Prerequisiti per l'intervento militare della Polonia nel conflitto ucraino


Gli Stati Uniti e la Polonia possono distruggere l'Ucraina e strapparle parte del suo territorio. E ci sono diverse prove di questo. In primo luogo, economico l'impatto dell'isteria informativa americana sull'Ucraina sta diventando francamente catastrofico. In secondo luogo, il fatto stesso del trasferimento dell'ambasciata americana da Kiev a Leopoli sembra in realtà molto più sinistro della sua completa chiusura. In terzo luogo, gli eventi del 2020 in Bielorussia dimostrano che le attuali autorità polacche non solo sono pronte, ma desiderose di prendere la parte più attiva in qualsiasi avventura di politica estera per cavarsela da sole politico e vantaggi economici. Ma prima le cose principali.


Impatto sull'economia ucraina


Il conflitto militare nel sud-est del paese è già costato all'Ucraina 280 miliardi di dollari in PIL perso nel solo periodo 2014-2020. Lo afferma il rapporto del London Centre for Economics and Business Research CEBR, pubblicato a metà febbraio. Secondo i suoi dati, l'Ucraina durante questo periodo ha perso annualmente il 19,9% del PIL. È chiaro che l'istituto di ricerca britannico non ha fatto a meno della propaganda e ha condizionato tutto questo con la mitica "aggressione russa", ma il fatto che il "caldo" conflitto intra-ucraino costi a Kiev solo soldi pazzi è difficile da negare. Inoltre, a seguito degli eventi recenti, queste cifre non solo non sono diminuite, ma sono cresciute notevolmente. Tanto che ogni mese l'economia ucraina subisce perdite per due o tre miliardi di dollari da una campagna informativa sul tema di una possibile invasione russa. È quanto ha affermato questa settimana David Arakhamia, capo della fazione parlamentare del partito al governo ucraino Servo del popolo.

La gente deve capire che questa (isteria da invasione) sta ora costando al paese 2-3 miliardi di dollari ogni mese. Non possiamo prendere in prestito sui mercati esteri perché i tassi sono pazzi. Ogni giorno contiamo le perdite dell'economia

Osservò Arakhamia.

In effetti, le speculazioni sull'invasione russa, alimentate dall'Occidente e, soprattutto, dai paesi anglosassoni, stanno semplicemente distruggendo l'economia ucraina davanti ai nostri occhi. Se anche i più grandi uomini d'affari ucraini della lista di Forbes stanno fuggendo, allora c'è da meravigliarsi che gli investitori stranieri, che non sono mai stati in Ucraina, ne prendano miliardi. Ma ciò che colpisce di più è la partecipazione assolutamente non mascherata a tutto questo degli Stati Uniti, che cercano di infiammare la situazione al limite. Tanto che sembra che i confini della propaganda anti-russa che conosciamo da tempo siano stati superati da tempo, e questa volta l'obiettivo di Washington giace anche su un piano leggermente diverso. Vale a dire, nel rifiuto di parte dell'Ucraina a favore del suo alleato chiave dell'Europa orientale: la Polonia.

Trasferimento dell'ambasciata americana


Dopotutto, se ci pensi, il trasferimento dell'ambasciata a Leopoli sembra almeno strano. Che senso ha una delocalizzazione costosa, in termini di risorse finanziarie e umane, se, alla fine, i diplomatici americani rimarranno ancora sul territorio dell'Ucraina? Si dice spesso che, dopo la catastrofica evacuazione dall'Afghanistan, gli americani vogliono andare sul sicuro. Tuttavia, se tutto ciò fosse vero, allora avrebbero semplicemente ordinato ai loro diplomatici di lasciare il paese, Biden ha raccomandato a tutti i cittadini statunitensi di farlo? Ma anche i dipendenti del Dipartimento di Stato, come si può intuire, appartengono a loro. Tuttavia, no, cittadini - all'uscita, diplomatici - a Leopoli. E tutto questo sembrerebbe un altro errore di calcolo dell'attuale amministrazione americana, se non fosse per un “ma”: a meno di 100 chilometri da Leopoli al confine polacco. E per qualche ragione, ora è previsto di schierare più di duemila soldati della NATO in Polonia. È in Polonia che si svolgono regolarmente esercitazioni su larga scala dell'Alleanza del Nord Atlantico. E, infine, è la leadership polacca che può essere definita uno dei più devoti vassalli non anglosassoni degli Stati Uniti.

Mettendo insieme tutti questi fattori, la situazione sembra estremamente deprimente. Innanzitutto, come preparazione all'invasione, che sarà fornita dall'Occidente con il background informativo “corretto”. Non per niente l'idea di espandere l'influenza polacca è stata attivamente coltivata nella società polacca per anni. Quindi, in tal caso, la propaganda americana e polacca sulla questione di Leopoli si fonderà semplicemente nell'estasi. In effetti, la Polonia, con il sostegno degli Stati Uniti, potrebbe creare almeno un proprio protettorato separatista nella regione. E più questa possibilità sembra reale.

