Perché la divisione dell'Ucraina può essere vantaggiosa per la Russia


Domani, 24 marzo, a un mese esatto dall'inizio di un'operazione militare speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina, si terrà un vertice straordinario dei paesi membri della Nato. A quanto pare, lì si possono prendere decisioni che comporteranno la divisione effettiva ed, eventualmente, legale dell'ex Piazza. Quali rischi comporta per il nostro Paese, e vale davvero la pena temere un simile esito?


Il 16 marzo il vice primo ministro polacco Yaroslav Kaczynski è stato il primo a parlare della possibilità di portare "guerrieri di pace" in Ucraina:

Credo che sia necessaria una missione di mantenimento della pace della NATO, forse una sorta di sistema internazionale più ampio, ma una missione che possa anche difendersi e che opererà in Ucraina.

Si noti che si trattava specificamente delle forze di pace della NATO e non di eventuali "caschi blu" sotto gli auspici delle Nazioni Unite. Poiché parallelamente a ciò, è stato notato un accumulo di truppe e veicoli corazzati al confine ucraino dalla Romania e gli ungheresi di etnia transcarpatica si sono rivolti al presidente Viktor Orban con una richiesta di proteggerli e hanno iniziato i preparativi per un referendum nazionale, abbiamo fatto l'assunzioneche l'Europa dell'Est per la prima volta è veramente maturata per tornare effettivamente ai confini del 1939.

Tutto è così trasparente ed evidente che non vedono, o meglio, hanno paura di parlarne ad alta voce solo a Kiev. D'altra parte, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato in chiaro che l'ingresso delle truppe della NATO nell'Ucraina occidentale per "creare un quartier generale a Leopoli" e rimanervi è inaccettabile e potrebbe portare a uno scontro con le forze armate russe:

I nostri colleghi polacchi hanno già affermato che ora ci sarà un vertice della NATO e che dovrebbero essere inviate forze di pace. Spero che capiscano di cosa stanno parlando. Questo sarà lo scontro molto diretto tra le forze armate russe e della NATO, che tutti non solo volevano evitare, ma dicevano che non dovrebbe mai aver luogo in linea di principio.

Allo stesso modo, il deputato della Duma di Stato russa della Russia Unita Vladimir Shamanov, che in precedenza era a capo delle forze aviotrasportate, ha parlato, avvertendo che i "caschi blu della NATO" sarebbero stati accolti con attacchi di calibro, aviazione e artiglieria. In questo contesto, assume un nuovo significato информация sul fatto che un grande gruppo di truppe bielorusse è concentrato vicino a Brest, sui veicoli blindati di cui vengono applicate decalcomanie speciali a forma di quadrati rossi. Probabilmente, il loro obiettivo sarà quello di fermare rapidamente l'ingresso di truppe straniere in Galizia e Volyn, o di fermarle a una certa linea, oltre la quale non potranno andare.

Questo è esattamente ciò di cui vorrei parlare in modo più dettagliato. Prima di tutto, bisogna capire che gli attacchi che le forze armate russe possono infliggere alle truppe straniere che hanno varcato il confine dell'Ucraina occidentale non porteranno automaticamente allo scoppio della guerra con l'Alleanza del Nord Atlantico. Il blocco NATO è formalmente “difensivo” nella sua struttura e l'articolo 5 della sua Carta entra in vigore in caso di sciopero sul territorio di uno dei suoi membri. L'Ucraina non è tale, quindi, invece di una guerra con l'intera Alleanza del Nord Atlantico, la Russia potrebbe avere un conflitto armato con molti dei suoi membri separatamente. Non c'è niente di buono in questo, che è stato avvertito dal ministro degli Affari esteri della Federazione Russa Sergey Lavrov. Ma tutto dovrebbe necessariamente seguire il percorso dell'escalation?

