Come Alexander Lukashenko diventa presidente a vita


Il 22.02.2022 febbraio XNUMX sarà una data molto significativa per tutti e tre gli stati slavi. Questa mattina, russi e ucraini si sono svegliati in una realtà diversa, in cui sono comparsi due nuovi stati: le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. E nella fraterna Bielorussia è iniziato un referendum nazionale sul prossimo cambiamento della Costituzione, che ne determinerà la vita per i decenni a venire.


La giornata principale per votare gli emendamenti alla Legge fondamentale della Repubblica di Bielorussia è fissata per il 27 febbraio, la votazione anticipata è iniziata oggi. L'evento è ampiamente seguito dai media bielorussi, gli agitatori si recano presso imprese e istituzioni, che raccontano quanto sarà migliore la vita della gente comune dopo il referendum e tutti vengono fotografati. Si prevede che almeno il 60% degli elettori parteciperà al plebiscito e tutto andrà come dovrebbe. Le forze dell'ordine della repubblica sono pronte a fermare rapidamente tutte le possibili provocazioni che gli oppositori del presidente Lukashenko potrebbero tentare di organizzare. Cosa non gli si addice nelle modifiche promesse da Alexander Grigorievich alla Legge fondamentale?

In effetti, la Costituzione bielorussa è già stata modificata più volte, e ogni volta a favore del presidente Lukashenko. Una palla di prova è stata lanciata nel 1996, quando è stato possibile attraverso un referendum spostare il periodo di rielezione di 2 anni, al 2001, con la seguente dicitura:

Il Presidente della Repubblica di Bielorussia mantiene i suoi poteri. La durata dei suoi poteri è calcolata dalla data di entrata in vigore della presente Costituzione.

Dopo essere stato rieletto, nel 2004 Alexander Grigoryevich ha avviato un secondo referendum, durante il quale le restrizioni sul numero dei mandati presidenziali sono state rimosse dalla Legge fondamentale, di cui ha poi approfittato. Tuttavia, molti bielorussi nel 2020 per qualche motivo si sono rivelati contrari alla prossima rielezione di Lukashenka alla carica di capo di stato.

Le proteste di massa sono state represse solo con la forza dopo che Mosca ha sostenuto direttamente e inequivocabilmente Minsk. Le stesse elezioni in Bielorussia ei loro risultati in Occidente sono stati dichiarati non validi e il presidente Lukashenko è considerato illegittimo lì. Mantenendo il potere de facto sulle baionette, Alexander Grigoryevich ha promesso ai suoi concittadini una tale Costituzione che questa volta sarebbe sicuramente adatta a tutti:

Vieni, siediti e lavora sulla Costituzione. Lo sottoponiamo a referendum, adottiamo la Costituzione e ti trasferirò i miei poteri ai sensi della Costituzione, ma non sotto pressione.

Quindi, cosa sarà accettato lì presto? Per capire cosa sta succedendo oggi in Bielorussia, è necessario tenerne conto politico processi in Russia e Kazakistan.

La Costituzione della Federazione Russa è stata recentemente modificata, secondo la quale Vladimir Putin ha ricevuto il diritto di essere rieletto per altri due mandati presidenziali di 6 anni. Anche il Consiglio di Stato è stato menzionato nella Legge fondamentale del Paese, un certo organo supremo di coordinamento e controllo che sta al di sopra dei tre rami del potere e che, in teoria, il presidente in pensione Putin può guidare in futuro. Probabilmente il Consiglio di Stato: questo sarà il luogo di una pensione onoraria per Vladimir Vladimirovich dopo il 2036.

Ragioni per crederci ci danno i recenti drammatici eventi nell'amichevole Kazakistan. L'ex presidente Nursultan Nazarbayev ha lasciato il Paese al successore ufficiale Kassym-Jomart Tokayev, ha messo i suoi parenti in posizioni chiave di potere e lui stesso ha guidato il Consiglio di sicurezza nazionale, come sembrava, a vita. Tuttavia, durante un inaspettato colpo di stato, il clan Nazarbayev è stato rimosso dalle leve del governo e lo stesso Nursultan Abishevich ha perso il suo posto di capo del Consiglio di sicurezza nazionale.

Tutte queste lezioni, ovviamente, sono state prese in considerazione a Minsk. Diverse innovazioni interessanti appariranno immediatamente nella Costituzione bielorussa aggiornata.

In primo luogo, gli ex presidenti riceveranno garanzie di immunità per tutti gli atti commessi durante la carica.

