Bloccare il transito per la Bielorussia costerà un sacco di soldi ai baltici


Un'altra repubblica baltica ha commesso un atto estremamente dannoso per se stessa. A seguito delle due "sorelle", l'Estonia ha vietato il transito dei prodotti petroliferi bielorussi attraverso il suo territorio. A Minsk stanno già contando le perdite, mentre a Mosca si fregano le mani contenti. Ma perché questo franco economico Tallinn, Riga e Vilnius avevano bisogno del masochismo?


Come sapete, la base dei guadagni in valuta estera della Bielorussia è l'esportazione di fertilizzanti minerali e vari prodotti petroliferi ottenuti dalla distillazione delle materie prime russe, nonché del petrolio stesso. La migliore punizione per il "dittatore baffuto" per presunte violazioni dei diritti umani è stata considerata dall'Occidente collettivo come sanzioni economiche volte a privare Minsk di valuta estera al fine di destabilizzare ulteriormente il regime al potere, rovesciarlo e mandare la Bielorussia a un "luminoso futuro” secondo la ricetta ucraina.

Soprattutto, i vicini baltici hanno fatto di tutto qui. La Lituania, fingendo di temere il BelNPP lanciato di recente e sostenendo attivamente la "Presidente Sveta" Tikhanovskaya, è stata la prima a chiudere il transito dei prodotti petroliferi bielorussi e dei fertilizzanti di potassio attraverso i suoi porti. In seguito, il canale di esportazione dei fertilizzanti bielorussi è stato bloccato dalla Lettonia. È vero, finora Riga continua ancora a trasbordare prodotti petroliferi dalla Bielorussia attraverso i suoi porti. Per quanto?
Nel dicembre 2021, i doganieri lettoni non hanno consentito a 383 tonnellate di prodotti petroliferi bielorussi di attraversare il confine. È interessante notare che in questi affari commerciali interviene direttamente il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, che ha rilasciato una licenza per effettuare, fino all'8 dicembre 2021, le transazioni necessarie per ridurre la cooperazione con Belaruskali o qualsiasi impresa in cui la società possiede direttamente o indirettamente 50 % o più azioni. Agli americani è vietato concludere nuovi contratti con loro, tutte le attività di Belaruskali negli Stati Uniti sono soggette a blocco.

Ora, piccola ma orgogliosa, l'Estonia è intervenuta. Si è scoperto che un terzo dei volumi delle esportazioni di prodotti petroliferi bielorussi, che in precedenza erano caduti in Lettonia, si sono trasferiti nei porti estoni per i motivi di cui sopra. Letteralmente da zero a 150 tonnellate, è balzato il volume di transito delle merci con il codice “000” dalla Bielorussia, che includono benzene, xilene, toluene, oli fenolici, oli naftalenici e naftalene grezzo, nafta solvente, oli di creosoto e altri prodotti raffinati. Immediata è apparsa un'inchiesta giornalistica, che ha svelato questo “fatto palese”, suscitando un'ondata di “rabbia popolare”. Il capo del governo estone, Kaja Kallas, ha chiesto di bloccare il transito dei prodotti petroliferi a Minsk attraverso i suoi porti:

Abbiamo deciso di imporre ulteriori sanzioni contro la Bielorussia e fermare il transito di prodotti petroliferi con codice doganale 2707 attraverso l'Estonia.

E questo nonostante questa categoria di beni non sia legalmente soggetta alle sanzioni occidentali. Cioè, è puro politico soluzione. Ma su cosa fanno generalmente affidamento le piccole e povere repubbliche baltiche, che rinunciano volontariamente a una fonte di reddito garantita?

Le perdite dirette totali del transito della Lituania con i suoi porti, terminal e ferrovie dovute alla perdita delle esportazioni bielorusse potrebbero ammontare a centinaia di milioni di dollari. Ma bisogna tener conto anche di quelle indirette, che includono la riduzione dei posti di lavoro in questo paese povero e il calo della domanda dei consumatori. Lo stesso, anche se in misura minore, vale per Lettonia ed Estonia. La quota del transito bielorusso rappresentava circa l'11-12% delle entrate della compagnia ferroviaria estone Eesti Raudtee, il 15% delle entrate del vettore Operail e il 9% del fatturato totale del porto di Tallinn. Tutti questi sono cifre molto significative di perdite che i paesi baltici non saranno in grado di compensare da soli. Allora cosa si aspettano?

