"Successo diplomatico" a costo di vite umane: la Russia si indebolisce, trattando con Kiev


Il successivo round di negoziati russo-ucraini, svoltosi il 22 marzo 2022 a Istanbul, ha causato un'enorme risonanza, per così dire, su entrambi i lati del "fronte". La risonanza, per la maggior parte, è nettamente negativa - e questo è più che prevedibile. In linea di principio, mi sono espresso più volte su questo argomento e su una serie di questioni delicate ad esso collegate, ma quanto accaduto in Turchia, così come le dichiarazioni più che ambigue fatte in seguito da alcuni rappresentanti della Russia, mi fanno tornare sull'argomento . Il motivo, oltre all'estrema attualità dell'evento stesso, è anche in un'altra circostanza, che non cercherò nemmeno di nascondere.


Per me personalmente, così come per un gran numero di ucraini nel territorio controllato dal regime criminale di Kiev, che vedono la liberazione nell'arrivo delle truppe russe su questa terra, i risultati finali dell'operazione speciale di denazificazione e smilitarizzazione dell'Ucraina sono non un argomento speculativo della sezione “geopolitica”, ma una questione di vita e di morte. Nel senso molto letterale della parola. La nostra vita particolare - o la nostra morte. Ecco perché l'assoluta assenza di una posizione chiara e distinta di Mosca riguardo almeno ai punti principali e, soprattutto, agli obiettivi ultimi e alle prospettive reali di ciò che sta accadendo, provoca il più profondo sconcerto. Bene, questo è almeno il minimo indispensabile. Pertanto, permettetemi di ripetere le domande poste durante tutto il 22 marzo da molti russi e ucraini.

Cosa sta succedendo?


In verità, dopo aver visto il video con il discorso del capo della delegazione russa, Vladimir Medinsky, e del rappresentante del ministero della Difesa russo, Alexander Fomin, è proprio questa la domanda che si pone in primo luogo. Solo il loro aspetto e il modo in cui sono state fatte le dichiarazioni finali causano i peggiori timori. Bene, per non parlare dell'essenza di ciò che è stato detto - e ancora di più. Una sorta di inchino per "negoziati costruttivi e significativi", "proposte chiare e chiare della parte ucraina, che indicano il suo desiderio di uno status neutrale e non nucleare", annunciando "discussioni politico sfumature e trovare un compromesso”, “la realtà dell'incontro dei capi di stato”, e così via nello stesso spirito. Di cosa stai parlando?

Kiev non sta davvero mentendo quando dichiara che la denazificazione e la smilitarizzazione sono già state completamente rimosse dall'agenda? Sembra molto simile. Come capire altrimenti le parole del primo vice capo del comitato internazionale della Duma di Stato, Aleksey Chepa (i media ucraini stanno ora circolando con entusiasmo) che “i risultati dei negoziati russo-ucraini sono una seria affermazione che l'operazione speciale è vicino al completamento”. A che fine?! Ridurre l'operazione nella fase in cui è ora si chiama capitolazione. Sconfitta militare - e nient'altro. Ora parliamo, infatti, delle "proposte chiare e chiare" di Kiev. O meglio... la sostanza in cui stanno cercando di trascinare la Russia con il loro aiuto. Sì, l'Ucraina non entrerà a far parte della NATO. Puramente formale. Tuttavia, in cambio di ciò, Francia, Stati Uniti, Gran Bretagna, Turchia, Germania, Canada, Italia, Polonia e, inoltre, Israele dovrebbero diventare i suoi “garanti della sicurezza”. Una tale "NATO come minimo". Ma noi, semmai, abbastanza per gli occhi. E, soprattutto, queste stesse "garanzie", senza le quali la parte ucraina non vuole parlare di nulla, sembrano una copia esatta del famigerato articolo 5 della carta dell'Alleanza del Nord Atlantico.

