Quali difficoltà dovrà affrontare la nazionalizzazione delle società occidentali in Russia


Sullo sfondo delle dure sanzioni anti-russe imposte da Mosca per l'avvio di un'operazione militare per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina, è sorta la questione della possibilità di nazionalizzare alcune compagnie occidentali che hanno sospeso o cessato le loro attività nel nostro Paese. Ora stiamo parlando di 60 persone giuridiche, tra cui Apple, Volkswagen, Microsoft, IKEA, IBM, Shell, Porsche, McDonald's, Toyota, H&M e altre, ma in futuro questo elenco potrebbe essere ampliato. Un'idea intrinsecamente valida può incorrere in pericolose insidie ​​nella pratica.


Il problema è che in Russia è difficile trovare una società seria che non abbia una quota di capitale estero o non sia registrata all'estero. Ad esempio, attraverso società offshore estere, Metalloinvest (estrazione e lavorazione di minerale di ferro, metallurgia ferrosa), Pipe Metallurgical Company (metallurgia ferrosa), Sibur Holding (lavorazione del gas associata, prodotti petrolchimici), Russneft (estrazione mineraria e raffinazione del petrolio), Ural Mining e Metallurgical Company (metallurgia non ferrosa), Siberian Coal Energy Company (estrazione di carbone), Eurochem (produzione chimica), Severstal (metallurgia ferrosa), Rusal (estrazione di bauxite, produzione di allumina, produzione di alluminio), Norilsk Nickel (metallurgia), Novolipetsk Iron and Steel Works (metallurgia ferrosa), Magnitogorsk Iron and Steel Works (estrazione mineraria, preparazione di minerali di ferro, metallurgia ferrosa), ChTPZ Group (metallurgia ferrosa e non ferrosa), Rusenergosbyt (industria energetica), Transmashholding (ingegneria dei trasporti), Glavstroy Corporation (costruzione), Mostotrest (costruzione), Polyus Gold (estrazione dell'oro),Acron (industria chimica), Sollers (industria automobilistica), Uralchem ​​(fertilizzanti minerali), Eurocement (produzione di materiali da costruzione), Mechel (industria mineraria, metallurgia ferrosa), Russian Copper Company (metallurgia non ferrosa), Rusagro (agricoltura, produzione alimentare), Pharmstandard (farmacologia), Cherkizovo (industria alimentare), Power Machines e molti, molti altri. Nello stesso luogo, al largo, vegetano alcune note aziende agricole nazionali.

Oltre alle società russe registrate all'estero, sul nostro mercato ci sono molti marchi "nativi" che in realtà appartengono a società occidentali. Ad esempio, Nestle possiede marchi come cioccolato Rossiysky e gelato 48 copechi, Danone - Rastishka e Prostokvashino, Pepsico - Cheerful Milkman e prodotti caseari House in the Village, bevande Essentuki, Orchard, Ya, Tonus, Beloved, Coca-Cola - Dobry succo di frutta, kvas in tazza e barile, alimenti artigianali - cioccolato Vozdushny, torta Prichuda, biscotti Yubileinoye, Unilever - tè Beseda, ketchup di Baltimora, Heiniken - birra Okhota e Three Bears, Carlsberg - birre Zhigulevskoye, Nevskoye e Baltika, kvas Khlebny Krai, Inbev - birra "Corona siberiana" e "Klinskoe". Il gigante automobilistico nazionale Avto-VAZ è stato a lungo di proprietà della società franco-giapponese Renault-Nissan. Eccetera. Questo elenco è tutt'altro che esaustivo. Viene presentato solo per chiarire quanto sia profondo il russo economia assorbita dalla grande capitale occidentale.

E ora bisogna parlare di come può avvenire la nazionalizzazione designata delle società direttamente estere operanti nel nostro Paese. È ancora più difficile qui.

