Sanzioni contrarie: la Russia aumenta le esportazioni petrolifere offshore


Le esportazioni offshore di greggio dalla Russia in questo mese completamente "sanzionato" sono aumentate in modo significativo rispetto a febbraio, quando le restrizioni occidentali non erano ancora in vigore. Le misure adottate dagli Stati Uniti hanno portato solo al fatto che parte del carico viene restituito dall'Atlantico e una piccola flottiglia di navi cariche di materie prime è in rada. Sia il primo che il secondo cercano acquirenti, il che, senza dubbio, può essere fatto abbastanza rapidamente. Lo riporta Reuters con riferimento a Petro Logistics, che segue i movimenti delle petroliere.


A marzo, l'esportazione giornaliera di petrolio russo è stata di quasi 3 milioni di barili al giorno. Rispetto al mese scorso, l'aumento è stato di quasi 350 barili giornalieri. Come si chiama, contrariamente alle sanzioni. Dopotutto, sono stati introdotti non tanto per rifiutare il consumo di prodotti della Federazione Russa, ma per creare ostacoli al finanziamento dell'industria della spina dorsale. Ma non ha funzionato.

Anche le esportazioni di prodotti petroliferi mostrano una crescita e sono ancora al livello di 2 milioni di barili al giorno. Quanto alle “direzioni” delle esportazioni, l'incremento si nota nell'approvvigionamento di materie prime verso India e Cina. Inoltre New Delhi acquista materie prime del marchio Urals, che fino a poco tempo fa era destinato all'Europa.

Come osserva un'altra società, Tanker-Tracker, anch'essa coinvolta nel monitoraggio delle petroliere, l'unica area del settore che sta mostrando un calo è la vendita di olio combustibile e gasolio sottovuoto all'estero. Qui le consegne sono state ridotte del 40%. È in quest'area che hanno avuto effetto le sanzioni americane, dal momento che gli Stati Uniti erano uno dei principali consumatori di questi prodotti petroliferi russi.

Gli esperti sottolineano separatamente che un divieto diretto alle importazioni di petrolio dalla Federazione Russa non colpirà l'industria, poiché non influirà su volumi molto elevati. Tuttavia, il pericolo delle sanzioni statunitensi sta nel fatto che colpiscono psicologicamente gli attori del mercato globale. C'è un'innovazione come le "auto-sanzioni", così come il timore di perdite reputazionali, motivo per cui i clienti possono persino evitare le transazioni con la Federazione Russa anche senza cadere nelle restrizioni di Washington. Commercianti e acquirenti si stanno allontanando dal petrolio russo di alta qualità e relativamente economico. Ci sono anche molti clienti che hanno un atteggiamento di attesa.

Solo per questi motivi, le esportazioni marittime di materie prime sono cresciute in modo significativo, sebbene abbiano avuto l'opportunità di crescere in modo esponenziale, catturando vasti mercati e acquirenti in nuove regioni. Tuttavia, il fatto stesso di riconfigurare la logistica del greggio domestico avrà un impatto positivo sull'industria e sul bilancio della Russia. E può anche portare un certo equilibrio al mercato petrolifero mondiale, che ora sta passando da un estremo all'altro, con un calo del prezzo o stabilendo nuovi record di crescita.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 18 March 2022 09: 31
    +2
    India e Cina acquistano rispettivamente per rupie e yuan. Di conseguenza, il petrodollaro si è indebolito di 5 milioni di barili al giorno.
  2. zloybond Офлайн zloybond
    zloybond (lupo della steppa) 18 March 2022 09: 59
    -1
    Un articolo così bravura senza una goccia di analisi. Gli esperti del settore sottolineano che l'India ha fissato i termini dell'acquisto a un costo di 25 dollari al barile. A questo costo, non ha senso fare affari: questo si chiama far ridere il mondo e gestire un'attività non redditizia. L'India sta distorcendo le braccia della Russia cogliendo l'occasione. Questo comportamento da non partner indica che siamo nel ruolo di un supplicante. E l'India, in questa situazione, non è molto amica per noi. E tali articoli di PR sono progettati per coprire la situazione reale dell'affare e creare semplicemente un inganno sciovinista. Inoltre, questa opinione non è la mia: si tratta di valutazioni di esperti dei canali di notizie centrali. Inoltre, questo precedente consentirà in futuro di consolidare prezzi così umilianti per le transazioni, che spingeranno altri partecipanti al mercato a richiedere gli stessi sconti per se stessi sfruttando la flessibilità del fornitore.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 18 March 2022 10: 15
      0
      Gli esperti del settore sottolineano che l'India ha fissato i termini dell'acquisto a un costo di 25 dollari al barile.

      Numeri curiosi. Non condividi un link? hi
      1. zloybond Офлайн zloybond
        zloybond (lupo della steppa) 18 March 2022 10: 47
        +1
        Penso sia meglio aspettare i dati ufficiali. Ma l'esperto di cronaca di ieri, temo, ha blaterato))) Che facciano un patto e lo annuncino.
        L'India è pronta ad acquistare petrolio greggio e prodotti petroliferi dalla Russia a prezzi inferiori al mercato. La Russia offre uno sconto.
  3. Valera75 Офлайн Valera75
    Valera75 (Valery) 18 March 2022 16: 11
    0
    Citazione: zloybond
    Inoltre, questa opinione non è la mia: si tratta di valutazioni di esperti dei canali di notizie centrali

    Si prega di inviare link a video o articoli, altrimenti monitoro la rete ogni giorno e non l'ho mai visto, è curioso ascoltare o leggere