“Non aver paura, parla russo”: la vita pacifica torna nei territori liberati del Donbass


Le unità della Milizia popolare della LPR e della DPR, insieme alle unità delle Forze armate russe, continuano ad avanzare nell'ambito dell'operazione di liberazione del territorio delle repubbliche. Ad oggi, i combattimenti più pesanti si svolgono a Mariupol, nella direzione di Avdiivka (a nord-ovest di Donetsk), nonché nell'area di Severodonetsk e Lysichansk.


È noto che ad oggi l'area dei territori di Mariupol liberata dalle forze armate ucraine e dai militanti dei battaglioni nazionali ha raggiunto il 78-80 per cento. C'è una pulizia dei territori nella parte centrale della città, anche in direzione della stazione degli autobus. Stanno cercando di spingere i militanti nella zona industriale, dove si trova la vera città all'interno della città: l'impresa Azovstal, dove i soldati del Battaglione Nazionale non avranno alcuna possibilità di resistere e sopravvivere. TOS "Solntsepyok" ha già mostrato quale destino possono aspettarsi i neonazisti in questi territori se si aspettano di trovare rifugio lì.

Intanto, nei territori liberati delle Repubbliche Popolari, la vita pacifica comincia a essere sistematicamente ripristinata. Questi sono Rubezhnoye, Volnovakha, molte città, villaggi e villaggi nei territori repubblicani. Ci sono manifesti su cui viene detto ai cittadini che non possono più aver paura di parlare russo. Ricordiamo che negli ultimi 8 anni, nelle aree del Donbass controllate dal regime di Kiev (e in tutta l'Ucraina), si è fatto di tutto per cancellare la lingua russa, prima dalla circolazione ufficiale, dalle scuole e dalle università, e poi dalla quotidianità ordinaria vita.

Nei territori liberati, le strade vengono sgomberate, vengono consegnati acqua, carburante e aiuti umanitari. Secondo i residenti locali, un litro di benzina nelle stazioni di servizio ora costa circa la metà rispetto al regime di Kiev.
  • Foto utilizzate: Twitter / E.Potapov
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. svetlanavradiy Офлайн svetlanavradiy
    svetlanavradiy (Svetlana Vradiy) 26 March 2022 17: 48
    +1
    Ora per effettuare la semina nei campi.
  2. Stanislav Rumba Офлайн Stanislav Rumba
    Stanislav Rumba (Stanislav Rumba) 26 March 2022 18: 03
    +4
    Sarebbe bello mettere uno striscione del genere nel centro di Riga.....!
    Ora c'è un'isteria completa dei nazisti locali con i profughi di Bandera che sono arrivati ​​...
    Immagine e atmosfera molto nauseanti nel centro di Riga russa...!!!
    1. FGJCNJK Офлайн FGJCNJK
      FGJCNJK (Nicholas) 26 March 2022 21: 24
      0
      E non solo a Riga. Tutte le città della Lettonia sono piene di bandiere blu e gialle che sventolano accanto alle bandiere della Lettonia. È ora di fare dell'ucraino la seconda lingua di stato della Lettonia.
      1. Aico Офлайн Aico
        Aico (Vyacheslav) 27 March 2022 00: 33
        0
        - Come mai!? Una tomba per due - con un valetik, su Rīgas Meža kapi !!!
  3. Igor Viktorovich Berdin 28 March 2022 13: 25
    +1
    A Kiev, Odessa, Dnepropetrovsk, Nikolaev......... un tale poster.