Sì, sì, quello sulla "difesa collettiva". Al primo colpo - una no-fly zone, forniture illimitate di qualsiasi arma e l'ingresso di "garanti" nelle ostilità. E tutto questo, badate bene, senza la tradizionale burocrazia della NATO. Se questa è la "vittoria diplomatica della Russia", cosa ordineresti di considerare una sconfitta? Con Crimea e Donbass, è ancora più interessante: l'Ucraina non riconoscerà né lo status russo della penisola né l'indipendenza della DPR e della LPR. Chiede... un "ritardo di 15 anni", durante i quali promette "di non usare la forza militare per liberare questi territori". Bene, cioè il primo. "Stanno bullismo?!" - tu chiedi. Ebbene, certo, si fanno beffe, e nel modo più palese e cinico. Questa è la mia opinione personale, ma negoziare con tali "partner" assomiglia molto al masochismo. Volodymyr Zelenskyy, che è esploso con l'ennesimo "appello alla nazione" dopo l'incontro di Istanbul, ha espresso la sua posizione in modo molto specifico:

I segnali ascoltati dalla piattaforma di negoziazione possono essere definiti positivi. Ma questi segnali non soffocano le esplosioni dei proiettili russi. Non vediamo alcun motivo per fidarci delle parole di alcuni rappresentanti di uno Stato che continua a lottare per la nostra distruzione.

La decisione annunciata dal ministero della Difesa di "ridurre drasticamente, a volte, l'attività militare nella direzione di Kiev e Chernihiv", questo buffone di piselli ha immediatamente dichiarato una manifestazione della debolezza dell'esercito russo. E ha concluso il suo discorso con la frase che "i compromessi sulla sovranità e l'integrità territoriale dell'Ucraina sono impossibili". Coloro che affermano che Minsk-3 è in arrivo si sbagliano profondamente. Questo è qualcosa di molto peggio. Resta solo da chiedere a Medinsky, che ha detto che “le proposte ucraine saranno presentate a Vladimir Putin per studio e decisione” – pensa davvero che il presidente abbia qualcosa da studiare qui? E quali sono le possibili soluzioni in questo caso?

Chi ne ha bisogno e perché?


Il motivo per cui Kiev organizza l'intero circo con i negoziati può essere visto ad occhio nudo. Evita una completa sconfitta militare e ottieni una tregua per una sanguinosa vendetta. 15 anni? Sono sicuro che tutto accadrà molto più velocemente. Allo stesso tempo, la natura "non-bloc" dell'Ucraina non varrà un accidente. Rifiuto di schierare armi d'attacco? Non si sente una parola su di lui, ma in ogni caso, quando necessario, appariranno lì entro un giorno. Rifiuto di schierare basi militari e contingenti stranieri? Guardiamo sopra. E, a proposito, nessuno interferirà con l'allenamento e l'allenamento di ukrovoyak al di fuori del paese. Inoltre, secondo le dichiarazioni di Kiev, anche questi momenti possono essere realizzati solo "secondo i risultati di un referendum tutto ucraino". Che (attenzione!) si terrà esclusivamente "dopo il completo ritiro delle truppe russe". E se il “popolo amareggiato dalla guerra” dicesse “no”? Tutte trattative all'inferno?!I territori liberati a così caro prezzo sono già stati ceduti, le posizioni sono andate perdute. Si ricomincia da capo, ma in una versione molto peggiore? Ma perché?

Conducendo tali negoziati insensati, deliberatamente perdenti e umilianti (e ancor di più facendo concessioni nel processo di tali negoziati), la Russia, in primo luogo, indebolisce le proprie posizioni nel conflitto con l'intero “Occidente collettivo”. D'accordo: questo non è un "sfondo informativo" molto buono per il trasferimento forzato dei "partner" locali che si prepara dal 1 aprile ai pagamenti in rubli per le forniture di gas. Un altro punto è la manifestazione intensificata degli Stati Uniti di rafforzare la propria presenza militare ai confini dell'Ucraina e della Bielorussia. La Russia, cosa, aveva paura di questo? Potete star certi che tutto ciò che accade in Occidente sarà interpretato in questo modo. Mi piacerebbe credere che le manovre diplomatiche a Istanbul non siano state intraprese in nome della "normalizzazione delle relazioni" con il branco locale. Perché è inutile. Anzi, anche a danno.

Lo stesso Zelensky ha detto:

La questione della revoca delle sanzioni contro la Russia non può nemmeno essere sollevata fino alla fine della guerra, finché l'Ucraina non restituisce tutto ciò che le appartiene e ripristina la giustizia. Al contrario, le sanzioni dovrebbero essere rafforzate.