Probabilmente Vilnius, Riga e Tallinn, avendo dimostrato la loro intransigenza nei confronti del "regime dittatoriale" del presidente Lukashenko, sperano di ricevere sostegno finanziario dai loro compagni più anziani nell'Occidente collettivo. Nient'altro può spiegare questo masochismo economico. Ma lo prenderanno? Non è un dato di fatto. Piuttosto, il loro territorio alla fine ospiterà tutti i nuovi contingenti del blocco NATO, e persino le armi d'attacco americane, e quindi gli stati baltici si trasformeranno in un grande obiettivo per il Ministero della Difesa russo.

Il rovescio della medaglia della politica estera distruttiva delle ex repubbliche sovietiche è l'ulteriore riavvicinamento forzato tra Bielorussia e Russia. In precedenza, "Batka" ha evitato in ogni modo le richieste di Mosca di trasferire le sue esportazioni nei nostri porti nella regione di Leningrado, negando un braccio di trasporto più lungo e ignorando con aria di sfida le proposte per compensare le tariffe ferroviarie. Ci sono voci secondo cui Minsk non era interessata a mostrare ai doganieri russi cosa c'è effettivamente e in quali volumi viene esportato attraverso i porti baltici dai prodotti della nostra lavorazione del petrolio.

Ora tutti questi schemi di transito stanno volgendo al termine. Ammettiamolo, questo non porterà alcun beneficio economico particolare alla Russia, ma quello politico è ovvio. Gli amici e i partner bielorussi non hanno nessun altro posto dove andare, non puoi più speculare sul tema del "perno verso l'Occidente". L'integrazione della Federazione Russa e della Repubblica di Bielorussia nel quadro dello Stato dell'Unione diventa incontrastata.
20 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pischak Офлайн pischak
    pischak 19 febbraio 2022 12:15
    +1
    Anche in questo caso, la ragione di tutte queste sanzioni occidentali è la presidenza di Lukashenka, giusto!
    Tutta questa attuale "intensificazione" del clamore con il SG è causata dal fatto che l'Occidente, come in Ucraina nel 2014, ha scommesso su giovani dilettanti fantoccio economici e "tutto d'accordo", invece di occidentaliidi "temprati" da esperti vecchi dirigenti compagni!
    Non appena la Lega araba sarà rimossa (eliminata), le autorità bielorusse "multivettoriali" filo-occidentali "dimenticheranno" immediatamente lo Stato dell'Unione con la Federazione Russa e le sanzioni occidentali "sotto di loro" saranno revocate!
    Dato il fatto che "una persona è improvvisamente mortale" e, nutriti dalle stesse autorità di Minsk, i russofobi - "zmagars" e "Litvins" non sono scomparsi - c'è un "filo sospeso molto sottile" che collega la Repubblica di Bielorussia alla Federazione Russa!
    Questa è una grande omissione della politica estera a lungo termine (già più di 20 anni!) di Putin-Lavrov "nella direzione bielorussa", che promette non meno problemi di quella "ucraina" incompetente! richiesta
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 19 febbraio 2022 13:10
      +1
      Questa è una grande omissione della politica estera a lungo termine (già più di 20 anni!) di Putin-Lavrov "nella direzione bielorussa", che promette non meno problemi di quella "ucraina" incompetente!

