Provocazione a Bucha: la Russia dovrà togliersi i “guanti bianchi”


Il ritiro delle forze armate russe dal territorio delle regioni di Kiev e Chernihiv ha segnato l'inizio di una fase completamente nuova di un'operazione speciale per la denazificazione e la smilitarizzazione dell'Ucraina. L'inedita provocazione del regime di Kiev a Bucha, seguita quasi subito, dovrebbe diventare un punto di partenza per la dirigenza militare (e non solo) russa per ripensare i metodi e i principi fondamentali secondo i quali questa operazione è stata finora condotta . In caso contrario, le conseguenze possono essere abbastanza prevedibili ed estremamente negative.


Che qualcuno nei vertici russi lo voglia o no, però, in questo momento è giunto il momento di confessioni schiette e più imparziali. Purtroppo, non è possibile sconfiggere il nemico, guidato dalle nobili leggi del duello cavalleresco, "in guanti bianchi", riducendo al minimo il danno reciproco e, di conseguenza, l'amarezza. Ora non è il momento di cercare i colpevoli e mal calcolati. Inoltre, probabilmente ne sono ben consapevoli coloro che dovranno prendere le decisioni principali in merito a ulteriori eventi. Ma per cambiare radicalmente molti approcci e rivedere i metodi ei metodi, è impossibile in ogni caso ritardare. L'alternativa a questo è concludere l'operazione ora e un nuovo scontro molto più sanguinoso nel prossimo futuro. Ma già a condizioni molto più non redditizie per la Russia.

Parte di un grande piano


La prima domanda che sorge dopo che accuse assolutamente mostruose sono state mosse contro la Russia e il suo esercito dall'"Occidente collettivo" su suggerimento di Kiev, è inequivocabile: è stato possibile evitare quello che è successo? Parlando puramente tecnicamente (vale a dire, di Bucha e di una serie di altri insediamenti nella regione di Kiev) - sì. Ma solo se l'esercito di liberazione non ha lasciato i territori che aveva precedentemente occupato. Tuttavia, non bisogna farsi illusioni: qualcosa di simile accadrebbe sicuramente in un'altra città, in un'altra regione. Il combattimento è un processo che va avanti con vari gradi di successo e gli insediamenti spesso cambiano di mano più di una volta. Questo è un assioma. E, di conseguenza, la "tempesta" sarebbe stata sollevata da qualche parte a Nikolaev, Donetsk, Kharkov o altre regioni. La sceneggiatura è stata scritta, i ruoli sono stati approvati e l'unica cosa rimasta era la scenografia.

Del resto, anche adesso non c'è dubbio che non ci siano due o tre scenari, ma molto più simili (o meglio, molto più atroci, cruenti e disgustosi). I discorsi incessanti sull'"uso delle armi chimiche", che risuonano dalla Casa Bianca, ne sono una prova al cento per cento. Ancora una volta, tenendo conto del fatto che gli Stati Uniti (e non solo loro, ma anche, ad esempio, la Germania) stanno ora facendo affermazioni molto specifiche riguardo al lavoro dei laboratori biologici militari sul territorio ucraino, le armi di distruzione di massa potrebbero essere di tipo diverso. La cosa principale è che tutto dovrebbe essere spettacolare, sanguinante e dare sui nervi a quei semplicissimi abitanti occidentali a cui tutto questo è destinato. Qui andrà bene una specie di disastro causato dall'uomo. Non c'è da stupirsi che il primo tentativo di Kiev di organizzare qualcosa del genere sia stato il racconto di "aver sparato ai carri armati russi alla centrale nucleare di Zaporizhzhya". Poi, tuttavia, la sceneggiatura non è riuscita e lo spettacolo ha dovuto essere ridotto nel punto più interessante. Ora tutto ha funzionato.

