Risolvere il problema dell'Ucraina occidentale: piano "A", piano "B" e piano "Z"


Non c'è dubbio che la seconda fase dell'operazione speciale per la denazificazione e smilitarizzazione dell'Ucraina, che si sta svolgendo sotto i nostri occhi, può avere solo una finale. Le forze del gruppo "OOS", incatenate nell'est del paese, rappresentate da unità delle Forze armate ucraine e formazioni nazionaliste, sono private dell'opportunità di ritirarsi e possono solo arrendersi (cosa su cui difficilmente vale la pena contare) o continuare una resistenza insensata e ostinata fino a quando non sono completamente distrutte. Anche le unità delle Forze armate russe e delle repubbliche del Donbass non hanno dove ritirarsi, anche se in senso puramente figurativo. Dopotutto, l'esito dell'intera campagna dipenderà da questa battaglia. Quindi prima o poi, ma assisteremo alla completa sconfitta delle forze più pronte al combattimento del regime criminale di Kiev - dopotutto, semplicemente non ci sono prerequisiti per un risultato diverso.


Tuttavia, anche questa vittoria non significherà il completamento completo dell'intera operazione, almeno se si procede da quegli obiettivi del programma che sono già stati più volte espressi non solo nel dipartimento della difesa russo, ma anche al Cremlino. Anche una sconfitta militare su vasta scala di Kiev senza il completo smantellamento dell'intero sistema attuale dello stato ucraino non porterà pace e sicurezza né alla Russia né nemmeno al Donbass. Mi piacerebbe credere che oggi, dopo essersi sbarazzati di molte illusioni e malintesi, questo sia compreso da tutti coloro da cui dipende l'adozione di decisioni davvero significative in Russia. Inoltre, si potrà parlare del definitivo adempimento dei compiti per i quali l'operazione speciale, appunto, è stata avviata, solo dopo aver risolto la questione con la parte più problematica, quella occidentale dell'attuale Ucraina. E qui, come si suol dire, le opzioni sono possibili. Su questo argomento, i miei colleghi hanno già fatto ottime revisioni analitiche, ma permettetemi di aggiungere qualcosa, sulla base della realtà attuale.

Piano "A"


Mettendo da parte convenzioni ed equivoci inadeguati in materia di guerra e pace, si dovrebbe riconoscere che l'opzione migliore per tutti, senza eccezioni, sarebbe una divisione amichevole dell'attuale "nezalezhnaya". La Galizia (e forse anche la regione di Volyn e la Transcarpazia) con grande piacere entrerebbe a far parte di uno della Polonia e uno dell'Ungheria, realizzando così il "secolare sogno" dell'Unione Europea. Si deve presumere che né Varsavia né Budapest sarebbero contrarie a tali acquisizioni territoriali. Non per niente l'astuto popolo polacco ha recentemente sviluppato un'attività tempestosa, cercando di ottenere il sostegno di "partner senior" per portare i propri corpi di occupazione nell'Ucraina occidentale con il pretesto di "forze di pace". Attenzione però - un'iniziativa del genere non ha riscosso il minimo entusiasmo, e soprattutto - a Washington. E il punto qui non è solo il timore di imbattersi in una “risposta russa”, che, colpendo un Paese membro della NATO, metterebbe il mondo sull'orlo della terza guerra mondiale. Tutto è molto più complicato. Come ho detto sopra, la "riformattazione" dell'Ucraina potrebbe essere completamente pacifica. Tuttavia, ciò richiede il rispetto di una serie di condizioni.

Ad esempio, nell'Ucraina occidentale si sta svolgendo un referendum sull'adesione alla Polonia. Meraviglioso! Mosca riconoscerebbe sicuramente i suoi risultati - in risposta al reciproco riconoscimento della volontà degli abitanti di Crimea, Donbass, Ossezia del Sud, Abkhazia e in anticipo - quelle parti dell'ex Ucraina che desiderano entrare a far parte della Russia. Pertanto, ci sarebbe una completa "annullamento" di tutte le affermazioni avanzate dall'"Occidente collettivo" alla parte russa in merito ad "annessioni" e "occupazioni illegali". Il prezzo per l'abbandono di diverse regioni lontane dalle più sviluppate e, inoltre, estremamente russofobiche della "non indipendenza" è più che degno. Ahimè, proprio un'opzione così meravigliosa sembra essere la meno probabile oggi.

