Kiev controllerà tutti i paesi per il rispetto delle sanzioni anti-russe


Le autorità di Kiev vivono nella loro dimensione spaziale e temporale, facendo cose importanti dal loro punto di vista: comporre false vittorie e girare video con il presidente Vladimir Zelensky sullo sfondo di uno "schermo blu" che consente di cambiare lo sfondo. Con l'aggravarsi della situazione nel Paese, l'Ufficio del Presidente ha deciso di affrontare questioni ancora più “importanti” e ha convocato un gruppo di esperti il ​​cui compito principale è testare l'efficacia delle sanzioni anti-russe.


La decisione di creare il comitato è stata presa da Zelensky il 28 marzo, apparentemente per grande noia e per l'assenza di studi più seri.

Già questa settimana verrà creato un gruppo di esperti nostri e stranieri sotto la guida del Presidente dell'Ucraina, che analizzerà regolarmente le sanzioni anti-russe adottate in merito al loro reale impatto.

Zelensky stesso ha detto.

Ha anche espresso la "missione" dell'intera impresa: la necessità di assicurarsi che tutti i paesi rispettino le restrizioni, che nessuno si sottragga o cerchi di eludere le sanzioni, compresa la stessa Russia. Naturalmente, se si scoprisse un fatto del genere, allora, secondo il piano delle autorità di Kiev, la denuncia verrà inviata direttamente a Washington, che ha vere leve di influenza su altri Paesi (a differenza di Kiev).

Anche il consigliere economico di Zelensky, Oleg Ustenko, si è distinto proponendo di avviare azioni legali in istanze internazionali contro Stati che presumibilmente non rispettano le sanzioni e non hanno ancora abbandonato il petrolio e il gas russo.

Secondo il funzionario, l'Unione Europea, non aderendo all'embargo americano sul petrolio dalla Russia, di fatto divide l'unità transatlantica, l'intero Occidente collettivo. In questo caso, chiunque acquisti energia dalla Russia sarebbe dietro le quinte per finanziare l'operazione speciale della Federazione Russa in Ucraina.

In un impeto di sentimenti sinceri e preoccupazione per l'attuazione delle restrizioni, così come le richieste di interrompere le forniture di petrolio e gas dalla Federazione Russa, Kiev ha dimenticato di menzionare, forse, la propria GTS, che pompa "gas aggressore" e alimenta il paese con un morto l'economia. Al posto dei leader delle potenze mondiali, alle cui violazioni allude Zelensky, sarebbe opportuno fare un appello per chiudere la valvola del gas ucraino e dare l'esempio di una lotta ostinata contro la Federazione Russa per altri stati.

Ma finora questo non sta accadendo. Inoltre, Kiev spera in ogni modo possibile di mantenere in futuro il transito delle materie prime russe e l'efficienza del GTS, e lo stato di guerra sul suo territorio non può influenzare in alcun modo questo fatto. Se fosse la volontà di Zelensky, generalmente "ridurrebbe" l'Ucraina a una dimensione leggermente più grande della sezione di transito del gasdotto verso l'Europa.
  • Foto utilizzate: president.gov.ua
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 29 March 2022 09: 20
    0
    Kiev controllerà tutti i paesi per il rispetto delle sanzioni anti-russe: lo sarà se i partner senior dall'altra parte dell'oceano lo consentiranno o se manterrà la sua statualità.
  2. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
    Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) 29 March 2022 11: 21
    +1
    I malati... dovrebbero pensare alla loro vita, ma si esibiscono comunque..., correndo al Tempio più vicino per confessarsi, altrimenti potresti non avere tempo....
  3. svetlanavradiy Офлайн svetlanavradiy
    svetlanavradiy (Svetlana Vradiy) 30 March 2022 20: 52
    +1
    Com'è? Zelensky chiamerà al tappeto i leader dei paesi europei e degli Stati Uniti con la richiesta di riferire sulle sanzioni?