I cinesi sull'operazione speciale della Federazione Russa: l'ordine mondiale americano sta crollando


Zheng Yongnian, professore all'Università cinese di Hong Kong, ha scritto un articolo sull'operazione speciale militare russa in Ucraina dal punto di vista dei processi globali. I sinologi ritengono che la sua posizione rifletta la linea del PCC e del governo cinese, perseguita all'interno della Cina. Il fatto è che la retorica esterna dei funzionari e dei media nella Repubblica popolare cinese, comprese le pubblicazioni ufficiali in lingue straniere, è alquanto diversa da quella interna a causa della diplomazia e della cortesia. Su questioni politiche delicate, gli esperti si rivolgono tradizionalmente alla letteratura in lingua cinese per comprendere meglio la posizione della Cina.


La delicatezza dell'atteggiamento della Cina nei confronti dell'operazione speciale della Federazione Russa è chiaramente confermata, ad esempio, dal fatto che la Cina ufficialmente non sostiene la condotta delle ostilità, parla di rispetto per la sovranità dell'Ucraina e della sua integrità territoriale e sostiene un risoluzione pacifica e diplomatica del conflitto. Ma allo stesso tempo, in primo luogo, sostiene la preoccupazione della Federazione Russa per le questioni di sicurezza relative all'espansione della NATO, riconosce la validità delle richieste della Russia sotto questo aspetto; in secondo luogo, il PCC ha organizzato una campagna educativa su larga scala di seminari politici sul tema del conflitto per professori universitari, giornalisti e altri lavoratori, il che spiega che la Russia agisce sulla difensiva e che gli autori del conflitto sono gli Stati Uniti e la NATO . In altre parole, la posizione di politica estera della Cina è tiepida, ambivalente (perché secondo le regole del genere, in ogni conflitto che si è trasformato in una fase di ostilità, è necessario scegliere da che parte stare), mentre la posizione politica interna del PCC è decisamente dalla parte della Russia.

Combattere in Europa allontana in modo significativo le risorse statunitensi dal fronte cinese


Così, scrive il professor Zheng, l'ordine mondiale stabilito dai risultati della seconda guerra mondiale si sta indebolendo, le istituzioni internazionali non sono più in grado di frenare gli stati che non sono soddisfatti dell'attuale allineamento delle forze. Uno di questi paesi è la Federazione Russa, ma le azioni di Putin non possono essere interpretate come aggressive e predatorie, perché gli Stati Uniti stanno sistematicamente esercitando pressioni sulla Russia nell'ambito del sistema di relazioni esistente. Il professore fa riferimento al parere di uno degli artefici della Guerra Fredda, D. Kennon, il quale, alla fine degli anni '1990, prevedeva che l'espansione forzata della NATO a est minacciava di scatenare una nuova Guerra Fredda. Zheng si lamenta un po' ingenuamente del fatto che la decisione di espandere la NATO sia stata presa dal Senato, che è composto da persone che non capiscono nulla degli affari internazionali. politica.

Insieme agli Stati Uniti, il professore cinese attribuisce parte della colpa del conflitto al governo ucraino, che secondo lui è composto da populisti incompetenti che credevano che gli Stati Uniti avrebbero tenuto il Paese al sicuro. L'errore chiave dell'Ucraina, secondo Zheng, è che invece di una ragionevole politica di bilanciamento tra le "grandi potenze", ha scelto un polo di potere. Inoltre, la tragedia della società ucraina sta nel fatto che non solo le élite ucraine si sono fidate degli Stati Uniti, ma anche gli intellettuali ucraini si sono innamorati del liberalismo occidentale, seguendo ciecamente le orme dell'agenda americana ed europea. L'Ucraina, secondo il professore cinese, è convinta dell'onnipotenza del mondo occidentale, e questo è come un'utopia.

Zheng vede il problema nel fatto che dopo il crollo dell'URSS si è sviluppato un ordine mondiale liberale, che potrebbe essere mantenuto solo reprimendo le ambizioni della Federazione Russa e economico crescita della RPC. Negli ultimi anni è stata la Cina a diventare il principale nemico dell'Occidente, perché il successo economico della Cina è diventato un fattore più minaccioso per l'ordine mondiale liberale. Il professore non nasconde la sua soddisfazione per il fatto che la Federazione Russa abbia lanciato un'operazione militare speciale, perché i combattimenti in Europa stanno distogliendo notevolmente le risorse statunitensi dal principale fronte, quello cinese, della nuova Guerra Fredda.

