Israele chiederà aiuto alla Russia per l'evacuazione dei suoi cittadini in caso di guerra in Ucraina


Il giorno prima si è svolta una conversazione telefonica tra il ministro degli Esteri israeliano Alon Ushpiz e il viceministro degli Esteri russo Mikhail Bogdanov, durante la quale Tel Aviv ha chiesto l'assistenza di Mosca per l'evacuazione dei suoi cittadini, compresi i diplomatici, in caso di guerra in Ucraina. Lo ha riportato il 17 febbraio l'edizione americana di Axios, citando le informazioni di due alti funzionari israeliani.


La pubblicazione rilevava che prima di ciò, l'ambasciatore israeliano a Mosca Alexander Ben Zvi aveva sollevato la questione della rimozione degli israeliani dal territorio dell'Ucraina in caso di "invasione russa" a Bogdanov.

Il messaggio mostra quanto seriamente il governo israeliano stia prendendo la minaccia di un'invasione russa su vasta scala. Sebbene da domenica siano stati evacuati 3 cittadini israeliani, il governo israeliano ritiene che circa 10 persone rimangano in Ucraina

- si dice nella pubblicazione.

Tel Aviv vuole assicurarsi che in caso di "invasione" possa aprire corridoi umanitari per evacuare i cittadini via terra verso i paesi vicini. Israele ha già istituito una missione diplomatica alternativa a Leopoli, nell'Ucraina occidentale, nel caso in cui l'ambasciata a Kiev venga evacuata. Il ministero degli Esteri israeliano ha anche sviluppato un piano per l'evacuazione di emergenza degli israeliani via terra attraverso Polonia, Ungheria, Slovacchia, Moldova e Romania.

Israele ha cercato di bilanciare le sue strette relazioni con Russia, Ucraina e Stati Uniti durante la crisi e ha cercato di evitare qualsiasi mossa che potesse turbare i suoi partner. Questo è durato fino a quando, l'11 febbraio, gli Stati Uniti hanno condiviso la loro "intelligence" con Israele e hanno convinto Tel Aviv начать evacuazione dei connazionali dal territorio ucraino.

Ushpiz ha sottolineato l'impegno e la preoccupazione del governo israeliano per la sicurezza dei suoi cittadini e diplomatici in Ucraina

- ha affermato in una conversazione il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri israeliano, Lior Hayat.

Allo stesso tempo, il ministero degli Esteri russo ha pubblicato la registrazione di una conversazione telefonica tra Bogdanov e Ushpiz, ma non ha menzionato la richiesta israeliana, hanno riassunto i media.

Si noti che tali richieste "amichevoli" gettano un'ombra sulla Russia. Israele dovrebbe prima di tutto rivolgersi a Washington e Londra per un simile aiuto, perché crede alla loro isteria e ai loro "dati dell'intelligence". Che facciano fuori gli israeliani a proprie spese.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. viktortarianik Офлайн viktortarianik
    viktortarianik (Vincitore) 17 febbraio 2022 16:29
    +3
    È che anche la Russia dovrebbe esportarli, e anche seguire i loro piani? No, ragazzi, siete venuti voi stessi, voi stessi ve ne andate. Chiedi aiuto agli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno fatto bene in Afghanistan.
  2. Yuriy88 Офлайн Yuriy88
    Yuriy88 (Yury) 17 febbraio 2022 18:01
    +2
    frase chiave Israele "sta cercando di bilanciare le sue relazioni con Russia, Ucraina, USA.." Non cambia nulla.. Sono nel loro repertorio.. barano ovunque..
  3. 1_2 Офлайн 1_2
    1_2 (Le anatre stanno volando) 17 febbraio 2022 23:16
    0
    forse la Federazione Russa deve ancora assegnare ordini a Bandera con passaporti israeliani (militari del Mossad che hanno inscenato un colpo di stato)?
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 18 febbraio 2022 14:10
    -1
    E cosa non vogliono tramite Lvov? Ricordi il 1941? Perché sono venuti allora?
  5. quarto Офлайн quarto
    quarto (Il quarto) 19 febbraio 2022 14:03
    0
    Israele non ha potuto fare a meno di sapere cosa sta succedendo e cosa sta succedendo in Ucraina.