Ad esempio, cosa fare con McDonald's? Il fatto è che questa rete opera attraverso un modello di business in franchising. In altre parole, questa società russa paga prima una grossa somma forfettaria alla sede centrale, quindi paga una royalty mensile del 12,5% dell'utile. In cambio, il partner locale ottiene il diritto di lavorare con il marchio McDonald's e con i suoi prodotti a marchio. Se qualcuno sarà colpito dalla chiusura di questa catena di fast food, saranno i suoi affiliati russi. No, noi non difendiamo McDonald's, esortiamo a pensare ai diritti e agli interessi legittimi di quei nostri connazionali che sono riusciti a investire in questo business, e a non tagliarci la spalla.

Più o meno lo stesso si può dire di altri marchi occidentali che si propone di nazionalizzare. Qualcosa che l'autore delle righe non ha sentito delle fabbriche di Apple, Microsoft o IBM, che produrrebbero in Russia smartphone, laptop, microprocessori e altri gadget e componenti elettronici così necessari per il nostro Paese. Vendono semplicemente prodotti e servizi già pronti. IKEA e H&M sono solo catene di vendita al dettaglio. Cosa nazionalizzare? Magazzini e negozi? Probabilmente non sono di proprietà, ma con un contratto di locazione a lungo termine.

Leggermente più promettente è la possibilità di nazionalizzare le fabbriche di Volkswagen, Toyota e altre case automobilistiche da paesi che hanno imposto dure sanzioni anti-russe. Almeno ci sono veri e propri impianti di produzione e attrezzature di assemblaggio. Ma, ahimè, qui non è tutto facile.

Non siamo autorizzati a produrre veicoli Volkswagen senza il consenso del Gruppo Volkswagen. Proprietà intellettuale e tutto il resto. Dare le fabbriche nazionalizzate ai compagni cinesi? Teoricamente è possibile, ma in pratica potrebbe complicare i rapporti di Pechino con i suoi partner occidentali. Utilizzare le fabbriche di Volkswagen, Toyota e altri per iniziare a produrre le proprie auto? Probabilmente è possibile, ma sorge la domanda, quali auto specifiche? Avto-VAZ è di proprietà della società Renault-Nissan. È più probabile che tutte le altre marche di passeggeri nazionali siano morte che vive.

Crearne di nuovi da zero? È possibile, ma ci sarà un problema con i componenti. I nostri liberali sistemici al potere non si sono mai presi la briga di ottenere la localizzazione al 100% da produttori stranieri e tutti gli angoli e le unità chiave vengono forniti alla catena di montaggio dall'estero. Creare e avviare la produzione in serie di un moderno motore per auto o cambio automatico è un compito non banale, soprattutto nel contesto delle sanzioni occidentali. E lo faranno, perché dovranno violare massicciamente i brevetti stranieri che proteggono i diritti di proprietà intellettuale.

In generale, tutto è difficile. Data la profondità dell'abisso in cui l'economia russa è stata trascinata dai "riformatori liberali", vale già la pena parlare non nemmeno della nazionalizzazione delle aziende occidentali, ma del passaggio a modalità pianificate per gestirla. Altrimenti, affogheremo.
21 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Oleg_5 Online Oleg_5
    Oleg_5 (Oleg) 11 March 2022 12: 37
    +5
    A quanto ho capito, l'opzione proposta è "continuiamo a lavorare come se nulla fosse".
    Con gli stessi marchi/marchi.
    Nessuna detrazione di profitti e/o diritti d'autore ai titolari.
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 11 March 2022 14: 12
      +1
      Cosa ti impedisce di aprire nuovi marchi? Ad esempio, abbigliamento sportivo russo? Ci sono i tessuti, ci sono le macchine, ci sono anche le sarte. Designer? Ci sarà. E ora viene aperto il marchio "Eurasia". Si consiglia a tutte le squadre sportive russe di passare ad esso. E se c'è una qualità eccellente, allora Adidas con Puma, Nike e altri possono essere spremuti. Per cominciare nel mercato asiatico.
      1. Oleg_5 Online Oleg_5
        Oleg_5 (Oleg) 11 March 2022 14: 23
        +1
        Bene, il nome è la decima cosa.
        Ma qui non è ancora del tutto dai propri tessuti e non proprio dalle proprie macchine ...
      2. Awaz Офлайн Awaz
        Awaz (Walery) 12 March 2022 09: 42
        -2
        nel nostro paese ci sono molti vestiti di produttori davvero russi, ma sono sempre cuciti in Cina. Nella stessa Cina ci sono molti propri produttori di abbigliamento, un livello abbastanza decente, ma non lo portano in Russia perché risulta essere un po' caro, dato che il rublo è in costante calo. Il nostro, quello che viene prodotto in Cina, non può vendere vestiti nella Federazione Russa al prezzo di 50 o più dollari per unità, poiché non c'è reputazione e la popolazione non è diventata molto ricca negli ultimi anni. Pertanto, il prezzo è fondamentalmente da 10 a 50. Per ottenere il massimo profitto, devi farlo dal materiale di qualità più bassa. Quindi, non guadagnerai mai una reputazione. La nostra gente è sopravvissuta agli anni grassi e ha viaggiato in giro per l'Europa e il mondo e ha visto nel paese promuovere marchi stranieri e i loro vestiti, scarpe e qualità. Roba di merda a buon mercato non li attirerà. Non è redditizio per i nostri produttori realizzare prodotti costosi e di alta qualità. Ecco un tale dilemma. Oppure aspetta che la generazione di coloro che hanno visto una vita normale se ne vada e insegni già ai giovani a questa merda..
        1. Artyom76 Офлайн Artyom76
          Artyom76 (Artem Volkov) 12 March 2022 13: 28
          0
          La tua logica è strana: le persone sono abituate alla qualità, ma non possono permettersi vestiti domestici di alta qualità. Capisco che intendi dire che non c'è ancora reputazione, ma quando non ci sono più vestiti importati, prendi un produttore nazionale o vai nudo. La cosa principale è iniziare.

