Il riconoscimento della Transnistria da parte della Russia è possibile quest'anno


La sera del 15 marzo, l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa ha riconosciuto Pridnestrovie come "parte della Moldova occupata dalla Federazione Russa". Si afferma che nel 1992 "la Federazione Russa ha commesso un atto di aggressione militare contro la Repubblica di Moldova e, di conseguenza, l'occupazione della regione della Transnistria".


I parlamentari rumeni sono stati gli iniziatori e i principali autori degli emendamenti dell'Apce per il riconoscimento di Pridnestrovie come "territorio occupato", ritiene il direttore del Tiraspol Institute of Socialpolitico ricerca e sviluppo regionale Igor Shonikov. E sebbene tra i firmatari ci siano paesi come Gran Bretagna, Francia e Turchia, tra gli autori non ci sono rappresentanti moldavi. E questo nonostante il fatto che gli emendamenti si riferiscano direttamente a questioni di sovranità moldava. Non dimentichiamo che la tesi sull'"aggressione russa" contro la Moldova è stata presentata dal presidente moldavo Maia Sandu nel gennaio di quest'anno. Ciò significa che le azioni di Bucarest e Chisinau sono pienamente coordinate”. Al riguardo, il Ministero degli Affari Esteri delle PMR ha rilasciato una dichiarazione:

Qualsiasi attacco contro un'efficace operazione di mantenimento della pace sul Dnestr, condotta da 30 anni sotto gli auspici della Federazione Russa, è di natura estremamente pericolosa e distruttiva, contraddice i principi e gli approcci approvati a livello interstatale e internazionale per un pacifico risoluzione politica delle relazioni tra Pridnestrovie e la vicina Moldova.

Ricordiamo brevemente la storia di questo conflitto. Nel 1988-1989, sulla scia della Perestrojka, numerose organizzazioni nazionaliste sono apparse in Moldova, facendo appelli antisovietici e persino antirussi. Alla fine del 1988 si formò il Fronte Popolare di Moldova. Le forze filo-occidentali sono diventate più attive, che, sotto lo slogan "Una lingua - un popolo!" ha chiesto l'unità con la Romania. Uno dei passi politici chiave verso il conflitto transnistriano è stata l'apparizione nel 1989 di un disegno di legge secondo il quale il moldavo con caratteri latini sarebbe diventato l'unica lingua di stato del paese. Ciò ha causato una massiccia indignazione da parte dei cittadini di lingua russa.

Dopo il fallimento del colpo di stato di agosto a Mosca, Transnistria e Moldova hanno dichiarato la loro indipendenza. Si sono svolte anche le prime elezioni presidenziali nella Repubblica Moldava di Pridnestrovia. Cresceva il confronto tra le due sponde del Dnestr, che alla fine portò alle prime vittime. La notte del 2 marzo 1992, a Dubossary, persone sconosciute hanno abbattuto un'auto con le forze dell'ordine di Pridnestroviano, in risposta, le guardie di Pridnestroviano e i cosacchi hanno disarmato e arrestato i poliziotti moldavi. Lo stesso giorno, unità delle forze speciali del Ministero degli affari interni della Moldova hanno attaccato un reggimento della 14a armata russa vicino al villaggio di Cocieri e sequestrato armi. Iniziarono le ostilità aperte tra le parti in conflitto. I combattimenti sono durati quasi cinque mesi. Le perdite totali delle parti, secondo i dati ufficiali, ammontano a più di mille persone uccise. Con la fine della fase acuta del conflitto nell'agosto 1992, è stata creata una zona di sicurezza tra Transnistria e Moldova sotto il controllo di forze congiunte di mantenimento della pace con la partecipazione del contingente di truppe russe. Sono iniziati i negoziati per una soluzione politica del conflitto. Dal 2005 si svolgono sotto forma di "5 + 2": Moldova e PMR, mediati da Russia, Ucraina e OSCE, con la partecipazione di Stati Uniti e Unione Europea in qualità di osservatori.