      Ancora una volta, Putin è responsabile di tutto? Ha costretto Yanukovich e Lukashenka a un approccio multi-vettoriale? sorriso
      1. pischak Офлайн pischak
        pischak 19 febbraio 2022 15:42
        0
        Citazione: 123

        Ancora una volta, Putin è responsabile di tutto? Ha costretto Yanukovich e Lukashenka a un approccio multi-vettoriale? sorriso

        Dove ho scritto di "Putin è colpa di tutto"??! che cosa
        Sebbene il Presidente della Federazione Russa sia responsabile (secondo i suoi doveri ufficiali) della politica estera del paese, lui, in quanto "schiavo nelle galee", non è affatto indipendente nel "corso" perseguito!
        La prevalenza di vantaggi momentanei di "esportazione di risorse" rispetto a obiettivi strategici "in direzione ucraina" ha già portato allo "zugzwang" con cattive "conseguenze"!
        Inoltre, la politica estera russa sta "rotolando" nella "direzione bielorussa", ahimè!
        Hai qualche dubbio, alias 123, che, volendo, e con un approccio sistematico "per il futuro" (invece di una "posizione in cui prenderà la curva" in attesa passiva, il Cremlino avrebbe sempre "leve di influenza" efficaci " sulle autorità ucraine e bielorusse "multivettoriali" in stile occidentale?!
        È solo che la Lega Araba “irremovibile” (dal 1994) con la camarilla non ha spudoratamente spennato il loro patrimonio come i “califfi per un'ora” ucraini “congelati” e “lasciato vivere il popolo”, avendo costruito la propria “lucanomica sociale” ” (che anche gli stessi contribuenti russi invidiano, per cui da quasi tre decenni esiste questo "miracolo" della "formazione statale" non borghese post-sovietica) e "morva silenziosa" che portano la Repubblica di Bielorussia in Occidente.
        Sebbene (come gli "integratori europei non alternativi", i judomazepin Yanyk e Azirov, i marginali nazisti di Zapadensky-Banderlog da loro accuratamente nutriti) nel "liscio (a spese della Russia!)" antirusso (compresa la coltivazione di nazionalismo di spugna e la crescita della russofobia) promozione della Repubblica di Bielorussia "in Europa", l'AGL è stata impedita dagli emarginati nazisti "zmagars" e "Litvins" nutriti da Minsk!
        Se i bastardi Fashington a Varsavia e Vilnius (e gli stessi "egemoni" d'oltremare ingannare e giustamente! sorriso ) fossero più intelligenti, avrebbero "letto" i "segnali di lealtà all'Occidente" antirussi che l'AHL aveva inviato loro apertamente con aria di sfida prima delle elezioni presidenziali e non avrebbero interferito con lui ...
        Ma per come la vedo io, il "padre" bielorusso non ha dimenticato l'"approccio multi-vettore" occidentale: è alla ricerca di "scappatoie" e spera ancora nel "perdono" (se il suo entourage filo-occidentale fosse sicuro al 100% di Il passivo non intervento di Mosca, avrebbe da tempo allontanato l'irrequieto "ultimo dittatore" e non gliene fregava niente del SG con la Federazione Russa, ma dell'inaspettata "illuminazione" del Cremlino, avvenuta all'improvviso nell'episodio con il La Crimea e il "Maidan" di Minsk, continuano a spaventarli e trattenerli ...).
        1. 123 Офлайн 123
          123 (123) 19 febbraio 2022 16:12
          +2
          Dove ho scritto di "Putin è colpa di tutto"??!

