L'intera regione baltica è rimasta senza gas russo


Lituania, Lettonia ed Estonia sono rimaste senza gas naturale dalla Russia, poiché esse stesse lo hanno rifiutato. Dal 1 aprile, il "carburante blu" russo non è stato fornito ai paesi baltici. Lo ha annunciato Uldis Bariss, capo della società operativa lettone AS "Conexus Baltic Grid", impegnata nel trasporto e nello stoccaggio di materie prime energetiche.


Il 2 aprile, il ministero dell'Energia lituano ha confermato con orgoglio che Vilnius non stava più acquistando gas russo. Questa decisione è stata dettata da tre fattori: la riluttanza a pagare per il "carburante blu" in rubli, la manifestazione di solidarietà con Kiev e la consueta russofobia.

Il ministro dell'Energia lituano Dainius Kreivis ha specificato che il paese ora copre i suoi bisogni attraverso forniture di GNL da altri paesi attraverso il terminal marittimo di Klaipeda.

Siamo diventati il ​​primo paese dell'UE tra gli acquirenti di gas di Gazprom a ottenere l'indipendenza dalle forniture di gas russe. Questo è stato il risultato di molti anni di impegno politica nel campo dell'energia e decisioni infrastrutturali tempestive

- disse il "pioniere" Cravis.

Si noti che nel 2021 la Lituania ha acquistato circa 1/3 di tutto il gas necessario da Gazprom. Al momento, i paesi baltici, incoraggiati da Londra e Washington, stanno promuovendo l'idea di organizzare un "embargo gas" su larga scala nell'UE, diretto contro la Russia. Stanno spingendo i paesi dell'UE a seguire il loro esempio.

Tuttavia, non tutti nell'UE sono pronti a farlo economico suicidio, soprattutto dai paesi europei industrializzati. Ad esempio, il vicecancelliere tedesco Robert Habek ha dichiarato senza mezzi termini in onda sul canale televisivo ZDF che non poteva e non avrebbe rischiato la prosperità del suo paese, perché l '"embargo sul gas" metterebbe fine all'economia e all'industria della Germania . Il funzionario ha osservato che azioni mal concepite relative alla cessazione della fornitura di vettori energetici dalla Russia potrebbero portare a fermare il più grande impianto chimico del mondo, di proprietà della società tedesca BASF.

Se non c'è la metà della fornitura totale di gas, BASF potrebbe chiudere. Con una carenza di risorse, c'è il rischio che le compagnie energetiche migrino all'estero, ad esempio in Asia

– Habek ha spiegato le prospettive.
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev (Serge) Aprile 3 2022 11: 39
    0
    Come ha detto il Leader, "devi rallegrarti"
    otterremo di più
  2. zloybond Офлайн zloybond
    zloybond (lupo della steppa) Aprile 3 2022 12: 08
    +6
    Spero davvero che abbiano già ricevuto un'offerta esclusiva per pagare in rubli elettricità, pesce, cereali, plastica, petrolio e prodotti petroliferi ????
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) Aprile 3 2022 12: 21
    +4
    Se non c'è industria, non è necessario il gas in grandi quantità.
  4. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) Aprile 3 2022 15: 52
    +3
    Se gli insetti iniziano a muoversi, vengono schiacciati e fritti.
  5. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) Aprile 3 2022 15: 58
    0
    Citazione: Bakht
    Se non c'è industria, non è necessario il gas in grandi quantità.


    NON posso giudicare quanto questa immagine della posizione MEDIO nell'UE corrisponda a quella lituana, ma ce ne sono molte simili. Trasporto. Elettricità. Infine, la fornitura di acqua alle case richiede anche l'elettricità. E dare l'acqua quando c'è il sole o soffia il vento non è molto conveniente. I treni si fermano anche quando non c'è vento? Il metallo viene fuso solo di giorno?
    1. FGJCNJK Офлайн FGJCNJK
      FGJCNJK (Nicholas) Aprile 3 2022 17: 09
      +1
      Ebbene, cosa posso dire? Sono un cittadino russo della Lettonia, un discendente di coloro che hanno lasciato la Russia dopo la divisione della nostra Chiesa Unica. Io, come tutti gli altri russi e di lingua russa, ho sopportato tutto questo per 30 anni. Fortunatamente, vivendo oltre l'ottavo decennio, continuo a lavorare con la mia clientela, con la quale ho lavorato quasi per tutta la mia vita adulta. Molti con cui ho lavorato sono morti (per età), altri sono andati in pensione, molti sono partiti per altri paesi dell'UE, e io continuo a lavorare, ma con nuove generazioni di miei clienti. In qualche modo sopravviveremo a questo momento difficile. È vero, non tutte le persone nei paesi baltici sono nazisti, ma tuttavia, le creste ora, in particolare, sono arrivate in gran numero a Riga, si può vedere che i mariti hanno fatto "affari", ecco le mogli con figli e sono scappati di corsa dal peccato. L'intero parco di fronte all'ambasciata russa è così sporco che MAMANIGARYU!
      1. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
        Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) Aprile 3 2022 17: 26
        0
        Di quale spaccatura stiamo parlando? - quello che è stato dopo la rivoluzione, o con le innovazioni del patriarca Nikon?, se il primo è stato buttato fuori dalla collina da chi aveva qualcosa e cosa potrebbe esistere, e se circa il secondo, allora il paese come la Lettonia è non menzionato da nessuna parte...
  6. akm8226 Офлайн akm8226
    akm8226 Aprile 3 2022 16: 51
    0
    Monoopenisal. Un altro sovrano e indipendente.
  7. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
    Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) Aprile 3 2022 17: 21
    0
    Bene, questi paesi nani possono cavarsela con piccoli volumi di gas ricevuti via mare, ma lascia che i paesi più sviluppati provino a farlo ...
  8. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) Aprile 3 2022 18: 36
    0
    Citazione: FGJCNJK
    Ebbene, cosa posso dire? Sono un cittadino russo della Lettonia, un discendente di coloro che hanno lasciato la Russia dopo la divisione della nostra Chiesa Unica. Io, come tutti gli altri russi e di lingua russa, ho sopportato tutto questo per 30 anni. Fortunatamente, vivendo oltre l'ottavo decennio, continuo a lavorare con la mia clientela, con la quale ho lavorato quasi per tutta la mia vita adulta. Molti con cui ho lavorato sono morti (per età), altri sono andati in pensione, molti sono partiti per altri paesi dell'UE, e io continuo a lavorare, ma con nuove generazioni di miei clienti. In qualche modo sopravviveremo a questo momento difficile. È vero, non tutte le persone nei paesi baltici sono nazisti, ma tuttavia, le creste ora, in particolare, sono arrivate in gran numero a Riga, si può vedere che i mariti hanno fatto "affari", ecco le mogli con figli e sono scappati di corsa dal peccato. L'intero parco di fronte all'ambasciata russa è così sporco che MAMANIGARYU!

    C'è bisogno di una risposta. Già sulla Terra






    Monumento ai bambini morti a Donetsk, morto nel 2014-2015. Vicolo degli angeli.
  9. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) Aprile 4 2022 22: 58
    0
    - Deve essere lasciato senza tutto il resto: l '"occupazione" dell'URSS sarà un sogno di paradiso !!!