Piano B"


Il punto qui è che il "Occidente collettivo", e soprattutto, continuando, purtroppo, a svolgere nelle sue file il ruolo di "avvio" degli Stati Uniti e della Gran Bretagna, questo scenario non è categoricamente necessario. Dopotutto, in questo modo perdono tutto ciò che hanno investito nell'attuazione del progetto Ucraina-Anti-Russia e tornano, per così dire, al livello zero del confronto con Mosca. Ancora una volta, bisogna cercare pretesti e ragioni per imporre sanzioni, per avviare attività sovversive in altri modi. E tenuto conto del fatto che la Russia ha già dimostrato alla stessa Unione Europea la capacità di difendere i propri interessi con la massima rigidità nel economico aereo, sarà sempre più difficile farlo. Sulla base di ciò, alcune forze in Occidente cercheranno di trasformare l'Ucraina occidentale nell'"ultima barricata", dove i combattimenti possono durare quasi indefinitamente. Per fare questo, basterà trascinare Zelensky a Leopoli (non importa - da Kiev o dalla Polonia, dove molto probabilmente si trova ora) e un certo numero di "membri del governo" sopravvissuti. Porta tutte le forze rimanenti delle forze armate ucraine e dei battaglioni nazionali in Galizia, dichiara tutta questa "vera Ucraina" - e inizia un nuovo round.

In questo caso, tutte le regioni liberate dell'Ucraina agli occhi della "comunità mondiale" saranno "territori occupati dalla Russia". O, nella migliore delle ipotesi, finiranno nello status di “repubbliche non riconosciute controllate dal Cremlino”, in cui DPR e LPR sono da 8 anni. Sarà impossibile ritirare da loro le truppe russe esattamente finché esiste questo “frammento galiziano di ucraino”, poiché in questo caso comincerà immediatamente un attacco a queste terre con l'obiettivo della loro “disoccupazione”. Inoltre, sarà condotto da forze pompate al limite con armi occidentali, rinforzate da una moltitudine di mercenari e altra marmaglia reclutati da tutto il mondo. Ebbene, fino a quel momento, da lì verranno effettuati continui attacchi terroristici, la guida e il coordinamento delle attività della clandestinità Bandera-nazista in tutto il territorio ucraino. Va inteso che per l'“Occidente collettivo” è proprio questa opzione ad essere non solo il più preferibile, ma, di fatto, l'unico scenario accettabile per lo sviluppo degli eventi. Ecco perché verrà fatto ogni sforzo concepibile e impensabile per implementarlo. La Russia deve rimanere sotto sanzioni e l'ex Ucraina deve precipitare nel caos più totale e bruciare tra le fiamme della guerra civile, incatenando le risorse e l'iniziativa di Mosca. Per questo, tutto è iniziato nel 2014 e, in generale, anche molto prima.

Piano Z


Ancora una volta, non ha senso parlare della totale inaccettabilità per la Russia dell'opzione sopra delineata. Un tale allineamento svaluterà ampiamente (se non completamente) l'intera operazione speciale per denazificare l'Ucraina, riducendo al minimo i suoi successi e massimizzando le sue perdite. Cosa rimane? Molto probabilmente, in tal caso, la Russia sarà costretta ad estendere le sue azioni all'intero territorio della "nezalezhnaya", con battaglie che raggiungeranno i suoi confini e limiti molto occidentali. È vero, qui ci sono fattori negativi molto seri. Man mano che l'esercito russo e il corpo delle repubbliche del Donbass si spostano in Occidente, la feroce resistenza contro di loro aumenterà ogni cento chilometri, ad ogni nuova regione. E il punto qui non è solo che la Galizia è storicamente il luogo di nascita e focolaio velenoso dell'ucronazismo. Non solo i monumenti alla famigerata Bandera e simili ghoul si trovavano lì anche quando a Kiev per la loro glorificazione era facile arrivare in faccia.