          Ovviamente non hanno scritto. richiesta Piuttosto, non mi sono espresso correttamente. Semmai non ti offendere, non volevo dire niente di male.
          Più precisamente, intendevo dire che Yanukovich e Lukashenko stessi erano ansiosi di andare lì, perché questa omissione della politica russa non è chiara.
          Torna indietro di 20 anni fa. La Russia era in rovina dopo gli anni '90, l'Ucraina viveva relativamente bene, stava ancora mangiando la sua eredità, i nostri anni '90 non esistevano nemmeno in Bielorussia (questo è senza dubbio merito di Lukashenko). Le capacità della Russia non erano grandi, l'Europa e gli Stati Uniti sono molto più forti di quanto non lo siano ora.
          In generale, a quel tempo la scelta di Ucraina e Bielorussia a favore della Russia non era affatto scontata. Inoltre, si sono precipitati in Occidente, l'integrazione con la Russia non era attraente per loro. "Litvinov e Banderlogs" sono cresciuti lì da soli e consapevolmente.
          Che leva aveva la Russia?
          1. pischak Офлайн pischak
            pischak 19 febbraio 2022 21:59
            -1
            hi Senza offesa, alias 123!
            "Che leva aveva la Russia?
            Sì, almeno è "più attento" selezionare i "quadri diplomatici" inviati in Ucraina!
            Ricordiamo tutti gli inutili "uomini d'affari" falliti - un burlone chiacchierone - "lavoratore del gas" e un indistinto "farmacista" grigio che a bruciapelo "non si accorse" del russofobo francamente anti-russo, interamente filo-occidentale, straniero e la "politica" interna dei loro "partner commerciali" di Kiev, generosamente sovvenzionati da "sconti" russi e altre "preferenze fraterne" ... (dalla stessa "linea" - uno stupido conferimento di ricchi "crediti" russi sull'anti- Il giudeo-mazepinista russo, "l'integratore europeo senza alternative", Yanyk e la sua vile camarilla, quando le loro "poltrone multi-vettore", "tornano onestamente" a Kiev dell'equipaggiamento militare più pronto per il combattimento delle forze armate ucraine per il soppressione della Primavera russa antiborghese e distruzione della Nuova Russia filorussa...).
            Esistono molti tipi di "leve", comprese quelle indirette (ad esempio, creando un'immagine attraente della Russia, stabilendo una vita prospera per la maggior parte della sua stessa popolazione, e non prendendosi cura della prosperità solo di una manciata di compradores "afferranti" e dei loro servitori "d'élite")!
            Dopotutto, chi vuole fare, cerca strade, e chi non vuole, cerca ragioni!
            Abbiamo ereditato dall'URSS una "regola d'oro" iperfunzionale:

            Le cornici decidono tutto!

            che, ahimè, è chiaramente trascurato al Cremlino! richiesta
            1. 123 Офлайн 123
              123 (123) 20 febbraio 2022 09:58
              +2
              Senza offesa

              Quali insulti? assicurare Non sto cercando di litigare con te o di "difendere il Cremlino" risata

              Sì, almeno è "più attento" selezionare i "quadri diplomatici" inviati in Ucraina!

              Sicuramente hai ragione, i "messaggeri" erano gli stessi sì Diamo un'occhiata alla situazione da un'angolazione diversa, supponiamo che ne abbiano mandati altri, ad esempio Babchenko è stato inviato in Bielorussia ... Ti ricordi il risultato? Sarebbe diverso in Ucraina?

              Esistono molti tipi di "leve", comprese quelle indirette (ad esempio, creando un'immagine attraente della Russia, stabilendo una vita prospera per la maggior parte della sua stessa popolazione, e non prendendosi cura della prosperità solo di una manciata di compradores "afferranti" e dei loro servitori "d'élite")!

              E quante erano queste leve? Nell'economia, l'interdipendenza è ancora grave e prima era ancora più forte. C'erano abbastanza persone che volevano spaventare bloccando il tubo sì e non c'era alternativa (questo è solo un esempio, ce ne sono molti).
              Guarda di nuovo il mio commento precedente. C'è poco nell'immagine attraente dopo gli anni '90. Per quanto riguarda la cura di "una manciata di servitori d'élite", l'argomento è separato, posso solo dire che difficilmente diventerebbe attraente per loro. L'Ucraina è stata portata nella "liquamazione" di oggi da un branco di quegli stessi "compradors-grabbers". Governano, non la maggioranza della popolazione.

              Abbiamo ereditato dall'URSS una "regola d'oro" iperfunzionale:

              Le cornici decidono tutto!

              che, ahimè, è chiaramente trascurato al Cremlino!

              Probabilmente hai ragione, ma tutto è noto in confronto. Posso offrirmi un confronto con l'ambasciatore britannico sorriso
    2. Marzhetsky Online Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 19 febbraio 2022 14:38
      +1
      Non appena la Lega araba sarà rimossa (eliminata), le autorità bielorusse "multivettoriali" filo-occidentali "dimenticheranno" immediatamente lo Stato dell'Unione con la Federazione Russa e le sanzioni occidentali "sotto di loro" saranno revocate!
      Considerando il fatto che "una persona è improvvisamente mortale" e, nutriti dalle stesse autorità di Minsk, i russofobi - "zmagars" e "Litvins" non sono andati da nessuna parte, c'è un legame "appeso a un filo molto sottile" della Repubblica della Bielorussia alla Federazione Russa!

