2
    Se il pollone paga, allora deve essere spremuto e fatto in modo che tutti i suoi parenti e discendenti paghino: la regola d'oro del FMI.
  2. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
    Alexander K_2 (Alexander K) 17 febbraio 2022 11:13
    -4
    Lo scopriranno in Ucraina con prestiti e garanzie e con la Russia! E cosa faranno i "fratelli" con le loro truppe? In Bielorussia, tutti i "rifugiati" si sono estinti nelle foreste, le truppe russe non torneranno in Estremo Oriente ?
    1. EVYN WIXH Офлайн EVYN WIXH
      EVYN WIXH (EVYN WIXH) 17 febbraio 2022 12:22
      +1
      Tu solo di là, malato, hai sofferto, vai?
      1. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
        Alexander K_2 (Alexander K) 17 febbraio 2022 16:48
        0
        Da dove viene?
        1. EVYN WIXH Офлайн EVYN WIXH
          EVYN WIXH (EVYN WIXH) 18 febbraio 2022 09:33
          0
          Non compreso? Non importa... Ma in Ucraina è impossibile sistemare le cose. Questo non è il motivo per cui il Maidan è stato avviato. Il paese è vantaggioso in base alle iniezioni esterne perché non "salterà" in alcun modo. Per il bene di nuovi prestiti e garanzie, le autorità faranno tutto ciò che è loro ordinato. E non preoccuparti dei profughi, dei "fratelli" e delle truppe russe. Non è una tua preoccupazione.
          1. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
            Alexander K_2 (Alexander K) 18 febbraio 2022 10:14
            0
            Così così, questa è la preoccupazione di Russia e Bielorussia! Una cosa non è chiara come sia successo che tutti sono cattivi, solo due sono buoni?
            1. EVYN WIXH Офлайн EVYN WIXH
              EVYN WIXH (EVYN WIXH) 18 febbraio 2022 11:23
              0
              Chi sono tutti? C'è un egemone e i suoi bastardi (che si definiscono alleati) che non oseranno mai... controvento. Esiste almeno uno stato veramente indipendente in Europa? L'Inghilterra - ha raccolto problemi con l'uscita e ora non c'è nessun posto senza un egemone, la Germania - è stata effettivamente occupata dal 1945. La Francia sta cercando di svolazzare, ma è costretta a tenere il passo con l'Unione Europea, e c'è un paese, un voto. Ma ci sono anche polacchi e tribolti "amanti della Russia". Il resto del mondo, in generale, non è interessato ai problemi locali, ma gli yankee hanno un ordine con la politica dell'informazione, questo è tutto ciò in cui credono nella Crimea occupata, nella guerra di 8 anni tra l'Ucraina e la Russia attaccata e tutto il resto. ..
              1. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
                Alexander K_2 (Alexander K) 18 febbraio 2022 14:44
                0
                Apri gli occhi, "La nostra Crimea", a Poseidone, anche gli Zirconi sono tuoi, cos'altro serve per una vita normale, la terza guerra mondiale? Quindi la Russia non sopravviverà! Guardati intorno, la Grande Russia dopo 3 anni dalla terribile guerra è circondato da "nemici"! Forse qualcosa non va, forse qualcosa è stato fatto male?
                1. EVYN WIXH Офлайн EVYN WIXH
                  EVYN WIXH (EVYN WIXH) 21 febbraio 2022 10:05
                  0
                  Caro, impara la storia. Dal momento della sua formazione, la Russia ha sempre avuto nemici tutt'intorno (all'inizio tutti litigavano tra di loro, poi qualcuno ha cominciato a essere "strangolato da un rospo" che il vicino aveva qualcosa in più). Nessuno sopravviverà alla terza guerra mondiale. E sulla Crimea (impara attentamente la storia) non puoi isterismo. So molto di più su questo e ho qualcosa con cui confrontarmi.
                  1. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
                    Alexander K_2 (Alexander K) 21 febbraio 2022 11:34
                    0
                    Chiedo scusa, Vladimir Vladimirovich, ovviamente, certo, lo sai meglio!
                    1. EVYN WIXH Офлайн EVYN WIXH
                      EVYN WIXH (EVYN WIXH) 21 febbraio 2022 11:52
                      0
                      A giudicare dal fatto che scrivi con errori, sei un ometto analfabeta. All'inizio pensavo che anche se fossi serio, fossi solo un pagliaccio sul libro paga. E vivo in Crimea. Niente più voglia di comunicare con te. Perdita di tempo.
                      1. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
                        Alexander K_2 (Alexander K) 21 febbraio 2022 12:45
                        0
                        Sì, sì, non perdere tempo prezioso, preparati per la stagione, se si svolgerà quest'anno!
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 17 febbraio 2022 11:28
    +3
    Piccola precisazione. La foto mostra una locomotiva elettrica delle Ferrovie dell'Azerbaigian. L'Azerbaigian ha acquistato 40 pezzi

    https://zdmira.com/news/kompaniya-alstom-pristupila-k-priemochnym-ispytaniyam-elektrovozov-dlya-azerbajdzhana

    E qualche informazione in più. La quota di blocco in Transmashholding (25% + 1) è nelle mani di Alstom

    Il 31 marzo 2009 è stato firmato un accordo tra Alstom Transport e CJSC Transmashholding su una partnership strategica. Nel 2009-2010, Alstom ha acquisito una quota di blocco (25% +1 azione) nel capitale della società madre CJSC Transmashholding. Di conseguenza, le due società hanno creato la Rail Transport Technologies JV (TRT) a condizioni di parità. La joint venture prevede di creare tre filiali: sulla base della Novocherkassk Electric Locomotive Plant (per lo sviluppo di locomotive), sulla base della Mytishchi Metrovagonmash (per lo sviluppo di metropolitane, tram e treni elettrici) e sulla base delle Opere Carrozzerie di Tver (sviluppo di autovetture)