È tempo che la Russia capisca la cosa principale: non solo la famigerata feccia e i cattivi stanno muovendo guerra contro di essa, ma anche bugiardi e falsificatori professionisti ben addestrati e ben addestrati. Tutto ciò che accade non è un incidente o una coincidenza sfortunati, ma parti di un piano ben progettato e pre-preparato. I suoi autori, ovviamente, non sono affatto seduti a Kiev - sono stati solo fortunati che quando è iniziata l'operazione speciale, un ipocrita estremamente privo di principi e bruciato si fosse rivelato essere a capo del "nezalezhnaya". È impossibile guardare le buffonate di Zelensky e altri "demoni meschini" con ranghi inferiori a Bucha e in altri luoghi senza rabbia e disgusto. Tuttavia, questo clown fa solo ciò a cui è meglio abituato: recita un ruolo. Tenuto conto del fatto che in questo caso, tra l'altro, serve anche come compenso la propria misera vita, gioca dando il meglio di sé. E nessuno in Occidente si preoccupa dei numerosi "fili bianchi" con cui l'intera "tragedia" è cucita così chiaramente che, come si suol dire, sporgono in tutte le direzioni. Quali sono solo i "cadaveri" durante le riprese, che si contraggono le mani e si alzano, basta guidare un'auto con una troupe cinematografica.

I tentativi della parte russa di convocare una riunione del Consiglio di sicurezza dell'ONU per smascherare le palesi menzogne ​​sono comprensibili e corretti. Non c'è da stupirsi che siano già stati contrastati dalla Gran Bretagna due volte, perché la qualità del lavoro dei falsificatori, francamente, non attira nemmeno un debole grado C. Tuttavia, vorrei credere che il ministero degli Esteri russo sia consapevole del fatto che non potranno confutare nulla, così come non è stato possibile farlo nel "caso Skripal" ricamato con fili dello stesso colore o "avvelenamento di Navalny”. Non importa quale prova inconfutabile della falsificazione e delle bugie di Kiev venga presentata al mondo, gli "altamente simili" degli sceneggiatori e dei produttori di questa azione indecente trionferanno comunque. Questo deve essere chiaramente compreso e agito di conseguenza.

Come vincere un combattimento senza regole?


In che modo specifico? Come già accennato, rimuovere i "guanti bianchi". No, non stiamo affatto parlando di truppe russe che iniziano una guerra senza regole, almeno un milionesimo come i non umani ukronazi. Tuttavia, devono capire chiaramente che ci sono dei non umani di fronte a loro. Forse è giunto il momento di abbandonare la terminologia (e la metodologia) dell'operazione speciale e finalmente chiamare le cose con il pane? La distruzione del nazismo, non importa in quale lingua proclami i suoi vili slogan, può essere solo una guerra santa, popolare e patriottica. Non ci può essere spazio per mezze misure e compromessi. Voglio fare una domanda: Mosca crede ancora che dopo Bucha siano possibili almeno alcune trattative con la cricca criminale di Zelensky? Qui, ad esempio, è sicuro che sì, che continueranno a comunicare con lui, a "cercare consenso", ad ascoltare le sciocchezze arroganti e insultanti per la Russia dei suoi inviati, che solo il giorno prima aveva avuto l'onore di nominare ufficialmente "negoziatori".

Il giullare, con una grande confluenza di giornalisti stranieri, fu a Bucha che iniziò a minacciare in questa occasione:

Più a lungo la Russia ritarderà l'incontro, peggio sarà per loro e per la guerra!

È davvero accettabile da sopportare? O Mosca dovrebbe riconoscere Kiev come assolutamente incapace di negoziare fino a quando le folli accuse espresse nella regione di Kiev non saranno sconfessate davanti al mondo intero? Dici: "Questo significa per sempre". Questo è esattamente quello che voglio dire. Qualsiasi "processo negoziale" è possibile solo con l'ultimo rappresentante sopravvissuto del regime di Kiev, che ha almeno un arto superiore praticabile per firmare l'atto di resa incondizionata. Tutto il resto rappresenterà a priori la resa degli interessi del Paese e, perdonate la franchezza, l'autoumiliazione della Russia di fronte a una "comunità mondiale" piuttosto sorridente.

