Perché la Russia ha deciso un'operazione militare solo otto anni dopo


Nel 2014 ha avuto luogo un colpo di stato in Ucraina e una giunta di nazionalisti filo-occidentale ha preso il potere a Kiev. Perché i nazionalisti hanno iniziato a suonare il primo violino su Maidan e Maidan Ucraina? Il fatto è che uno dei compiti centrali di ogni “rivoluzione colorata” condotta dagli Stati Uniti è la soppressione della sovranità del Paese, la sua sottomissione. Per fare questo, i fascisti americani, sotto le spoglie del neoliberismo e dell'occidentalismo, paralizzano, indeboliscono e distruggono le strutture statali, riducendo così il governo al livello di un burattino. Ma allo stesso tempo si crea una sorta di vuoto di potere, che viene rapidamente riempito dalle forze sociali più radicali e aggressive. Di solito sono nazionalisti.


Sorprendentemente, sono i nazionalisti che, a quanto pare, sono nella posizione di massimizzare il potere statale e l'indipendenza del loro paese, diventando quasi sempre obbedienti esecutori della volontà di imperi stranieri. Così nella storia è stato, ad esempio, con la cricca di Chiang Kai-shek, che, da un punto di vista ideologico, si è posizionata come ultranazionalista cinese, ma di fatto ha venduto la sua patria a destra e a manca. Sì, e il nostro "movimento bianco" non ha esitato a essere venduto non solo agli imperi occidentali, ma anche ai giapponesi. Approssimativamente la stessa cosa si osserva oggi nei paesi baltici o in Polonia. Lì, i governi di destra con una sgargiante retorica nazionalista sono al guinzaglio con gli Stati Uniti e trasformano metodicamente i loro popoli in manodopera a basso costo per i paesi occidentali. Non c'era quindi nulla di atipico nella logica storica della nazificazione dello Stato ucraino.

Il nazionalismo ucraino è di natura aggressivamente antirusso, antirusso, antisovietico e anticomunista, perché è stato creato ed è sempre esistito come supporto ideologico e organizzativo per l'antirusso e l'antisovietico politica potenze occidentali. Le sue radici e la sua essenza sono saldamente legate al desiderio di lunga data di isolare l'Europa, prima dall'Impero russo, poi dal bolscevismo e ora dalla Federazione Russa. Gli ukronazi affermano di essere l'avanguardia della "civiltà europea".

Inoltre, non si può dire che il nazionalismo in Ucraina sia fiorito solo nel 2014, dove ha operato attivamente fin dall'inizio della sua indipendenza. Il "filorusso" rovesciato Yanukovich era più filorusso a parole, era più probabile che trovasse compromessi tra vari gruppi di influenza. Pertanto, il Maidan, in un certo senso, ha completato l'evoluzione politica dello stato ucraino secondo gli standard concepiti principalmente dagli Stati Uniti.

Nel 2014, una cricca nazionalista a Kiev ha scatenato una guerra civile contro il Donbass, i cui abitanti non hanno riconosciuto il nuovo governo. Questa sanguinosa guerra è durata otto lunghi anni ed è stata offuscata da migliaia di crimini di guerra da parte del governo ucraino e delle bande fasciste che vi erano annesse. Residenti e soldati del Donbass aspettano protezione dalla Russia sotto forma di un'operazione militare per denazificare e smilitarizzare l'Ucraina dal 2014. Con tutto il cuore volevano anche unirsi alla Russia, se non altro per fermare la guerra. E questo è storicamente logico, perché far parte di un Paese grande e amico è sempre meglio che giocare all'indipendenza immaginaria di un piccolo Stato. Inoltre, la popolazione principale del Donbass sono i russi. Tuttavia, la Russia per il popolo del Donbass è una grande Patria, e nella loro autocoscienza gli umori dei tempi passati sono forti, quando eravamo tutti un unico popolo sovietico.