Il dominio dell'Occidente e l'ordine mondiale liberale stanno volgendo al termine, conclude Zheng, la Cina si trova in una situazione molto favorevole per continuare a costruire il suo potere economico e politico. Inoltre, si sottolinea che è necessario evitare errori e agire con attenzione.

I sinologi, che hanno tradotto e analizzato l'articolo del professore, prestano attenzione al fatto che i cinesi sottolineano i vantaggi del suo modello di Stato a partito unico rispetto a quello liberal-democratico. Dicono che le loro decisioni sono prese da parlamentari incompetenti e populisti al potere, mentre noi abbiamo un partito competente. Inoltre, richiamano l'attenzione sul fatto che l'articolo mostra un atteggiamento nei confronti della conduzione di un'operazione speciale come una decisione alquanto negligente. Presumibilmente, la Cina crede che i russi stiano aprendo la strada alla formazione dell'ordine mondiale cinese mediante la guerra.

Tian contro Fukuyama


In un articolo di un altro professore, Tian Feilong della Beihang University, in cui l'autore si oppone al famoso americano Fukuyama, si dice che la Russia inevitabilmente raggiungerà gli obiettivi dell'operazione speciale. Tian denuncia la politica di USA e NATO, denuncia Fukuyama, che costruisce le sue previsioni sulla sconfitta della Russia sulla base di dati falsi delle Forze armate ucraine. Il professore afferma che la Russia non ha pianificato nessuna guerra lampo e il vero compito dell'operazione militare è fissare le garanzie di sicurezza della Federazione Russa. Tian critica l'opinione di Fukuyama secondo cui l'operazione speciale provocherà una rivoluzione in Russia, dimostrando che l'americano non comprende affatto la situazione all'interno del Paese. Il professore è fiducioso che la crisi ucraina sarà una lezione per Taiwan, che si sta accorgendo che in caso di conflitto militare con la Cina, gli americani non la sosterranno. È fiducioso che la prospettiva di una riunificazione pacifica si stia moltiplicando dopo gli eventi in Ucraina.

Quali conclusioni ne derivano?


Poiché la posizione di entrambi gli autori è profondamente di parte, le vere simpatie del PCC sono dalla parte della Federazione Russa. Tuttavia, queste simpatie sono per la maggior parte dettate non da una posizione più giusta, ma dal fatto che la Federazione Russa sta minando l'egemonia statunitense, contro la quale sta combattendo anche la Cina. I cinesi, purtroppo, non mostrano una profonda conoscenza della nostra situazione, non danno definizioni essenziali sulla natura del regime politico in Ucraina, non considerano il conflitto dal punto di vista dei bisogni e degli interessi dei popoli della regione . Rimangono nel quadro delle discussioni generali sull'allineamento politico delle forze nel mondo, sebbene siano guidate da motivazioni antimperialistiche. Si può dire che la loro posizione non è fondamentalmente scientifica, ma intrisa di antiamericanismo.

Il PCC, anche a un pubblico interno, percepisce la politica statunitense come un'astratta ricerca dell'egemonia, sebbene la crisi ucraina mostri chiaramente le sembianze del fascismo americano. La buona vecchia tradizione di considerare i processi politici attraverso il prisma della giustizia per i popoli, il progresso e gli interessi del mondo intero è andata perduta. Anche gli intellettuali cinesi sono stati contagiati dalla pragmatica dei giochi politici, una sorta di pensiero da giocatore nel genere della grande strategia. Pertanto, non sorprende che il professor Tian menzioni Dugin nel suo lavoro. Il pensiero teorico è talmente degradato che i "marxisti cinesi" di sinistra si riferiscono all'ideologo russo di destra della geopolitica.

