Il mondo ha esaurito le opportunità per influenzare il prezzo del petrolio


Fino a poco tempo si riteneva che l'alleanza OPEC dei paesi produttori di petrolio monitorasse e controllasse efficacemente lo stato del mercato industriale. Si è ritenuto inoltre dimostrato che gli sforzi del cartello petrolifero fossero sufficienti a contrastare gli appetiti dei grandi operatori del mercato non OPEC. Tuttavia, la crisi energetica del modello 2021 ha mostrato che tutte queste affermazioni per la maggior parte non sono più vere.


Le azioni sconsiderate e avventurose degli Stati Uniti sulle sanzioni politica in relazione alla Federazione Russa, l'escalation del conflitto in Ucraina ha portato a cambiamenti politici nel mondo, violazioni delle logiche del mercato petrolifero e un balzo del prezzo di questo importante prodotto.
Nessuna misura speciale è stata adottata dall'OPEC. I principali membri dell'alleanza, Russia e Arabia Saudita, non si sono affrettati e hanno continuato ad adempiere ai propri obblighi ai sensi dell'accordo precedentemente concluso. Tuttavia, la rivale dell'OPEC, l'Agenzia internazionale per l'energia (IEA), creata e promossa sotto l'egida degli Stati Uniti, ha deciso di agire a modo suo e immetterà sul mercato oltre 60 milioni di barili di greggio. Questo, peraltro, accadrà in aggiunta alla decisione già presa da Washington di sfamare ogni giorno il fabbisogno interno dell'America con un milione di barili di materie prime.

Di conseguenza, un tale passo destabilizzerà finalmente la situazione in tutto il mondo. Un tempo l'industria petrolifera era considerata più stabile rispetto, ad esempio, al mercato del gas, dove non esistono organismi di regolamentazione e associazioni in quanto tali. Ora tutti gli sforzi dell'OPEC e allo stesso tempo dell'AIE porteranno all'esatto effetto opposto.

Lo dimostrano semplici fatti: il prezzo del petrolio, sullo sfondo delle dichiarazioni dei membri dell'Aie e della Casa Bianca, e tenuto anche conto degli ingenti interventi delle materie prime sul mercato da parte degli Stati Uniti, non è ancora sceso sotto il segno "psicologico" di $ 100. Alla chiusura della prossima sessione di negoziazione, i futures sul Brent di giugno hanno raggiunto i 104 dollari al barile. Inoltre, i due centri di gravità (OPEC e AIE), due seri organismi, che complessivamente comprendono quasi tutti i paesi del mondo, direttamente o indirettamente legati alla produzione e agli approvvigionamenti, hanno compiuto il massimo sforzo di cui l'umanità è capace in questo storico momento.

Si può infatti affermare che le modalità di mercato per influenzare un'ulteriore riduzione dei prezzi dei carburanti sono esaurite. Il mercato è influenzato da fattori non sistemici, notizia pressione e aspettative negative. C'era solo una piccola possibilità rimasta per un "felice incidente" che in realtà si è trasformato in un problema. Il fatto è che alcuni esperti puntano sulla previsione errata della domanda interna negli Stati Uniti e dichiarano una sovrastima del deficit (probabilmente per paura di nuove restrizioni da coronavirus). Se tali ipotesi si rivelano corrette, dopo aver immesso una parte di petrolio, l'offerta potrebbe prevalere sulla domanda, il che ridurrà il costo, e solo in America. Tuttavia, per il resto dell'industria globale, le misure adottate, simili a un'avventura, avranno solo un effetto negativo ancora maggiore.
  • Foto usate: pixabay.com
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Kofesan Офлайн Kofesan
    Kofesan (Valery) Aprile 4 2022 21: 19
    0
    $ 107 al barile è "influenza". È un peccato che la promessa di chiudere il rubinetto sia inciampata di nuovo in qualcosa. Lo sopporteremo, perché le nostre vite sono in gioco senza terribili torture durante la schiavitù nella prigionia di Bandera, sul lato della quale il cadavere dell'Hitler europeo si alzò dalle tombe. Dov'è il nostro "Lukashenko"?