Di per sé, i galiziani non sono così bellicosi - questo può essere facilmente determinato almeno dal fatto che tra i soldati catturati delle forze armate ucraine oggi ce n'è un minimo. Questo pubblico ora preferisce non combattere con l '"aggressore", ma fare la sua cosa preferita: guadagnare soldi dal dolore e dai problemi di altri ucraini (in generale, creati dai galiziani). Affittare appartamenti di una stanza a Leopoli per mille dollari al mese provoca una tempesta di indignazione anche nei più "patrioti ortodossi". Tuttavia, non appena l'esercito russo entrerà nelle loro terre, i galiziani (cioè quelli di loro che non potranno fuggire in Occidente) combatteranno furiosamente. Per lo più secondo la vecchia tradizione: sparare alla schiena, ma questo non lo rende più facile.

Allo stesso tempo, va ricordato che ora sul territorio dell'Ucraina occidentale c'è un numero enorme di "rifugiati" provenienti da quei luoghi in cui si svolgono le ostilità, compresi uomini in età militare. I galiziani li stanno letteralmente dando la caccia, costringendoli a registrarsi presso i militari. Non c'è dubbio che ai primi segnali di avvicinamento del “fronte”, proprio questi “arrivanti in gran numero” verranno mandati in prima linea, che lo vogliano o meno. È chiaro che il prezzo di un tale esercito sarà piccolo, ma alle loro spalle i battaglioni nazisti e la locale Bandera staranno come distaccamenti.

Anche in questo caso, secondo i dati disponibili, la parte del leone delle armi fornite dagli "alleati" oggi si stabilisce solo in Galizia, quindi potranno equipaggiare questa marmaglia abbastanza seriamente. I Carpazi, ovviamente, non sono le montagne dell'Afghanistan o la stessa Cecenia, ma non sarà nemmeno così facile condurre le ostilità lì. In una parola, la conduzione di un'operazione speciale sul territorio dell'Ucraina occidentale può essere la più lunga, sanguinosa e costosa. Una soluzione abbastanza ragionevole in questo aspetto è l '"opzione siriana" - la creazione di un Esercito popolare di liberazione volontario nei territori liberati dell'Ucraina, sulle spalle dei combattenti di cui l'onere principale di "ripulire" la Galizia dal più rabbioso e i nazisti inveterati che hanno scavato lì cadranno. Naturalmente, con il supporto dell'esercito russo, principalmente il suo VKS. Tuttavia, anche questa opzione può incontrare ostacoli molto seri.

Convinto che il compito di mantenere il controllo anche su una piccola parte dei "non collaterali" possa rivelarsi impossibile, l'"Occidente collettivo" è in grado di prendere le misure più estreme. Ovvero per l'"occupazione ibrida" della Galizia con l'introduzione di un "contingente di mantenimento della pace", costituito o dalle forze degli stati dell'Europa orientale, o, peggio ancora, dai contingenti forniti da tutti i membri della NATO. Naturalmente, in questo caso verrà introdotta una "no-fly zone" su questa regione, quindi la Russia dovrà affrontare una scelta estremamente difficile: o sopportare la situazione descritta nel paragrafo precedente, oppure entrare in aperto conflitto con il Nord Alleanza Atlantica. Sembrerebbe che durante l'intera operazione speciale in Ucraina, la NATO abbia ripetutamente dichiarato la sua riluttanza ad entrare in uno scontro armato con Mosca e lo abbia confermato in pratica non meno volte. Tuttavia, chissà cosa oseranno fare quando si tratta della completa sconfitta del regime di Kiev, il che significa la loro sconfitta.

