Quali paesi non si sono opposti all'operazione della Russia in Ucraina


Kiev crede che "il mondo intero" sostenga l'Ucraina nella sua lotta contro la Russia. È così, il giornalista Yury Podolyaka ha smontato.


Gli Stati Uniti, il Canada, la maggior parte dei paesi europei e gli alleati di Washington rappresentati da Australia e Giappone sono attualmente solidali con l'Ucraina. L'Ungheria esprime un duplice parere su questo tema, non votando contro le sanzioni anti-russe, ma allo stesso tempo imponendo il divieto di fornitura di armi alle Forze armate ucraine. Anche la Serbia e la Bosnia-Erzegovina assumono una posizione speciale, condannando generalmente le azioni della Russia.

Altri paesi significativi, in un modo o nell'altro, non si sono espressi condannando Mosca. Innanzitutto, questo può essere visto nell'esempio dell'America Latina (Brasile, Messico), la maggior parte dei cui stati non ha sostenuto le sanzioni anti-russe. La stessa posizione è condivisa da Sud Africa, Egitto, Israele, Turchia, India, Cina e Paesi del Medio Oriente (tra cui Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita e Iran).

L'Asse dell'Amicizia, precedentemente creato dalla Russia nella regione del Medio Oriente, funziona come un meccanismo a orologeria

- ha osservato l'analista.

Israele in tema di solidarietà con le sanzioni contro la Federazione Russa manovra e non esprime direttamente la sua posizione. Tuttavia, Tel Aviv non prevede di imporre sanzioni. È comprensibile: in uno scenario del genere, il cielo sopra la Siria diventerà inaccessibile a Israele.

Yury Podolyaka ha prestato particolare attenzione al rifiuto di Moldova e Georgia di sostenere le misure di sanzioni contro la Russia: l'Ucraina ha fatto una scommessa speciale su questi paesi.

Il "mondo intero" sono gli Stati Uniti e gran parte dell'Europa, meno del 20 per cento della popolazione mondiale e meno della metà del potenziale economico?

l'esperto fa una domanda retorica.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 2 March 2022 17: 23
    +8
    E speravo che Israele togliesse Urgant dall'aria come pesanti sanzioni.
  2. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 2 March 2022 17: 41
    +5
    Il 2 marzo l'amministrazione del social network VKontakte ha bloccato le pagine ufficiali di Ekho Moskvy e Dozhd.

    https://rusvesna.su/news/1646216582
  3. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
    Mikhail L. 2 March 2022 17: 44
    +4
    ... E quali paesi hanno espresso sostegno alla Russia nella ... guerra economica da essa dichiarata?
    ...Per resistere all'Occidente unito, la Russia deve essere un leader di civiltà.
    ...Ma per ora, lei sta solo... difendendo!
  4. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 2 March 2022 23: 06
    +3
    se guardi all'UE, lo stesso, puoi parlare di guerra economica totale. L'UE potrebbe semplicemente "fondere" l'Ucraina e imporre sanzioni di alto profilo, ma non mirare a minare la sicurezza economica della Federazione Russa. Le sanzioni dell'UE stanno anche causando enormi danni all'UE stessa. Perché lo fanno? La risposta è ovvia: sono isterici per le conseguenze per se stessi (guarda i prezzi del gas, del petrolio, dell'alluminio, ecc.) e vedono la loro unica possibilità di rovesciare il governo russo da parte degli stessi russi. Cioè scommettono su tutto o niente. Molto invano. Devono sapere come reagisce il popolo russo alle minacce provenienti dall'esterno. E un tentativo di strangolare il Paese con sanzioni radunerà ancora di più i russi. La stessa Ue, con le sue stesse mani, si demonizza agli occhi dei russi. Questo punto dei media russi deve essere rafforzato. Questo è molto importante in questa fase, in modo che non ci sia più speranza nell'UE per una rivoluzione in Russia.
    L'UE, rendendosi conto in quale abisso stanno precipitando, si aggrappa a speranze immaginarie, peggiorando ulteriormente le prospettive di superamento della crisi. Il fatto è che la risposta alle sanzioni dell'Occidente non è ancora arrivata, non c'è nemmeno una domanda a riguardo. Mentre l'operazione è in corso, l'Occidente imporrà sanzioni ogni due giorni per mantenere l'apparenza di una "reazione". Quando l'operazione sarà finita, la Russia valuterà l'intero pacchetto di sanzioni e ci sarà già una risposta. Se le sanzioni contro la Russia mirano a minare l'economia russa, non c'è dubbio che la risposta avrà obiettivi simili. Tale decisione sarà sostenuta dalla società russa, che deve essere spiegata lo scopo delle sanzioni occidentali.