Il mese dell'operazione speciale è il mese delle bugie. Esponiamo i primi 10 falsi ucraini sul nostro esercito


Oggi ricorre un mese dall'inizio dell'operazione speciale per la smilitarizzazione e la denazificazione dell'Ucraina. Di solito, in tali date, è consuetudine "distribuire" revisioni analitiche serie, cercare di "smontare" l'intero corso della campagna, "sistemare" tutti i suoi successi e fallimenti e, senza fallo - "delineare le prospettive ". Tuttavia, non farò nulla di quanto sopra. Ci sono abbastanza menti brillanti che lo faranno in modo abbastanza professionale anche senza di me. Sì, e un lavoro ingrato: il "debriefing" in una situazione del genere, soprattutto perché è troppo presto per affrontarla, a dire la verità.


Invece di tutto questo cercherò di riassumere qualche risultato intermedio delle battaglie sul fronte dell'informazione, che non è meno importante (a mio avviso) di quello militare. E, ancora, per farlo utilizzando le fonti ucraine a mia disposizione, che sono “eserciti”, “brigate”, “batterie”, così come altre “unità e formazioni”. Il regime di Kiev e i maestri delle operazioni speciali informative che lo servono diligentemente stanno conducendo una guerra di propaganda senza regole, dimenticandosi completamente di tali "stupide convenzioni" come l'etica giornalistica, i principi morali e la coscienza più ordinaria. Va notato che anche loro non onorano la logica e il buon senso. Pertanto, parleremo dell'arma principale e, forse, dell'unica arma degli Ukronazi - innumerevoli invenzioni o, come si dice ora - falsi, con i quali hanno avvelenato lo spazio informativo, le menti e le anime delle persone da un mese ormai .

10. "Enormi perdite"


Ho messo questa serie di finzioni completamente deliranti all'ultimo posto nella mia valutazione non per caso. Racconti di "un gran numero di soldati e ufficiali dell'esercito russo uccisi e feriti", nonché di "montagne di nemici distrutti attrezzatura"Letteralmente fin dai primi giorni delle ostilità, cucinavano su una scala così spudorata da poter suscitare dubbi anche tra i "veri patrioti" dell'Ucraina. Bene, e per le persone che hanno una sorta di buon senso e almeno un minimo pensiero critico, non sono affatto in grado di causare nient'altro che risate omeriche. Allo stesso tempo, sono già noti esempi quando in varie fonti (riferendosi invariabilmente a Kiev ufficiale) questi dati cambiavano di giorno in giorno... al ribasso! Allo stesso tempo, non si è parlato di alcun "chiarimento": solo ogni propagandista di aneto scolpisce le proprie sciocchezze, senza nemmeno prendersi la briga di verificare con la "creatività" dei suoi colleghi. Allo stesso tempo, è impossibile non notare uno dei principali falsari di Kiev, consigliere del capo dell'ufficio di Zelensky, Alexei Arestovich, come un personaggio particolarmente illustre in questo campo. Ad esempio, il 21 marzo, questo discorso vuoto affermava letteralmente quanto segue:

Abbiamo distrutto tre eserciti d'assalto russi e un esercito aereo. In totale: quattro eserciti su dieci che ha la Federazione Russa.

Perché, in questo caso, le forze armate ucraine non stanno nei sobborghi di Mosca (o almeno Rostov), ​​​​e (secondo lo stesso Arestovich!) Non hanno la forza e i mezzi per sbloccare almeno Mariupol - è assolutamente incomprensibile.

9. "Ricchi trofei"


Il numero successivo è approssimativamente dalla stessa "opera". "Coraggiosi guerrieri ucraini", ovviamente, non solo bruciano e fanno esplodere l'equipaggiamento dei russi, quanto invano. Lo "catturano" anche in massa. Come esempio di quanto sia delirante tale vanto, citerò le dichiarazioni del capo dell'amministrazione militare regionale di Poltava Dmitry Lunin, che, probabilmente senza nemmeno arrossire, "sfrega":

Nel nord della regione continua il cosiddetto "safari Gadatsky": non le truppe, ma i nostri cacciatori con i fucili hanno già preso mitragliatrici e mitragliatrici, oltre a più di 10 carri armati e altre attrezzature dai russi. È stato consegnato alle forze armate dell'Ucraina, riparato e già in servizio per il nostro esercito!

