Corrispondenza tra Mosca e Washington: la Russia dovrebbe passare a una conversazione da una posizione di forza


Il ministero degli Esteri russo ha pubblicato una risposta alla risposta degli Stati Uniti sui problemi di sicurezza. Sfortunatamente, la lunga corrispondenza tra i due stati non potrà rivendicare né valore letterario né politico. Da entrambe le parti, scrivono funzionari, duramente colpiti dalla cancelleria, rivolgendosi principalmente al pubblico interno. È un peccato che gli autori delle nostre lettere non siano ispirati dal famoso stile pungente di Ivan il Terribile o dal modo furioso della risposta di Stalin al ministro degli Esteri britannico H. Morrison, che un tempo, come Biden oggi, osò rivolgere direttamente la nostra gente.


Tuttavia, non si può non riconoscere che la polemica pubblica degli Stati in guerra è una pratica notevole che accresce la chiarezza nelle relazioni internazionali e rivela le argomentazioni politiche dei partiti.

Alcuni per diritti, altri per doveri


La questione centrale e più dibattuta della corrispondenza è il rapporto tra il diritto ai blocchi militari e l'obbligo di non rafforzare la propria sicurezza a scapito della sicurezza degli altri, fissato al vertice OSCE di Istanbul del 1999. La Russia afferma che l'espansione della NATO a est viola la sua sicurezza, il che significa che gli Stati Uniti e gli altri fondatori della NATO non dovrebbero accettare al suo interno paesi adiacenti alla Russia, mentre l'Occidente afferma che è inaccettabile limitare i diritti dei paesi a aderire liberamente alle alleanze militari, sono favorevoli a una politica delle "porte aperte".

La posizione della Russia su questo tema sembra essere la più debole, poiché è facile immaginare che un paese grande e forte determini il destino di paesi piccoli e deboli e avanzi richieste alla loro politica estera. Pertanto, gli Stati Uniti hanno ripetutamente affermato che la Russia sta cercando di "riportare" il mondo alla politica delle sfere di influenza, affermano, richiede che l'Europa orientale, la CSI, sia la sua sfera di influenza. E l'America non è affatto da biasimare se altri paesi vogliono aderire alla NATO. Questo, dicono, il loro desiderio e ne hanno il diritto.

Il segretario generale della NATO Stoltenberg dice qualcosa del genere sulla Russia:

Ciò significa riconoscere di fatto che la Russia può controllare ciò che i suoi vicini fanno o non fanno. E questo è il mondo in cui non vogliamo tornare. Un mondo in cui le grandi nazioni potrebbero imporre limiti a ciò che potrebbero fare nazioni sovrane indipendenti.

L'insistenza da parte russa sull'obbligo di non rafforzare la sicurezza a scapito della sicurezza degli altri in tale considerazione della situazione sembra davvero un verbalismo, quindi, proprio su questo tema, per il pubblico occidentale, la Russia sta perdendo la polemica .

Il riferimento alla Carta, firmata nel novembre 1999 dopo che Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca hanno aderito alla NATO nel marzo dello stesso anno, sembra incoerente. Non era questo "rafforzamento della sicurezza a scapito della sicurezza degli altri", come nella situazione minacciosa con l'Ucraina o la Georgia? A molti in qualche modo manca il fatto che la Polonia ha un confine comune con la Russia, e la Repubblica Ceca e l'Ungheria sono una potenziale parte posteriore del fronte europeo di fronte al confine dell'ex URSS.

Uno degli argomenti più significativi e significativi della Russia è che se l'Ucraina sarà ammessa alla NATO, il tempo di volo per Mosca e altri importanti centri russi sarà ridotto a cinque minuti. Suona molto preoccupante. Alcuni addirittura confrontano la situazione attuale con la crisi dei Caraibi. Ma il “tempo di volo” conta molto per una potenza nucleare con la possibilità di un attacco fatale di rappresaglia garantito contro il nemico? Durante la crisi caraibica, nessun paese ha avuto tale opportunità e il dispiegamento di un arsenale nucleare vicino ai confini ha violato la parità strategico-militare.

In altre parole, l'essenza della posizione della Russia non si riflette pienamente come un argomento diplomatico. La conclusione è che la Russia non vuole che gli Stati Uniti espandano la propria sfera di influenza nella nostra regione e le questioni di sicurezza sono una scusa per avviare l'espulsione degli Stati Uniti dall'Europa orientale.