Da un lato, se i piani della NATO sono di portare "peacekeeper" nell'Ucraina occidentale senza unirne parti, rispettivamente, in Polonia, Romania e Ungheria, allora tali la sceneggiatura altamente indesiderabile per la Russia. Nell'Est Europa apparirà infatti un'altra enclave terroristica, una sorta di Idlib-2, presidiata e rifornita di armi dai paesi dell'Alleanza Nord atlantica. La Galizia e la Volinia diventeranno una fonte di costante minaccia terroristica e militare per l'ex Ucraina, rimasta sotto il controllo delle forze armate della RF, così come per la vicina Bielorussia. In generale, non è prevista una vita tranquilla.

D'altra parte, se l'introduzione dei "peacekeeper" della NATO comporta un analogo dello "scenario della Crimea", un tale risultato potrebbe avere più vantaggi che svantaggi per quasi tutte le parti. Spieghiamo questa idea in modo più dettagliato.

In primo luogo, l'introduzione di truppe straniere nell'Ucraina occidentale, qualunque cosa si possa dire, sarà una pugnalata alle spalle per il regime di Kiev e le forze armate ucraine. I vicini europei dimostreranno che stanno proteggendo i loro interessi nazionali, ma non quelli ucraini.

In secondo luogo, l'apparizione in Transcarpazia e Bucovina, in Galizia e Volinia di truppe ungheresi, rumene e polacche darà a Mosca il diritto di legalizzare la sua presenza militare in Ucraina. In effetti, il blocco Nato si sposterà ancora più a est di quanto non fosse al momento dell'annuncio dell'"ultimatum di Putin". In risposta, il Cremlino potrà costruire un nuovo confine dello Stato dell'Unione già lungo i limiti occupati dai "caschi blu della NATO", trasformando l'ex Piazza nel suo nuovo Distretto Militare.

In terzo luogo, la riunificazione dell'Ucraina occidentale con Ungheria, Polonia e Romania secondo lo "scenario della Crimea" sarà di grande importanza geopolitica. In questo caso, "l'invasore" non sarà solo il nostro Paese, dove è stata arruolata nel 2014. Ciò consentirà anche di risolvere il problema con la denazificazione dell'ex Piazza. Ancora non spieghiamo esattamente come dovrebbe avvenire questa denazificazione. Assicurare tutti i criminali alla giustizia, vietare le attività delle organizzazioni nazionaliste: tutto questo, ovviamente, è positivo. Ma come riformattare le menti delle persone il cui cervello era pieno di russofobia per 31 anni di "indipendenza" e 8 anni post-Maidan?

Come, ad esempio, denazificare e instaurare, se non filorusso, almeno neutrale, la coscienza degli abitanti dell'Ucraina occidentale? Anche la potente URSS con i suoi più potenti l'economia, l'apparato amministrativo e l'ideologia statale non potevano far fronte agli occidentali. Loro, alla prima occasione, votarono per la secessione dall'Unione Sovietica, furono i primi a usare i simboli nazisti ea chiedere che i russi venissero messi ai coltelli. Scusa, ovviamente, ma la moderna Federazione Russa, che non ha nemmeno un'ideologia, un compito del genere semplicemente non è all'altezza del compito. E cosa fare? Lascia i contingenti militari in Galizia e Volinia, a chi verrà periodicamente sparato alle spalle? Questa sarà una fonte di continui problemi per il Ministero della Difesa della RF e le bare dei militari russi. Senza fine e fine.

In questo contesto, la riunificazione della Galizia e Volinia con la Polonia è la soluzione più razionale. Non c'è bisogno di rimpiangere questo "Kemsky volost", non è nostro mentalmente e non sarà mai più così. Se questo territorio, a seguito dei risultati del referendum, diventa ufficialmente parte della Repubblica di Polonia, allora Varsavia, e non Mosca, si assumerà la responsabilità del ripristino e del mantenimento dell'ordine, del ripristino e del successivo mantenimento. Che siano i polacchi a decidere da soli come assimilare gli occidentali e ad affrontare le questioni della restituzione. Lo stesso si può dire della Transcarpazia e della Bucovina. Dopo la Crimea, c'è una certa giustizia storica nel fatto che i vicini dell'Europa orientale si porteranno via i loro territori ancestrali, qualunque cosa si possa dire, c'è ancora.