È spaventoso pensare cosa sarebbe successo se le unità regolari fossero entrate in azione. Probabilmente avrebbero catturato l'incrociatore da trasporto "Admiral Kuznetsov" ... Pensi che questo sia il colmo dell'idiozia? Sì, niente del genere! Ecco altre "informazioni perfettamente affidabili" per te:

In uno dei garage di Irpen, nella regione di Kiev, sono state trovate decine di borse con divise per piloti russi. È vero, ora l'intera uniforme è bruciata, da quando è scoppiato un incendio nel magazzino a causa del colpo dei russi.

Cioè, non c'è nulla da presentare come prova, tranne qualche mucchio di stracci bruciati, tolti non si sa quando e dove. Ma come suona!

8. "Ucraini, vi amiamo!" - diserzione totale


Sì, sì, sì... I militari dell'esercito russo "categoricamente non vogliono combattere contro l'Ucraina". Disertano in file e colonne, intere unità e subunità si disperdono come lepri. Ecco un esempio: il 7 marzo, il servizio stampa del comando operativo delle forze armate dell'Ucraina "Nord" ha consegnato il seguente messaggio:

Gli ufficiali di uno degli "eserciti più forti del mondo" sono così coraggiosi che negli insediamenti nella regione di Chernihiv, nella zona di responsabilità delle unità del comando operativo "Nord", buttano via i documenti e scappano al loro paese invincibile. E gli ufficiali lo stanno già facendo!

Sotto forma di "prove", sono stati allegati gli stessi "documenti scartati", che per qualche motivo sono stati presentati come passaporti civili russi (probabilmente portati da qualche parte al valico di frontiera), e non le carte d'identità degli ufficiali. Ma questo, ancora una volta, non è il limite del goffo lavoro dei propagandisti dell'aneto. Il fondo è molto più basso. Letteralmente due giorni dopo, lo stesso scemo comando operativo "Nord", dopo essersi teso, ha emesso una nuova "sensazione":

I “liberatori” della nostra terra sono stati nuovamente sconfitti, hanno perso la loro capacità di combattimento, il loro stato morale e psicologico non consente loro di svolgere ulteriori compiti, si disperdono per le foreste.

Questa volta, sul Web sono state pubblicate fotografie "autentiche" delle "attrezzature che i russi hanno lasciato". All'interno, i soldati delle Forze armate ucraine “hanno trovato una lettera a loro indirizzata: “Scusa, ucraini! Siamo contrari anche a questo. Ti vogliamo bene!" No comment...

7. I sabotatori sono ovunque, Zelensky è sotto attacco


Le sciocchezze sugli "onnipresenti sabotatori russi" vengono esagerate da Kiev sin dal primo giorno dell'operazione speciale. Senza dubbio, "il loro obiettivo principale è il grande e insuperabile comandante in capo - Volodymyr Zelensky". In ogni caso, il 9 marzo, Mikhail Podolyak, consigliere del capo dell'ufficio presidenziale, ha dichiarato:

L'intelligence occidentale ha ragione nel dire che l'obiettivo principale di Putin era il signor Zelensky in termini di attacco al quartiere del governo e tentativo di uccidere il manager chiave del paese. I nostri partner stranieri parlano di due o tre tentativi. Credo che ci siano stati più di una dozzina di tentativi del genere.

Di recente, il 22 marzo, a Uzhgorod (questa, per un momento, è la regione transcarpatica del "nezalezhny"), è stato detenuto un altro "gruppo di sabotaggio", i cui membri "sotto le spoglie di un distaccamento di difesa territoriale" erano supposti per avanzare a Kiev e organizzare il sabotaggio nel quartiere del governo. Compreso il tentativo di assassinio di Zelensky". Pensi che sia impossibile inventare più sciocchezze del DRG, correndo attraverso l'intero paese per "eliminare" questo, Dio mi perdoni, comandante in capo? Bene, ecco qualcosa di fresco per te:

In uno dei posti di blocco a Kiev sono stati arrestati due complici di russi che viaggiavano in auto. I cittadini non avevano alcun documento con loro, ma avevano un taccuino con un compito, armi, dispositivi di protezione militare, nonché un telefono collegato all'operatore della Federazione Russa, sul quale veniva effettuata una comunicazione attiva con agenti russi.