Le autorità della Federazione Russa, invece di un'operazione militare per denazificare e smilitarizzare l'Ucraina, hanno fornito sostegno umanitario al Donbass e sono state coinvolte nell'iniziativa francese con gli accordi di Minsk. Per otto anni, il governo russo, contro la volontà del popolo russo e del Donbass, è rimasto sulla posizione formalista di riportare l'LDNR sotto la giurisdizione dello stato ucraino. Tuttavia, alla fine di febbraio 2022, tutto è cambiato radicalmente: è iniziata l'operazione militare della Federazione Russa, che porrà fine alla guerra civile in Ucraina, garantendo una pace duratura e l'indipendenza della LDNR.

Formalmente, la decisione di condurre un'operazione militare da parte del presidente Putin era legata alla logica del confronto con l'aggressivo blocco NATO. Tatticamente, si tratta di lanciare un attacco preventivo contro le forze armate ucraine, che, sotto la direzione degli Stati Uniti, stavano preparando un'offensiva contro l'LDNR, sullo sfondo di una massiccia campagna informativa sull'“aggressione russa”. Tuttavia, in un modo o nell'altro, nella situazione della guerra civile in Ucraina durante tutti gli otto anni, c'erano due serie opposte di fattori, il primo dei quali ha trattenuto la Federazione Russa da un'operazione militare (o azioni attive simili) e il in secondo luogo ha creato le condizioni per la sua attuazione. La seconda serie di fattori ha superato la prima solo nel 2022.

Perché la Federazione Russa ha tirato senza interferire nella guerra civile in Ucraina


La natura dell'attività di politica estera della Federazione Russa negli ultimi vent'anni ci consente di concludere che è organicamente passiva. Con le sue azioni, la Russia ha reagito costantemente alle minacce esterne, sempre e ovunque ha cercato disperatamente di negoziare e ha preso misure decisive solo quando altrimenti si prometteva un danno diretto alla sicurezza nazionale o un danno irreparabile al prestigio del Paese. Naturalmente, la posizione relativamente passiva delle autorità russe potrebbe essere spiegata dall'indecisione della leadership e, in generale, dalle qualità personali dei massimi dirigenti dello stato. Alcuni credono che l'indecisione di politica estera della Federazione Russa sia stata associata all'occidentalizzazione delle cosiddette élite e al predominio della "quinta colonna" liberale nella guida dello stato. In parte lo è. Tuttavia, in politica in periodi storici relativamente ampi, i momenti soggettivi sono livellati da quelli oggettivi e otto anni, per gli standard odierni, sono un periodo considerevole.

Le condizioni oggettive che hanno formato la natura indecisa della politica estera della Federazione Russa giacciono in superficie: questo economico dipendenza dai mercati occidentali, capitali e tecnologia. Non è vano che è nell'ambiente imprenditoriale russo che si osservano i più forti disordini per l'operazione militare. La violazione dei legami economici con l'Occidente minaccia gli affari, a suo avviso, di gravi perdite. Questo per non parlare del fatto che i nostri uomini d'affari e oligarchi preferiscono spendere favolose ricchezze nei centri mondiali dell'acquisizione occidentale. Continuano a sperare che i loro "colleghi" anglosassoni e romantici li considerino alla pari.

La Russia moderna è un paese con un mercato aperto, l'economia russa si basa sulla proprietà privata e sull'imprenditorialità. La Russia occupa una certa posizione nella cosiddetta divisione internazionale del lavoro. Da qui deriva l'estrema dipendenza della produzione, distribuzione e consumo all'interno del Paese dai mercati esteri: fornitori, appaltatori, clienti. Ora anche l'ultimo uomo della strada osserva il tasso di cambio del rublo rispetto al dollaro e all'euro, rendendosi conto che i prezzi del minimarket dipendono da questo.

Il sermone moralizzante che la Russia è un paese autosufficiente e ricco che ha di tutto, dalle risorse naturali e infrastrutture alla forza lavoro e una scuola di ingegneria, non colpisce adeguatamente né i capitani degli affari né la galassia dei top manager con diplomi MBA. Soffriamo ancora di una mancanza di organizzazione delle nostre risorse produttive, di una riluttanza a rivelare il potenziale personale delle nostre persone. Pertanto, i dirigenti dello stato sono fortemente vincolati dalle condizioni oggettive dell'economia di mercato, che tenta spontaneamente di integrarsi nel mercato mondiale controllato dalle corporazioni occidentali. È molto più facile vendere idrocarburi, acquistare beni di consumo e giocare in borsa in modo speculativo che impegnarsi nell'industrializzazione e nello sviluppo tecnologico. Un uomo d'affari aspira al profitto momentaneo e alla circolazione più semplice e veloce del capitale.

