La Germania è sull'orlo della più grande crisi dalla seconda guerra mondiale


L'embargo sui vettori energetici russi può danneggiare gravemente l'europeo l'economia, poiché una parte molto significativa della domanda di carburante dei paesi europei è soddisfatta dalle forniture dalla Russia.


Secondo il capo dell'azienda chimica BASF Martin Brudermüller, il divieto di importazione di gas, petrolio e altri beni russi danneggerà l'Europa. È fiducioso che tali misure porteranno la Germania alla più grande crisi dalla seconda guerra mondiale.

Una certa preoccupazione per quanto sta accadendo è espressa anche nella Repubblica Ceca. Il ministro dell'Industria e del Commercio del Paese, Josef Sikela, ritiene che in caso di cessazione delle forniture di gas russo, i cechi dovranno affrontare alcune difficoltà nel garantire il funzionamento ininterrotto delle relative infrastrutture.

Allo stesso tempo, il viceministro René Nedela ritiene che in questo caso la maggior parte dei residenti dell'UE sperimenterà carenza di carburante, poiché in alcuni stati della regione la quota delle forniture russe nella struttura del gas è superiore al 40%. Solo il due per cento del gas di cui ha bisogno viene prodotto nel territorio della stessa Repubblica Ceca.

Nel frattempo, Nedela considera gli acquisti centralizzati di carburante blu da parte dell'Unione Europea con la successiva distribuzione razionata come una soluzione definitiva al problema. La Repubblica Ceca, invece, potrebbe riprendere gli investimenti nelle sue imprese carboniere e stimolare i programmi di sicurezza energetica.
  • Foto utilizzate: analogicus/pixabay.com
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) Aprile 1 2022 16: 36
    +3
    tedeschi!

    Quando eri amico della Russia - in diversi secoli - allora tutto era "zero budello" per te.

    Pensare ...
  2. gorskova.ir Офлайн gorskova.ir
    gorskova.ir (Irina Gorskova) Aprile 1 2022 17: 03
    +2
    Ma Scholz ha già cominciato a ridere. E un certo manifestante le ha messo una casseruola in testa ed è saltato... Sì, fichi con loro. Lasciali nitrire, saltare e ululare. Stare a quattro zampe, ecc., ecc. Loro stessi hanno accettato di diventare questo gregge.
    1. Roos Офлайн Roos
      Roos Aprile 2 2022 08: 54
      0
      Scholz è la guarnizione degli Stati Uniti, che protegge gli interessi di Washington, e non il suo Paese, in cui, a causa dell'embargo russo, l'industria tedesca può essere coperta da un bacino di rame.
  3. Oleg_5 Офлайн Oleg_5
    Oleg_5 (Oleg) Aprile 1 2022 17: 08
    0
    Sembra che i resti del cervello siano ancora visibili:

    Il governo tedesco ha ottenuto dall'Ue l'esclusione dalla lista delle sanzioni contro la Russia di alcuni metalli necessari all'industria tedesca, riferisce Das Erste.
    La Germania, in colloqui riservati con l'UE a metà marzo, ha condotto con successo una campagna per impedire che alcuni metalli forniti dalle società statali russe venissero inclusi nella bozza dell'elenco delle nuove sanzioni contro la Russia.
    Secondo il canale televisivo, le restrizioni non hanno influito sulla fornitura di nichel, palladio, rame, minerale di ferro, alluminio e titanio. Il divieto alla loro importazione riguarderà immediatamente l'industria tedesca, fino alla chiusura di intere industrie.

    https://ria.ru/20220401/metall-1781341271.html
  4. zloybond Офлайн zloybond
    zloybond (lupo della steppa) Aprile 1 2022 17: 10
    +3
    È qui che la Russia deve ricordare l'astuzia dell'Occidente. Stanno gradualmente ripristinando la composizione delle nostre ambasciate - siamo in risposta a loro.
    ricorso MA - verrà il momento e rimarremo faccia a faccia con l'ufficio di rappresentanza dell'Europa unita a Mosca. prepotente La Russia in primis deve azzerare la rappresentanza Ue - chiuderla del tutto e sbarrare le finestre con delle assi - ed è meglio darla subito ai bambini per la scuola. Quindi le ambasciate troncate di ogni singolo paese saranno costrette a condurre la propria politica sovrana con la Russia, ciascuna separatamente.
    E come risultato del trambusto che sta accadendo ora, ci scontriamo semplicemente con un'Europa unita se non blocchiamo questa astuta finta con loro. La mandria non è così spaventosa e persino redditizia per loro che da sola.
    Nessuno ha cancellato una semplice verità: "Dividi ..." hi
  5. Ospite osso della gola Офлайн Ospite osso della gola
    Ospite osso della gola Aprile 1 2022 19: 18
    0
    Brucia, brucia chiaramente, in modo che non si spenga ...
  6. Roos Офлайн Roos
    Roos Aprile 2 2022 09: 13
    +1
    Gli acquisti centralizzati di risorse energetiche nell'Unione Europea sono l'inizio del suo crollo, che è ciò che Washington sta cercando di ottenere.
  7. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) Aprile 2 2022 13: 08
    +1


    Tale, ecco l'immagine. Se si somma il significato dei due grafici, si scopre che non c'è nulla che possa sostituire la dipendenza dell'UE dai vettori energetici russi, e nulla per molto tempo. Poiché la quota totale del consumo di energia per gas, petrolio, carbone, tenendo conto della quota della Russia nel flusso totale di energia è del 20%. Aggiungiamo qui i pagamenti in rubli per tutte le esportazioni dalla Russia, la questione sarà più volte aggravata. Naturalmente, diversi paesi ricevono importi diversi dalla Russia e la Germania, ad esempio, dipende dalla Russia molto più di molti altri. Poiché lo stesso gas riceve tre volte di più di quello che consuma. Fare soldi con la rivendita. Per lei, non solo si fermerà l'approvvigionamento energetico, ma si fermerà anche la capacità di rivendere.