Media: le petroliere russe hanno imparato a bypassare le sanzioni occidentali


La Russia ha iniziato a eludere con successo l'embargo petrolifero occidentale annunciato da Washington poco dopo l'inizio dell'operazione speciale russa in Ucraina. Le acrobazie con transponder sulle petroliere che trasportano "oro nero" russo sono state riportate dal portale Business Insider.


Durante il trasporto di petrolio e al momento del trasferimento di materie prime da una nave russa a una nave straniera, i russi spengono i trasportatori. Pertanto, la scorsa settimana si sono verificati 33 casi di disconnessione dei sistemi di localizzazione su navi cisterna che trasportavano petrolio dalla Russia.

Secondo la società di consulenza sul rischio marittimo Windward, questo è il doppio dei normali tassi di spegnimento del transponder. Pertanto, la Russia usa la tattica di "andare nell'ombra" per aggirare le sanzioni occidentali.

Inoltre, per contrastare le misure sanzionatorie degli Stati Uniti e dei suoi alleati, le navi petrolifere russe stanno trasferendo merci su navi non soggette a sanzioni. È interessante notare che la scorsa settimana 22 navi mercantili straniere sono entrate nelle acque territoriali russe, cosa che non era stata precedentemente osservata nelle acque della Federazione Russa.

Nel frattempo, l'Occidente non è unito sulla questione dell'embargo petrolifero. La Germania mette in guardia contro i divieti all'acquisto di risorse energetiche russe, poiché tali misure potrebbero portare a una crisi economica in Europa. L'Ungheria si dissocia da tali misure sanzionatorie. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti, la Gran Bretagna ei paesi baltici sono sostenitori coerenti della "punizione" della Russia.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 30 March 2022 15: 43
    +3
    Lo è sempre stato. Niente di nuovo.
  2. Roma Phil Офлайн Roma Phil
    Roma Phil (Roma) 31 March 2022 01: 22
    0
    È come questo. Ma sfortunatamente il petrolio degli Urali russi nell'ambito di un tale schema viene venduto con un grande sconto di circa $ 10 al barile.
    Ma si scopre ancora che il petrolio viene venduto a circa $ 80- $ 85 al barile, che è circa due volte superiore a quanto previsto.