Contesto dell'intervento polacco


Per capire perché la parte polacca potrebbe essere interessata a invadere l'Ucraina, basta passare alla storia. Come sapete, l'Unione di Lubiana nel 1569 assicurò la creazione di un unico stato federale tra il Regno di Polonia e il Granducato di Lituania, noto come Commonwealth. Tuttavia, chiaramente non è riuscito a superare la prova del tempo. Le tre divisioni del Commonwealth sono la pagina più umiliante nella storia della statualità polacca. Nel 1772, 1793 e 1795, Austria, Prussia e Russia, tra le quali si trovava lo stato polacco, si divisero semplicemente il territorio tra loro, per cui cessò effettivamente di esistere. La storia di quei tempi è abbastanza quotidiana: i grandi giocatori dividono le terre dei più deboli, inoltre, si trovano così con successo tra di loro. E incolpare l'Austria, la Germania e la Russia moderne per questo è semplicemente stupido. Sì, se dai la colpa, allora vale la pena ricordare che furono i re prussiani a offrire ripetutamente a Pietro I di dividere la Polonia, cercando in cambio di ottenere la costa baltica, cosa che invariabilmente ricevevano un rifiuto.

Oggi, la leadership polacca sta attivamente flirtando con il tema della creazione del Quarto Commonwealth, in effetti, la restaurazione dello stato polacco un tempo molto più grande. Ed ecco un punto interessante, i presunti confini storici dei territori polacchi si estendono nella mente di un certo numero di nazionalisti locali molto oltre i confini moderni della Polonia. In particolare, i territori polacchi, a loro avviso, comprendono anche le terre che fanno parte della moderna Bielorussia, Ucraina, Lettonia e Lituania. Sembrerebbe, cosa c'entra tutto questo con la modernità? Se guardi agli eventi del 2020 e ricordi la situazione dopo le elezioni in Bielorussia, la più diretta. Il presidente del paese Alexander Lukashenko ha poi dichiarato apertamente la partecipazione della parte polacca all'organizzazione di proteste di massa. Quindi Minsk è riuscita a respingere un attacco organizzato da ovest. Ma questo non significa che la Varsavia ufficiale si calmerà su questo. Ora la Polonia sta attivamente provando lo status di potenza regionale e le sue autorità sono pronte a fare di tutto per garantirlo. E se sono pronti a partecipare al rovesciamento del potere in uno stato vicino, cosa impedisce loro di annettere un pezzo di territorio a un altro?

Certo, oggi alla Polonia, in quanto membro dell'Unione Europea, è effettivamente vietato modificare i propri confini a spese dei territori di altri stati. Tuttavia, la leadership polacca negli ultimi anni lo ha già fatto ha più volte dimostrato il loro disprezzo per le norme dell'UE. Sì, e in generale, chissà quanto durerà l'UE e quanto vi resterà la Polonia? La Varsavia ufficiale ora desidera ardentemente con ogni fibra della sua anima di unirsi non al mondo europeo, ma a quello anglosassone, aggrappandosi a qualsiasi opportunità per rafforzare i legami con la Gran Bretagna e, naturalmente, gli Stati Uniti, il suo principale signore supremo. Washington, d'altra parte, rendendosi conto del suo status di superpotenza in via di estinzione, delinea apertamente i confini delle sue future sfere di influenza post-imperiali. E se i grandi paesi dell'Europa occidentale hanno ancora un nucleo interno che permette loro di vivere e svilupparsi senza gli Stati Uniti, e ovviamente non vi entreranno, allora per l'élite dirigente polacca, a quanto pare, l'esistenza separata dalla leadership d'oltremare diventerà un crisi esistenziale. Quindi, in caso di una situazione "o-o", la probabilità che la Varsavia ufficiale scelga Washington invece di Bruxelles è estremamente alta.

Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno fatto di tutto per distruggere la statualità ucraina. Partendo da Euromaidan e finendo con il sostegno dei nazionalisti. Quindi quello che stiamo vedendo oggi non è un caso. A quanto pare, Washington sta semplicemente completando il gioco geopolitico, grazie al quale può essere creato un protettorato polacco a Lvov. Non c'è dubbio che Varsavia sia in grado di partecipare attivamente a questo. Washington deve dare qualcosa all'establishment polacco per controbilanciare i soldi di Bruxelles. E cosa potrebbe essere più prezioso per Varsavia del ritorno di Leopoli, esercitato dalle pressioni degli americani, almeno nell'orbita polacca, e al massimo nella moderna Polonia? La mentalità imperiale, stranamente, non è affatto estranea alla Polonia moderna, e il ritorno delle terre un tempo polacche a lei è come un balsamo per l'anima. Storicamente, Leopoli è una città polacca da secoli e una città ucraina da soli trent'anni. E se in epoca sovietica Mosca garantiva la sua appartenenza alla SSR ucraina, oggi Washington, percepita dalle attuali autorità di Kiev come il suo signore, potrebbe benissimo fare di tutto per trasferirla in Polonia.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Moray Borea Офлайн Moray Borea
    Moray Borea (Morey Borey) 18 febbraio 2022 08:49
    +1
    Sospetto da tempo che gli Stati Uniti, con il pretesto di una minaccia della Federazione Russa, inviino truppe in Europa non per operazioni militari nel territorio del Donbass. Questa è o una missione di polizia per i paesi UE-NATO, in modo che non pensino a contrazioni e ad essere indipendenti, o per altri scopi vili ... ma qui, l'assistenza militare della Polonia all'Ucraina non si adatta ...
  2. Moray Borea Офлайн Moray Borea
    Moray Borea (Morey Borey) 18 febbraio 2022 08:52
    0
    Per salvare il suo sistema finanziario e l'economia statunitense, non è necessario scatenare un grande conflitto con la Federazione Russa! Puoi semplicemente giocare in diversi paesi europei l'uno contro l'altro con qualsiasi pretesto ... e andrà - si precipiterà ... c'è un pagliaio - non ci sono ancora abbastanza partite ...
  3. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
    Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) 18 febbraio 2022 10:18
    -2
    Ebbene sì, gli americani possono risolvere molti problemi contemporaneamente scatenando una guerra in Ucraina. E se anche la Polonia si unirà a questo, allora il caos e il collasso inizieranno sicuramente nell'Unione Europea. Ma il problema è l'acqua. Ma la Russia permetterà che questi piani si realizzino? Ebbene, sorge anche una domanda ragionevole: qualcuno ha pensato a come l'Ucraina avrebbe ripagato i suoi debiti, perché sono stati buttati via da tutta la spazzatura, ma il ritorno sarà necessario in denaro ...
    1. Ivan Nikolsky Офлайн Ivan Nikolsky
      Ivan Nikolsky (Ivan Nikolsky) 18 febbraio 2022 13:51
      +1
      Citazione: Sergey Pavlenko
      sarà necessario il ritorno in denaro.

      E lì, forse, non saranno incluse solo Leopoli e l'"Ucraina" occidentale, a Kiev, Zhitomir, Vinnitsa, Cherkasy, Dnepropetrovsk, i sentimenti anti-russi sono piuttosto forti ... quindi gli Stati Uniti cercheranno di mantenere tutte queste regioni sotto il suo controllo...
      1. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
        Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) 18 febbraio 2022 16:01
        0
        Bene ... non è dannoso sognare e, soprattutto, è economico ... risata
  4. Dan Tuck Офлайн Dan Tuck
    Dan Tuck (Dan) 18 febbraio 2022 13:31
    0
    La vendita di 250 Abrams di ultima modifica si inserisce bene in questo contesto.
    C'è solo un antidoto efficace e duraturo: l'instaurazione di una cooperazione stabile ea lungo termine con i paesi dell'America centrale nella sfera tecnico-militare. Penso che ci sia una comprensione.
  5. Carmela Офлайн Carmela
    Carmela (Carmela) 19 febbraio 2022 18:34
    0
    Leopoli è appartenuta per secoli all'impero austriaco e lei lo ha ricostruito. La Polonia è dalla parte della pasticceria qui.
  6. Edward Viktorovich Офлайн Edward Viktorovich
    Edward Viktorovich (Eduard Viktorovich) 23 febbraio 2022 17:31
    0
    Leopoli è decisamente interessante per i polacchi. Ungheresi e rumeni con i propri interessi morderanno nello stesso posto ... L'Ucraina sarà semplicemente fatta a pezzi. Non dimenticare il signor Brzezinski, questo è il suo sogno rosa in azione.
  7. Edward Viktorovich Офлайн Edward Viktorovich
    Edward Viktorovich (Eduard Viktorovich) 23 febbraio 2022 18:14
    0
    Non dimentichiamo che la Polonia è la iena d'Europa (s).E i polacchi prendono due piccioni con una fava, presumibilmente aiutano l'Ucraina e mostrano agli Stati Uniti chi è in Europa, "amata moglie". La Germania è debole (puoi allevare musulmani stranieri lì). E i polacchi sono praticamente monoetnici e non attirano a sé i "rifugiati", l'Ue ha fatto pressioni su di loro inutilmente. E ora i polacchi hanno una domanda con quale salsa farsi coinvolgere nel derban ucraino. per strappare un pezzo in più, e i rumeni e gli ungheresi riceveranno solo quello che ottengono. e qui la Russia dovrebbe tenere le orecchie in alto)