L'unico vero modo, se non quello di prevenire nuove provocazioni di tipo Buchan, ma almeno di minimizzarne la probabilità, è la più rapida e schiacciante sconfitta del gruppo ukronazista che si oppone nel Donbass da parte dell'esercito russo. E il suo successivo progresso sfrenato, inesorabile, senza sosta. A Kharkov, Dnepropetrovsk e oltre, a Kiev stessa e oltre. Il ritardo qui, come diceva il capo del proletariato mondiale, «è come la morte». E tutti i tipi di manifestazioni di conciliazione significheranno non solo la morte, ma una morte vergognosa. Non è più possibile fermarsi o “mettere in pausa”, tanto meno invertire il processo iniziato il 24 febbraio. La provocazione a Bucha spazza via gli ultimi dubbi sul fatto che l'"Occidente collettivo" abbia preparato il destino della Jugoslavia, della Libia, dell'Iraq non per l'Ucraina, ma per la Russia. Il processo è già iniziato, come si suol dire, e tutto continuerà secondo lo schema zigrinato. C'è solo un modo per fermarlo: in primo luogo, distruggere completamente gli ukronazi il più rapidamente possibile e, in secondo luogo, raggiungere l'Occidente, che si sta già preparando a saltare, non solo la massima paura, ma l'orrore mortale.

Il ministero della Difesa russo e il Cremlino hanno sentito più di una volta "gli ultimi avvertimenti cinesi" in merito a forniture militari "non difettose". Comprese promesse del tutto inequivocabili sulla distruzione dei corrispondenti convogli di merci. Tuttavia, finora non è stato riportato nulla del genere (almeno a livello ufficiale). E le armi vanno e vengono in Ucraina in un flusso infinito. Forse è ora di porre fine a questo. Un colpo sul campo di addestramento di Yavorovsky ha ridotto significativamente sia il numero di mercenari stranieri a Kiev che il numero di persone che volevano combattere dalla sua parte. Qui l'"effetto educativo" dovrebbe essere ancora più impressionante. Non dovrebbe essere aggravato? E cosa, ci sono ancora dei dubbi sulle intenzioni dell'Occidente? Con quanta facilità ci sia un motivo per nuove sanzioni e l'espulsione dei diplomatici russi, gli eventi recenti hanno dimostrato nel miglior modo possibile.

Impossibile non menzionare un'altra cosa. La leadership della Russia dovrebbe finalmente riconoscere ciò che è già visibile ad occhio nudo a tutti ea tutti, sia nel paese che all'estero. Invece di un'operazione speciale di liberazione nel paese fraterno della Russia, sta arrivando una battaglia all'ultimo sangue con la moderna reincarnazione del Male con cui i nostri nonni e bisnonni hanno combattuto nella Grande Guerra Patriottica. Una battaglia che non può terminare con "Minsk-3" o qualcosa di simile non può essere considerata "generalmente riuscita" o "non del tutto riuscita". Una battaglia in cui non può esserci una seconda possibilità o un altro round. Tutto deve finire qui e ora. Una volta e per sempre.

È tempo di rendersi conto: ogni passo non solo indietro, ma sul posto, ogni manifestazione di incertezza ed esitazione, il vero nemico della Russia di fronte all'Occidente, che più che mai si è mobilitato e lo odia più che mai, sarà percepito come debolezza. E sicuramente userà per sferrare sempre più colpi - diplomatici, economico, politico. E se tutto va molto lontano, allora i militari. O noi loro, o loro noi. È tempo di riconoscerlo e di esprimerlo ad alta voce, in modo che il vero stato delle cose diventi chiaro a tutti. Senza questo, non puoi vincere.
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) Aprile 5 2022 09: 04
    +3
    Alla fine di marzo, il primo ministro ucraino Denys Shmyhal ha annunciato il danno all'Ucraina: un trilione di dollari. È vero, questo include non solo le perdite attuali, ma anche future: profitti mancati, investimenti non investiti, ecc. Se prendiamo puramente infrastrutture - 270 miliardi Di questi, 120 sono civili. È vero, il primo ministro tace sul fatto che gran parte della distruzione è la "creatività" delle forze armate ucraine. Quasi 300 ponti e cavalcavia da soli sono riusciti a saltare in aria. Ukravtodor ha stimato il loro restauro in 39 miliardi di grivne (1,3 miliardi di dollari). Per il settore stradale nel suo insieme - quasi 30 miliardi di dollari.