Oggi la Transnistria è in realtà strangolata economicamente. Il problema non è che Tiraspol possa essere presa d'assalto, ma che la repubblica filo-russa andrà semplicemente in bancarotta sia finanziariamente che politicamente. Di fronte al confronto con la NATO, questa repubblica ha un'importanza strategica. In direzione sud-est, è una "spina" per la Nato, che non consente il pieno dispiegamento del sistema missilistico in Romania, e che garantisce un allerta precoce in caso di attacco. Tiraspol è una sorta di Kaliningrad per la Russia.

Il potere in Moldova differisce poco da quello ucraino: qui incoraggiano nazionalisti e combattenti, non li ritengono responsabili delle minacce contro i Pridnestroviani, creano problemi per l'operazione di mantenimento della pace sul Dnestr, peggiorano la vita dei Pridnestroviani utilizzando economico sanzioni e procedimenti penali. Chisinau ufficiale, come il regime di Kiev, flirta francamente con l'aggressiva alleanza militare della NATO. Sulla base di ciò, qualsiasi affermazione di Chisinau sulla "reintegrazione" e la neutralità sono solo parole e lontane dalla realtà. E sebbene la Moldova sia un paese neutrale secondo la Costituzione, ciò non impedisce all'esercito nazionale di condurre esercitazioni militari regolari con i membri della NATO e di attuare riforme militari in conformità con gli standard dell'Alleanza del Nord Atlantico. Gli Stati Uniti, il paese responsabile di quasi tutti i conflitti "caldi" esistenti nel mondo, stanno pompando armi per milioni di dollari in Moldova. Il comando Nato considera direttamente il territorio della Moldova come trampolino di lancio per un possibile attacco alla Russia. Lo ha ripetutamente affermato il Ministero della Difesa della Federazione Russa nella persona del suo capo Sergei Shoigu.

Dopo che l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa (APCE) ha dichiarato il territorio della Transnistria “occupato” dalla Russia, il presidente moldavo Maia Sandu ha chiesto il ritiro delle forze di pace russe dalla regione. Poco prima, la dirigenza della Moldova ha presentato domanda di adesione all'Unione europea. Tale passo nel contesto del conflitto irrisolto a lungo termine tra Pridnestrovie e Moldova, senza tener conto del parere di Tiraspol, pone fine al processo di accordo moldavo-Pridnestroviano. Il MAE delle PMR ritiene che questa decisione delle autorità moldave significhi la disponibilità a trasferire la sovranità della Moldova a organismi sovranazionali a Bruxelles e il passaggio all'ultimo sviluppo militare-politico ed economico del territorio della Moldova da parte dell'Occidente.

Così, per la Russia, come garante della sicurezza nel conflitto moldo-pridnestroviano, dopo l'ingresso delle truppe russe al confine con Pridnestrovie dalla regione di Odessa in Ucraina, diventa possibile revocare completamente il blocco e un ulteriore riconoscimento di Pridnestrovie su un pari a DPR e LPR già quest'anno.
33 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
    alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 21 March 2022 12: 41
    +6
    Perché .. Non è una cattiva idea ... A proposito .. tagliare un solido pezzo di Durkaina al PMR. È lo stesso che lo stato non ha avuto luogo. Sembra che i Rusyn non siano lontani. richiesta
    1. Nikolaevich I Офлайн Nikolaevich I
      Nikolaevich I (Vladimir) 21 March 2022 13: 23
      -1
      Citazione: Aleksey Alekseev_2
      Lì, a quanto pare, i Rusyn non sono lontani e sono stati a lungo strappati alla composizione della Russia

