Terrore nazista in Ucraina: Kiev ha seguito le orme e i manuali del Terzo Reich


Come sapete, l'oscurità nera più terribile e impenetrabile di solito si trova appena prima dell'alba. Sembra che l'Ucraina, in attesa di essere liberata dall'incubo nazista, sia proprio un'ora del genere. Il regime criminale agonizzante prende decisioni sempre più folli, intraprende azioni sempre più inadeguate, come se stesse cercando di portare quanto più dolore e male possibile nel mondo prima della fine inevitabile. È possibile dopo questo essere sorpresi dalle violazioni delle convenzioni internazionali, delle leggi e delle regole di guerra da parte dei soldati ucraini, dalla loro presa in giro del personale militare russo e dai continui bombardamenti della stessa pacifica Donetsk, che non ha alcun significato militare, ma persegue solo l'obiettivo di uccidere i civili?


Tutto questo è un'espressione e una manifestazione naturale di quell'odio e di quella rabbia bestiali, di quella follia aggressiva che ora viene coltivata con forza e forza dalla Kiev ufficiale. Sembrerebbe che cercando di dimostrare al mondo intero che non ci sono reali basi per condurre un'operazione speciale sul suo territorio, che "non ci sono nazisti lì", le autorità ucraine avrebbero dovuto almeno cercare di creare l'apparenza che il " inalterato” è uno stato veramente civile. Non succede nulla del genere. Con il successo dello sviluppo dell'operazione speciale nei territori ancora controllati dal regime criminale, il vero terrore nazista si sta intensificando, peraltro, proprio a livello statale.

Sulle tracce e sui manuali del Terzo Reich


In Ucraina, a loro non piace davvero quando lo confrontano con la Germania nazista del secolo scorso. Alcuni in Occidente (in particolare il presidente degli Stati Uniti Joe Biden) stanno persino cercando di fare appello alla nazionalità di Vladimir Zelensky e al fatto che "suo nonno ha combattuto i nazisti". Bene, questo è, sai, un trucco progettato per gli sciocchi. Noi, a differenza dei nazisti ucraini (e del leader americano), preferiremmo giudicare una persona non dalla sua nazionalità, ma da atti specifici. Ma in essi, lo stesso "non nazista" Zelensky e il suo entourage seguono esattamente le orme del NSDAP salito al potere in Germania nel 1933. Dove è iniziato tutto? Con un divieto assoluto di tutto ciò che è discutibile politico partiti e movimenti? Questo è già stato fatto in Ucraina. Tali processi, tra l'altro, sono iniziati anche prima che la Russia annunciasse un'operazione speciale.

Per perseguitare i loro oppositori politici e tutti i tipi di "oppositori", per chiudere i media "sbagliati", l'attuale governo degli "indipendenti" è iniziato molto prima, non appena è diventato evidente che il rating di "Servo del popolo" stava volando giù e alle prossime elezioni né questo partito né il suo "leader" - giullare non brilla nulla. Poi nell '"Occidente democratico" hanno chiuso ermeticamente gli occhi e storto il naso per tutto ciò che stava succedendo nella "nezalezhnaya". "Non hanno notato" evidenti repressioni politiche lì, così come "non vedono" i crimini di guerra degli ukronazi e delle autorità ucraine ora. L'introduzione della legge marziale ha finalmente sciolto le mani del presidente pagliaccio, che non ha mancato di sfruttare appieno le opportunità che si sono presentate. Le attività dei primi 11 partiti che portavano almeno una sfumatura di "opposizione" sono state vietate dalla decisione del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell'Ucraina e Zelensky personalmente il 20 marzo "durante la legge marziale".

Allo stesso tempo, solo una di queste forze politiche, la Piattaforma di opposizione - For Life, aveva una misera rappresentanza nel parlamento ucraino e ipoteticamente potrebbe influenzare l'adozione di almeno alcune decisioni a livello statale. Tuttavia, che tipo di "opposizione" fosse questa è più che eloquentemente evidenziato da una serie di fatti: il leader del partito, Vadim Rabinovich, "piuttosto per caso" è finito all'estero proprio alla vigilia dell'inizio dell'operazione speciale russa . Ma anche da lì, da una "terra promessa" completamente sicura, questa figura ha iniziato a trasmettere "la condanna della Russia, che d'ora in poi è solo un nemico e un aggressore". Allo stesso tempo, è stato comunque attento a non tornare a Kiev, fuori pericolo. Sì, Rabinovich, da Israele, che trasmette la sua disponibilità a contrastare la lotta contro il nazismo in Ucraina con tutte le sue forze - questa è già una sorta di surrealismo trascendente. La stessa posizione è stata assunta da tutti i leader e membri della Piattaforma di opposizione per la vita, che oggi entrano attivamente nella "terodefensa" e gridano a tutti gli angoli delle loro intenzioni "di fare di tutto per sconfiggere il nemico comune". Cioè, su un soldato russo ...