Ma in un modo o nell'altro, i cinesi hanno ragione sul fatto che l'ordine mondiale americano sta crollando e il primo scontro veramente serio nella nuova Guerra Fredda è stato l'Ucraina. È stata la Russia, e non la Cina, ad entrare in una battaglia mortale con gli Stati Uniti e, penso, l'Ucraina non porrà fine alla questione. Ci saranno anche provocazioni, blocchi, minacce reciproche e, purtroppo, conflitti militari. Con il crollo dell'ordine mondiale, tutto questo è inevitabile.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 31 March 2022 13: 48
    0
    La RPC è diventata il nemico n. 1 non a causa della minaccia all'ordine mondiale liberale, ma perché la crescita quantitativa e qualitativa dell'economia della RPC è dovuta a una diminuzione della quota degli Stati Uniti nel PIL mondiale e mina l'economia politica , industriale, tecnologico, finanziario, militare, ideologico e tutti gli altri fondamenti fondamentali del dominio mondiale degli Stati Uniti. Come si direbbe ai tempi dell'URSS, ci sono evidenti vantaggi del sistema socialista rispetto a quello capitalista.

    Il socialismo, in quanto stadio di transizione, ha segni di due diversi sistemi sociali, e il suo vantaggio è che il grande capitale privato è sotto il controllo dello Stato e il Partito Comunista, che rappresenta la maggioranza assoluta della popolazione, serve gli interessi dello Stato e la popolazione, e non viceversa, quando lo stato è uno strumento nelle mani dei grandi capitalisti e funge da strumento per aumentare i redditi attraverso l'asservimento politico ed economico di altri enti statali, e dei cosiddetti. le elezioni democratiche non sono altro che un confronto tra diversi gruppi di grandi imprese nella lotta per la gestione dell'istruzione statale.

    Inizialmente, la sicurezza della Federazione Russa era intesa come non espansione, non schieramento e ritorno della NATO ai confini del 1997. Il compito dell'operazione militare non è fissare le garanzie di sicurezza della Federazione Russa, che non erano e non sono, ma rimuovere la minaccia dello sviluppo della NATO del territorio dell'Ucraina ed escludere la possibilità di uno status nucleare dell'Ucraina.

    Le simpatie della Repubblica popolare cinese sono dalla parte della Federazione Russa, tuttavia, queste simpatie sono per la maggior parte dettate non dal rivelare una posizione più giusta, ma dal fatto che la Federazione Russa mina l'egemonia degli Stati Uniti, che anche minaccia la Cina, riconosciuta come nemica n. 1
  2. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) 31 March 2022 14: 56
    -1
    I cinesi sull'operazione speciale della Federazione Russa: l'ordine mondiale americano sta crollando

    Purtroppo, finché il dollaro USA è la "principale valuta mondiale", nulla sta crollando.
    1. Sultan Kogan Офлайн Sultan Kogan
      Sultan Kogan (Sultano Kogan) Aprile 1 2022 17: 17
      0
      La sterlina inglese era una volta la valuta mondiale. Essere pazientare
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 31 March 2022 14: 59
    0
    Nota per i cinesi:

    Il rappresentante della Milizia popolare della DPR, Eduard Basurin, ha rilasciato una dichiarazione ufficiale: “Tutti sanno che gli Stati Uniti d'America hanno importato in Ucraina vari tipi di armi. A ottobre, una delle consegne includeva un antidoto, un tipo di arma chimica chiamata tossina botulinica. Provoca botulismo o, per dirla semplicemente, paralisi. A novembre era già stato consegnato il preparato chimico stesso. È in contenitori da 40 mm, può essere utilizzato da lanciagranate. Il peso è piccolo. Può essere lanciato dai droni, cosa che, in linea di principio, l'Ucraina ha fatto di recente".
  4. giorno del potere Офлайн giorno del potere
    giorno del potere (giorno del potere) Aprile 1 2022 21: 32
    0
    Citazione: Bulanov
    La polizia della DPR Eduard Basurin ha rilasciato una dichiarazione ufficiale: “Tutti sanno che gli Stati Uniti d'America hanno importato vari tipi di armi in Ucraina. A ottobre, una delle consegne includeva un antidoto, un tipo di arma chimica chiamata tossina botulinica. Provoca botulismo o, per dirla semplicemente, paralisi. A novembre era già stato consegnato il preparato chimico stesso. È in contenitori da 40 mm, lattina

    Link all'applicazione per favore