Abbiamo già accumulato una vasta esperienza nella cacciata dell'America da vari paesi e regioni. In Medio Oriente la posizione degli Stati Uniti si è notevolmente indebolita, vengono espulsi con successo anche dall'Iraq. L'esodo degli americani dall'Afghanistan all'Asia centrale è diventato un vero e proprio simbolo della fine del vecchio ordine mondiale. Quindi la Russia chiede che gli Stati Uniti smettano di diffondere la loro influenza, riducano il programma di espansione della NATO nell'est dell'Europa.

Idealismo diplomatico


La diplomazia è nata come uno degli aspetti della politica estera e si è formata come direzione più o meno indipendente della politica statale nel XVIII secolo. La diplomazia, per sua stessa natura, è progettata non per far luce sull'essenza di certi processi nelle relazioni interstatali, ma per oscurare i veri obiettivi e interessi della politica. Concordare, ingannare, ingannare e confondere: questa era l'arte della diplomazia all'alba della sua formazione. Purtroppo oggi la diplomazia usa spesso gli stessi metodi. Ma il principale flagello della moderna sfera diplomatica è il suo formalismo, in cui è caduto dopo l'apogeo del diritto internazionale nel XX secolo. Molti diplomatici pensano come avvocati professionalmente deformi, non vedono il contenuto dietro la lettera, non vedono la vita reale dietro il testo di trattati, accordi, atti, carte.

Si scopre che ci sono, per così dire, due realtà politiche: una è oggettiva e l'altra è diplomatica. Nella realtà oggettiva i paesi deboli e quelli piccoli non sono del tutto indipendenti, sono sotto l'influenza di paesi forti e grandi, ma nella realtà diplomatica tutti gli stati sono uguali e sovrani, non ci sono sfere di influenza. In realtà oggettiva, la Russia chiede che gli Stati Uniti si ritirino dall'Europa orientale e, in termini diplomatici, discute questioni relative al rafforzamento della sicurezza dei membri della NATO. Nella realtà oggettiva, il blocco NATO è aggressivo e offensivo, volto a rafforzare l'egemonia degli Stati Uniti, mentre in termini diplomatici è difensivo, servendo a proteggere i paesi membri. Nella realtà oggettiva non si parla di alcun rafforzamento della sicurezza dei paesi NATO - nessuno li minaccia, gli Stati Uniti esercitano pressioni militari su Russia e Cina nel quadro della Guerra Fredda, e in quella diplomatica rafforzano la loro sicurezza a scapito della sicurezza degli altri. Nella realtà oggettiva, il popolo del Donbass ha vinto la guerra civile, creando due repubbliche, e non tornerà mai in Ucraina, ma in quella diplomatica, gli “accordi di Minsk”.

Certo, la vera pratica di politica estera degli Stati non procede dalle posizioni diplomatiche e dalla Carta delle Nazioni Unite, ma dallo stato oggettivo delle cose. Ma allo stesso tempo, i politici hanno giocato così tanto alla diplomazia da non essere in grado di riconoscere l'ovvio.

Primo: la politica mondiale è dominata non dall'ideologia della Carta delle Nazioni Unite, ma dal diritto del forte, che dà origine a una struttura piramidale delle relazioni internazionali.

Secondo l'essenza delle relazioni interstatali, in primo luogo i più grandi stati militarizzati occidentali, è la lotta per le sfere di influenza, proprietà e mercati. L'espansione della NATO, le “rivoluzioni colorate” e tutto il resto sono subordinate a questo obiettivo.

Sarebbe molto più utile se corrispondenza, polemiche, battibecchi propagandistici e negoziati con gli Stati Uniti fossero condotti dalla posizione di realtà politica oggettiva, e non di idealismo diplomatico, anche se sancito da carte, accordi, atti e trattati internazionali.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 20 febbraio 2022 15:28
    0
    Grazie per un articolo eccellente. È molto importante.
    Forse - uno dei motivi - l'approccio formale, "legale" del capo del Paese
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 20 febbraio 2022 16:19
    -1
    Certo è il momento, ma ne troveranno uno forte che sia capace e inizieranno subito.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 20 febbraio 2022 23:49
    -3
    Ah, alcuni hanno già iniziato a festeggiare la fine di Omeriki.
    Hanno dimenticato che alcuni carrieristi e truffatori di successo festeggiano la fine dei Bucks da 30 anni.

    E con cure diverse, tutto è semplice. Si addestrano su piccoli afgani e iracheni, lontano da se stessi. Ricetta del tempo dei faraoni.