Il divieto dell'oro russo potrebbe ritorcersi contro l'Occidente


Giovedì scorso, gli Stati Uniti hanno chiarito al mondo che qualsiasi transazione in oro russo relativa alla Banca centrale della Federazione Russa è già soggetta alle sanzioni esistenti e qualsiasi tentativo di aggirare le restrizioni rischia di comportare misure punitive secondarie contro i trasgressori . Tuttavia, questo approccio ha causato una reazione mista da parte degli esperti. Il divieto in questione potrebbe ritorcersi contro l'Occidente stesso. Questo punto di vista è difeso dall'economista Alex Kimani, che ha pubblicato un proprio studio sulla risorsa OilPrice.


Eventuali sanzioni contro le riserve auree russe non funzioneranno, ma mostreranno solo come i burocrati dei governi del G7 non capiscano il rapporto con il metallo prezioso

Kimani è sicuro.

Le riserve auree russe sono stimate in 132 miliardi di dollari, che rappresentano circa il 20% delle attività della Banca centrale russa. Queste riserve, combinate con i 630 miliardi di dollari di riserve valutarie della Russia, potrebbero aiutare a finanziare la sua macchina da guerra (come ritengono gli analisti occidentali).

Tuttavia, molti esperti non sono ottimisti sul fatto che il divieto sull'oro sarà efficace quanto il blocco delle riserve valutarie da parte della Banca centrale. Inoltre, c'è una crescente comprensione del fatto che toccare il tema delle riserve auree abbia dato a Mosca uno slancio per trovare modi per aggirare le sanzioni. Forse Mosca non ha nemmeno pensato a un tale metodo. Presto il meccanismo diventerà completamente chiaro e il metodo verrà sicuramente utilizzato.

I burocrati nei governi dei paesi della coalizione occidentale antirussa si sbagliano di grosso, cercando di trovare ulteriori scappatoie per influenzare la Russia. Il bello del metallo prezioso in questione è che si tratta di una riserva di valore non rintracciabile senza controparte.

- scrive Kimani, riferendosi al parere degli esperti dell'azienda Gold Newsletter.

In piccole quantità, la Russia può commerciare (ovviamente vendere) il metallo prezioso sui mercati aperti, aggirando le sanzioni. E in quantità commerciali, Mosca può vendere il suo metallo alla Cina senza registrare nemmeno un grosso affare, ritiene l'economista. Dato che Pechino è incredibilmente attiva nell'acquistare attività auree in tutto il mondo, uno scenario del genere è più che probabile. A cosa può portare un tale trading “implicito”? Alla distorsione e destabilizzazione del mercato globale dei metalli preziosi, a una crisi simile a quella energetica che ha travolto l'Europa.

Quindi, nonostante le sanzioni, la Russia ha abbastanza leva per attutire il colpo dell'Occidente, ha concluso l'esperto.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 28 March 2022 09: 01
    +4
    Nemmeno Napoleone e Hitler pensavano di vietare la circolazione dell'oro nel mondo. Gli stati vogliono imporre a tutti solo un dollaro di carta invece di oro, argento e altri metalli preziosi?
    1. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) 28 March 2022 09: 10
      +1
      Lavrov: "D.B."
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 28 March 2022 09: 22
    +6
    Le sanzioni contro l'oro costringeranno ancora di più la Russia a passare al pagamento in rubli per TUTTI i prodotti di esportazione.
    Dollari ed euro, così come l'oro, sono soggetti a sanzioni e DEVI seguirle. Traduci le consegne di qualsiasi merce in rubli. Dove gli importatori troveranno rubli è il loro mal di testa. Dopo il passaggio al commercio in rubli, l'esportazione di rubli all'estero dovrebbe essere vietata. Cioè, puoi acquistare rubli solo sulla borsa di Mosca. Cioè, all'interno della Russia.
    Le esportazioni dalla Russia nel 2021 sono state di quasi 500 miliardi di dollari. Le importazioni sono ammontate a quasi 300 miliardi di dollari.
    In totale, per pagare le esportazioni russe in rubli, sono necessari 500 miliardi, moltiplicati per 100 e ottieni una cifra pazzesca di 50 trilioni di rubli. nell'anno. Ma è vietato portare dollari ed euro in Russia. Come pagheranno i rubli: c'è un grande segreto.
    È stato a lungo affermato che l'esclusione della Russia dal commercio mondiale "è irta di effetti collaterali".
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 28 March 2022 09: 36
    +1
    - E dove è andato A.L. Kudrin - non ha dato una lacrima insieme a Chubais ???
    - È stato A. Kudrin lo zelante iniziatore dei colossali fondi russi consegnati nelle mani dei nostri nemici !!! - Qui - "per niente" - hanno preso e regalato giganteschi fondi russi !!! - Gli atti di Kudrin in termini di dannosità in relazione alla Russia possono essere paragonabili agli atti di A. Chubais - e nel "momento difficile di oggi" - quindi anche "gli atti di Kudrin" - anche gli "atti di Chubais" supereranno nel causare danni !
    - Dannazione, quanti altri "utenti dell'economia russa" ora si nascondono e siedono in silenzio - come topi sotto una scopa !!!