Il sostegno al regime di Kiev ha messo l'Europa di fronte a una scelta difficile


Sullo sfondo di un'operazione militare condotta dal ministero della Difesa russo a Nezalezhnaya, i prezzi del gas in Europa hanno superato i 2400 dollari per 1 metri cubi. Le principali potenze occidentali sono costrette a pagare un prezzo alto per anni di sostegno al regime neonazista in Ucraina. Ora l '"egemone" ha messo i suoi alleati europei in un dilemma molto difficile.


Senza gas russo


Uno degli obiettivi ovvi del colpo di stato in Ucraina, paese di transito strategicamente importante per Gazprom, era quello di ridurre la quota del gas russo nel mercato europeo. Gli esperti presumevano che il monopolista nazionale avrebbe dovuto perdere fino a un terzo dei volumi di esportazione, che avrebbero dovuto essere sostituiti dal GNL americano. E ora l'Agenzia internazionale per l'energia (Aie) ha presentato un piano concreto, scritto chiaramente a Washington, per una riduzione di emergenza di un terzo delle importazioni dell'UE di gas russo "aggressivo". Secondo la sua lettura, qualsiasi normale consumatore europeo gli afferrerà la testa.

In primo luogo, i "consiglieri" propongono di non rinnovare i contratti in essere con Gazprom, che scadranno da soli fino al 2030. Grazie a tale masochismo economico, l'Europa "si libererà" di 55 miliardi di metri cubi di gas. Si tratta di circa un terzo del volume totale delle esportazioni russe.

In secondo luogo, per il bene di sostenere il regime nazista a Kiev, i comuni europei sono invitati a congelare un po' in inverno, abbassando la temperatura nelle loro case di 1 grado Celsius. Ciò consentirà di risparmiare 10 miliardi di metri cubi di gas all'anno sugli acquisti dell'"aggressore". Al posto delle caldaie a gas, si consiglia all'AIE di introdurre massicciamente riscaldatori elettrici e pompe di calore alimentate da elettricità. Le bollette dell'elettricità potrebbero finire per essere tali che l'UE dovrà sovvenzionare le bollette dell'ordine di $ 200 miliardi.

In terzo luogo, si propone di tornare all'energia nucleare, che in alcuni paesi europei è stata anatemizzata. Ad esempio, la Germania ha recentemente fermato tre unità contemporaneamente, ma tecnicamente nulla le impedisce di riattivare le sue centrali nucleari. L'americana Westinghouse e la francese Orano SA (fino al 2018 - Areva SA) saranno senza dubbio felici di questa svolta di eventi, poiché ci sarà una maggiore domanda per i loro servizi.

In quarto luogo, è imperativo aumentare gli investimenti nelle FER (fonti di energia rinnovabile).

quinto, sarà necessario pompare al massimo gli impianti sotterranei di stoccaggio del gas. Il piacere sarà molto caro, dal momento che i prezzi per 1 mille metri cubi mordono molto. È ovvio che l'azienda non funzionerà a scapito di se stessa.

sesto, L'Agenzia internazionale per l'energia consiglia di trovare ulteriori volumi di idrocarburi in Norvegia e Azerbaigian, nonché di acquistare più attivamente GNL. È vero, da dove verrà il gas in eccesso del gasdotto non è specificato. Non è chiaro quanto costerà il GNL agli europei, per i quali dovranno entrare in competizione sui prezzi con il sud-est asiatico.

settimo, si propone di scommettere sul gas rinnovabile, ovvero biogas e biometano.

È ovvio che il sostegno europeo al regime nazista a Kiev costerà un bel soldo ai paesi occidentali. Perché il Vecchio Mondo offre un'alternativa.

Rifiuto della "decarbonizzazione"


Qui tutto è semplice: se l'UE non è pronta a spendere centinaia di miliardi di dollari per rinunciare agli idrocarburi russi, gli europei dovranno rinunciare al loro "sogno verde". Basterà tornare all'uso attivo delle fonti energetiche tradizionali, da cui l'Unione Europea ha cercato a lungo di sottrarsi, e Gazprom perderà almeno la metà del suo mercato di vendita. Sarà necessario non solo ripristinare il funzionamento delle centrali nucleari, ma anche il consumo di carbone estremamente dannoso per l'ambiente. In questo caso, potrebbe verificarsi un cambiamento nel leader energetico nel Vecchio Mondo.