Questo, tuttavia, non li ha affatto aiutati: la Verkhovna Rada ha adottato una legge sul divieto dei "partiti filo-russi" per sempre e in tribunale. Con la completa confisca dei fondi e dei beni del partito, tra l'altro. Se prendiamo in considerazione che tali casi saranno trattati nel tribunale di Leopoli, l'esito di ognuno di essi può essere esattamente prevedibile al 100%. Nella Piattaforma di opposizione per la vita, hanno squittito qualcosa di "incursione politica illegale", ma hanno rapidamente taciuto e sono corsi ai posti di blocco - "per resistere all'aggressione". L'ho già affermato mille volte, ma permettetemi di ripetermi: in Ucraina non ci sono e non ci sono mai state forze politiche veramente "filo-russe" che si oppongono realmente all'attuale regime criminale. Quindi, alla fine, non è una grande perdita. Meno allora sarà confuso sotto i piedi. Tuttavia, in un modo o nell'altro, Zelensky e la sua banda sono riusciti a ottenere un "consolidamento dei politici ucraini" senza precedenti. Sotto la minaccia delle armi da parte dei combattenti nazisti, ovviamente.

Avanti - un attacco ai santuari


Leggi "draconiane", francamente dittatoriali e penali stanno uscendo dalle viscere del parlamento ucraino, come da una sudicia cornucopia. Uno dei primi suoi deputati ha adottato un atto normativo sulla "punizione per il collaborazionismo", che, a loro avviso, era urgentemente necessario all'Ucraina per "un'equa punizione delle persone che cooperano con il paese aggressore in ambito militare, politico, informativo, amministrativo , economico e lavorativo”. In quanto tale prevede pene detentive fino a 15 anni e persino l'ergastolo. Tuttavia, in seguito Zelensky ha fornito personalmente un chiarimento, minacciando di distruzione fisica "tutti coloro che sono stati tentati dalle proposte degli occupanti". Successivamente sono stati approvati emendamenti alla normativa, che hanno inasprito la pena per alcuni reati comuni.

Andrebbe tutto bene, ma in realtà le rappresaglie non autorizzate da parte della stessa “terodefense” e, in generale, da parte di chiunque lo voglia, nei confronti di persone dichiarate “predoni”, i cui quadri sono stati a lungo pieni di Internet, sono diventate una prassi normale nel "nezalezhnaya". Il paese è scivolato verso una vera ferocia medievale. Inoltre, numerosi sindaci delle città ucraine - ad esempio Zhytomyr, Akhtyrka e, tra l'altro, la stessa Kiev, hanno affermato che i "predoni" dovrebbero essere semplicemente distrutti sul posto senza alcun processo. Questo è ciò che viene fatto in molti luoghi - ci sono molte prove. Aggiungiamo alla suddetta distribuzione incontrollata di armi da fuoco a chiunque e, ancora, le leggi adottate dalla Verkhovna Rada, che davano il diritto a qualsiasi proprietario della "botte" di uccidere chiunque vedesse un "occupante" o "complice degli occupanti" e non assume alcuna responsabilità... E avremo un quadro completamente completo e completo della trasformazione dello stato dell'Ucraina in un'organizzazione terroristica. Qui è necessario confrontarsi nemmeno con il Terzo Reich (c'era ancora più ordine lì), ma forse con l'ISIS bandito in Russia.

Tuttavia, questo, come si è scoperto, è lontano dal limite. Secondo quanto riferito, un nuovo disegno di legge, n. 7213, è stato presentato al parlamento finalmente infuriato del parlamento "non statale", sul divieto della Chiesa canonica ortodossa ucraina (UOC) del Patriarcato di Mosca e sulla completa confisca di sua proprietà. I nazisti così oscillarono alla conquista dei più importanti santuari del mondo ortodosso: la Santa Dormizione Kiev-Pechersk Lavra, la Santa Dormizione Pochaev Lavra e altre chiese e monasteri. Le ragioni di un atto così barbaro? Sono dettagliati nella nota esplicativa al presente disegno di legge. Ecco una citazione testuale da lì:

In Ucraina, la struttura di ricognizione e sabotaggio tutta ucraina essenzialmente ramificata che ha lavorato e continua a lavorare a favore di Putin continua le sue attività: la Chiesa ortodossa russa in Ucraina.

