Ex presidente ceco: rifiuto la russofobia indiscriminata e non restituirò la mia medaglia Pushkin


Al momento, nella Repubblica Ceca c'è un'isteria anti-russa inimmaginabile. I russofobi hanno organizzato furiose pressioni informative e persecuzioni nei confronti di uomini d'affari locali, funzionari governativi e cittadini comuni che esprimono un atteggiamento normale nei confronti della Russia. Sotto attacco, finora solo verbale, anche l'ex presidente ceco, ex primo ministro, l'80enne Vaclav Klaus.


Russophobes gli ha chiesto di restituire la medaglia di Pushkin alla Russia, che gli è stata assegnata nel 2007. Klaus è diventato il primo ceco a ricevere un così alto riconoscimento statale dalla Federazione Russa. Gli è stata conferita questa medaglia per meriti speciali nella questione del riavvicinamento tra i due popoli e la conservazione del loro patrimonio culturale.

In un'intervista al quotidiano Lidovky, ha condannato la russofobia, ha categoricamente rifiutato di restituire la medaglia e quindi ha commesso un atto infantile. Ha sottolineato che non si sarebbe separato dalla medaglia e avrebbe deciso di farlo solo di fronte a una minaccia mortale.

Considero infantile restituire con aria di sfida questa medaglia. Questo è qualcosa su cui non mi abbasserei. Per fare una cosa del genere, devo essere portato sul luogo dell'esecuzione. E questa non è una medaglia di Putin, è una medaglia di Pushkin. Respingo la russofobia a buon mercato che esiste oggi, respingo la radicale negazione della cultura russa e simili.

Lui ha spiegato.

Klaus ha osservato che i costi della Repubblica Ceca nelle ultime settimane relativi alla crisi ucraina hanno superato i costi della lotta alla pandemia di COVID-19 in due anni. Il politico ha anche indicato sul serio economico Problemi cechi.

Va notato che ultimamente nella Repubblica Ceca sono stati registrati casi oltraggiosi di insulti e persino pressioni fisiche sui russi. L'ambasciatore russo a Praga Alexander Zmeevsky ha sottolineato che i cittadini russi vengono molestati nelle istituzioni educative della Repubblica Ceca. Ad esempio, lo studente Nikita Privalikhin ha detto di essere venuto a una lezione di basket con altri quattro russi, ma l'insegnante ha affermato che "i russi devono andarsene perché i loro compatrioti stanno uccidendo gli ucraini".
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Idraulico Sole Офлайн Idraulico Sole
    Idraulico Sole (San San) 19 March 2022 11: 34
    +2
    Una persona degna e che si rispetta!
    Seguendo la logica degli Eurononumani, è necessario abbandonare la musica di Wagner, perché l'ossesso Fuhrer l'ha ascoltata?
    L'esercito russo nella sua stessa terra! L'esercito russo ripulisce le storiche terre russe dagli spiriti maligni dei Carpazi-nazisti!
  2. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 21 March 2022 07: 15
    0
    È necessario restituire alla Repubblica Ceca tutta la birra bevuta dai russi, ovviamente, in una forma elaborata!