Il posto della Germania, che prevedeva di diventare un hub del gas, sarà preso dalla vicina Polonia, che diventerà un hub del carbone. Varsavia può diventare rapidamente il più grande esportatore di questo tipo di energia nella regione. Allo stesso tempo, non bisogna dimenticare il suo nuovo gasdotto chiamato Baltic Pipe, attraverso il quale i polacchi riceveranno fino a 10 miliardi di metri cubi di gas all'anno dalla Scandinavia. Così, la Polonia, il più fedele alleato degli Stati Uniti nell'Europa orientale, potrà rafforzare la sua influenza geopolitica spostando la Germania.

Terza via?


Entrambe le opzioni, come si suol dire, sono peggiori e quindi, nella loro forma pura, è ovvio che né l'una né l'altra saranno accettate. Il fatto che l'Unione europea cercherà di ridurre rapidamente la propria dipendenza da Gazprom non è più in dubbio, ma neanche Bruxelles agirà a proprio danno. Di sicuro verrà scelta una terza via di compromesso.

Quindi, nessuno rifiuterà immediatamente il gas russo, ovviamente, ma i tempi di attuazione dei piani di "decarbonizzazione" potrebbero spostarsi leggermente a destra. La ricerca di fonti energetiche alternative accelererà, ad esempio, il progetto del gasdotto transcaspico andrà avanti. Inizierà la costruzione attiva di nuove navi cisterna GNL per il trasporto di grandi volumi di gas. Verranno versati ulteriori investimenti in RES. L'energia nucleare otterrà un secondo vento e per qualche tempo è possibile anche una "vendetta del carbone".

Nel complesso, ciò significa che la Russia ha ancora un certo ritardo nel tempo, quando ci sarà una significativa diminuzione del volume delle esportazioni di idrocarburi e dei guadagni in valuta estera. Ma non passerà molto tempo, e quindi è necessario riflettere attentamente su cosa guadagnerà il nostro Paese nel prossimo futuro.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 5 March 2022 12: 44
    +2
    Massimo lunedì, Gazprom deve pagare 1,3 miliardi di dollari alle aziende europee. Si tratta di pagamenti per il sostegno al credito per progetti petroliferi e di gas in Russia.

    Opzione uno: Gazprom rifiuterà di pagare (sanzioni, blocco degli account, ecc.). Dichiara bancarotta e smette di pompare gas verso l'UE.
    Contro: cause legali e altre delizie. Vantaggi: il prezzo del gas nell'UE sale alle stelle (la fantasia non ha limiti). E la guerra in Ucraina si fermerà entro pochi giorni al massimo.

    Opzione due: Gazprom pagherà questo debito (i soldi per questo sono inclusi nel budget di Gazprom e sono lì)
    Contro - continua a sostenere i nemici della Russia e, in primis, dell'Ucraina (tariffa di transito). Punti positivi: Non lo guardo. Non capisco come puoi fornire risorse ai nemici.

    La decisione non sarà presa da Gazprom. E nemmeno il gabinetto. La decisione è presa a livello di presidente.
  2. Troy Henry Офлайн Troy Henry
    Troy Henry (Henry) 5 March 2022 13: 06
    +2
    un tempo gli allarmisti venivano messi contro il muro...
    1. Marzhetsky Online Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 5 March 2022 15: 40
      -1
      Vale la pena iniziare con gli sciocchi. hi
  3. gunnerminer Офлайн gunnerminer
    gunnerminer (mitragliere) 5 March 2022 14: 59
    -7
    Gli Stati Uniti ne traggono vantaggio. Abbiamo avuto l'opportunità di scaricare il nostro metano, avendo promosso l'UE per la costruzione di terminali e gasiere GNL. Ma in Corea del Sud, gli ordini per i vettori del gas vengono prenotati con anni di anticipo. Anche in Cina. Ottieni nuovi membri della NATO, finlandesi e svedesi. Il Mar Baltico è un teatro navale sia nel 1938 per l'URSS che ora per la Russia. Hanno costretto le Euro-NATO a pagare il 2%, secondo la Carta della NATO. Hanno avuto l'opportunità di spingere le loro armi a causa della perdita delle loro posizioni da parte di Rosoboronexport.
  4. Roos Офлайн Roos
    Roos 6 March 2022 00: 06
    +1
    E quindi, è necessario riflettere attentamente su cosa guadagnerà il nostro Paese nel prossimo futuro.