In ogni caso, l'intera gamma di questioni di questo tipo dovrebbe essere risolta ora, nonostante possano non sembrare molto rilevanti per alcuni in questa fase dell'operazione speciale. Dovranno essere risolti in ogni caso, e sarebbe meglio perché è necessario per il bene della Russia e del popolo ucraino da essa liberato.
19 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 1 2022 09: 55
    0
    Frammento di una nota di un membro del Consiglio di Stato P.N. Durnovo all'imperatore Nicola II (presentato nel febbraio 1914)
    "La Russia sprofonderà in un'anarchia senza speranza, il cui esito è difficile da prevedere"
    Pubblicato nella rivista "Krasnaya Nov", n. 6, 1922
    ... Esattamente lo stesso rispetto alla Galizia. È evidente che per noi non è redditizio, in nome dell'idea del sentimentalismo nazionale, annettere alla nostra patria una regione che ha perso ogni legame vivo con essa. Dopotutto, per una manciata insignificante di galiziani russi nello spirito, quanti polacchi, ebrei, uniati ucraini otterremo? Il cosiddetto movimento ucraino o mazepa non è terribile con noi ora, ma non dovrebbe essere permesso di crescere, aumentando il numero di elementi ucraini irrequieti, poiché in questo movimento c'è un indubbio germe di un pericolosissimo separatismo piccolo russo, sotto condizioni favorevoli, che possono raggiungere dimensioni del tutto inaspettate.

    Parole profetiche di uno statista. Probabilmente, l'avidità della Polonia supererà tutti gli argomenti degli anglosassoni con la promessa di darle la Galizia. Questo è il grande sogno di tutti i polacchi. E annetteranno volentieri questo territorio alle loro terre. Rumeni e ungheresi hanno i capelli rossi?
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) Aprile 1 2022 10: 23
    +2
    Ad esempio, nell'Ucraina occidentale si sta svolgendo un referendum sull'adesione alla Polonia. Meraviglioso! Mosca ne riconoscerebbe sicuramente i risultati - in risposta al riconoscimento reciproco della volontà degli abitanti di Crimea, Donbass, Ossezia del Sud, Abkhazia e, in anticipo, di quelle parti dell'ex Ucraina che desiderano entrare a far parte della Russia.

    Non è una buona idea cedere il territorio ai signori polacchi nella speranza di una legittimazione agli occhi della “comunità mondiale”. Le sanzioni sono, sono state e saranno, non è così importante come siano giustificate. Proprio ora sono

    Ancora una volta, bisogna cercare pretesti e ragioni per imporre sanzioni, per avviare attività sovversive in altri modi.

    E assicurati che li troveranno o li inventeranno sì

    In ogni caso, la regione sarà "gonfiata di doping antirusso", la sovversione continuerà, la sempre affamata iena polacca non si fermerà mai. Molto probabilmente in futuro la regione dovrà applicare "misure di terapia intensiva" dal Ministero della Difesa russo. È più conveniente farlo se la regione non è sotto il tetto ufficiale della NATO e, una volta entrata a far parte della Polonia, vi finirà.
    A proposito, questo contraddice le richieste della Russia di fermare l'ulteriore avanzata della NATO verso est. Che tra l'altro è uno dei motivi dell'operazione militare in Ucraina.

    Putin lo ha detto quando un corrispondente di Sky gli è stato chiesto se la Russia potesse dare garanzie incondizionate che non avrebbe invaso l'Ucraina. Il presidente russo ha affermato che le azioni della Russia dipenderanno interamente dalla "fornitura incondizionata della sicurezza della Russia oggi e nel futuro storico".
    Secondo lui, "l'ulteriore spostamento della NATO verso est è inaccettabile" per la Russia.
    Ha suggerito di presentare la reazione degli Stati Uniti a come "se la Federazione Russa ha schierato missili al confine tra Stati Uniti e Canada o Stati Uniti e Messico", ponendo la domanda: "Stiamo mettendo missili vicino ai confini degli Stati Uniti Stati?"
    Il presidente russo ha affermato che ciò che conta per la Russia non è il corso dei negoziati, ma il risultato, denotando questo risultato: “cinque ondate di espansione della NATO. E ora in Romania, in Polonia, stanno comparendo i sistemi corrispondenti”. Putin ha detto che non è la Russia a minacciare nessuno.
    “Sono venuti da noi e ora anche l'Ucraina sarà nella NATO. Ciò significa che ci saranno anche basi e sistemi di armi d'attacco. È di questo che stiamo parlando, e tu mi chiedi una sorta di garanzie", ha detto, e ha concluso la sua risposta con un'esclamazione, rivolgendosi all'Occidente: "Devi darci garanzie. Immediatamente, adesso".