      Hai una macchina da taglio? che cosa Ciò che era, era... ciò che era, tende a passare! I Rusyn sono stati a lungo soggetti alla soppressione delle loro "preferenze" e alla propaganda attiva dall'Ungheria! Inoltre, non dimenticare che ci sono anche territori che facevano parte della Cecoslovacchia prima della seconda guerra mondiale! Quindi, ci saranno più persone che desiderano unirsi all'Ungheria ...
      1. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
        alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 21 March 2022 16: 26
        +3
        Ma non si sa mai cosa è successo .. La storia è scritta dai vincitori .. A proposito .. che tipo di stato è la Cecoslovacchia Se la Russia è il successore legale dell'URSS Allora chi è il successore legale della Cecoslovacchia? richiesta
  2. wolf46 Офлайн wolf46
    wolf46 21 March 2022 13: 04
    +3
    In primo luogo, è necessario liberare la regione di Odessa e annettere l'intero sud-est dell'ex Ucraina alla Russia, per non ottenere una seconda enclave simile a Kaliningrad.
    1. Nikolaevich I Офлайн Nikolaevich I
      Nikolaevich I (Vladimir) 21 March 2022 13: 32
      +3
      Citazione: wolf46
      annettere l'intero sud-est dell'ex Ucraina alla Russia

      O forse non è necessario lottare per entrare in Russia? Si può vivere insieme (e gestire...) e nel quartiere! Esempio: Abkhazia e Ossezia del Sud... Forse è meglio creare la FRN (Repubblica Federale della Nuova Russia)? E poi sarà più visibile! Se le repubbliche vogliono aderire volontariamente alla Federazione Russa, siete i benvenuti!
      1. wolf46 Офлайн wolf46
        wolf46 21 March 2022 15: 39
        +4
        1) È necessario liberare la regione di Odessa;
        2) Sono d'accordo che la decisione finale sulla questione della struttura statale del Sud-Est spetta alla popolazione locale (il diritto all'autodeterminazione).
        Ci sono basi militari russe in Abkhazia, Ossezia del Sud e Transnistria a garanzia degli interessi della Russia e dell'esistenza pacifica delle repubbliche non riconosciute. Con la partenza delle truppe russe dai territori liberati dell'ex Ucraina, è garantito l'inizio delle repressioni e l'ingresso di strutture Nato (esempio Georgia, Serbia).
    2. ustal51 Офлайн ustal51
      ustal51 (Alexander) 21 March 2022 18: 52
      0
      E allo stesso tempo, la Moldova, per porre fine alla noiosa resa dei conti. Sandu a Mandy.
  3. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
    TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 21 March 2022 13: 07
    +6
    Tenendo conto degli ultimi eventi nel mondo, non ha senso fare altre cazzate con i rumeni oi moldavi lì. Sì, e non lo era. Questa gelida prostituta Sanda è stata preparata per questo, per fare del male a poco a poco. Cosa che fa. Pertanto, riconoscere e accettare inequivocabilmente (se necessario). E i moldavi con i rumeni, se c'è da avvertire che abbiamo molto Calibro. Questi zingari capiranno tutto in una volta, anche se sono stupidi dalla nascita. E il loro vino è spazzatura!
  4. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 21 March 2022 13: 09
    0
    La sera del 15 marzo, l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa ha riconosciuto Pridnestrovie come "parte della Moldova occupata dalla Federazione Russa".

    Al referendum del 17 marzo 1991, la stragrande maggioranza degli abitanti dell'URSS ha votato inequivocabilmente per la conservazione dell'URSS. La Russia è il successore generalmente riconosciuto dell'URSS. E l'opinione di tutti, inclusi i separatisti moldavi, potrebbe non essere interessante per la Russia.
    1. Kim Rum Eun Офлайн Kim Rum Eun
      Kim Rum Eun (Kim rum yn) 21 March 2022 20: 41
      -1
      Entro il 17 marzo 91, l'URSS aveva praticamente cessato di esistere, quindi questo referendum era completamente privo di significato. Sei repubbliche non vi hanno partecipato affatto. L'Ucraina sembrava parlare a favore dell'URSS e pochi mesi dopo, esattamente allo stesso modo, si espresse a favore dell'"Ucraina sovrana e indipendente". Solo l'Asia centrale si è espressa inequivocabilmente a favore.

      A proposito, il 15 marzo i "separatisti moldavi" di PACE sono rimasti completamente in silenzio. La questione è stata esaminata su richiesta dell'Ucraina.
  5. Kim Rum Eun Офлайн Kim Rum Eun
    Kim Rum Eun (Kim rum yn) 21 March 2022 13: 31
    -1
    Dopo il fallimento del colpo di stato di agosto a Mosca, Transnistria e Moldova hanno dichiarato la loro indipendenza.

