Come l'UE può nazionalizzare le strutture UGS europee di proprietà di Gazprom


Un'operazione militare speciale per denazificare e smilitarizzare l'Ucraina ha mandato in frantumi il vecchio rapporto tra Russia ed Europa. Con tutto questo, ha strappato le maschere ai nostri cosiddetti "partner", che hanno mostrato i loro veri colori. In video spaventosi, abbiamo visto "in tutto il suo splendore" cosa sono in realtà gli "eroi-difensori" ucraini, che prendono in giro i soldati russi che sono caduti nelle loro mani. Abbiamo visto quanto valgono i cosiddetti "valori liberaldemocratici occidentali" quando, senza processo o indagine, i beni non solo della Banca centrale della Federazione Russa o degli oligarchi vicini al Cremlino, ma anche di molti russi innocenti sono stati sequestrati all'estero. Ora dovremo vedere come l'UE "civile" farà il racket della "Gazprom", "spremendo" le strutture europee UGS che le appartengono.


Dopo la dichiarazione del presidente russo Vladimir Putin sul trasferimento in rubli dei contratti di esportazione di Gazprom in accordi reciproci con paesi ostili, il prezzo di 1 metri cubi di gas in Europa è balzato di nuovo bruscamente, superando i 1500 dollari. È spaventoso pensare cosa accadrà se, nel caso in cui i consumatori europei si rifiutassero di pagare il "carburante blu" in valuta russa, Mosca chiudesse del tutto la valvola. Perché no? Se quella parte ritiene possibile imporre sanzioni settoriali paralizzanti contro di noi e confiscare i nostri beni esteri, allora la Russia ha il diritto di ripagarli con la stessa moneta. Forza maggiore, dopotutto, o meglio, una guerra non dichiarata con l'Occidente collettivo.

Allo stesso tempo, non invidierete l'Unione Europea. Il vecchio mondo ha languito per così tanto tempo a causa degli effetti della pandemia di coronavirus, del calo della domanda dei consumatori e della produzione industriale, nonché dei prezzi anormalmente elevati dell'energia e dell'elettricità. Ora c'è una prospettiva molto reale di essere completamente senza forniture di gas russo, che occupa circa il 35-40% del mercato europeo. È fisicamente impossibile aumentare rapidamente il volume delle forniture di GNL: non ci sono capacità produttive adeguate, né un numero sufficiente di navi cisterna, e il problema della concorrenza sui prezzi con la regione del sud-est asiatico non è scomparso. E tutto questo sta accadendo sullo sfondo di impianti di stoccaggio del gas sotterranei quasi vuoti in Europa. Pertanto, le strutture UGS tedesche sono devastate di due terzi, quelle francesi di tre quarti. Sì, la stagione del riscaldamento invernale sta per concludersi, ma presto dobbiamo iniziare a prepararci per la prossima.

E qui l'Occidente "liberal-democratico" ha presentato un'iniziativa "brillante" per costringere Gazprom a riempire de facto le strutture europee dell'UGS sotto la minaccia di nazionalizzare i suoi beni. La Commissione europea ha presentato una proposta per garantire la sicurezza degli approvvigionamenti di "carburante blu" in modo originale. Vuole obbligare tutti i proprietari di strutture UGS europee a riempirle di almeno l'1% entro il 2022 novembre 80. In futuro, questa cifra potrebbe essere aumentata al 90%. L'iniziativa della CE è motivata dal fatto che la nostra Gazprom, attraverso le sue numerose filiali, possiede i più grandi depositi di gas sotterranei in Germania e Austria, e affitta anche l'impianto di stoccaggio di Bergermeer nei Paesi Bassi.

Cioè, in effetti, Bruxelles vuole costringere il monopolista nazionale a pompare tutto il gas di cui ha bisogno, indipendentemente dai volumi stipulati nell'accordo di transito con l'Ucraina. "Liberale".

Per completare il quadro complessivo del trionfo dei “valori democratici” e della “mano invisibile del mercato”, segnaliamo che anche i nostri “partner occidentali” hanno provveduto alla “frusta”. Pertanto, contestualmente alla definizione degli standard per il livello di occupazione degli UGS, la Commissione Europea propone di introdurre nuove regole per la loro certificazione con la seguente dicitura:

Gli impianti di stoccaggio del gas sono un'infrastruttura fondamentale per garantire la sicurezza dell'approvvigionamento. La nuova certificazione obbligatoria di tutti i gestori del sistema di stoccaggio eviterà i potenziali rischi associati all'influenza esterna sull'infrastruttura di stoccaggio critica, il che significa che gli operatori non certificati dovranno rinunciare alla proprietà o al controllo degli impianti di stoccaggio del gas dell'UE.

Chi ricade sotto la “dichiarazione di proprietà”, i nostri astuti lettori probabilmente hanno già intuito da soli. Nell'iniziativa legislativa della CE su questo tema, nel caso in cui questi stessi “rischi” non vengano eliminati, si dice quanto segue:

In questo caso, la dismissione avverrà con un equo compenso del costo del bene. Se necessario, possono essere messe in atto misure temporanee per proteggere il controllo del sito fino al cambio di proprietà.