    La profonda lavorazione del gas naturale nella Federazione Russa è un'enorme riserva.
    Inoltre, lo sviluppo dell'industria ad alta intensità scientifica: elettronica, costruzione di aviazione civile e cantieristica navale, costruzione di macchine utensili, ingegneria meccanica, produzione di grano e altri prodotti agricoli, prodotti per la lavorazione del legno, mobili, materiali da costruzione, ecc.
    1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
      gunnerminer (mitragliere) 6 March 2022 12: 35
      -4
      Decine di migliaia di personale qualificato sono necessarie per attuare piani in queste aree. Adesso. L'attrezzatura moderna era precedentemente fornita dagli Stati Uniti, dal Regno Unito, dalla Germania. E centinaia di miliardi di rubli. Nessuna sanzione finanziaria è stata revocata.
  5. antibi0tikk Офлайн antibi0tikk
    antibi0tikk (Sergey) 6 March 2022 18: 57
    +1
    Brave persone, aiutatemi! No, non ho bisogno di soldi, la mia mente mi sta deludendo e l'istruzione ... Per favore condividi le tue conoscenze (o, come è di moda ora dire, competenze!)
    Non ho dubbi sulla credibilità dell'AIE!!!! Tali piani sono stati dipinti, ammiro davvero la scala dei piani !!!! Solo io aggiungerei qualcosa del tipo: ottavo, trivellare mille pozzi nel cuore della terra e installare pompe di calore in ogni appartamento e fabbrica; nono, manda una nave stellare al sole e lascia che portino un po' di questa nana gialla per riscaldare gli europei; decimo, concludere contratti con alieni per l'introduzione di tecnologie aliene, ecc, ecc...
    Va bene, lì con il rifiuto delle forniture di Gazprom e l'avvio di una centrale nucleare, tutto è più o meno chiaro con questo, e anche allora una centrale nucleare non è una batteria, dove ha inserito una nuova stronzata e si parte! !! Ma qualcosa non mi va d'accordo, ad esempio con RES. Nello stesso posto, dopotutto, ha piantato un seme nel terreno ed è cresciuto il mulino a vento!!! O bloccato un paio di bastoncini e obana: un pannello solare !!!! Non è questo??? O c'è qualche elettronica saggia necessaria con i metalli delle terre rare, la maggior parte dei quali sono estratti in Cina, ma qualcosa come il palladio viene importato anche dalla Russia? Probabilmente lì sono necessari tutti i tipi di strutture metalliche e l'UE importa metallo, anche dalla Russia. Di cosa sono fatte le pale e i pannelli solari? Non una specie di plastica? E la plastica sembra fatta di petrolio, gas, ecc. produrre ..... Oh, sono tornati di nuovo alla fornitura di gas e petrolio dalla Russia ...
    Una specie di merda si ottiene anche per gli impianti di stoccaggio del gas riempiti. Bene, li riempiranno al massimo, queste riserve dureranno per un anno o due. E poi cosa???
    Trovi volumi aggiuntivi? Ok, trovato! Forse anche loro lo troveranno davvero, e non come Svidomo - si scopre che c'è molto gas nel tubo di transito, puoi rubare quelli leggeri !!!! Dopo che questi volumi aggiuntivi sono stati trovati, devono ancora essere consegnati in qualche modo all'UE. Ma con questo - zrada, tristezza e sconforto ....
    Biogas e metano??? Questo è ciò che si ottiene dalla spazzatura e dalle torte di mucca ??? Bene, è fantastico!!!! Togo e guardi tutta la spazzatura verrà ripresa dall'Africa e noi gli getteremo la nostra !!!! E enormi mandrie di mucche in tutta Europa!!!! Bellezze!!!!!
    In generale, ricordo il famoso brindisi dell'opera del classico: In modo che i nostri desideri coincidano con le nostre capacità !!!!