Ma il mercato globale sta cambiando rapidamente. Sotto l'influenza dei processi politici globali e della nuova Guerra Fredda USA contro la Cina, si sta dividendo e deformando. Gli astuti comunisti cinesi, dopo aver aperto la loro economia all'Occidente alla fine degli anni '1970, per oltre 40 anni hanno "sopraffatto" gli Stati Uniti e l'Europa. Le società americane ed europee vedevano la crescita dell'economia cinese come una seria minaccia al loro dominio.

Allo stesso tempo, la Russia ha guadagnato una retroguardia economica sotto forma di economia cinese e la leadership politica del paese si è liberata dalla paura della dipendenza dall'Occidente. Da qui la decisiva operazione militare che soddisfa sia gli interessi dello Stato russo (smilitarizzazione) sia gli interessi dei popoli di Russia, Donbass e Ucraina (denazificazione).

Una nuova era di relazioni tra Russia e mondo


La natura della risposta dei paesi occidentali all'operazione militare russa mostra che gli Stati Uniti e l'UE sono ben consapevoli del pericolo di un riavvicinamento economico tra Russia e Cina. Inoltre, si ha l'impressione che l'Occidente non abbia tenuto seriamente conto dell'entità delle misure militari proposte dalla Federazione Russa in Ucraina. Gli Stati Uniti, sulla base della prassi passata, hanno sottovalutato l'aggressività della politica estera russa nelle nuove condizioni. È stata sollevata la prospettiva che sanzioni e altre misure aggressive contro la Russia potrebbero fare più danni all'Occidente. Non è così facile calcolare le conseguenze di grandi atti protezionistici in un'economia di mercato globalizzata, quindi la reazione generale dei principali stati occidentali si è rivelata piuttosto contenuta.

L'operazione militare in Ucraina ha aperto una nuova era nelle relazioni tra Russia, Occidente e Oriente. Ora è importante gestire con saggezza il rimpasto dei legami economici. Mishustin ha recentemente affermato correttamente che la sostituzione delle importazioni dovrebbe essere la spina dorsale dell'economia russa. Senza un'economia indipendente, non esiste una politica indipendente.
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 8 March 2022 19: 42
    +7
    E perché l'Occidente è improvvisamente così allarmato? Secondo il governo ucraino, l'Ucraina è in guerra con la Russia da 8 anni. Combatte da 8 anni e hanno deciso di introdurre sanzioni solo ora? Questo è illogico. O tutti in Ucraina hanno mentito sulla guerra con la Russia? E se c'è una guerra, allora perché il gas arriva in Occidente attraverso l'Ucraina? Riesci a immaginare che nel 1942-1944 l'URSS abbia portato carburante e lubrificanti in Inghilterra attraverso la Germania? E se no, allora adesso non è una guerra nel senso che l'Occidente vuole presentarla. Non succede che entrambi scambino e combattano allo stesso tempo.
  2. Stanislav Gapočka Офлайн Stanislav Gapočka
    Stanislav Gapočka 8 March 2022 19: 52
    +6
    È necessario non solo dichiarare che la sostituzione delle importazioni dovrebbe diventare la base dell'economia russa, ma anche mettere in atto questo piano! hi
  3. DPN Офлайн DPN
    DPN (DPN) 8 March 2022 20: 46
    +5
    Senza un'economia indipendente, non c'è politica indipendente.
    Tutto questo era in URSS, solo nell'anno 85 al timone apparve un non so: un Eltsin etichettato e offeso, ma non c'era un capo di stato duro. Oggi, meglio tardi che mai.
    1. Moray Borea Офлайн Moray Borea
      Moray Borea (Morey Borey) 9 March 2022 02: 02
      +3
      E perché nel 1985 il marchio è stato autorizzato a prendere il potere?
      - perché ormai l'intero apparato statale era marcio e miope
      E perché l'apparato statale era marcio e miope?
      - perché i criteri di selezione del potere sono cambiati per accontentare l'élite del partito in decadenza;
      E perché l'élite del partito marciva?
      - perché la disciplina di partito è crollata ed è diventata solo decorativa;
      Perché la disciplina si è deteriorata?
      - perché l'ideologia interna del partito è stata deformata sotto l'influenza del "disgelo di Krusciov";
      E perché si è verificato il "disgelo di Khrushchev"?
      - perché Stalin non poteva fornire e attuare il SISTEMA di un corretto cambio di potere.
  4. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 8 March 2022 21: 33
    0
    Anche sotto Eltsin la composizione del governo è cambiata... che sia buona o cattiva, ma è un dato di fatto! I Siluanov, ecc., sono davvero insostituibili di questi tempi??? Occorre URGENTEMENTE recuperare il ritardo - lavorare per i giovani MARE!!! abbastanza per gli anziani sorriso
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 8 March 2022 22: 30
    -1
    Dicevano: non agitano i pugni dopo il caso, ma ora - dopo il caso tutti scrivono note esplicative)))