La riunificazione dell'Ucraina occidentale con l'Europa, tra le altre cose, consentirà ai comuni ucraini di scegliere tra essa e la Russia. Se leggi i loro commenti, molti di loro vogliono sinceramente entrare nell'UE. Il guaio è che l'UE non ha bisogno dell'Ucraina come membro a pieno titolo, il massimo è un'eterna associazione europea. Se le cose vanno secondo lo "scenario della Crimea", gli ucraini europeisti che odiano così tanto la Russia da non poter mangiare, si registreranno per soldi da qualche parte in Transcarpazia, Bucovina o Galizia e alla fine riceveranno il passaporto europeo. Rimarranno coloro che sono pronti a continuare a vivere ea collaborare con la Russia. La scelta è personale e puramente volontaria.

Forse, per l'ex Piazza, dopo il completamento dell'operazione militare speciale, un simile esito sarà lo scenario più favorevole. Esatto, pensare ad alta voce.
29 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 23 March 2022 15: 09
    +4
    Questa è l'opzione indesiderabile per la Russia. La Russia aveva bisogno di un'Ucraina unita sotto un protettorato russo. Se l'Ucraina occidentale diventa parte degli stati della NATO, ciò significa l'effettiva espansione della NATO verso est. Il che è categoricamente inaccettabile nel noto ultimatum di Putin. Qualsiasi spartizione dell'Ucraina (lungo qualsiasi confine) è una sconfitta geopolitica per la Russia.

    Qual è la mossa migliore per l'Occidente? Zelensky stesso non decide nulla. Quindi non ha nemmeno senso considerare la Wishlist di Kiev. La fine della guerra, la firma di alcuni accordi con la Russia, il ritiro delle truppe sopravvissute nell'ovest del Paese, senza armi pesanti e la firma di un accordo con la Russia. Dopodiché, su richiesta del governo legale dell'Ucraina (Mosca riconosce ancora Zelensky come legittimo presidente dell'Ucraina), le truppe di Polonia, Ungheria e Romania entrano nel territorio dell'Ucraina occidentale (non è necessario fare riferimento alla Siria ?). Dal momento che la guerra è ufficialmente interrotta, nemmeno la Russia sarà in grado di attaccare queste truppe. E l'Occidente dell'Ucraina, infatti, va sotto l'ala della NATO. E le truppe sopravvissute (con esperienza di combattimento) saranno riequipaggiate dall'Occidente entro la fine dell'anno.

    Qual è la migliore linea d'azione della Russia? Sta già diventando inutile continuare la guerra. Quando si firma un trattato di pace (accordo, capitolazione, non importa come si chiami), l'ingresso obbligatorio delle truppe russe nell'intero territorio rimanente dell'Ucraina per prevenire una catastrofe umanitaria. Cattura obbligatoria di Kiev e Odessa. Kiev è la capitale, Odessa e Nikolaev hanno tagliato il resto dell'Ucraina dal Mar Nero. E qualsiasi nave della NATO nel Mar Nero diventa superflua.

    Successivamente, la creazione delle repubbliche popolari e la creazione di una federazione del sud-est dell'Ucraina. Ripristino obbligatorio del distrutto e supporto umanitario per la popolazione almeno nel prossimo anno o due. Tutto questo ricadrà sul bilancio russo. Ma il proseguimento della guerra sta chiaramente diventando gravoso. E pericoloso.
    Gli obiettivi della guerra sono raggiunti del 50%.