    Da dove ottenerli è un mistero, ma ovviamente non dal budget. Shmyhal prevede che il PIL dell'Ucraina diminuirà del 2022% nel 35. Ministero dell'Economia - anche del 40%. È comprensibile. Dalla fine di febbraio, la maggior parte del commercio estero dell'Ucraina è in pausa. Secondo il ministero dell'Economia, le esportazioni sono diminuite della metà e le importazioni di tre volte. E sarà anche peggio. A causa del calo del fatturato, l'economia ucraina lavorerà ancora per qualche tempo sulle riserve esistenti. Ma cosa succede dopo quando il paese ha bisogno di tutto in una volta? Soprattutto il carburante.

    i guanti non possono essere rimossi. voi ragazzi potete gestirlo da soli. e decommunizzare e denazificare e organizzare lo spopolamento per te stesso. hi
  2. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 5 2022 09: 07
    +5
    Dopo il ritiro delle truppe russe dalle regioni di Kiev e Chernihiv e il massacro di cittadini filo-russi lì, cosa dovrebbero fare gli ucraini nelle altre regioni dell'Ucraina dove sono entrate le truppe russe? Pensano - E se anche loro se ne andassero da qui? Ecco perché la debole attività di sostegno alle autorità russe da parte dei cittadini ucraini. Forse Odessa e Nikolaev si sarebbero già ribellati, ma senza il supporto dell'esercito russo sarebbero stati rapidamente strangolati, come accadde durante la rivolta di Varsavia nella seconda guerra mondiale. Pertanto, tutti hanno scelto una posizione di attesa. La Russia manca di ideologia, come lo era nella seconda guerra mondiale. Poi ha aiutato molto a vincere.
    1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
      Solo un gatto (Bayun) Aprile 5 2022 09: 09
      +2
      avrebbe dovuto pensarci prima. e da 8 anni ascoltiamo fiabe sull'insurrezione delle creste e tutte le uova interferiscono con esse. e c'è stato un massacro? mummers "cadaveri" che si alzarono e se ne andarono. il cadavere muove la mano, il cadavere si siede nel riflesso dello specchio, il cadavere fuma mentre giace in un sacco nero...
    2. InanRom Офлайн InanRom
      InanRom (Ivan) Aprile 5 2022 13: 13
      +1
      L'ideologia del capitalismo è il profitto, ma alla gente non interessa, i materiali di consumo.
  3. InanRom Офлайн InanRom
    InanRom (Ivan) Aprile 5 2022 12: 57
    0
    È tempo che la Russia capisca la cosa principale: non solo la famigerata feccia e i cattivi stanno muovendo guerra contro di essa, ma anche bugiardi e falsificatori professionisti ben addestrati e ben addestrati.