          Decideremo sicuramente i vestiti. Soprattutto, avremo problemi nell'industria elettronica, ora ringraziamo i "compratori occidentali". Anche se qui non è tutto chiaro, la Russia è coinvolta anche nelle catene di creazione di molti componenti elettronici, che non riescono a risolvere in cinque mesi. Poi crolleranno anche loro.
          1. Awaz Офлайн Awaz
            Awaz (Walery) 12 March 2022 14: 05
            -1
            vestiti di alta qualità non sono redditizi per il produttore russo. Questo è tutto ciò che volevo dire. Se producessero abiti di alta qualità, anche se un po' più costosi anche del prezzo medio, sarebbero apprezzati dai tempi moderni, se i produttori non iniziassero a diventare sfacciati. C'è un esempio del genere su Black Star. L'abbigliamento molto buono per i giovani era al livello iniziale di produzione. Anche se il prezzo è troppo alto, è stata notata una certa qualità, ma rapidamente tutto è andato a vuoto. Ora i materiali economici sono spariti e la qualità del cucito e il design di proprietà dubbie e ancora il prezzo folle ...
  2. zloybond Офлайн zloybond
    zloybond (lupo della steppa) 11 March 2022 12: 50
    +4
    Questo è già stato affermato. che la Russia può fregarsene della proprietà intellettuale degli inserti stranieri. Cos'altro succhiare.
    1. Oleg_5 Online Oleg_5
      Oleg_5 (Oleg) 11 March 2022 15: 15
      0
      solo intellettuale?
      1. zloybond Офлайн zloybond
        zloybond (lupo della steppa) 11 March 2022 15: 45
        +1
        Penso che tutto entrerà gradualmente in funzione, indipendentemente dalla loro Wishlist straniera e funzionerà per la nostra economia. Inoltre, un ritorno a una vita passata non arriverà in nessun caso.
        1. Artyom76 Офлайн Artyom76
          Artyom76 (Artem Volkov) 12 March 2022 13: 29
          +2
          Hai ragione, ora non c'è ritorno e prima o poi sarebbe successo. Inizieremo prima, partiremo prima, quanto fa caldo.
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 11 March 2022 13: 42
    +2
    La cosa più importante è pagare tasse e stipendi. Se non pagano, falliscono e rivendono alla Riserva di Stato oa una nuova società per azioni russa.
  4. 123 Офлайн 123
    123 (123) 11 March 2022 13: 52
    +7
    Il problema è che in Russia è difficile trovare una società seria che non abbia una quota di capitale estero o non sia registrata all'estero. Quindi, ad esempio, le società sono gestite tramite società offshore estere