    La cosa principale per la Russia non è nemmeno questo. La guerra ha svelato l'essenza dell'"élite" russa. La questione più urgente non saranno le relazioni estere, ma la riformattazione dell'"élite" interna russa. Questo è ancora più importante della riformattazione dell'Ucraina.
    1. San Valentino Офлайн San Valentino
      San Valentino (Valentin) 23 March 2022 17: 29
      0
      Citazione: Bakht
      La guerra ha svelato l'essenza dell'"élite" russa

      Oggi, la notizia ha riportato che il principale truffatore e ribelle Chubais ha lasciato la Russia con la sua famiglia, e la nostra cosiddetta "élite", a cui all'estero ha confiscato tutto ciò che è stato rubato all'URSS e alla Russia, ora non è più un'élite, ma così, senzatetto persone .... .E, secondo me, Sergey ha ragione nei suoi "layout" - non abbiamo bisogno di questa Galizia con tutti i suoi otto milioni di abitanti, e non abbiamo bisogno della divisione SS "Galicia-2", che ora dilaga nelle terre dell'ex Ucraina, che i polacchi la portino entro i confini del 1939, e anche nelle loro "croci orientali" ristabiliranno rapidamente l'ordine con una frusta e una restituzione, e metteranno rapidamente fine alla banderizzazione in loro terra di un tempo. E in Russia stanno arrivando altri tempi, il numero schiacciante di imprese industriali precedentemente privatizzate viene governamentalizzato, si prepara una nuova ideologia per lo sviluppo del Paese, sia in politica che in economia - non l'abbiamo sperimentato, lo faremo sopravvivere a questo. Presto l'Europa tornerà in sé senza il nostro gas, petrolio e i più rari polimetalli, legname, ecc., e tutto si sistemerà, contrariamente alla "lista dei desideri" dell'"osservatore" di Washington, quindi abbiamo bisogno di tempo e pazienza di nuovo, ma è anche possibile chiamare Chubais dall'estero e inviarlo con Khodorkovsky con una petizione allo zio Joe dall'altra parte dell'oceano, dicono, perdonaci santi sciocchi, capiamo tutto e stiamo aspettando le tue istruzioni e tutte le sanzioni ci saranno rimosse immediatamente, e i nostri soldi e beni immobili all'estero saranno restituiti ai nostri oligarchi, e noi, gente comune, saremo mandati a esplorare la tundra per disobbedienza all'egemone di tutta la terra, dove presto ci sdraieremo nel permafrost, come il Nord Gli indiani d'America si sdraiano nelle loro pampa originali.
    2. Marzhetsky Online Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 24 March 2022 06: 34
      0
      La fine della guerra, la firma di alcuni accordi con la Russia, il ritiro delle truppe sopravvissute nell'ovest del Paese, senza armi pesanti e la firma di un accordo con la Russia. Dopodiché, su richiesta del governo legale dell'Ucraina (Mosca riconosce ancora Zelensky come legittimo presidente dell'Ucraina), le truppe di Polonia, Ungheria e Romania entrano nel territorio dell'Ucraina occidentale (non è necessario fare riferimento alla Siria ?). Dal momento che la guerra è ufficialmente interrotta, nemmeno la Russia sarà in grado di attaccare queste truppe.

      Non c'è guerra, in realtà.
      1. Bakht Online Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 24 March 2022 07: 40
        +4
        Dov'è la guerra?
        In Siria, o in Libia...? Diverse migliaia di morti non è certo una guerra.
        Sono d'accordo che non c'è una dichiarazione ufficiale di guerra. Ma lei lo è in effetti. Anche in Ucraina da 8 anni si dice che non c'è guerra civile e non c'è guerra nel Donbass. C'è ATO.
        È davvero tutta una questione di terminologia?
        1. Marzhetsky Online Marzhetsky
          Marzhetsky (Sergey) 24 March 2022 07: 41
          -1
          È davvero tutta una questione di terminologia?