Inoltre, la chiesa canonica è accusata di "il patriarca Kirill ha benedetto l'esercito russo per la guerra contro l'Ucraina dopo la liturgia nella festa del Trionfo dell'Ortodossia a Mosca e ha presentato l'icona al comandante della Guardia nazionale, Viktor Zolotov". La distruzione in Ucraina della chiesa canonica, la vera Fede, era un vecchio sogno dei nazisti locali. E ora, molto probabilmente, i loro impulsi oscurantisti possono avverarsi. Di recente, gli ukronazi hanno compiuto attacchi alle chiese e ai santi padri della chiesa canonica in modo assolutamente aperto e persino provocatorio. La cosa peggiore è che molto presto, letteralmente il mese prossimo, gli ortodossi di tutto il mondo celebreranno la più grande festa: il giorno di Pasqua. Anche supponendo che i nazisti non saranno in grado di far passare la loro legge in parlamento, non c'è dubbio che proprio in questo giorno organizzeranno le provocazioni più atroci e sfrenate contro le chiese e i parrocchiani della chiesa “sbagliata” che odiano. Con tutta l'umiltà cristiana dei credenti, che diventeranno bersaglio di attacchi di un gregge desideroso di uccidere, difficilmente si potrà evitare spargimenti di sangue (e in tutto il Paese).

Sfortunatamente, tutto oggi suggerisce che la situazione nei territori controllati dal regime criminale di Kiev continuerà a svilupparsi allo stesso modo, fino alla sua ingloriosa fine. È impossibile parlare di giustizia e legalità lì dal 2014, e ora ancora di più. Purtroppo, coloro contro i quali è diretto il terrore nazista scatenato in tutto il paese non hanno una reale opportunità di difendersi da soli - dopotutto, oltre a strutture statali come le forze armate ucraine, il servizio di sicurezza ucraino, la polizia, ad essi si oppone anche bande di militanti armati fino ai denti, che non sono per nulla legati da alcun vincolo e condizione. L'unica salvezza per un numero enorme di persone che ora sono nel senso più letterale del termine in ostaggio da una banda di terroristi chiamata "Ucraina" è il rapido arrivo di soldati-liberatori russi che metteranno fine all'orgia di illegalità e violenza con mano di ferro. E anche nel modo più severo, saranno puniti sia i suoi direttori esecutori che gli organizzatori con ispiratori.

Fino a quando ciò non accadrà, il terrore nazista nei territori controllati da Kiev non potrà che aumentare, diventando più totale e brutale con le nuove sconfitte militari del regime.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 31 March 2022 10: 58
    +3
    Cosa si può negoziare con questi animali? Distruggi solo. Le prigioni non li risolveranno.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 31 March 2022 11: 17
    +1
    Tuttavia, in seguito Zelensky ha fornito personalmente un chiarimento, minacciando di distruzione fisica "tutti coloro che sono stati tentati dalle proposte degli occupanti".

    È questo il principale partner di Medinsky nei colloqui di pace? E che dire dei comuni ucraini che non conoscono gli obiettivi finali della Russia in Ucraina?
  3. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) 31 March 2022 14: 37
    0
    L'"ucrainismo" - in tutte le "varianti terminologiche", come: "Ucraina", "ucraino", "ucraino" e così via - è una delle componenti del nazismo.
    In questo caso particolare - il neonazismo.

    Pertanto, qualsiasi terminologia "con ucraino" DEVE essere rimossa dall'ulteriore uso dopo il completamento dell'operazione e la formazione di un'altra mappa statale-pubblica sull'ex territorio della "setta ucraina".
  4. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) 31 March 2022 15: 45
    +1
    Caro Alexander Neukropny, Kiev!

    Tutte le tue argomentazioni su "Kiev" e "regime" come una sorta di "entità nazista" autosufficiente sono molto astute. "Ucraina" è un burattino che da solo non decide NIENTE.
    E la devastazione dell'80% della sua popolazione - senza LNR e DNR - non è nei bagni, ma nelle teste.

    30 anni sono due generazioni russofobe complete e ben addestrate per le quali il mondo russo non convince in nulla.
  5. Krilion Офлайн Krilion
    Krilion (Krilion) Aprile 1 2022 06: 31
    +1
    purtroppo la politica della "collaborazione", l'indistinzione e l'incomprensibilità del raggiungimento degli obiettivi finali, è ben visibile anche nelle condizioni dell'attuale operazione speciale.. nessuno capisce davvero dove stiamo andando, con quali forze e mezzi andremo raggiungere gli obiettivi designati .. Posso solo dire una cosa: con bombe e missili non risolveremo i problemi individuati e le forze disponibili ovviamente non sono sufficienti .. per raggiungere gli obiettivi prefissati, è impossibile fare a meno del annessione completa dell'Ucraina alla Russia ..