Queste affermazioni sono state immediatamente e attivamente sostenute, ad esempio, a Londra. Nessun accordo di pace porterà alla revoca delle sanzioni e alla cessazione dell'assistenza militare a Kiev! Ciò continuerà "fino a quando la Russia non invertirà completamente la rotta". Questo è ciò che ha detto Boris Johnson. Spero che il significato delle sue parole sul "cambiamento di rotta" non abbia bisogno di chiarimenti? Se la Russia interromperà l'operazione speciale sul territorio ucraino, sarà perseguitata con forza decuplicata - fino alla resa completa e incondizionata, fino a quando non sarà distrutta come stato. E va notato che tali azioni avranno una possibilità di successo molto maggiore rispetto ad ora.

Un'impennata patriottica senza precedenti sarà sostituita da una mostruosa delusione e apatia. Il sostegno al governo si trasformerà in rabbia e sfiducia nei suoi confronti. Non c'è dubbio che non solo fuori dalla Russia, ma anche al suo interno, ci sarà chi conterà ogni rublo speso per l'operazione speciale, ogni soldato morto nel suo corso - e questo resoconto sarà presentato al Cremlino. I vincitori, come sapete, non vengono giudicati. Ma qui ci sono quelli che hanno rinunciato al gioco e non hanno finito ciò che avevano iniziato - in quale altro modo. Non sorprende che i risultati dei "raduni" di Istanbul abbiano causato un atteggiamento estremamente negativo sia da parte di Ramzan Kadyrov che del capo della Repubblica popolare di Donetsk, Denis Pushilin. Quest'ultimo ha ricordato che l'Ucraina è completamente incapace di negoziare - e questo è stato inconfutabilmente dimostrato dai lunghi anni del "processo di Minsk". Non ci si può fidare dei suoi rappresentanti in una sola parola, non in una sola promessa, proprio come quei Paesi occidentali che coinvolgono nel ruolo di “garante” e intermediario.

Alla luce di tutto ciò, due cose restano del tutto incomprensibili. In primo luogo, perché e perché questi negoziati si stanno svolgendo, generando una vera tempesta di indignazione nella società russa, che oggi sostiene a stragrande maggioranza la denazificazione dell'Ucraina e la sua liberazione? La seconda è che se il Cremlino considera ancora necessari tali eventi (forse lo è - chi sono io per giudicare questioni politiche importanti e piani strategici militari globali?), allora perché non fanno l'unica cosa necessaria che può solo neutralizzare la negatività che emana da loro? Perché gli obiettivi finali e, per così dire, i limiti finali dell'operazione speciale non si svolgono in modo chiaro e in una forma accessibile a tutti ea tutti? Continuerà fino alla completa sconfitta e alla resa incondizionata del regime criminale di Kiev? Se stiamo parlando della lotta al nazismo, come era stato inizialmente affermato, non ci possono essere altre opzioni. O il compito è solo quello di ripristinare le Repubbliche del Donbass entro i loro confini storici? D'altra parte, una tale decisione sarà solo un compromesso temporaneo: senza una vera denazificazione e smilitarizzazione di TUTTA l'Ucraina, non si può contare su nient'altro.