      Dopo Lukashenka ci sarà Lukashenka. Nicola. sorriso
      E la stessa Lega Araba resisterà fino allo stop, il Kazakistan ha insegnato molto.
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 19 febbraio 2022 12:27
    +1
    Il paradosso è che la Bielorussia e la Federazione Russa formano, per così dire, un'entità statale dell'Unione, ma ciascuna agisce nel proprio interesse.
    I voli BelAvia sono stati bloccati: la Bielorussia ha risposto adeguatamente, ma la Federazione Russa non l'ha sostenuta.
    Hanno bloccato il trasporto ferroviario: la Bielorussia ha risposto adeguatamente, ma la Federazione Russa non l'ha sostenuta.
    I porti marittimi per il carico bielorusso sono stati bloccati e la Federazione Russa, invece di sostenere la Bielorussia e rispondere adeguatamente, ha deciso di incassare.
    La Bielorussia ha cercato di bloccare l'oleodotto verso la Polonia, ma la Federazione Russa l'ha ritirato.
    E così è in tutte le sfere: economica, finanziaria, politica, dei trasporti e tutte le altre.
    Quindi si scopre che lo Stato dell'Unione esiste solo perché amici e partner bielorussi non hanno nessun altro posto dove andare.
    Ciò significa che se, dopo la partenza di Alexander Grigorievich, le relazioni con l'Occidente migliorano, nessuno ricorderà la formazione dello stato dell'Unione e eviterà la Federazione Russa come gli stessi baltici, ucraini, georgiani e altri.
  3. Sergey Latyshev (Serge) 19 febbraio 2022 12:41
    -3
    Come si sentono alcune persone riguardo a...
    anche se ho visto i numeri:
    "nel 2021, i doganieri lettoni non hanno permesso a 383 tonnellate di attraversare il confine" - 3-6 carri armati si sono fermati?.
    Tutto, il loro crollo è vicino. Stanno promettendo da 3 anni ormai.

    Un tempo, la Repubblica di Bielorussia ha "frenato" la Federazione Russa in modo molto più netto a causa della contaminazione dell'oleodotto. E??? niente.

    Come diceva il Pil, "bisogna gioire"
    1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
      gunnerminer (mitragliere) 19 febbraio 2022 13:32
      -7
      I nostri meteorologi, analisti, diplomatici e ufficiali dell'intelligence dovrebbero "rallegrarsi".
  4. gunnerminer Офлайн gunnerminer
    gunnerminer (mitragliere) 19 febbraio 2022 13:31
    -7
    Il tesoro russo dovrà anche pagare per la consegna di merci bielorusse ai porti russi. Klaipeda era più vicino ai caricatori bielorussi. Lukashenka ha contribuito con 250 milioni di dollari alla modernizzazione del porto di Klaipeda. La generosità forzata delle ferrovie russe Ust-Luga è utilizzata per il trasbordo di benzina, i bielorussi trasbordano da tempo olio combustibile attraverso il terminal petrolifero di San Pietroburgo, i cui volumi superano anche le norme stabilite. Allo stesso tempo, le ferrovie russe hanno concesso alla Bielorussia uno sconto del 50% per compensare la differenza dei costi di trasporto rispetto ai porti baltici e tra gli esperti c'è un'opinione secondo cui RZD può porre fine all'attrazione della generosità e rivedere i termini della cooperazione. Raffinerie di petrolio bielorusse sotto sanzioni. Ma per le aziende russe c'è ancora un grosso problema con l'esportazione dello stesso volume di petrolio in Bielorussia a causa del rischio di cadere sotto sanzioni.

    https://www.dp.ru/a/2021/07/26/Medvezhja_UstLuga
  5. E Офлайн E
    E 19 febbraio 2022 13:53
    -1
    Non sei stanco di premere pulsanti con "Sergey" nel tuo quartier generale dell'euro?
  6. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
    Alexander K_2 (Alexander K) 19 febbraio 2022 14:06
    -2
    Quindi la Bielorussia perderà molto di più! Tutte le sanzioni sono dovute ad una sola persona!
  7. Il commento è stato cancellato
  8. ciliegia Офлайн ciliegia
    ciliegia (Kuzmina Tatiana) 19 febbraio 2022 15:06
    0
    a cui va attribuita la riduzione in questo paese povero di posti di lavoro e una diminuzione della domanda dei consumatori.