    Non è. La dichiarazione sulla formazione del TMSSR è stata adottata il 02 settembre 1990, cioè prima del colpo di stato di agosto.

    Oggi la Transnistria è in realtà strangolata economicamente.

    La vicina Moldova viene strangolata allo stesso modo. Pridnestrovie effettua le sue esportazioni attraverso Chisinau.

    Il potere in Moldova differisce poco da quello ucraino.

    Il paragone è del tutto assurdo.

    dopo che le truppe russe hanno raggiunto il confine con Pridnestrovie dalla regione di Odessa in Ucraina, diventa possibile revocare completamente il blocco e un ulteriore riconoscimento di Pridnestrovie alla pari con DPR e LPR già quest'anno.

    Le truppe russe non hanno ancora raggiunto il confine con la Transnistria.
    Non c'è blocco nel puro senso della parola (blocco di Leningrado). C'è, per così dire, l'inserimento di bastoncini nelle ruote.
    "Un ulteriore riconoscimento della Transnistria" darà ancora più negatività alla situazione internazionale e non porterà praticamente alcun beneficio alla Russia.
    1. Victorio Офлайн Victorio
      Victorio (Vittorio) 21 March 2022 13: 41
      +5
      Citazione: Kim Rum Eun
      praticamente non dà alcun vantaggio alla Russia.

      Penso che all'Occidente non importi per cosa, quando imporre sanzioni, ma per gli abitanti della Repubblica della Transnistria il riconoscimento, più un corridoio verso il mare, aiuterà molto. cosa è pianificato lì e cosa accadrà con Odessa è ancora una domanda
      1. Kim Rum Eun Офлайн Kim Rum Eun
        Kim Rum Eun (Kim rum yn) 21 March 2022 20: 34
        0
        ma per i residenti della PMR, il riconoscimento, oltre a un corridoio verso il mare, sarà di grande aiuto

        Questa è una sciocchezza.
        Il riconoscimento da parte della Russia non ha aiutato in alcun modo gli abitanti dell'Abkhazia: l'intera Abkhazia è seduta tra le rovine dei tempi dell'URSS e attende che la Russia la accetti nella sua composizione e ricostruisca tutto, come era prima.
        A proposito, l'Abkhazia ha da tempo accesso al mare.
        1. Victorio Офлайн Victorio
          Victorio (Vittorio) 22 March 2022 20: 58
          0
          Citazione: Kim Rum Eun
          ma per i residenti della PMR, il riconoscimento, oltre a un corridoio verso il mare, sarà di grande aiuto

          Questa è una sciocchezza.
          Il riconoscimento da parte della Russia non ha aiutato i residenti dell'Abkhazia: l'intera Abkhazia è in rovina tempi dell'URSS e attende che la Russia la accetti nella sua composizione e ricostruisca tutto, come era prima.
          Tra l'altro, L'Abkhazia ha da tempo accesso al mare .