L'elusione delle domande di cui sopra, la reticenza costante, il lasciare ampio spazio ai dubbi e alle insinuazioni della parte ucraina, hanno un prezzo ben preciso. Ed è calcolato, ahimè, nelle vite umane. Ogni giorno di ritardo sono soldati ucraini che non hanno deposto le armi (cosa che molto probabilmente avrebbero fatto, rendendosi conto chiaramente che la Russia sarebbe andata fino in fondo) e continuano a sparare ai soldati russi. Questi sono residenti in Ucraina che stanno aspettando il rilascio, ma, dopo essersi disperati e aver perso la speranza, potrebbero non aspettare. Si tratta di persone nei territori già liberati, che muoiono perché lì è ostacolato il processo di instaurazione di una vita normale. Dopotutto, per il momento, coloro che abbastanza ragionevolmente temono per la propria vita e quindi non collaborano con i liberatori sono inattivi. La diplomazia è ovviamente importante. Tuttavia, alla fine, come la parte militare dell'operazione, deve portare alla vittoria e non a perdite e sconfitte.
30 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Afinogen Офлайн Afinogen
    Afinogen (Afinogen) 30 March 2022 09: 22
    +9
    Non capisco chi avesse nemmeno la mente di condurre queste trattative??? Che senso hanno comunque? E la domanda principale con chi? Cos'è questa marmaglia ucraina? La leadership ucraina non decide assolutamente nulla lì. Dalla parola a tutti. Se volevi davvero negoziare, allora devi negoziare con gli americani, loro controllano i nazisti. Sono stati loro a dire al mondo intero che avrebbero combattuto fino all'ultimo ucraino... cosa stanno facendo ora. E questa è la faccia spaventata del nostro capo negoziatore. Quando è uscito e con voce spaventata ha letto ciò che gli ucraini avevano proposto. Sì, personalmente non mi interessa assolutamente cosa hanno offerto lì. Ma ora il popolo russo è indignato per negoziati incomprensibili e in Ucraina tutti festeggiano la vittoria, la Russia si è arresa.
    1. wolf46 Online wolf46
      wolf46 30 March 2022 09: 31
      +5
      In generale, perché mai Medinsky ha espresso la Wishlist ucraina?! Aspetta un minuto, il capo della delegazione russa dei negoziatori ..
      1. Bulanov Офлайн Bulanov
        Bulanov (Vladimir) 30 March 2022 09: 48
        +9
        Dopo il discorso di Medinsky si ha l'impressione che finora l'artista Zelensky stia superando professionalmente il presidente Putin. La prossima mossa dopo quella, la gente sta aspettando il presidente russo. Probabilmente dovrebbe cambiare il capo negoziatore dalla Russia. La gente ancora non riesce a perdonargli una targa commemorativa a Gustav Mannerheim, che si distinse per il blocco di Leningrado nella seconda guerra mondiale.
        1. Il commento è stato cancellato
  2. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 30 March 2022 09: 59
    +6
    Dai desideri espressi dall'Ucraina, è chiaro che i negoziati sono rotti e la risposta di Mosca sarà negativa. In ogni caso, il proseguimento delle trattative sembra davvero una resa delle posizioni.
  3. Oleg_5 Офлайн Oleg_5
    Oleg_5 (Oleg) 30 March 2022 10: 03
    +6
    Sì, non è nemmeno COSA che conta, ma COME è stato detto!
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 30 March 2022 10: 41
    -2
    Inizialmente erano stati fissati tre compiti: non espansione, non collocamento, ritorno al 1997. Poi si è parlato di denazificazione e tutela del DPR-LPR
    Ora si parla dello status neutrale e delle garanzie internazionali di coloro che hanno già agito una volta come garanti (Francia, Nemetchina, Polonia) e come è andata a finire?
    SK Shoigu parla dell'attuazione della prima fase dell '"operazione speciale", che, a giudicare dalle sue parole, consisteva nell'infliggere perdite inaccettabili alle forze armate ucraine. In qualche modo non ci sono altri successi: il nazionalismo è fiorente, il DPR-LPR non è stato completamente liberato, i bombardamenti continuano, nessuno ha riconosciuto la Crimea tranne l'Abkhazia, l'Ossezia meridionale e alcune isole dell'Oceano Pacifico.
    Se c'è il primo, allora c'è il secondo e il terzo, e non si sa quante fasi successive verso l'obiettivo finale segreto dell '"operazione speciale".
    È probabile che, nelle condizioni delle sanzioni occidentali, la guerra sia troppo costosa e abbia successo decisivo con un ritmo di anticipo di 2-5 km. al giorno in alcune zone e un lungo assedio di città dovrà aspettare più di un anno. Quanto costa un giorno di guerra: un miliardo, due, dieci? E quante risorse saranno necessarie per ripristinare i distrutti? Il budget non lo sosterrà. Apparentemente, quindi, è giunto il momento di contrattare condizioni più o meno accettabili per la conclusione dell'operazione speciale, che non andrà bene né alla Federazione Russa né all'Ucraina, che rimanda una decisione cardinale a un futuro indefinito.
    1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
      Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 30 March 2022 10: 50
      +1
      Eppure, l'ingresso dell'Ucraina nell'UE implica automaticamente l'ingresso nella NATO o nel futuro esercito europeo
  5. Il commento è stato cancellato
  6. Il commento è stato cancellato
  7. squalo Офлайн squalo
    squalo 30 March 2022 11: 10
    +2
    Parliamo e basta!