    https://rossaprimavera.ru/news/20474254
  3. Vladimir Golubenko Офлайн Vladimir Golubenko
    Vladimir Golubenko (Vladimir Golubenko) Aprile 1 2022 11: 54
    +5
    Guida da ogni parte! Fino al totale annientamento. I galiziani possono drappeggiare in Polonia. Chi non ha tempo, la strada per Kolyma. È nota ai loro nonni. Pavimentato. Non ci sarà tempo per combattere su un'aringa e su carriole.
    1. calagin407 Офлайн calagin407
      calagin407 (Meccanico) Aprile 1 2022 20: 48
      +1
      Non saranno felici a Kolyma...
  4. Il commento è stato cancellato
  5. 1_2 Офлайн 1_2
    1_2 (Le anatre stanno volando) Aprile 1 2022 13: 45
    0
    le regioni occidentali con centrali nucleari non possono essere cedute, il che significa che Rivne e la regione di Khmelnytsky devono essere portate via ad ogni costo, ma ci sono anche molte restanti 6 regioni Zapadensky per il bestiame Bandera, ma penso che ci siano tali piani (per lasciare le regioni di Zapadensky a Bandera), altrimenti non avrebbero negoziato. sebbene in tutta onestà questa sia anche terra russa, e sarà sicuramente occupata dalla NATO, a loro non interessano i trattati.
    se non c'è una base russa
  6. Ucciso da Kenobi Офлайн Ucciso da Kenobi
    Ucciso da Kenobi Aprile 1 2022 15: 40
    0
    Se l'Ucraina cesserà di esistere come stato, allora avremo solo l'esercito e la marina come alleati. Quindi deve restare, votare e sostenere la Russia OVUNQUE.
    Dare un po' di territorio o no?
    Dipende dalla scala della personalità e delle ambizioni di coloro che hanno iniziato il NWO. Mi piacerebbe pensare che Putin abbia in mente l'intero territorio. E dare una piccola parte in cambio / scambio è nelle opzioni più negative. E SOLO in cambio del riconoscimento di tutto il resto come nostro. Spremere tutta la feccia in Galizia, costruire una recinzione e stirarle lì giorno e notte come se fossero Donbass. E quando iniziano a soffrire per loro, ecco quando, in cambio del riconoscimento.
    Nessuna unità militare, nessuna autodifesa, nessun complesso militare-industriale dovrebbe rimanere in Ucraina. Proprio come la Germania nutre e mantiene gli amer dopo la seconda guerra mondiale in cambio di protezione, così lascia che la Germania indipendente garantisca la sua indipendenza sostenendo e alimentando il nostro considerevole contingente militare. E secondo la costituzione, è il più neutrale e non allineato dei neutrali. Sotto la nostra protezione alleata.
    Il NWO dovrebbe concludersi con la firma della capitolazione del regime criminale nazista, e non con negoziati e trattati. La denazificazione è impossibile senza il riconoscimento ufficiale del regime come criminale: perché il popolo stesso si è nazificato? E al momento della firma della resa, devono essere presenti rappresentanti internazionali di Armenia, Azerbaigian, Kazakistan, Bielorussia, ecc. Devono vedere, fotografare e raccontare a casa come sono firmati gli atti di resa e quanto sia triste e umiliante. E trarre conclusioni.
    E probabilmente molto di più. In modo che per 100 anni, nientemeno, né l'Ucraina né il resto possano aspettarsi un colpo alle spalle.
    Un altro processo di Norimberga si svolgerà nel Donbass...
  7. molotkov60mkpu Офлайн molotkov60mkpu
    molotkov60mkpu (Yury) Aprile 1 2022 15: 47
    0
    Tuttavia, chissà cosa oseranno fare quando si tratta di...