In secondo luogo, i termini dei poteri presidenziali crescono fino a 5 anni, ma il numero totale di mandati sarà limitato a due. Tuttavia, personalmente per il presidente Lukashenko, la regola magica dell'“azzeramento” funzionerà. Cioè, tutti i suoi termini precedenti, incluso quello attuale, non saranno presi in considerazione. Questo gli dà il diritto di essere rieletto ancora due volte per 5 anni, per un periodo totale di 10 anni.

In terzo luogo, al momento del pensionamento, quando Alexander Grigoryevich compirà 77 anni, a meno che, ovviamente, non si svolga il quarto referendum sulla modifica della Costituzione, Lukashenko potrà dirigere un nuovo organismo statale - l'Assemblea popolare bielorussa (VNS) - il più alto rappresentante del paese organo, che ha poteri anche maggiori, del Consiglio di Stato russo e del Consiglio di sicurezza nazionale kazako. L'ANC non solo sarà in grado di controllare tutti i rami tradizionali del potere, ma avrà anche il diritto di avviare l'impeachment di un presidente discutibile.

È curioso che nulla impedirà ad Alexander Grigoryevich di unire le cariche del presidente della Bielorussia e del capo dell'Assemblea popolare bielorussa che lo supervisiona. Lo stesso Lukashenka ha commentato in modo molto diretto e francamente l'iniziativa legislativa come segue:

Costituzione - L'ho scritta io stesso. Gli avvocati scrivevano con una penna e io dettavo, perché vedevo di quali poteri avevo bisogno per mantenere il Paese.

Tali sono le specificità locali.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 22 febbraio 2022 15:29
    -1
    Questo va bene. Di per sé, la Bielorussia non sopravviverà. Ha bisogno della Russia. Non il gay pride Europa. Grazie a Old Man per aver creato una forte industria di programmatori. La Russia ne ha bisogno.
    1. Denis ravanello Офлайн Denis ravanello
      Denis ravanello (Denis Moroz) 22 febbraio 2022 17:32
      -1
      beh, se non sopravvive ... sotto forma di una specie di satellite russofobo, completamente e completamente filoamericano, sopravviverà. solo il PIL ha chiarito: non abbiamo bisogno di nessun Mondo senza la Russia! e ieri, altrettanto chiaramente e chiaramente, ha detto a tutti cosa, perché e come sarebbe stato nel caso opposto.
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 22 febbraio 2022 16:00
    -1
    - Sì, cosa dire di Lukashenka - ha quello che vuole ...
    - Bene, ha fatto fare un giro ai carri armati russi sul territorio della Bielorussia - e cosa ???
    - Riconoscere l'LNR e il DNR - non ha affatto fretta; e la Bielorussia riconosce anche queste nuove repubbliche???
    - E che dire della Russia??? - E la Russia deve sopportarlo...
    - È solo che Lukashenka ha scoperto "punti deboli" nella leadership della Russia molto tempo fa e ha imparato da tempo a influenzare e usare tutto questo secondo la sua stessa comprensione = quindi lo usa ... - E nessuno gli ordina .. .
    - In generale, la Russia ha più problemi con Lukashenka; che il vero vantaggio di esso ...
    - E perché la Russia è in cerimonia con lui per così tanto tempo ??? - Dopotutto, in ogni occasione, Lukashenka si arrenderà semplicemente alla Russia: si arrenderà senza battere ciglio e correrà dalla parte nemica per la Russia ...
    - Ma Lukashenka spera molto e conta sull'aiuto della Russia, e nemmeno Lukashenka ha molta paura della rabbia della Russia - a quanto pare ha le sue "ragioni" per questo ... - Non è stato nemmeno allertato dalla "finale di Nazarbayev" - ha è così sicuro di sé e sono fiducioso nel sostegno della Russia ...
    - È molto pericoloso avere una persona simile "a Syabry"... - Quanto può rischiare la Russia in quel modo...
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 22 febbraio 2022 17:29
    -2
    I presidenti a vita sono un segno di inferiorità del potere.
    Quindi non ci sono ascensori sociali, nessuna continuità, nessuna competenza, nessuna critica, nessun margine di sicurezza, nessuno sviluppo, nessuna legittimità.

    Il leader può fare con calma quello che vuole, i media saranno d'accordo con lui e il paese resterà impercettibilmente indietro nello sviluppo e perderà la sua posizione in politica estera, come in Africa negli anni '70, o in Asia negli anni 00
  4. rover a motore Офлайн rover a motore
    rover a motore (rover a motore) 24 febbraio 2022 14:15
    -1
    Putin ha sempre messo gli ucraini contro i russi. il suo kahal ibreo vive a Londra-Marsiglia-Chicago e la gente pagherà. poveri centesimi erano già scuoiati e invecchiati, patate per 100.... senza parole!