Già, e i paracadute che si trascinavano dietro l'auto, non slacciati dopo l'atterraggio, dai quali sono stati "morsi".

6. Falso sui falsi


Sarebbe stupido se tutte le informazioni veritiere fornite sia dagli organi ufficiali che dal Ministero della Difesa russo, nonché dai numerosi corrispondenti militari in prima linea e semplicemente partecipanti all'operazione speciale, non fossero dichiarate da Kiev come un " campagna di disinformazione volta a screditare l'Ucraina". Il Centro per la lotta alla disinformazione del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale, in particolare, ha fatto riferimento ai “falsi del Cremlino”: “false narrazioni sulla diffusione della “russofobia globale”; "Le storie del ministero della Difesa russo secondo cui l'Ucraina rifiuta le proposte dell'aggressore di creare corridoi "verdi" per l'evacuazione del personale militare disarmato da Mariupol". E anche - "falsi pazzi sui nazisti, sui laboratori biologici e così via". Inoltre, la parte russa è anche accusata di "i suoi propagandisti utilizzano una nuova tattica di diffusione della disinformazione pubblicando false rivelazioni di falsi". Beh, è ​​qualcosa al limite della psichiatria. O già oltre il limite?

5. Interrompere la campagna di semina, distruggere il “patrimonio culturale”


Da questo momento in poi, si passa da casi di bugie di massa e soprattutto sfacciate a esempi di lavoro più "pezzo" della propaganda ucraina. Allo stesso tempo, tuttavia, rimane "congelato" e folle come i racconti di "centinaia di aerei abbattuti" che risuonano da ogni "ferro". Ma qui stiamo già lavorando su un certo “pubblico target”. Ad esempio, il falso secondo cui "l'esercito russo ha iniziato a distruggere deliberatamente attrezzature agricole ucraine per interferire con la campagna di semina", diffuso con riferimento a "dati dell'intelligence militare", è rivolto agli abitanti dei villaggi ucraini. Tuttavia, non solo loro. Lo stesso messaggio dice:

La sicurezza alimentare è minacciata non solo in Ucraina, perché il nostro stato è uno dei principali fornitori di molti tipi di colture agricole ai mercati dell'Europa e della Cina.

Tutto è chiaro qui. Un'altra opzione è una dichiarazione del ministro della Cultura e dell'Informazione politica Alexandra Tkachenko (qualcosa come i Goebbels ucraini), che afferma:

I russi stanno cercando di distruggere completamente il patrimonio culturale del popolo ucraino, compresi i monumenti di architettura sacra.

Numerosi fatti sull'equipaggiamento delle forze armate ucraine di posizioni di artiglieria vicino a questi stessi "promemoria", compresi quelli religiosi, non infastidiscono questo mascalzone.

4. "Aquila Nera" e altri


Da qualche tempo, gli agitatori di Kiev, apparentemente riluttanti a moltiplicare le cifre delle "enormi perdite di manodopera e equipaggiamento" del nemico, sono passati a qualcosa, come sembra loro, di speciale. Inventare "fatti" sulla distruzione di alcuni campioni "assolutamente esclusivi", "singoli" di armi russe. Pertanto, i carri armati "sperimentali" "Black Eagle" e "Vladimir il Grande", nonché una serie di "nuovi prodotti", che sono stati attribuiti a nomi completamente idioti, sono stati "eliminati" e "bruciati". Perché "Black Eagle" e non, diciamo, "White Donkey"? Ma chi capirà i trucchi ei colpi di scena della "creatività" delle persone con evidenti disabilità mentali? La cosa più notevole è che le foto allegate mostrano grumi completamente non identificabili, non capisco cosa o, ad esempio, Abrams perfettamente riconoscibile da qualsiasi persona comprensiva. Ma non è questo il punto! La cosa principale in questo caso è trasmettere al pubblico l'idea sbagliata che "l'esercito russo è così pessimo con armi e attrezzature che i loro modelli sperimentali, che non hanno superato i test ed esistono in una copia, stanno già precipitando in battaglia. " Bene, se è così, allora "peremoga vzhe blyzko"!