    1) Chi vediamo ai negoziati dalla Russia?! Il capo - Medinsky, l'ex ministro della Cultura, è un liberale e un completo stronzo, il livello di fiducia in lui e il suo livello di influenza - penso sotto zero, cioè sotto zero. tutto ciò che dice sarà percepito negativamente dalla maggioranza dei russi, anche se l'argomento di conversazione è neutro per i russi! Cosa significa questo? Che le trattative siano solo una farsa! Da solo, questo mezzo pazzo di Medina non può dire nulla: NON È NESSUNO! Tutto ciò che può è esprimere solo il punto di vista di Durkain sull'affermazione.

    2) Tali trattative possono essere considerate significative?! Dopo che Durkaina e il suo clown residente si sono rifiutati di rispettare nuovamente il Minsk-2 firmato da lui, continuano semplicemente a farne un clown. La posizione della Russia nei negoziati non può essere completamente modificata dalla parte negoziale, quindi è puramente formale. Quelli. i negoziati sono infatti l'attuazione della strategia di Sun Tzu.

    3) Diamo un'occhiata alla trama?! La Russia, con il suo 150° raggruppamento del suo esercito e il 50° esercito della LDNR, ha occupato più di 200mila km2 nella prima settimana! Inoltre, questi non sono campi e un deserto, ma un'area densamente popolata, con una zona industriale e un'agricoltura sviluppata. Nel semicerchio delle due città più grandi e principali di Kuev e Kharkov! Ora c'è una pulizia di Mariupol, la città attraverso la quale è andato quasi il 30% delle esportazioni di Durkaina e alla quale le ha dato più del 50% dei guadagni in valuta estera! Sì, all'inizio volevamo risparmiare il più possibile! Ma nessuna fortuna - penso che Azovstal e Ilyich - non saranno mai completamente ripristinati! La Russia sicuramente non ha bisogno di loro! E l'intera costa dell'Azov e del Mar Nero passerà chiaramente alla Russia, non sotto controllo, ma diventerà - la Russia! Durkaina perderà l'accesso al mare se rimarrà un paese!

    4) E per quanto riguarda Durkaina?! Nessun piano ancora annunciato! Ma capiamo che lasciarle un tale territorio e tali opportunità è stupido e pericoloso?! Ma è un'opzione completamente funzionante: dividere la parte occidentale tra polacchi, ungheresi, slovacchi e rumeni, a condizione che tutti i cambiamenti siano pienamente accettati?! Pensi che ci andranno? Forse parte di Durkaina rimarrà uno stato separato! Sotto il controllo della Russia e completamente dipendente da essa, diventerà probabilmente una repubblica nella sua composizione (a differenza del resto, che diventeranno le sue province).

    Quindi, onestamente, non vedo alcun motivo per cantare lodi e saltare, ma anche per fare un problema di "negoziazioni" vuote e senza senso!...
    1. isofat Офлайн isofat
      isofat (isofat) 30 March 2022 14: 28
      0
      squalo, sono d'accordo, dovremmo trattare questi negoziati in modo più semplice. sorriso

      Pausa musicale:

    2. shiva Офлайн shiva
      shiva (Ivan) 31 March 2022 09: 13
      0
      e nota anche: Abramovich è ovunque dietro le quinte ... cosa ci fa lì?
  8. Djafded Офлайн Djafded
    Djafded (Cyril) 30 March 2022 11: 38
    0
    Tutto, moccio acceso, come le donne "La Russia si sta indebolendo, perché questi negoziati". Gli scambi dei due prigionieri sono avvenuti da soli? Oppure i prigionieri non possono essere cambiati, ma lasciati ai nazisti? Il fatto che Medinsky abbia espresso i desideri di Kiev non significa che la Russia sia d'accordo. Il regime di indebolimento del fuoco nelle direzioni Kiev e Chernihiv è avvenuto pochi giorni fa. E non perché ci stiamo ritirando e perdendo terreno, ma solo per trasferire truppe nel Donbass in modo da portare rapidamente il gruppo principale di truppe nella caldaia e distruggerle. Vicino a Kiev e Chernigov, hanno lasciato esattamente quanto necessario per mantenere la prima linea. Inoltre, è stato chiaramente affermato che non esiste un cessate il fuoco e non ci sarà! Si ha notizia che da diversi giorni sia in corso un reclutamento di riservisti volontari per contratti a breve termine nelle truppe per lavorare nei territori liberati. È necessario stabilire e mantenere l'ordine lì, creare amministrazioni militari-civili. Per non dirottare le forze principali su questo, verranno utilizzati riservisti. Dove hai visto la resa degli interessi? O hai dimenticato cos'è la politica? L'azione principale si svolge nell'ombra e vediamo solo ciò che ci è permesso vedere. Impara a guardare!!!
  9. Anna Tim Офлайн Anna Tim
    Anna Tim (Anna) 30 March 2022 11: 50
    +4
    Assolutamente d'accordo con l'autore. La debolezza della Russia non è altro e nessuno interpreta questi negoziati. E amara delusione tra i russi patriottici.
  10. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
    Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) 30 March 2022 12: 02
    +6
    Posso solo dire una cosa, che la Russia non ha alternative, e quindi basta. ciò che il presidente del PIL ha proclamato sarà adempiuto, altrimenti il ​​popolo russo semplicemente non capirà il governo e scenderà in piazza e il governo sarà sostituito da uno che può completare l'operazione non solo in Ucraina, ma anche a Geyrop e all'estero! Non dobbiamo dimenticare i nostri giovani ragazzi morti in Ucraina!!! E questi negoziatori - hanno tutti bisogno di essere dispersi, per opportunismo ... guarda la foto - sono seduti in cuffia, anche se tutti conoscono il russo, questo mostra debolezza da parte della Russia. Secondo me, il principio dovrebbe essere lo stesso: se non vuoi parlare, si sono voltati e se ne sono andati, accusando la parte ucraina di aver interrotto i negoziati, anche se di che tipo di negoziati possiamo parlare? - con un scopa sporca tutto questo potere Khokhlyatskaya che lecca il culo degli stati !!!
    1. isofat Офлайн isofat
      isofat (isofat) 30 March 2022 14: 43
      0
      Citazione: Sergey Pavlenko
      ...anche se tutti conoscono il russo...

      Sergei, è del tutto possibile che la parte ucraina sia controllata in questo modo. E le cuffie a cui hai prestato attenzione sono uno strumento semplice. bevande
      1. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
        Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) 31 March 2022 10: 21
        0
        Sì, questo è un mezzo per dimostrare il rifiuto di parlare in russo, motivo per cui ho scritto: se non vuoi parlare, girati e te ne vai, questo fatto dimostra che la parte ucraina si sta comportando in modo arrogante e mostra la sua disprezzo per la Russia.
    2. shiva Офлайн shiva
      shiva (Ivan) 31 March 2022 09: 16
      0
      Guido esattamente la stessa cosa nelle menti.
      insieme - siamo la forza!
  11. Demetra Офлайн Demetra
    Demetra 30 March 2022 12: 23
    +1
    Completamente d'accordo con l'autore. Vorrei (per alcuni commentatori) sottolineare l'ultimo paragrafo dell'autore. Le chiacchiere diplomatiche non sono solo inutili, ma dannose, perché danno a Zelensky motivo di sollevare il morale di quegli ukronazi che stanno combattendo a Mariupol e ispirarli con la speranza che la pace venga fatta prima che vengano distrutti. Dopo i mormorii indistinti di Medinsky sulla pace imminente, non penseranno nemmeno di deporre le armi. Flirtare con Kiev si tradurrà in un eccesso di sangue di soldati russi e molte vite di ucraini nei territori soggetti a Kiev.
  12. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Alexander) 30 March 2022 12: 26
    +2
    TUTTO ciò di cui si può parlare con l'Ucraina nei negoziati è la sua resa incondizionata, e se per questo è necessario effettuare un bombardamento a tappeto umanitario (come amano chiamarlo nella NATO) di Lviv, Ternopil, Ivano-Frankivsk, come un nido dell'infezione di Bandera, quindi dopo aver maltrattato i prigionieri di guerra da RF, non vedo alcun ostacolo per questo.
  13. wichera65 Офлайн wichera65
    wichera65 (Vladimir Baranlv) 30 March 2022 13: 18
    +3
    Tutti sono così intelligenti! E ti siedi nel seminterrato per 2 settimane al freddo e alla fame accanto ai vecchi morti, esci nel mondo e vedi che sei nudo come un falco. E poi ti dicono che i nazisti restano al potere, sono in corso trattative con loro, ecc. La mia prima domanda è: "Perché mi avete fatto questo, perché ho sofferto?" Gran gioco?
  14. consultare Офлайн consultare
    consultare (Vladimir) 30 March 2022 14: 59
    -3
    I negoziati sono necessari, e non per giustificarsi con l'Occidente. Il mondo intero ci osserva con il fiato sospeso. E valutano tutto con azioni, azioni e risultati specifici, e non con le parole. E i polli, come sai, si contano in autunno. Medina non è una persona stupida e ha detto solo ciò che era necessario e niente di superfluo, niente bavaglio. Nessuno discuterà e restituirà la Crimea: è già tornato nel posto giusto, invano hanno fatto i capricci.
  15. dingo Офлайн dingo
    dingo (Victor) 30 March 2022 15: 53
    +1
    Bravo, pagliaccio della droga! Hai dato a tutti loro il cancro! Dammi un altro calcio per accelerare!!!
    È un peccato per i ragazzi... Al dolore, alle lacrime... Allora, è tutto inutile. Ci hanno tradito di nuovo - sia i vivi che i morti ... No, su cosa contavano questi "individui", che hanno messo in scena questa pagliacciata con "negoziazioni"? Su "Minsk-3"? Su "Khasavyurt-2"? Capiscono anche che non si laveranno mai di sputare nella loro direzione? Che hanno messo il paese, il NOSTRO paese, sull'orlo di una scissione?
    Ramzan, avevi ragione!!! Solo "forza Akhmat"!
  16. dingo Офлайн dingo
    dingo (Victor) 30 March 2022 16: 07
    0
    Il giorno dopo i colloqui di Istanbul, l'esercito ucraino ha continuato a colpire i territori della LPR e della DPR. Le aree residenziali di Donetsk e Gorlovka sono state nuovamente colpite. Allo stesso tempo, Kiev ufficiale ha annunciato la sua disponibilità a firmare un trattato di pace solo dopo il ritiro delle truppe delle forze armate della RF nelle posizioni a partire dal 23 febbraio. Come reagiscono le persone nel Donbass ai colloqui di Istanbul e come vedono una soluzione al problema del bombardamento delle forze armate ucraine?