          - questa è una domanda per l'Abkhazia stessa.
          - l'accesso al mare/porto delle PMR è necessario per l'approvvigionamento/commercio aggirando i confini di altri paesi
  6. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 21 March 2022 13: 44
    +4
    Sembra essere l'informazione di oggi da Washington. Qualcosa del tipo "Gli stati non invieranno truppe nel territorio dell'Ucraina. Ma tratteranno un simile passo con comprensione da parte di alcuni membri della NATO".
    Si tratta di una mancata preparazione per la divisione dell'Ucraina? Esattamente la stessa decisione può essere presa per quanto riguarda la Moldova. Se improvvisamente la Romania vuole inviare truppe "per proteggere la sovranità della Moldova".
    La cattura della regione di Odessa e l'accesso al confine con la Transnistria dovrebbero rientrare nell'elenco delle priorità.
  7. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 21 March 2022 14: 05
    +1
    Durante il mese delle ostilità, non è stata occupata una sola grande città di oltre un milione di abitanti. Di questo passo, la guerra si trascinerà per più di un anno, cosa che chiaramente non è inclusa nei piani della Federazione Russa.
    Non si sa cosa si intenda con l'assenza di rivendicazioni territoriali e la possibile privazione della statualità dell'Ucraina.
    Una cosa è nota: il riconoscimento del DPR e dell'LPR e l'acquisizione della statualità da parte loro.
    Pertanto, è in qualche modo prematuro parlare di riconoscimento dell'indipendenza della PMR oggi, non prima
    1. Awaz Офлайн Awaz
      Awaz (Walery) 21 March 2022 14: 44
      -3
      purtroppo sono d'accordo Ora è ovvio a tutti che la situazione si sta sviluppando lontano dal piano dello Stato maggiore della Federazione Russa. Lascia che ti ricordi che le autorità russe hanno inizialmente chiuso lo spazio aereo dal 24 febbraio al 3 marzo. Cioè, hanno assegnato 1 settimana per l'operazione. Il territorio dell'Ucraina non può essere catturato in una settimana, tenendo conto delle forze che vi sono state inviate. Cioè, il calcolo riguardava la sorpresa e la "sottilezza" dell'operazione, fallita già il secondo terzo giorno. Non avendo raggiunto i risultati iniziali, iniziò una guerra di logoramento con la presa di territori che non l'avrebbero presa, ma vi inviarono truppe solo per frenare il trasferimento di rinforzi nel Donbass. Ecco perché ci sono state dichiarazioni sull'assenza di rivendicazioni territoriali. Pertanto, dietro l'avanzata non è stata organizzata la creazione di organi di governo del lavoro, con la speranza di negoziare con gli enti locali. Ma tutto è caduto sulle spalle delle truppe che avanzano, che non sanno come risolvere questi compiti e sono fisicamente incapaci, poiché le truppe erano già poche sin dall'inizio. Ora, rendendosi conto che è già inutile negoziare con le autorità ucraine, si sta tentando di impossessarsi dei territori. Non so per quale scopo, ma suppongo che stiano cercando di spremersi lungo il Dnepr e in Transnistria, possibilmente con Kiev, possibilmente con alcune altre regioni. Non c'è abbastanza forza per andare oltre. L'esperienza di Mariupol dice che è inutile prendere la città. Ad un certo punto inizierà l'asta. Inoltre, la posizione della Russia qui sta perdendo sotto tutti gli aspetti. Le autorità ucraine non si preoccupano profondamente del loro popolo e nemmeno dei guerrieri. Si preoccupano del clamore dell'enorme numero di rifugiati, dell'enorme numero di vittime e della distruzione catastrofica. E più c'è, più redditizio sarà per Zelensky e i suoi sponsor. La guerra, al momento, è andata secondo lo scenario degli Stati Uniti. Per la Russia sta emergendo una situazione di stallo. Non è più possibile smettere, ma andare oltre, se a Leopoli, allora questo non è un anno, con un'enorme distruzione di vittime e esaurimento dell'economia. Alla fine, anche coloro che rimangono neutrali inizieranno a risentirsi per la distruzione e le perdite subite da entrambe le parti. Sì, e la loro stessa popolazione comincerà presto a fare domande.