          Come puoi vedere, la terminologia è importante per la leadership del nostro paese.
  2. faiver Офлайн faiver
    faiver (Andrew) 23 March 2022 15: 26
    +2
    Consiglierei a russi e bielorussi (indipendentemente dal fatto che supportino o meno l'operazione speciale), che si trovano sul territorio della Polonia, lascino il suo territorio il prima possibile ....
  3. Pilota d'arte Офлайн Pilota d'arte
    Pilota d'arte (Pilota) 23 March 2022 15: 27
    +2
    Gli Stati Uniti non permetteranno a Polonia, Romania e Ungheria di unirsi alle loro precedenti unità. Gli stati sosterranno la clandestinità di Bandera per destabilizzare la vita sia sul territorio dell'ex Ucraina che sul territorio della Russia vera e propria. Pertanto, non ci sono altre opzioni, non appena il metodo carota e bastone non può essere inventato. È crudele punire i Banderaiti che si presentano e incoraggiare il rispetto della legge.
    PS: nel diagramma, Volyn fa parte della Russia e, secondo il testo, l'autore lo dà alla Polonia. (?)
  4. matrimonio Офлайн matrimonio
    matrimonio (Kolya) 23 March 2022 15: 53
    +1
    La Russia non si opporrà se gli ungheresi della Transcarpazia decideranno di unirsi all'Ungheria. Qui è dove tutto finisce. Leopoli e la regione sono prevalentemente popolate da ucraini, ci sono sia russi che polacchi. La Russia non permetterà alla Polonia di strappare questo grosso pezzo dall'Ucraina. Nessuno farà cerimonie con l'esercito polacco come con i soldati ucraini, saranno semplicemente distrutti come quei mercenari... Anche la Bucovina del Nord rimarrà ucraina.
  5. Marzhetsky Online Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 23 March 2022 15: 54
    +1
    Citazione: ArtPilot
    PS: nel diagramma, Volyn fa parte della Russia e, secondo il testo, l'autore lo dà alla Polonia. (?)

    Puoi regalare ciò che è tuo. Immagine dall'editore.
    1. A.Lex Офлайн A.Lex
      A.Lex 23 March 2022 21: 44
      0
      Nessuno qui ha considerato un'altra opzione:
      1. Demilitarizzazione di TUTTA l'Ucraina - fino al confine occidentale (nessun paese occidentale attraversa i confini per paura di essere colpito da coloro che hanno attraversato il confine di stato dell'ex Ucraina)
      2. E qui il nostro Ministero degli Esteri propone candidati sul territorio del primo. CONDIZIONE "y" in cui SFRUTTANO e NATO. e gli Yankees dai loro territori (rimuovendo tutte le infrastrutture). E la Federazione Russa assegna loro (come incoraggiamento), ma dopo il referendum (!), Parte del territorio che rivendicavano (questi sono psheks, ungheresi, slovacchi ... chiamati tutti?) ....... ..
      3. I rumeni generalmente tagliano tutto, con un avvertimento: preparati, sei il PROSSIMO!!!
      1. Marzhetsky Online Marzhetsky
        Marzhetsky (Sergey) 24 March 2022 06: 35
        +1
        2. E qui il nostro Ministero degli Esteri propone candidati sul territorio del primo. CONDIZIONE "y" in cui SFRUTTANO e NATO. e gli Yankees dai loro territori (rimuovendo tutte le infrastrutture). E la Federazione Russa assegna loro (come incoraggiamento), ma dopo il referendum (!), Parte del territorio che rivendicavano (questi sono psheks, ungheresi, slovacchi ... chiamati tutti?) ....... ..