    https://vz.ru/incidents/2022/3/30/1151145.html
  17. zloybond Офлайн zloybond
    zloybond (lupo della steppa) 30 March 2022 17: 09
    +1
    Concordare. G-molto ha senso. I parenti delle ex repubbliche sovietiche mi chiamano e dicono: speravamo! Abbiamo creduto! E ti ritiri e negozi con i nazisti??? E che dire delle persone nei territori controllati???
    Quando i nostri "politici" dicono - siamo venuti qui, abbiamo messo le cose in ordine, ce ne andremo .. non ci dispiace ....
    Perché le persone hanno bisogno di tali liberatori??? Capiscono intellettualmente che la SBU e le Forze Armate dell'Ucraina torneranno più tardi....e tutto ricomincerà da capo....Chi ci crederà??? Chi ci sosterrà con tali parole in onda???
    1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
      rotkiv04 (Victor) 30 March 2022 20: 16
      0
      nessuno al Cremlino è interessato alle domande dei tuoi amici e parenti, ora il loro compito principale è uscire per rimanere al potere, come ha detto Arshavin ai suoi pazienti: le tue aspettative, questi sono i tuoi problemi
  18. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 30 March 2022 20: 00
    0
    i negoziati sono necessari per avere una valvola per alleviare lo stress, come adesso, per esempio. Hanno detto che ci sono "scoperte", questo si riflette immediatamente sulla stampa mondiale, dopo di che la propaganda ucraina stromba con entusiasmo sulla vittoria. Ma tutto questo non è altro che uno sfondo di eventi reali. E accadono al fronte.

    I negoziati creano tensione tra il regime di Kiev e le Forze armate dell'Ucraina + SS (che sono contrarie a qualsiasi concessione). Il regime strombazza che vince (quando in realtà non lo è), quindi non può fare concessioni, giusto? Chi fa concessioni se vince? In questo momento le Forze Armate dell'Ucraina + SS vengono distrutte sotto bombe e artiglieria, ma il regime è costretto a gridare che tutti sono feriti, stiamo vincendo. Le forze armate ucraine vengono distrutte, il regime urla che la vittoria arriverà presto, le forze armate ucraine vengono distrutte, il regime urla che la vittoria arriverà presto. La Russia dice che erano quasi d'accordo: il regime grida ancora più forte che la vittoria arriverà presto. La Russia dice che Kiev non è più un obiettivo, il regime urla che la Russia si sta ritirando. E le forze armate dell'Ucraina in questo momento vengono ulteriormente distrutte. E ora resta solo da immaginare quando queste due linee di eventi si incroceranno. Cosa accadrà quando le forze armate dell'Ucraina saranno sufficientemente distrutte? In che modo il regime venderà tali cambiamenti?