      Inoltre, l'avevo ipotizzato già il 4° giorno di guerra, quando non era possibile circondare immediatamente il raggruppamento dell'APU attorno al Donbass.
      1. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
        Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) 21 March 2022 16: 32
        0
        E perché un predittore e uno stratega così "brillante" non si trova nel centro analitico del Ministero della Difesa della RF ???
        1. Awaz Офлайн Awaz
          Awaz (Walery) 21 March 2022 17: 20
          0
          beh, ce ne sono abbastanza altri, più geniali ..
          non ci crederai, ma molto prima della guerra, una volta ho visto in TV come tutti i tipi di propagandisti parlavano di cosa sarebbe successo se la Russia avesse deciso di prendere il Donbass dai resti dell'Ucraina con la forza. Persone che non hanno assolutamente alcuna conoscenza degli affari militari, per lo più politici, analisti e solo propagandisti, in generale, hanno appena discusso del fatto che gli eventi si sarebbero sviluppati più o meno nello stesso modo in cui sono ora. Inoltre, nessuno credeva che ci sarebbe stata una guerra, ragionavano semplicemente per ipotesi. Tutto è come adesso: le forze armate ucraine e i nazisti (beh, hanno solo nazisti come Azov) si nasconderanno nelle città e questo porterà alla distruzione e alla negatività della popolazione locale, hanno detto che Zelensky non sarebbe stato permesso pensare alle persone e sarebbe lungo e ostinatamente rifiutato di arrendersi, e così via. È vero, molti speravano che ciò non sarebbe durato a lungo, sebbene ricordassero anche la partigianeria.
          Vedete, non ci vuole molta intelligenza per suggerire lo sviluppo. Se non mi credi, puoi trovare le mie ipotesi sullo sviluppo della situazione scritte il 26-28 febbraio su Topvar ... Quelle mie parole corrispondono pienamente a ciò che sta accadendo.
          Poi sono stato gravemente declassato. Ora quasi non meno .. Questo la dice lunga. Oggi ho letto un post di Sladkov (un giornalista alla penna nel Donbass ora) Anche nelle sue parole, le note di incomprensione sul perché tutto sta andando così hanno già iniziato a scivolare ...
      2. GIS Офлайн GIS
        GIS (Ildo) 21 March 2022 17: 27
        0
        secondo me stai esagerando nessuno dedicherà il 100% ai piani dello Stato Maggiore della Federazione Russa né prima, durante né dopo l'operazione.
        L'evoluzione della situazione da parte degli analisti è presupposta in tutte le opzioni, e ciascuna ha il proprio piano d'azione. Per questo sono analisti. e andrà avanti fino alla fine. altrimenti è impossibile. ei nostri nonni non hanno liberato il territorio dell'Ucraina per darlo ai magiari e ad altri pshek per un pizzico di tabacco. Il PIL ha detto che avrebbe mostrato la decomunizzazione, ma non ha parlato di cambiare i risultati della seconda guerra mondiale.
        Penso che presto anche la Moldova "spezzerà" la denazificazione se continua a essere isterica e si piega per il gas gratuito dalla Federazione Russa
      3. Victorio Офлайн Victorio
        Victorio (Vittorio) 22 March 2022 21: 00
        0
        Citazione: AwaZ
        La situazione si sta sviluppando tutt'altro che secondo il piano dello Stato maggiore della Federazione Russa.