        Non l'hanno considerato, perché tutto questo non ha senso.
        1. A.Lex Офлайн A.Lex
          A.Lex 24 March 2022 10: 00
          0
          Perché sciocchezze? Puoi spiegare?
          1. Marzhetsky Online Marzhetsky
            Marzhetsky (Sergey) 24 March 2022 11: 10
            0
            Perché quello che proponi non è realistico.
            1. A.Lex Офлайн A.Lex
              A.Lex 24 March 2022 12: 45
              0
              Quelli. rispondi secondo il programma in te stabilito:

              Questo non può essere, perché non può mai essere!

              Buona risposta! Ciò significa che tutti i tuoi argomenti sono ... ma non hai argomenti! Con ciò mi congratulo con te! wassat
  6. Kade_t Офлайн Kade_t
    Kade_t (Igor) 23 March 2022 16: 50
    +1
    L'ingresso delle truppe polacche in Ucraina è una pessima notizia, ora puoi avere paura, perché uno scontro militare diretto con il nostro esercito sarà inevitabile. Il risultato potrebbe essere imprevedibile.
    1. kot711 Офлайн kot711
      kot711 (voce) 23 March 2022 19: 36
      +1
      L'ingresso delle truppe polacche in Ucraina è una pessima notizia, ora puoi aver paura, perché uno scontro militare diretto con il nostro esercito sarà inevitabile,
      Non farti prendere dal panico in anticipo. Cani polacchi, non un metro. La NATO comprende che questo potrebbe trasformarsi in una guerra globale. Quindi dovranno accorciare il guinzaglio, queste pentole.
  7. Igor Viktorovich Berdin 23 March 2022 16: 51
    +3
    Questo è esattamente ciò che dovrebbe essere fatto. E il resto dell'Ucraina è diviso in 2 parti. Novorossiya in Russia. Amichevole Piccola Russia nell'Unione con la Federazione Russa e la Repubblica di Bielorussia.
  8. Potapov Офлайн Potapov
    Potapov (Valeria) 23 March 2022 20: 53
    +1
    Quanto puoi essere idiota ... Zelensky chiede aiuto alla NATO da 8 anni. Hanno risposto: hanno inviato forze di pace a ovest. Solo la Polonia come vittima ... Va tutto bene tranne che i nostri padroni hanno distrutto e saccheggiato l'URSS non per quello, per soffrire ... Non inizieranno nulla
  9. ivan2022 Офлайн ivan2022
    ivan2022 (ivan2022) 24 March 2022 06: 47
    +1
    Citazione: Marzhetsky
    Citazione: ArtPilot
    PS: nel diagramma, Volyn fa parte della Russia e, secondo il testo, l'autore lo dà alla Polonia. (?)

    Puoi regalare ciò che è tuo. Immagine dall'editore.

    Tu possiedi ciò che puoi prendere. Tali sono i rapporti reali degli Stati, se non per ipocrisia.

    In effetti, dopo ea seguito del crollo dell'URSS, siamo tornati, prima al periodo della pace di Brest. Con l'effettiva occupazione dell'Ucraina con l'apparenza di un esercito "simile alla Russia", creato con i soldi dell'Occidente.

    E ora si tratta di un nuovo "vertice dell'Intesa", che deciderà. la fattibilità dell'intervento. Il 1918 è tornato. Questo è un affare stupido e pericoloso: dividere il proprio paese in "repubbliche indipendenti" in tempo di pace.

    Saluti calorosi dal prossimo mondo a tutti i "cari russi" dal loro amato preferito - Boris Nikolaevich ....
  10. andrey ivanov_2 Офлайн andrey ivanov_2
    andrey ivanov_2 (Andrej Ivanov) 24 March 2022 08: 00
    +3
    Persino la potente URSS con la sua economia, il suo apparato amministrativo e l'ideologia statale più potenti non poteva far fronte agli occidentali.

    Non potevo e non volevo - queste sono due grandi differenze.
  11. Marzhetsky Online Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 24 March 2022 08: 17
    -2
    Citazione: andrey ivanov_2
    "Persino la potente URSS, con la sua economia, il suo apparato amministrativo e l'ideologia statale più potenti, non poteva far fronte agli occidentali".
    Non potevo e non volevo - queste sono due grandi differenze.