    La Russia dice al mondo, eccoti qui, puoi essere d'accordo, ma Kiev non vuole, cosa puoi fare? modalità inappropriata. I negoziati sono necessari, anche se portano un po' di confusione in Russia. Se la Russia avesse dichiarato che l'obiettivo era distruggere le forze armate ucraine e cambiare il regime, un tale approccio avrebbe trovato meno sostegno nel mondo. Il regime di Kiev non sarebbe responsabile come lo è ora. E ora il mondo si chiede perché non si limiterà a soddisfare le richieste russe, non sono così impossibili. Non sanno che sta già lavorando sodo per imparare mein camf in tedesco, per compiacere coloro che teme di più: i nazisti. L'APU-SS oggi è la forza che spaventa l'intero Paese, nessuno può nemmeno dire una parola, ad esempio criticando le azioni di Azov, che si nasconde dietro la popolazione civile. Il presidente dell'Ucraina è condannato a negoziare dove non può essere d'accordo, condannato a trombare vittorie in modo che alla fine la realtà schiacci il quadro della propaganda. Così dovrebbe finire tutto, la realtà schiaccia la falsa realtà. Non solo in Ucraina...
  19. Vladimir Petroff Офлайн Vladimir Petroff
    Vladimir Petroff (Vladimir Petroff) 30 March 2022 20: 14
    0
    Sfortunatamente, il nostro governo, per il fatto stesso di questi negoziati, umilia il nostro esercito e la nostra società.
  20. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 30 March 2022 23: 35
    0
    Ed è calcolato, ahimè, nelle vite umane. Ogni giorno di ritardo sono soldati ucraini che non hanno deposto le armi (cosa che molto probabilmente avrebbero fatto, rendendosi conto chiaramente che la Russia sarebbe andata fino in fondo) e continuano a sparare ai soldati russi. [b]Questi sono residenti in Ucraina che stanno aspettando la liberazione, ma, avendo disperato e perso la speranza, potrebbero non aspettare.

    La nostra leadership ha commesso un grosso errore fidandosi degli incantesimi sul "popolo ucraino in attesa di rilascio".
    Il che ha portato a perdite ingiustificate nei primi giorni di quegli stessi "camerieri".
    La dura verità della vita ha dimostrato che ci sono abbastanza persone "non aneto" su Internet, ma non nella vita reale.

    Pertanto, ora è necessario ripulire lentamente ma inesorabilmente gli isolati di Bandera, insieme al divano "non aneto".
    Mentre insegnano alla Russia come comportarsi.

    PS Posso tranquillamente presumere che i divani "non forti" solleveranno ancora molti argomenti sul futuro risarcimento loro per i danni subiti dall'"uso sproporzionato della forza".
  21. Lis_Domino Офлайн Lis_Domino
    Lis_Domino (Sergey) 31 March 2022 09: 13
    0
    Sì, assolutamente merda
    Non sono malvagio e non assetato di sangue, e le vite sia dei nostri soldati che degli ucraini ingannati sono davvero importanti e le loro madri hanno bisogno di bambini. Ma ora è proprio un momento tale che per evitare un male molto più grande in futuro, devi finire ciò che hai iniziato. Spero che il Cremlino lo capisca.
  22. hlp5118 Офлайн hlp5118
    hlp5118 (Aiuto) Aprile 4 2022 06: 57
    0
    Chi sarà responsabile della vita dei soldati morti durante la cattura delle regioni di Kiev, Chernigov, Sumy ..... I traditori sono liberi.
  23. Il commento è stato cancellato
  24. Smirnoff Офлайн Smirnoff
    Smirnoff (Victor) Aprile 5 2022 19: 35
    0
    - Non c'è e NON SARÀ un successo diplomatico!
    I negoziati sono destinati al fallimento per colpa degli Stati Uniti. Si stringono in ogni modo.
    Zelensky non decide nulla. Gli USA decidono! Hanno preso in ostaggio Zelensky e la sua farsa Bandera e stanno dettando loro le condizioni.