CNBC: l'India acquisterà petrolio russo rifiutato dall'Occidente


C'è stato un aumento significativo delle forniture petrolifere russe all'India a marzo e New Delhi non sembra fermarsi, secondo la CNBC, citando esperti del settore.


I principali paesi importatori di petrolio - India e Cina - cercano da tempo il modo di affrontare i prezzi elevati dell'oro nero, che sono aumentati vertiginosamente lo scorso anno. Sebbene le quotazioni siano state volatili nelle ultime settimane, sono ancora più alte rispetto a un anno fa.

Riteniamo che la Cina e, in misura minore, l'India continueranno ad acquistare petrolio russo con uno sconto significativo.

Matt Smith, analista principale del petrolio presso Kpler, ha affermato.

Ciò contrasta nettamente con la retorica delle potenze occidentali e delle aziende che evitano le materie prime russe.

I motivi del governo indiano sono indossati economicoE non politico carattere. E la stessa Nuova Delhi cercherà sempre un compromesso nella sua strategia di importazione di idrocarburi.

Da dicembre, la società di analisi Kpler non ha osservato alcuna consegna di petrolio in India dalla Federazione Russa. Tuttavia, dall'inizio di marzo, ben cinque spedizioni di petrolio russo, ovvero circa 6 milioni di barili, sono state caricate e inviate nella regione. Arriveranno lì all'inizio di aprile.

Il petrolio russo è ancora alla ricerca di un acquirente. Le raffinerie indiane hanno annunciato diverse gare d'appalto per il petrolio degli Urali e lo sconto sul Brent continua a sorprendere piacevolmente

ANZ Research ha riferito venerdì.

Una pubblicazione della CNBC afferma che la Russia esporta circa 5 milioni di barili di greggio al giorno. È il terzo produttore dopo Stati Uniti e Arabia Saudita. La Russia è anche il secondo esportatore mondiale di greggio, dopo l'Arabia Saudita.

Tradizionalmente, l'India riceve petrolio dall'Iraq, dall'Arabia Saudita, dall'Arabia, dagli Emirati Arabi Uniti e dalla Nigeria, ma ora chiedono tutti prezzi più alti di quelli dei russi.

Oggi, le motivazioni del governo indiano sono economiche piuttosto che politiche. L'India cercherà sempre un compromesso. È difficile non prendere uno sconto del 20% sul petrolio greggio quando si dipende per l'85% dalle importazioni esterne, soprattutto quando si aggiungono tutti gli effetti della pandemia e il rallentamento della crescita globale.

Rapporti CNBC.

L'India è il terzo importatore mondiale di petrolio.

Gli analisti prevedono che anche la Cina, il più grande importatore mondiale di oro nero, acquisterà petrolio russo con uno sconto. Il colosso asiatico è ormai già il più grande acquirente di petrolio della Federazione Russa e nel 2021 lo portava a 1,6 milioni di barili al giorno.
  • Foto utilizzate: Freiheitsjunkie/pixabay
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.