    Sono tutte vuote speculazioni. La moderna Federazione Russa non potrà fare nulla con gli occidentali. Questa è una realtà con la quale dovremo continuare ad esistere.
    Il potere al Cremlino cambierà, ci sarà un nuovo Krusciov, che farà di nuovo l'amnistia ai neo-banderisti e tutto andrà nel secondo cerchio. Perché saltare sul vecchio rastrello?
  12. Pat Rick Офлайн Pat Rick
    Pat Rick 24 March 2022 08: 56
    0
    Mi sembra che la divisione più probabile (se davvero accade) dell'Ucraina lungo la linea del Dnepr:
    Russia - la riva sinistra delle regioni Dnepr + Kherson, Nikolaev e Odessa.
    Ucraina - la riva destra del Dnepr meno le aree nominate.

    La mappa è assolutamente fantastica.
    La Transnistria non è contrassegnata lì in alcun modo. A giudicare dal colore verde sulla mappa, si collegherà con la Moldova e la regione di Chernivtsi in Ucraina. Su quali basi? Non c'è mai stata una tale educazione statale nella storia.
    Tra N anni, questo "verde" si unirà alla Romania, cosa che non è mai accaduta.

    Dati gli enormi cambiamenti politici avvenuti negli ultimi 30-35 anni, ridisegnare i confini esistenti è un affare molto costoso e non sempre ragionevole.
  13. Chel di Chel Офлайн Chel di Chel
    Chel di Chel (Persona) 24 March 2022 11: 11
    -1
    Articolo fantastico! Questo è vero!
  14. Pace Офлайн Pace
    Pace (stimolatore) 24 March 2022 11: 23
    +1
    riunificazione dell'Ucraina occidentale con Ungheria, Polonia e Romania

    Commerciamo con la Patria? E senza avere alcun diritto di farlo! sentire

    I Carpazi Rusyn non vogliono una tale divisione! Stop
    E così non sarà! negativo.
    https://aftershock.news/?q=node/1071791&full

    Appello al Presidente della Federazione Russa V.V. Putin del Rusinov

    Caro Vladimir Vladimirovich.

    Vi scrivo a nome del leader (dal 2014) del Rusynism.

    Rusyns, come nessun altro, subì un genocidio, a partire dalla massa austro-ungarica del 1914-1918. più di 120mila Rusyn furono torturati a morte nei campi di concentramento di Terezin e Talerhof.

    I Rusyn furono oggetto di non meno persecuzioni per la fede ortodossa. Perché solo un processo Sziget Maramorosh del 1914, segnato dalla persecuzione dei Rusyn per la loro fede ortodossa.

    Nel 1946, tutti i Rusyn furono trasformati in ucraini durante la notte. Tutte le scuole con Rusyn come lingua di insegnamento sono state trasferite all'ucraino come lingua di insegnamento.

    Nel 2008, l'Ucraina ha tenuto un processo di massa contro i Rusyn nel procedimento penale N499 per la legittima richiesta dei Rusyn di attuare i risultati del referendum regionale transcarpatico del 1° dicembre 1991, in cui il 78% dei transcarpazi ha votato per "un governo autonomo territorio che non fa parte di altri enti territoriali”.

    Il fatto che in Ucraina sia iniziato il Maidan il 13 per i Rusyn è iniziato nell'agosto 2008. Rusyns ha bevuto il calice di un genocidio e di una persecuzione su larga scala e secolare per la loro fede, per la loro lingua, per la loro autoidentificazione, per la loro volontà in un referendum.

    Nel 1996, l'Ucraina ha adottato il Piano statale per risolvere la questione dei Rusyn ucraini e, di fatto, in 10 punti, il Piano statale per la distruzione dei Rusyn.

