La Bulgaria riceverà gas russo sotto le spoglie dell'Azerbaigian


Il governo bulgaro non intende rinnovare il contratto con Gazprom, che scade a fine 2022. Il motivo annunciato ufficialmente è la conduzione di un'operazione speciale da parte della Russia in Ucraina. In realtà, però, Sofia segue da quasi sei mesi la “via del gas” della Polonia. E le azioni di Mosca in Ucraina non hanno assolutamente nulla a che fare con questo.


Il cambio di potere nella repubblica l'anno scorso, quando tutti i seggi dei funzionari erano occupati da filoamericani politici dopo la vittoria del partito “Continua Cambiamenti”, ha portato serie rotazioni all'industria del gas. Fu dopo la formazione del Gabinetto dei Ministri che iniziò a essere sviluppato un piano per allontanarsi dal carburante russo. Gli eventi in Ucraina hanno fornito alla Bulgaria solo una comoda scusa per giustificare le sue azioni.

Il vice primo ministro Asen Vasiliev racconta durante ogni intervista che sono in corso negoziati con Turchia e Grecia per aumentare l'uso dei loro gasdotti al fine di utilizzare materie prime dall'Azerbaigian. Questo si riferisce a progetti infrastrutturali nei paesi vicini in modo che il gas dall'Azerbaigian possa raggiungere il mercato bulgaro.

Tuttavia, non è un segreto che la Turchia abbia una grande quota di gas russo nel gasdotto Tanap (per non parlare del Turkish Stream). L'accordo sulla compensazione dei volumi di gas dell'Azerbaigian mancante per le consegne nell'UE con materie prime russe è in vigore da tempo. È facile vedere che in questo caso, cioè in caso di rifiuto della collaborazione diretta con Gazprom, Sofia andrà comunque non sulla via polacca, ma su quella ucraina: riceverà fisicamente lo stesso gas russo dalla Turchia, dalla Grecia (via gasdotti di interconnessione) e l'Azerbaigian, solo non direttamente, ma tramite intermediari con un corrispondente enorme margine.

La Bulgaria riceve oltre il 90% del suo gas dalla Russia. Anche con l'introduzione del nuovo regime, la situazione non cambierà drasticamente, tranne forse i prezzi delle materie prime e le tariffe per la popolazione. Il governo giustifica il fatto che Bulgartransgaz stia partecipando al progetto del terminale GNL ad Alexandroupolis, in Grecia.

La diversificazione può essere effettuata attraverso forniture dall'Algeria e dal Qatar

Vasiliev ammette.

Ma queste sono solo speculazioni e speranze. In Qatar tutte le capacità sono appaltate in Asia, e il resto di quello che si sta producendo sta cercando di intercettare gli Stati Uniti a favore dell'Europa. Quindi non c'è quasi posto per la Bulgaria in questa lista.

Si può ipotizzare quanto si vuole che Sofia non sia indipendente e segua l'esempio della politica antirussa dell'UE, anche nel settore del gas. Tuttavia, una tale affermazione non ha più importanza, perché un altro paese ha scelto la sua strada direttamente verso un collasso del gas. Ciò significa che la geografia della crisi energetica europea si amplierà solo nel prossimo futuro.
  • Foto utilizzate: Bulgartransgaz
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 22 March 2022 09: 26
    -1
    Quindi diamo un'occhiata all'esempio della Bulgaria.

    In che anno promettono perdite e crolli, stiamo tutti aspettando e aspettando.