    Uralchem, secondo me, si è spostato a circa. Oktyabrsky, regione di Kaliningrad.
    https://www.putin-today.ru/archives/139172
    Rusal si è trasferito lì nel 2020.
    https://www.vedomosti.ru/business/news/2020/09/25/841210-rusal-zaregistrirovalsya-v-kaliningradskom-ofshore

    Norilsk Nickel è ora su. russo
    https://secretmag.ru/news/krupneishii-vladelec-akcii-nornikelya-smenil-registraciyu-s-kipra-na-rossiyu-11-12-2021.htm

    NK "Russneft" sembra essere registrato a Mosca.
    https://www.rusprofile.ru/id/4258164

    Questo da quello che ricordo, "non ho controllato l'intera lista dei cosmopoliti", ma qualcosa mi dice che non sono tutte imprecisioni.
    A mio avviso, la profondità dell'abisso che si è aperto davanti a noi è ancora una volta esagerata.
    Forse più attentamente come è necessario prevedere futuri disastri?
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 11 March 2022 14: 11
    -6
    Tutto questo è una sciocchezza.
    Abbiamo il capitalismo. La proprietà è sacra. Il denaro non puzza.
    Quindi non accadrà nulla. Puoi trasferire una società russa, come Magnit, nella tua (e quindi rimarranno azioni straniere) o hackerare un fondo di investimento (ricorda Magnitsky), - puoi sempre trovare un'interpretazione delle violazioni lì.
    E prova a toccare bruscamente qualcuno più grande da dietro una collinetta - proprio lì, secondo le affermazioni, inizieranno ad arrestare la proprietà della Russia che è venuta a portata di mano (come è successo più di una volta)
  6. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
    Mikhail L. 11 March 2022 15: 41
    0
    ...Le difficoltà?
    ... Non c'è nulla che getti un'ombra sul recinto di canniccio: la nazionalizzazione delle società straniere implica il loro passaggio alla proprietà statale.
    ...Allo stesso tempo: lo stato nomina un (suo) manager esterno e la direzione continua a lavorare sotto la sua guida.
    ...E niente convenzioni, come la legge sui brevetti, in una guerra economica de facto!
    ... "I quadri decidono tutto!". (I. Stalin)
    ... C'è davvero una carenza di "teste intelligenti" nella Federazione Russa, in grado di creare prodotti competitivi moderni da risorse naturali?
    ...Le difficoltà vanno superate!
  7. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 11 March 2022 19: 11
    +2
    L'autore, come Katz nel famoso film, chiede una resa urgente. E il fatto che molte campagne abbiano scelto il luogo di registrazione dagli avversari dovrebbe essere loro tolto se loro stessi non trasferiscono i beni esistenti nella loro patria. Puoi dimenticare gli azionisti stranieri .. Ci sono molte difficoltà, ma devi farlo. Tutti cerchiamo di nasconderci dietro le difficoltà e non facciamo nulla. Tutte queste campagne sono state solo in grado di racimolare e sviluppare denaro dal budget, ad es. dividere. Tutto questo top management può essere guidato in sicurezza, è necessario non reclutare ladri, ma reclutare lavoratori. E questo è tutto scritto dai divisori.
  8. Roma Phil Офлайн Roma Phil
    Roma Phil (Roma) 11 March 2022 20: 08
    -3
    Qui, il signor Marzhetsky ha esposto tutto in modo più dettagliato. E infatti, probabilmente, sorgeranno difficoltà con la nazionalizzazione delle aziende occidentali, e probabilmente non solo politici che hanno idee in maturazione, ma anche avvocati internazionali, economisti e, soprattutto, ingegneri e direttori di produzione. Dovranno pensare a come continuare a lavorare negli impianti e nelle fabbriche sospese.
    E "eXspert" Yuri Podolyaki, in qualche modo tutto fila liscio. La Russia prenderà tutto dagli investitori occidentali fuggiti e inizieranno loro stessi tutta la produzione interrotta.
  9. Mister-RED Офлайн Mister-RED
    Mister-RED 11 March 2022 21: 56
    +3
    ...una società russa paga prima un ingente contributo forfettario alla sede centrale, quindi paga canoni mensili pari al 12,5% degli utili. In cambio, il partner locale ottiene il diritto di lavorare con il marchio McDonald's e con i suoi prodotti a marchio. Se qualcuno sarà colpito dalla chiusura di questa catena di fast food, saranno i suoi affiliati russi.

