L'esperto prevede l'imminente rivelazione del principale "segreto" economico dell'OPEC


L'operazione speciale della Russia in Ucraina ha portato a un forte aumento dei prezzi del petrolio e potrebbe presto privare i mercati petroliferi globali di oltre quattro milioni di barili di petrolio russo. Per decenni, l'alleanza OPEC dei paesi produttori di petrolio è stata chiamata durante i periodi di crisi per stabilizzare i mercati petroliferi e il cartello sarà probabilmente chiamato di nuovo nelle prossime settimane. L'esperto Cyril Widdershoven ne scrive in un articolo per la risorsa OilPrice.


Sebbene sia opinione diffusa che l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti (di solito la Federazione Russa è stata citata come terzo partecipante, ma ora è tutto diverso) abbiano grandi volumi di riserva di materie prime, un indicatore del carico di produzione, la reale capacità di riserva dell'OPEC è tenuti nella massima riservatezza dal cartello, costituendone il principale economico un segreto.

La situazione intorno all'Ucraina ha letteralmente capovolto i mercati energetici mondiali e se la stabilità non tornerà presto, ciò potrebbe avere gravi conseguenze geopolitiche per i membri dell'OPEC, prevede l'esperto. Per lui oggi l'OPEC è appesa a un filo. Tuttavia, su richiesta dell'Occidente, né l'Arabia Saudita né gli Emirati Arabi Uniti vogliono aumentare la produzione o modificare il loro programma di produzione di petrolio a lungo termine. Inoltre Riyadh e Abu Dhabi, con grande dispiacere di Washington e Londra, non vogliono rovinare i loro rapporti con la Federazione Russa e personalmente con il capo della Russia, Vladimir Putin.

In un mercato che si stava lentamente riprendendo da un forte calo della domanda, i membri dell'OPEC sono stati in grado di nascondere i propri limiti di produzione interna dietro una facciata di produzione conservatrice. politica. Tuttavia, ora che il mondo è sull'orlo di una crisi energetica ancora più grande, l'OPEC dovrà mostrare le carte e chiarire tutto il segreto. L'Arabia Saudita è ancora considerata un produttore stabile con una capacità inutilizzata compresa tra 1,2 e 2 milioni di barili al giorno. Ma gli Emirati Arabi Uniti sono diventati un produttore swing con 0,6-1,2 milioni di barili al giorno di capacità inutilizzata a causa della crescita inarrestabile della produzione negli ultimi anni.

Ma in generale si tratta non solo dei piani dei principali attori dell'alleanza, e delle loro riserve, ma in generale della potenziale capacità dell'OPEC di influenzare il mercato, che presto avrà bisogno degli sforzi del cartello per mantenere la stabilità . Questa amara verità, o come viene chiamato il principale "segreto" dell'organizzazione, qualunque esso sia, una volta pubblicato, potrebbe costare il futuro sia dell'OPEC che del mercato petrolifero mondiale, prevede l'esperto.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 20 March 2022 09: 13
    0
    Vuoto ragionamento. Naturalmente, i paesi petroliferi beneficiano dei prezzi elevati e li manterranno fino all'ultimo.
    E quando vedono il furetto che si avvicina, rallentano. Forse al minimo per ridurre il potenziale dello scisto.
  2. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 20 March 2022 09: 54
    +2
    Il problema è la mancanza di dati. Come ha detto un portavoce della Shell sulla capacità inutilizzata, "usiamo il termine logica velata". Sinonimo di bugia.

    I sauditi possono aumentare la produzione. Molto probabilmente per 1-2 milioni di barili. Ma perché dovrebbero? Per svuotare completamente il tuo fondo petrolifero? Ne hanno avuto abbastanza l'anno scorso.
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 20 March 2022 11: 15
    -2
    Ci saranno gravi conseguenze geopolitiche per i membri dell'OPEC se cercheranno di non seguire le istruzioni perché sono assolutamente dipendenti dagli Stati Uniti e tutto il loro benessere dipende dall'approvvigionamento di risorse energetiche, nonostante loro stessi non abbiano il loro possedere basi scientifiche, di ingegneria alimentare e di altro tipo - assolutamente tutto acquistato con i proventi della vendita di risorse energetiche.
    Pertanto, il rifiuto delle risorse energetiche russe ha conseguenze negative a breve termine: l'industria occidentale chiuderà qualsiasi necessità di attrezzature e i fornitori di energia aumenteranno la produzione e l'offerta.
    Stanno cercando di chiudere gli attuali problemi a breve termine in relazione al rifiuto di forniture dalla Federazione Russa attraverso l'instaurazione di relazioni con Iran e Venezuela, che ne sono solo felici.
    Il sistema di condotte della Federazione Russa è costituito da due sistemi separati orientati a ovest ea est e non interconnessi.
    In caso di rifiuto della fornitura, il sistema di produzione e pompaggio orientato all'Occidente si troverà in una posizione difficile, di cui i consumatori dell'est - Cina, Corea del Sud, Giappone trarranno sicuramente vantaggio e chiederanno prezzi più bassi.
    Di conseguenza, il percorso ad ovest sarà chiuso e ad est il prezzo è sottocosto, e cosa fare?
    1. Bakht Online Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) 20 March 2022 23: 01
      +1
      L'industria occidentale chiuderà qualsiasi necessità di attrezzature e i fornitori di energia aumenteranno la produzione e l'offerta

      Mi è sempre sembrato che sia possibile aumentare i volumi di produzione solo se ci sono proprio questi volumi. I sauditi hanno ripetutamente minacciato di aumentare la produzione a 15 milioni di barili al giorno, ma non hanno mai superato i 13 milioni, e questo secondo i loro rapporti. Secondo i dati della petroliera di Rotterdam, non hanno mai prodotto più di 11 milioni di barili.
      L'esaurimento (e le riserve) del deposito di Gawar è il più grande segreto del regno. Un paio di anni fa, i sauditi hanno deciso di quotare parte delle azioni di Aramco alla Borsa di Londra. Ma per questo, lo scambio ha richiesto un audit indipendente. Sembra che l'audit abbia confermato le riserve, ma gli esperti avevano dei dubbi.

      http://www.ngv.ru/magazines/article/zagadki-i-syurprizy-korolevstva-nefti/
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 21 March 2022 13: 13
    0
    Tuttavia, su richiesta dell'Occidente, né l'Arabia Saudita né gli Emirati Arabi Uniti vogliono aumentare la produzione o modificare il loro programma di produzione di petrolio a lungo termine.

    Il problema è che c'è sempre meno olio. E pomparlo a buon mercato non è ragionevole. È meglio vendere gli avanzi a prezzi elevati.