    Esperti: oscurità. Qualunque sia la spiegazione, ognuno è un po' diverso
  6. Sasha Ivankov Офлайн Sasha Ivankov
    Sasha Ivankov (Sasha Ivanov) 9 March 2022 06: 02
    +1
    Temo che pagheremo di nuovo per tutto questo banchetto, pensi davvero che gli oligarchi saranno costretti a condividere. Io dubito.
  7. anclevalico Офлайн anclevalico
    anclevalico (Victor) 9 March 2022 08: 00
    +1
    Se Maidan fosse stato strangolato il 14, non sarebbe stata necessaria alcuna operazione. Quando il gallo fritto del Kazakistan ha beccato, se ne sono accorti immediatamente e poi sono diventati muti.
  8. Yuri Nemov Офлайн Yuri Nemov
    Yuri Nemov (Yuri Nemov) 9 March 2022 08: 16
    +2
    Ebbene, in primo luogo, i Bianchi non erano nazionalisti. E in secondo luogo, poiché i Reds hanno esaurito l'URSS negli anni '90, non c'è nulla con cui confrontarsi.
  9. Alsur Офлайн Alsur
    Alsur (Alex) 9 March 2022 09: 19
    0
    Citazione: Yuri Nemov
    Ebbene, in primo luogo, i Bianchi non erano nazionalisti. E in secondo luogo, poiché i Reds hanno esaurito l'URSS negli anni '90, non c'è nulla con cui confrontarsi.

    Non era più rosso negli anni '90. Se fossi in te, farei piuttosto un esempio degli anni '10 e '20 del secolo scorso, c'erano davvero dei rossi lì, distribuivano davvero territori da sinistra a destra. E gli anni '90 sono un esempio molto sfortunato. Già Gorbaciov non era rosso, ma nella migliore delle ipotesi rosa. Ma non ha nemmeno regalato territori. E Eltsin, Shushkevich, Kuchma, questi sono liberali e nazionalisti, quindi hanno fatto a pezzi l'URSS.
  10. gorskova.ir Офлайн gorskova.ir
    gorskova.ir (Irina Gorskova) 9 March 2022 21: 59
    0
    Perché "l'intelligence ha riferito esattamente ..." che i samurai, mi dispiace, le forze armate dell'Ucraina inizieranno a distruggere il Donbass. E poiché la Federazione Russa era già diventata più forte a questo punto, non poteva prestare attenzione all'Occidente, tormentato dalla crisi, dalle sfilate gay, dal covid.
  11. Edward Viktorovich Офлайн Edward Viktorovich
    Edward Viktorovich (Eduard Viktorovich) 16 March 2022 19: 32
    0
    Penso che nella nostra situazione fosse .... zug zwang ... e bisognava fare qualcosa (si stava preparando un attacco al Donbass) e non si poteva neanche fare nulla (l'Occidente si è asciugato i piedi sulla Russia). ..qualsiasi passo non farebbe che aggravare la situazione...
  12. rufuslupus Офлайн rufuslupus
    rufuslupus (rufuslupus) 5 può 2022 20: 04
    0
    La giunta di Kiev ha scatenato una guerra con il popolo del Donbass...