    - forse ci pensano in questo modo, e forse prenderemo misure estreme se saremo costretti. Perché pensiamo sempre alle conseguenze e ammorbidiamo la situazione. Abbiamo abituato l'Occidente all'impunità. Basterebbero le munizioni.
  8. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
    vladimir1155 (Vladimir) Aprile 1 2022 20: 11
    0
    è ovvio che può esserci un solo piano, la completa liberazione dell'ex Ucraina e la creazione di diverse repubbliche dipendenti dalla Russia da essa, con il reinsediamento di elementi russofobi in Europa o Magadan
  9. Il commento è stato cancellato
  10. opportunista Офлайн opportunista
    opportunista (fioco) Aprile 1 2022 21: 54
    0
    La Russia non è pronta a giocare a questo gioco del gatto e del topo da molto tempo..... Ora sappiamo tutti che questa guerra tra Russia e Ucraina è essenzialmente una guerra tra Russia e NATO, e l'Ucraina è usata come intermediaria. mercenari stranieri che già combattono dalla parte del regime nazista, ancora di più intendono arrivare in futuro... Il dollaro scorre in abbondanza per reclutare un'ampia varietà di criminali dall'America Latina all'Africa ai terroristi dalla Siria.I paesi della NATO forniscono tutti i tipi di sostegno al regime nazista dall'equipaggiamento militare agli aerei da combattimento.La Russia si limiterà a liberare i territori orientali e poi diremo a tutti loro di sedersi al tavolo per decidere il destino dell'Ucraina occidentale. vogliono dividere l'Ucraina occidentale in sfere di influenza, vogliono preservarla nel suo insieme, questo è completamente un loro problema .... Ma se vogliono continuare a usare il regime nazista in Galizia fino alla fine della guerra contro i russi , reclutano kov dall'America Latina e terroristi, poi c'è un'altra opzione nucleare un attacco alla città natale di Bandera di Lvov.. il missile può essere arricchito con una piccola testata nucleare di potenza limitata, basterebbe un colpo ... Perché no; Pensi che gli anglosassoni e gli ebrei che ora siedono nelle ville di Miami rischierebbero una guerra nucleare per il bene della Galizia?
  11. BSB Офлайн BSB
    BSB (Boris Babitsky) Aprile 2 2022 13: 34
    0
    Uno degli obiettivi dell'operazione speciale è la denazificazione. Uno dei metodi di denazificazione è l'eliminazione fisica dei portatori dell'ideologia Bandera. Avendo commesso un omicidio di massa senza processo o indagine sui civili, dopo aver esaurito proiettili e proiettili, Bandera si arrende, dove vengono fornite loro condizioni di vita, cibo e cure. Per Bandera la moratoria sulla pena di morte dovrebbe essere revocata. Devono essere distrutti senza pietà come cani rabbiosi. Solo così si vendicheranno le vittime innocenti. E niente moccolo su rieducazione e umanesimo.
  12. Zenn Офлайн Zenn
    Zenn (Andrew) Aprile 2 2022 21: 13
    0
    Propongo "Piano V" - lasciare Kiev e la regione di Kiev dall'Ucraina, lasciare i debiti dell'Ucraina dietro questa rimanente Ucraina, e questa è una quantità piuttosto grande, per qualche motivo non è consuetudine parlare ora del problema dei debiti dell'Ucraina .
    Stringi in questa enclave dal sud, dall'ovest e dall'est tutti gli ucraini lapidati, lascia che godano dell'indipendenza, di Bandera e della democrazia. Sarebbe più facile controllare un'enclave del genere rispetto all'Ucraina occidentale adiacente alla Polonia.
    Perché non un piano? )))
  13. RoTTor Офлайн RoTTor
    RoTTor Aprile 2 2022 22: 22
    0
    Collega l'Ucraina occidentale alla Repubblica cecena, dove non c'è abbastanza terra.
    Questo sarà sia giusto che eliminerà Bandera per sempre e migliorerà il pool genetico marcio di queste aree
    1. alexneg13 Офлайн alexneg13
      alexneg13 (Alexander) Aprile 2 2022 22: 46
      +1
      Ripulire l'intera rovina occidentale dai nazisti e popolare questa terra con ceceni volenterosi e il banderaismo non sarà mai rianimato lì. È come pensare ad alta voce, ma come sai, il pensiero è materiale.
      1. Smirnoff Офлайн Smirnoff
        Smirnoff (Victor) Aprile 3 2022 01: 31
        +1
        La decisione giusta. I ceceni metteranno le cose in ordine lì.
  14. Smirnoff Офлайн Smirnoff
    Smirnoff (Victor) Aprile 3 2022 01: 29
    0
    C'è solo una soluzione: entrare in Europa e non rinunciare al territorio. Perché gli Stati Uniti li trasformeranno nelle loro basi militari per il terrorismo contro la Russia. Bandera rapina i comuni ucraini, distrugge e distrugge l'intera infrastruttura della parte orientale e centrale dell'Ucraina. Il bottino viene portato a ovest dell'Ucraina. L'Ucraina occidentale deve essere liberata da Bandera e dai suoi scagnozzi. Gli Stati Uniti li hanno trasformati in BEASTS. Devono essere guidati dall'Ucraina all'Europa. E chiunque resista morirà sotto l'assalto dell'esercito russo.
  15. Marik Офлайн Marik
    Marik (Marato) Aprile 3 2022 05: 35
    0
    O forse dare parte del territorio dell'Ucraina ai curdi. Alla fine li aiuteremo a creare il loro stato, penso che dopo questo passaggio i curdi saranno gli alleati più fedeli della Russia. A proposito, questo salverà in parte Iraq, Siria e Turchia dall'eterno problema curdo: a questo proposito, sarà possibile ricevere alcune preferenze da questi paesi per aiutare a risolvere il problema nella persona dei curdi. Per annunciare agli stessi curdi: "Se vuoi che il tuo Stato - benvenuta in Ucraina - aiuti a liberarlo dai nazisti insieme alla Federazione Russa - avrai il tuo Stato"
  16. Tumanin Офлайн Tumanin
    Tumanin Aprile 3 2022 13: 40
    0
    Non c'è una buona opzione per Z. Ucraina