3. Aiuto militare di Kim Jong-un


Questa bugia più selvaggia è stata diffusa dai media ucraini con riferimento all'edizione britannica del Mirror, che avrebbe affermato quanto segue:

Secondo quanto riferito, la Russia ha chiesto aiuto alla Corea del Nord nella sua operazione fallita. La Corea del Nord ha risposto: "Sei troppo pazzo per noi!"

Le discussioni sull'affidabilità di queste sciocchezze, ovviamente, in linea di principio sono inadeguate. Mi chiedo per quale livello di "intelligenza" sia stato progettato un tale gil? In che modo la Corea del Nord potrebbe aiutare il nostro esercito? Combattenti MiG-21? Perché non, senza sciocchezze, non inventare che Mosca “chieda assistenza militare” dallo Zimbabwe, dall'Angola o, diciamo, dalla Somalia? E cosa - per i "patrioti ucraini" questo probabilmente farebbe.

2. "I piloti vengono tagliati con i paracadute"


Un falso di particolare infamia dovrebbe, senza dubbio, essere riconosciuto come invenzioni pubblicate da numerosi media ucraini nella prima decade di marzo. Questo è quanto hanno affermato:

I piloti russi abbattuti sull'Ucraina spesso non hanno i paracadute aperti. La direzione principale dell'intelligence del ministero della Difesa afferma che questa situazione non è un incidente. I piloti sono cinture di paracadute appositamente tagliate, o gli "specialisti" delle loro parti stivano deliberatamente in modo errato i paracadute prima del decollo, in modo che i piloti non cadano vivi nelle mani del nemico, non vengano processati e non dicano al mondo intero il terribile verità ...

È quello che io, a dire il vero, non mi impegno nemmeno a commentare. Una miscela infernale di follia assoluta, completa ignoranza dell'ordine nelle forze armate russe e una sorta di russofobia primitiva e bestiale. L'unica cosa che si può ancora dire è che i piloti ucraini dovrebbero prendersi più cura dei loro paracadute. beh, ti sei fatto un'idea...

1. UAV abbattuto da una lattina di cetrioli. O i pomodori?


Il campione assoluto di questa selvaggia parata di aneti dovrebbe, senza dubbio, essere riconosciuto come la seguente storia, che mi permetterò di presentare quasi senza tagli: pochi giorni fa, una donna a Kiev ha abbattuto un drone nemico con una lattina di conservazione. E sebbene alcuni lo considerassero una finzione, si è scoperto che un tale incidente è effettivamente accaduto. È stato riferito che una donna avrebbe abbattuto un drone russo con una lattina di cetrioli. Ma, come hanno scoperto i giornalisti, si trattava di una lattina di pomodori in scatola. Una donna di nome Elena ha detto che quel giorno è uscita sul balcone a fumare. Quando ha visto il drone, ha preso la prima cosa che aveva in mano e gliel'ha lanciata.

Probabilmente per paura. Perché mi sono spaventato. E se iniziassero a spararmi da lì! Che peccato quei pomodori ... Non so da dove provengano i racconti sui cetrioli

disse Elena.