    L'autore è andato un po' nella steppa sbagliata. In guerra come in guerra. È più facile con McDonald's. Rifiutarsi di pagare per la proprietà intellettuale, lavorarci sopra, cambiando un po' il nome. Se l'ufficio decide di tornare in Russia, firma un documento di rinuncia ai diritti d'autore per la volta precedente e rinuncia alle azioni legali. Paga per il biglietto d'ingresso una somma calcolata in qualche modo ad esempio lo stesso 12,5% per ogni mese di assenza nel Paese, poi funziona benissimo. Se dicono di no, allora no.
  10. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 12 March 2022 08: 17
    +2
    ... Nestle possiede marchi come cioccolato Rossiysky e gelato 48 copechi, Danone - Rastishka e Prostokvashino, Pepsico - Cheerful Milkman e prodotti caseari House in the Village, bevande Yessentuki, Orchard, Ya, Tonus, Beloved, Coca-Cola - Dobry succo di frutta, kvas in tazza e barile, alimenti artigianali - cioccolato Vozdushny, torta Prichuda, biscotti Yubileinoye ”, Unilever - tè Beseda, ketchup di Baltimora, Heiniken - birra Okhota e Three Bears, Carlsberg - Zhigulevskoye, birre Nevskoye e Baltika, kvas Khlebny Krai, Inbev - birra "Corona siberiana" e "Klinskoe".

    Non ti dirò per tutta Odessa, come sai, Odessa è molto grande ...
    Ma personalmente, non uso nessuno dei precedenti.
    Circa 20 anni fa ho provato il tè Beseda: era granuloso e di sapore disgustoso; finito per buttarlo via.
    Il cioccolato "russo" ricorda la plastilina.
    Beer "Hunting" dà una sorta di bodyaga fortificato.

    Tutto quanto sopra - nella fornace!
    1. Awaz Офлайн Awaz
      Awaz (Walery) 12 March 2022 09: 30
      0
      di tutto ciò che è elencato qui, solo i cookie Yubileynoye sono ancora molto simili a quello che facevano prima. Anniversario, anche 5 anni fa, somigliava in qualche modo a quello che mangiavamo durante l'infanzia. La sua particolarità era una specie di tenera fragilità, per la quale lo amavo moltissimo.
      Tutto il resto difficilmente può essere chiamato qualcosa di commestibile, nessuno dei tipi di birra elencati può nemmeno essere chiamato birra. Bodyaga è inequivocabile. Anche Kvas, latte della casa, o yogurt, o lattaio, di dubbia qualità. Il kefir e il latte acido in generale sono ovviamente surrogati o al massimo sono fatti da secco. Il ketchup di Baltimora, se leggi la composizione, è una gelatina di amido colorata e aromatizzata. un prodotto del genere non può essere chiamato ketchup.
      Perché mangiamo tanta spazzatura? Perché abbiamo un tale potere nel nostro paese che ha permesso e incoraggiato la produzione di tutto questo ...
  11. Enoch Офлайн Enoch
    Enoch (Enoch) 12 March 2022 17: 35
    0
    Si scopre qualcosa del genere: "- L'auto per la moglie, la dacia - per il suocero. Non hai niente, sei un mendicante!"
    Allora, cosa ci hanno aiutato i polacchi al timone?
  12. opportunista Офлайн opportunista
    opportunista (fioco) 17 March 2022 05: 14
    0
    la storia si vendica di coloro che hanno distrutto l'ex sistema economico unico statale socialista. e hanno fatto tutto questo perché volevano viaggiare su yacht di lusso fino alle spiagge di Miami. e ora le sanzioni hanno colpito anche loro. Come può l'economia russa sopravvivere oggi a un embargo internazionale? Perché è capitalista. L'unica soluzione è ottenere sbarazzarsi di questa giunta che ci governa, dagli sconvolgimenti dopo gli anni '90.