        conoscevate i piani dello stato maggiore, i tempi dell'operazione? Sarebbe interessante fare conoscenza, anche se in termini generali
        1. Awaz Офлайн Awaz
          Awaz (Walery) 22 March 2022 21: 23
          0
          mmm.. certo che no. Solo se lo stato maggiore della Federazione Russa presumesse che in un mese di combattimenti anche Donetsk sarebbe stato bombardato, beh, allora non capisco qualcosa.. Sai perché ora stanno sfondando le difese in direzione di Marinka e Andreevka ? Questo è solo perché non ha funzionato per circondare e guidare nella caldaia, e il bombardamento è avvenuto come è successo ... Le autorità russe hanno prima chiuso il cielo per una settimana - questo dice molto .. Sì, e tutti ricordano cosa le autorità dissero il 24 e il 25 e persino il 26, poi la loro abilità iniziò a diminuire ... Ancora una volta, parole e azioni che si escludono a vicenda: sembra che il comandante supremo proibisca di prendere le città, ma prima hanno cercato di ripulire Kharkov, poi hanno cercato di contrazioni a Nikolaev, senza successo ovunque, e poi hanno già deciso di finire Mariupol. Ci sono molti altri punti che dicono che lo Stato Maggiore non si aspettava un tale sviluppo della situazione. Bene, forse l'hanno ipotizzato da qualche parte, ma nello scenario più negativo e improbabile ...
          In generale, se stavano per ottenere la resa (e ne parlavano nei primi giorni), allora era necessario circondare e intasare immediatamente l'intero gruppo attorno al Donbass e poi lanciare ultimatum. Ciò in cui si sta riversando l'operazione è un'occupazione viscosa con vittime e distruzione. Al ritmo con cui tutto si sta muovendo, al momento, l'occupazione richiederà almeno sei mesi o addirittura un anno. Le vittime saranno colossali. La distruzione è semplicemente fatale. No, se lo Stato Maggiore ci conta, allora forse è ora di chiudere gli occhi e mandare tutto a puttane adesso per non tirare fino alla caduta. Stanno ripulendo Mariupol già da due settimane, prendendone la metà al massimo. E questa è una città. E ci sono più di una dozzina di grandi città in Ucraina. LORO allora come li prenderemo? Proprio come Mariupol. Ma ci sono città diverse volte più grandi di questo centro distrettuale...
          1. Victorio Офлайн Victorio
            Victorio (Vittorio) 23 March 2022 13: 06
            0
            Citazione: AwaZ
            Questo è solo perché non ha funzionato per circondare e guidare nella caldaia, e il bombardamento è avvenuto e continua ad accadere ...