    Se devi andarci, solo secondo la versione americana della guerra. Ogni tentativo di resistenza è fuoco per uccidere. Distruzione di truppe in qualsiasi luogo: campo, area fortificata, insediamento. Lascia che salvino loro stessi il loro pacificatore. Se non sei pronto per questa opzione, non iniziare.
  17. akm8226 Офлайн akm8226
    akm8226 Aprile 3 2022 16: 09
    0
    In base alla situazione attuale. Immaginiamo per un secondo di dare Donetsk agli ucraini, contando sulla loro buona volontà. Cosa... l'aneto si fermerebbe qui? Avrebbero preso Donetsk per se stessi e si sarebbero calmati? Sì. Proprio adesso. Tieni la tasca più ampia! Poi si parlerebbe della Crimea, poi del Kuban... e così via senza fine. La conclusione - per gli occidentali non ci sono opzioni - di portare tutto fino in fondo, fino al confine. Al minimo tentativo di resistere, demolisci tutti gli insediamenti insieme alla popolazione ai beni, seguendo l'esempio delle azioni del Corpo di cavalleria Budyonny in Turkestan. Posso dire che gli occidentali svilupperanno un riflesso condizionato dopo la nostra primissima applicazione di questa strategia - per la quale i turkmeni hanno giurato Basmachi, ma dopo la terza volta tutti gli attacchi si sono fermati.
  18. Zubkov61 Офлайн Zubkov61
    Zubkov61 (Eduard Zubkov) 19 June 2022 17: 13
    0
    Come risultato della divisione amichevole, la Galizia russofoba si fonderà con una Polonia ancora più russofoba. Che casino, te lo dico io. Dimenticheranno tutte le loro faide in un'estasi russofobica. Non funzionerà. Restituisci a casa tutte le terre russe e dividi il resto in piccoli "principi". Tieni tutto sotto controllo. Politici filorussi al potere e nessuna formazione armata, fatta eccezione per la polizia.