"Il sacro diritto della proprietà privata" - è. In effetti, c'è un racket a livello statale nella sua forma più pura. È così che si investe in "attività estere altamente affidabili", come i liberali sistemici ci hanno insegnato abilmente in tutti questi anni.

Traccia conclusioni.
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Greenchelman Офлайн Greenchelman
    Greenchelman (Grigory Tarasenko) 28 March 2022 15: 56
    0
    Quali strutture UGS specifiche sono di proprietà (di proprietà, non affittate) da PJSC Gazprom? Menzionatene almeno uno, dal momento che state annunciando la possibile nazionalizzazione della proprietà.
    1. Zenn Офлайн Zenn
      Zenn (Andrew) 29 March 2022 20: 47
      0
      Grigory, perché sei così pigro, Gazprom non nasconde la sua struttura nell'UE.
      Insomma, solo in Germania attraverso filiali dove Gazprom possiede il 100% delle azioni, come Gazprom Germania, Wingas.
      Vengono utilizzati UGS "Katarina", "Etzel", "Iemtum", "Redan", che sono interamente di proprietà, o una quota del capitale azionario, delle filiali di Gazprom.
  2. Oleg_5 Online Oleg_5
    Oleg_5 (Oleg) 28 March 2022 16: 03
    0
    La Commissione Europea ha proposto l'adozione di un disegno di legge che richiede paesi dell'UE per fornire riempimento costante degli impianti di stoccaggio del gas ad un livello di almeno l'80%.
    Il comunicato stampa rileva che nei prossimi anni il livello minimo di occupazione degli impianti di stoccaggio del gas sarà portato al 90%.

    https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/en/ip_22_1936
  3. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 28 March 2022 16: 18
    +6
    Questa mossa dell'UE era nota da almeno sei mesi. Questi caveau saranno confiscati dall'Occidente. Pertanto, la valvola deve essere chiusa immediatamente.
  4. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 28 March 2022 16: 42
    +1
    E chi lavorerà con i commercianti privati ​​dopo la nazionalizzazione?
    Stupido.
  5. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 28 March 2022 17: 12
    -4
    Come l'UE può nazionalizzare le strutture UGS europee di proprietà di Gazprom

    - -Come-come-sì sono nazionalizzati per il fatto che si trovano sul territorio dell'Europa occidentale! - E cosa - La Russia li farà causa, o cosa ???
    - Guarda, anche il tetto è andato in Germania - e la "nazionalizzazione" può andare lì - prenderanno e "nazionalizzeranno" metà dell'SP-2!
    - Quanto ho scritto personalmente sul fatto che Gazprom non era nemmeno abbastanza intelligente da avviare una filiale del gas da SP-2 a Kaliningrad! - Dannazione, chi ha bisogno di questa comunicazione subacquea di 2,5 mila chilometri (due linee) ora!
    - E la certificazione di SP-2 - ora per niente - non brilla!
  6. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 28 March 2022 18: 14
    -1
    Il presidente ha ordinato all'inizio (!) di trasferire le forniture di gas a entità statali ostili in rubli fino al 31.03.2022/XNUMX/XNUMX.
    Nell'ultima riunione del G7, entità statali ostili hanno deciso di non pagare le forniture di gas in rubli, facendo riferimento ai termini di pagamento prescritti nel contratto.
    Possiamo affermare con sicurezza che non è prevista alcuna interruzione della produzione di gas e del sistema di trasporto del gas, il che significa che deve essere collocato da qualche parte - dove?
    Tra un paio di giorni la situazione si risolverà.
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 29 March 2022 15: 34
      0
      Dove andare? In Russia, ridurre per un po' i prezzi e passare al carburante per motori a gas. Vicino a Mosca, la legna da ardere è ancora riscaldata in alcuni luoghi.
  7. Costantino Gromov Офлайн Costantino Gromov
    Costantino Gromov (Costantino Costantino) 28 March 2022 18: 33
    +3
    E perché hanno bisogno di phg se non c'è nulla da scaricare in essi?
  8. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
    Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) 28 March 2022 20: 04
    +2
    Ebbene, se lo fanno, sarà molto stupido... perché prima o poi strisciano comunque sulla pancia e acconsentono a tutto, se solo dessero gas... ma in risposta suonerà: dove pomperemo le vostre volte... che non avete tempo per l'inverno? - beh, allora morirai come dinosauri ...
    1. Kedrovic Офлайн Kedrovic
      Kedrovic (Alexa980) 29 March 2022 17: 20
      +2
      Bene, dal momento che le strutture di stoccaggio sono state spremute e vogliono riempirle dell'80%, dovranno immediatamente effettuare un pagamento anticipato in rubli per questi volumi. Ecco fatto, la linea di credito è chiusa. Solo prepagato con prezzo spot.
      1. EMMM Офлайн EMMM
        EMMM Aprile 3 2022 18: 51
        0
        Gli impianti di stoccaggio del gas sono un'infrastruttura fondamentale per garantire la sicurezza dell'approvvigionamento.

        Stupido, vero? L'infrastruttura di fondamentale importanza è la valvola, che verrà istantaneamente chiusa in caso di sequestro pirata della proprietà di un suddito della Federazione Russa!
  9. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
    alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 30 March 2022 04: 05
    0
    Lascia che si nazionalizzino. Chi ne ha bisogno vuoti assicurare