    I lavoratori tacciono, il che significa che tutto gli si addice.
  9. E Офлайн E
    E 19 febbraio 2022 18:03
    -2
    Citazione: Alexander K_2
    Quindi la Bielorussia perderà molto di più! Tutte le sanzioni sono dovute ad una sola persona!

    È a causa delle sanzioni di una persona, Baidan. La Bielorussia non perderà, ma guadagnerà solo in una maggiore cooperazione con Russia e Cina. La povera Europa sogna ogni giorno solo colpi di stato e rivoluzioni colorate nella prospera Bielorussia.
  10. Bahadur Офлайн Bahadur
    Bahadur (Stanislao) 19 febbraio 2022 18:33
    -3
    Citazione: Marzhetsky
    Non appena la Lega araba sarà rimossa (eliminata), le autorità bielorusse "multivettoriali" filo-occidentali "dimenticheranno" immediatamente lo Stato dell'Unione con la Federazione Russa e le sanzioni occidentali "sotto di loro" saranno revocate!
    Considerando il fatto che "una persona è improvvisamente mortale" e, nutriti dalle stesse autorità di Minsk, i russofobi - "zmagars" e "Litvins" non sono andati da nessuna parte, c'è un legame "appeso a un filo molto sottile" della Repubblica della Bielorussia alla Federazione Russa!

    Dopo Lukashenka ci sarà Lukashenka. Nicola. sorriso
    E la stessa Lega Araba resisterà fino allo stop, il Kazakistan ha insegnato molto.

    - non Lag, ma Luka - non c'è bisogno di inventare una ruota, Homer. Lag è il soprannome di Tolomeo I;
    - D'ou))))))))
    1. pischak Офлайн pischak
      pischak 19 febbraio 2022 21:26
      0
      GAL (AHL) - abbreviazione di rete "Lukashenko Alexander Grigorievich",
      VFYA - "Viktor Fedorovich Yanukovich",
      NAA - "Nikolai Yanovich Azarov",
      VVP-"Vladimir Vladimirovich Putin"...
      -D'ow?!))))))))
  11. Bahadur Офлайн Bahadur
    Bahadur (Stanislao) 19 febbraio 2022 21:49
    -1
    Citazione: pishchak
    GAL (AHL) - abbreviazione di rete "Lukashenko Alexander Grigorievich",
    VFYA - "Viktor Fedorovich Yanukovich",
    NAA - "Nikolai Yanovich Azarov",
    VVP-"Vladimir Vladimirovich Putin"...
    -D'ow?!))))))))

    Grazie per avermi illuminato.
    Senza queste informazioni, oggi non mi sarei addormentato.
    E, ora, Google, INOLTRE, cos'è D'ow e confronta: era necessario il tuo commento?
    LOL
    1. pischak Офлайн pischak
      pischak 19 febbraio 2022 22:09
      -2
      Bahadur
      - non Lag, ma Luka - non c'è bisogno di inventare una ruota, Homer. Lag è il soprannome di Tolomeo I;

      Sono felice che le mie informazioni educative siano state utili, "Omero", e ora puoi dormire sonni tranquilli!
      Quindi ne avevi bisogno! sì
  12. Bahadur Офлайн Bahadur
    Bahadur (Stanislao) 19 febbraio 2022 22:13
    -1
    Citazione: pishchak
    Bahadur
    - non Lag, ma Luka - non c'è bisogno di inventare una ruota, Homer. Lag è il soprannome di Tolomeo I;

    Sono contento che le mie informazioni siano state utili, "Homer", e ora puoi dormire sonni tranquilli! sì

    -Capisco, 404 unità...
    lololol
    "Homer" non sono io, ma è così che mi sono rivolto a un'altra persona.
    E tu, ragazzo, davvero - vai a dormire, è già tardi.