    Ma i Rusyn sono vivi e stanno saldamente sulla loro terra, dotata di Diritti e Titoli, secondo il Trattato di Saint-Germain del 1919. Il territorio dei Rusyn a sud dei Carpazi è riconosciuto da 57 stati del mondo, compresi tutti i paesi della Grande Intesa.

    La situazione intorno all'Ucraina è prossima all'epilogo. L'ulteriore destino della stessa Federazione Russa dipenderà in gran parte da come verrà risolto.

    I Rusyn hanno ufficialmente sostenuto la posizione della leadership russa sull'Ucraina.

    Nel contesto della forzatura dell'Ucraina alla pace e alla federalizzazione delle terre, proponiamo di trasformare l'Ucraina occidentale nella Rus dei Carpazi su diritti, mandati, titoli di Rusyns.

    Se l'Ucraina occidentale rimane nella forma in cui è ora, allora in questione:

    - strategia di sicurezza nazionale della Federazione Russa;
    - Russofobia;
    - eliminazione della fonte del terrorismo internazionale;
    - debanderizzazione, denazificazione;
    - un avamposto nell'ovest della Russia, che è stato per più di 1200 anni.

    Ci auguriamo che la soluzione di questi problemi attraverso la ruggine dei Carpazi si inserisca organicamente nella Strategia di sicurezza nazionale della Federazione Russa.

    Presidente dell'MC "Matitsa Rusinov"

    PI Getsko
  15. Yatva Офлайн Yatva
    Yatva (IO) 24 March 2022 12: 12
    0
    Non rinunceremo a un centimetro di terra russa!!! L'Ucraina occidentale è la Russia storica - Chervonnaya-Galiziana !!!
  16. Valera75 Офлайн Valera75
    Valera75 (Valery) 24 March 2022 14: 51
    +1
    Qualunque sia l'articolo, è necessario dare a qualcuno le terre annesse dalla Russia all'Ucraina Perché la Russia dovrebbe dare qualcosa a qualcuno?
  17. Igor Viktorovich Berdin 24 March 2022 15: 03
    +1
    Se l'Occidente dell'Ucraina diventa parte degli stati della NATO, ciò significa l'EFFETTIVA espansione della NATO ad Est. E allora... In contrasto con questo, ci sarà un'ESPANSIONE ancora più significativa della Russia verso l'Occidente. e CONTEMPORANEAMENTE LA FONTE DELL'INFEZIONE DA BANDEROVSK SARÀ RIMOSSA DAL TERRITORIO DELL'UCRAINA. Quanto sarà più forte la Russia, sia a livello territoriale che di risorse umane. Allora si potrà dire che volevamo un'Ucraina indipendente, ma la Polonia è stata la prima a strappare un pezzo di Ucraina Abbiamo solo risposto.
  18. Lyudmila Ol Офлайн Lyudmila Ol
    Lyudmila Ol (Lyudmila Olkhovskaya) 25 March 2022 10: 21
    +1
    Con che tipo di sbornia lo sciacallo polacco fa un regalo del genere!? Assolutamente no!!! Stabilire un protettorato russo, polizia, rublo e potere in tutto il territorio. Rinominare questa disgrazia Ucraina in Novorossia (per esempio), restituire scuole e istituti per insegnare il russo usando i libri di testo russi. per piantare e impiccare tutti i nazisti. Quindi che ricordano la loro vergogna per secoli!
  19. Vecchio scettico Офлайн Vecchio scettico
    Vecchio scettico (Vecchio scettico) 25 March 2022 11: 54
    +1
    Pan Marzetski si prende cura dei suoi parenti?
    Il crescione orientale (o come si scrive) non dà tregua? Abbiamo migliaia di Susanin per ogni trucco Lyakh.

    Pan Marzecki. Pan Marzecki. triste
    E pensavo fossi una persona perbene.
    1. Il commento è stato cancellato