            ? la distanza da Melitopol a Kharkov è di circa 400 km, sembra essere bloccata e non contavano, tranne che ogni sorta di esperti e giornalisti strombazzavano su di esso.

            Citazione: AwaZ
            E ci sono più di una dozzina di grandi città in Ucraina

            con una popolazione inferiore a 500mila, di cui nove
            1. Awaz Офлайн Awaz
              Awaz (Walery) 23 March 2022 16: 34
              0
              Il gruppo principale fino a 100 mila incombeva su Donetsk e Luhansk, in particolare la direzione di Donetsk. Per presentare almeno qualcosa a Zelensky, era necessario bloccare questo gruppo in qualche modo, dove con le caldaie, dove con i bombardamenti quotidiani, non permettendo loro di respirare o scoreggiare. Racconto la mia logica basata sul buon senso. Ho anche ragionato sul fatto che l'introduzione di truppe russe da sud, nord e nord-est non implicava quasi nessun tipo di ostilità. Dal punto di vista logico, solo la creazione di un gruppo di truppe nelle vicinanze di Kiev può essere considerata ragionevole, tutto il resto dovrebbe essere impegnato a ritirare la riserva in modo che non possano andare nel Donbass. Inoltre, naturalmente, bombardamenti giornalieri dall'aria o missili di strutture aeronautiche strategiche di difesa aerea, magazzini, ecc. Ma tutto è andato storto. La resistenza delle forze armate ucraine è diventata improvvisamente seria e se sono riuscite a sfondare la prima linea vicino a Luhansk, allora vicino a Donetsk c'era uno zero completo in termini di movimento. Ancora una volta, le forze delle forze armate ucraine della regione di Kharkov hanno iniziato a schiacciare il gruppo di Luhansk della LPR, poiché le forze armate della Federazione Russa hanno fatto un po' di casino lì. Sembra che il comandante in capo dica che non ci arrampichiamo nelle città, ma qualcuno ha deciso di prendere Kharkov e Nikolaev, inoltre, senza successo. Ciò ha notevolmente sollevato lo spirito delle forze armate ucraine e hanno iniziato a combattere con ancora maggiore forza nella speranza di vincere. Di nuovo, quando tutto andò come andava, invece di gettare tutte le loro forze nel trucco del corridoio per Mariupol dalla Crimea, iniziarono a lavorare con immondizia in direzione di Zaporozhye, disperdendo il già piccolo contingente.
              Capisco che nessuno dirà mai la verità. È solo che la logica dice che il calcolo è stato rapido per suscitare l'intera faccenda. È improbabile che qualcuno nello stato maggiore avesse un piano del genere per occupare lentamente e sistematicamente i resti dell'Ucraina, con la pulizia delle città.
              A proposito di città. Ebbene sì, ce ne sono 10 grandi in regione, ma ce ne sono anche di non molto grandi, lo stesso Uvetta, che resiste anche lui, essendo quasi circondato. Quanto hai preso? Cammina sul campo fino ad ora sotto assedio, non solo seduto, ma combattendo ...
              Naturalmente, si può presumere che dopo aver distrutto le principali forze pronte al combattimento, sarà più facile, ma è improbabile. Avendo appreso le tattiche che portano il massimo danno alle truppe che avanzano, anche tutti i tipi di bastardi correranno nelle aree urbane e terrorizzeranno le nostre forze, dato il livello di propaganda e lavaggio del cervello. Anche se sono stati tutti portati a Leopoli, continueranno comunque a combattere fino all'ultimo civile ..
              Ora le Forze Armate della Federazione Russa sono sistematicamente e sotto il gioioso galoppo delle autorità ucraine e degli Stati Uniti, stanno distruggendo città e paesi della riva sinistra dell'Ucraina, terrorizzando anche gli abitanti di questi territori. Allo stesso modo, l'APU è felice di aiutarti. E ora, se ripuliamo la riva sinistra dell'Ucraina (beh, diciamo entro l'estate), rimane un deserto distrutto. Cosa fare con lei allora? Ebbene, se pensi che questo sia il piano di Stato Maggiore... Allora sì, mi sbaglio. Solo una cosa non è chiara: cosa si fosse per allora a parlare nei primi giorni dell'operazione di un intervento chirurgico delicato e unico. E queste non sono le parole di "analisti" e "blogger" ..
    2. isofat Офлайн isofat
      isofat (isofat) 21 March 2022 16: 12
      0
      Jacques sekavar, ma non conosco tutti i piani della Federazione Russa. sorriso
    3. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
      alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 21 March 2022 16: 37
      0
      Non abbiate paura, perché occupare città con oltre un milione di abitanti, moriranno di fame. Un altro mese e mezzo La logistica di Durkaina è rotta del 50%.
      1. GIS Офлайн GIS
        GIS (Ildo) 21 March 2022 17: 33
        0
        lì nelle città alle persone giuste e sbagliate il cielo presto sembrerà una pelle di pecora ... sono entrambi dispiaciuti e non dispiaciuti allo stesso tempo ...
        ciascuno da solo è debole per opporsi al sistema della dittatura (e lì vedo proprio la dittatura che ha soppresso ogni dissenso), sostenuto da teppisti armati, che, a quanto ho capito, hanno diradato quasi tutti coloro che non sono d'accordo. e possiamo ancora imparare molte cose terribili dopo la fine di questa operazione.
        Dio non voglia, salva i civili ei nostri soldati che partecipano all'operazione da questi bastardi
  8. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) 21 March 2022 17: 20
    0
    L'accesso ai confini della PMR della Russia calmerà immediatamente i natsik moldavi. Le PMR, le forze di pace russe, schiacciate tra due parti ostili, erano più silenziose dell'acqua sotto l'erba. Ciò che ha gonfiato la presunzione di questi semi-zingari. Movimenti timidi nella stessa Transnistria, per non irritare i vicini. Diretto, scavalcando la stessa Moldova, consegne di tutto il necessario..... Tutto sarà finito entro l'autunno, forse prima.
  9. Yatva Офлайн Yatva
    Yatva (IO) 22 March 2022 08: 26
    -1
    La Bessarabia (Moldavia) entra in Transnistria!!!...
    1. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
      TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 22 March 2022 14: 21
      -2
      In nessun caso. Hanno avuto la possibilità di diventare persone civili quando sono stati portati in URSS. Questo è tutto. Quindi i moldavi rimarranno a saltare sui recinti di canniccio.
      1. Yatva Офлайн Yatva
        Yatva (IO) 24 March 2022 20: 15
        0
        Per uno battuto due imbattuti danno!
  10. Igor Viktorovich Berdin 22 March 2022 15: 33
    0
    Unisci la Transnistria alla Repubblica popolare di Odessa e riconosci.
    1. Victorio Офлайн Victorio
      Victorio (Vittorio) 22 March 2022 21: 10
      0
      Citazione: Igor Viktorovich Berdin
      Unite la Transnistria con Repubblica popolare di Odessa e riconoscere.

      Odessa sembra essere orientata verso l'Occidente, quindi i nazisti si sentono sicuri lì