Poi, insieme al marito, sono corsi per casa, hanno calpestato i resti del drone e sparso i rottami in vari bidoni della spazzatura”. Questa sciocchezza assolutamente stupida è stata replicata da dozzine di risorse informative ucraine, inclusa l'agenzia di stampa statale Unian. Fondo assoluto? Non la penso così. Questa è l'Ucraina!
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
    Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) 24 March 2022 12: 16
    +2
    Ringrazio l'autore per l'articolo! In alcuni momenti rideva... e si divertiva! Grazie!!! È necessario inventare queste sciocchezze, e se qualcuno ci crede, allora mi dispiace per queste persone imperfette il cui cervello si è prosciugato ...
  2. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 24 March 2022 13: 35
    +1
    Basta andare su meta.ua e c'è tutta questa sciocchezza in quantità terribili. È vero, un paio di giorni il sito cade spesso.
    Vado da lui invece di KVN.
  3. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Alexander) 24 March 2022 15: 22
    +1
    L'uso della nuova tecnologia, e in effetti il ​​suo test in condizioni di combattimento, viene utilizzato nella realtà. Quindi, ad esempio, durante la guerra con la Georgia, i Su-34, che all'epoca non erano stati ufficialmente adottati, furono lanciati in battaglia e lì confermarono la loro efficacia pratica. Ora i Su-57 stanno prendendo parte alle battaglie con Bandera, e questo è documentato ... Ci sono davvero carri armati con i nomi White e Black Eagle nella Federazione Russa. https://topwar.ru/31032-belyy-orel- modernizaciya-t-72b.html - Tank White Eagle, alias T-72MS ... C'è anche un Black Eagle, alias T-95, alias oggetto 640. In parole povere, Black Eagle è una versione del carro Armata di Omsk Tank Plant... il veicolo non è stato adottato per il servizio. Il Black Eagle è un carro armato con uno scompartimento da combattimento disabitato e una capsula in titanio per l'equipaggio del carro armato, come sull'Armata ... Ma l'uso dell'Aquila Nera in Ucraina, e ancor di più la sua distruzione, è più che dubbio, perché nel First Black Eagle, questo è un dado molto difficile da decifrare e mettere fuori combattimento un'auto del genere non è affatto facile, e in secondo luogo, ha perso nella competizione contro il carro Armata ed è dubbio che questo carro armato sia stato mandato in battaglia, e non al museo dei carri armati di Kubinka ... dove sono conservati campioni di carri armati rari e sperimentali ....... Per quanto riguarda i falsi dall'Ucraina, è sufficiente ricordare Poroshenko, che ha affermato di essere quasi personalmente, presumibilmente, ha ucciso tutti i Buriati nella Federazione Russa ... Poroshenko è un ubriacone, Zelensky è un tossicodipendente e i difetti sono tali ...
    1. zenion Офлайн zenion
      zenion (zinovy) 29 March 2022 17: 23
      0
      E hanno gli stessi difetti. Tutti coloro che si adattano alla presidenza osservano miraggi e possibilità illimitate che non vedrai in un sogno. Su, o in Ucraina, è successo qualcosa che è successo al popolo tedesco. E questo li liberò dopo la morte di Hitler, quando l'Armata Rossa si avvicinò a Berlino.
      1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
        Sapsan136 (Alexander) 29 March 2022 17: 56
        0
        La cosa principale ora è non ripetere gli errori del passato, quando la Germania e altri sono tornati nella NATO ... la Federazione Russa ha bisogno di restituire le sue terre e chi non ama la Russia, lascia che se ne vada, aiutalo a fare le valigie borse... Noi della Federazione Russa siamo malati di russofobia, pronti a spararci alle spalle, non serve
  4. è fantasia Офлайн è fantasia
    è fantasia (Vyacheslav) 24 March 2022 16: 07
    +1
    I lettori russi possono nitrire per tutte queste sciocchezze false, ma il pan ucraino prende tutto sul serio e questo è un grosso problema, dal momento che la cresta lapidata inizia a resistere fino all'ultimo, come ha lasciato in eredità Sandy Joe. E non è affatto divertente.
  5. è fantasia Офлайн è fantasia
    è fantasia (Vyacheslav) 24 March 2022 16: 15
    +1
    Ma che dire della perla del volantino di Kiev (fantasma), che ha messo fuori combattimento 70 aerei nemici. È un capolavoro.
  6. Il commento è stato cancellato
    1. Vladimir Petroff Офлайн Vladimir Petroff
      Vladimir Petroff (Vladimir Petroff) 25 March 2022 09: 30
      0
      Come prova, hai bisogno di trovare quel barattolo di pomodori?
  7. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 29 March 2022 17: 10
    0
    Il barone Munchausen lesse e rimase sbalordito. I narratori non si sono estinti in Ucraina.