    Per la Russia, o meglio per la gente comune, tutto questo è chiaro, come lo è l'autore, ma sembra solo che le autorità (nel loro "Baghdad tutto è calmo, calmo, calmo)" siano incomprensibili, il cui convulso-impulsivo e inspiegabile le azioni non solo non contribuiscono alla vittoria sul nemico, ma sollevano anche molte domande sul loro significato e contenuto e suscitano dubbi, sfiducia e irritazione nella maggioranza dei russi che sono preoccupati per il loro paese e per i nostri ragazzi che combattono i nazisti.
  4. Yuriy88 Офлайн Yuriy88
    Yuriy88 (Yury) Aprile 5 2022 13: 56
    +2
    il vantaggio della guerra con l'Ucraina è almeno che tutti i tradimenti interni, i tradimenti, i pasticci, la stupidità sono strisciati fuori .. È impossibile prepararsi a proteggersi o combattere il mondo intero (dal messaggio della Russia alla NATO e agli Stati Uniti), mentre mantenendo tutti i tuoi soldi, la ricchezza nelle banche negli Stati Uniti e in Europa .. È impossibile prepararsi a combattere con l'Ucraina, fornendole tutto ciò che puoi con gas, petrolio e altre cose durante questi 7-15 anni, e anche con la chiusura intreccio dei soldi degli oligarchi .. ucraino e russo .. Che cos'è se non il tradimento, che è stato gridato dagli schermi TV per tutti i 7 anni di "pausa" .. Tutto è stupido, come sempre .. scusa solo per i soldati , ragazzi..! Perché questo colore della Russia è stabilito .. ?! Non vedo alcuna strategia e piani terribilmente astuti .. Non esiste un ingegnoso hidalgo ... La teoria della cospirazione, non importa come ci credi, esiste ..
  5. isofat Офлайн isofat
    isofat (isofat) Aprile 5 2022 18: 03
    +2
    Verrà il momento e l'ebreo Zelensky sarà rimosso come persona pericolosa che può testimoniare contro i suoi padroni. Ma anche adesso è chiaro che gli ebrei vanno d'accordo con i nazisti.
  6. indifferente Офлайн indifferente
    indifferente Aprile 5 2022 23: 29
    +2
    E ho completamente smesso di capire gli scopi e gli obiettivi di questa guerra (operazione). Non puoi combattere così! Oggi ha occupato il territorio, e domani lui stesso, se n'è andato volontariamente! Ebbene, che tipo di "negoziazioni" si possono condurre con il nemico? Per me la cosa peggiore è che se continua così, e allora l'esercito si riterrà ingannato, le vittime vane, e l'intera operazione si riduce a una banale "spremitura" dei beni degli oligarchi locali (da qui le trattative con il partecipazione di Abramovich). In questo caso, sia l'esercito che il popolo gireranno la faccia nella direzione opposta... Non mi piacerebbe molto!
  7. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
    Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) Aprile 6 2022 10: 24
    +2
    Nessuna sosta e nessuna trattativa! Puoi fermarti solo dopo aver pulito tutto il geyropa dalle bandiere arcobaleno, quindi sarà possibile fermarti, in Inghilterra ...., dopo averlo pulito a fondo e poi darlo ai cinesi per il regolamento, dato che ce ne sono tanti, lasciali vivere lì, ma popola la geyropa di indiani, ce ne sono anche molti, non importa cosa, poiché dopo la seconda guerra mondiale, non appena il nostro esercito se ne andò, Churchill diede vita al suo famoso discorso e dichiarò malvagia la Russia. ... . Tutto fino in fondo, in modo che coloro che rovinano costantemente il nostro paese cessino di esistere !!!
  8. Evdokimov Sergey Yurievich Aprile 6 2022 10: 35
    +2
    Certo, se Suvorov e Zhukov combattessero così, ora la Russia non avrebbe problemi, proprio come anche la Russia. Se prendiamo esempi dalla storia, questa è una guerra con finlandesi e polacchi e i generali Krusciov, Stalin, Budyonny, Zhdanov. Hanno anche rotto la linea Mannerheim-Finlandia. Non ti ricorda niente? Forse valeva la pena iniziare con l'Ucraina occidentale? E non gridare a ogni angolo che non bombarderemo la città, hanno circondato Kiev, anche Chernigov, quindi sarebbero andati a ovest verso il nido. Ci correrebbero dietro. Vorrei sapere chi comanda il nostro contingente? Quali sono le trattative? Più come un tiratore sotto la supervisione di un oligarca.
  9. kalita Офлайн kalita
    kalita (Alexander) Aprile 6 2022 19: 04
    +1
    Smettila di essere nobile. i bastardi non se lo meritavano.
  10. Choro Kirghizistan Офлайн Choro Kirghizistan
    Choro Kirghizistan (Coro Kirghizistan) Aprile 7 2022 21: 57
    +1
    Lungo la strada sta arrivando qualcosa di simile alla Terza Guerra Mondiale, la zapadenschina marcia continuerà a provocare la Russia, spingendo il meschino @wok ad atti folli. Ma la Russia resisterà, è nel suo sangue, nessuno del cosiddetto Occidente civile sa correre i rischi che i russi erano e sono pronti a correre. Di conseguenza, la Russia subentrerà, ma con enormi perdite, anche se si tratta di uno scambio di nuclei, in questo caso la parte occidentale più popolata della Russia potrebbe scomparire, da qualche parte potrebbe rimanere il 30-40% degli Stati Uniti e dell'Europa, ad eccezione di Agniliya, che sarà completamente spazzata via. Ma non voglio credere in uno scenario del genere, che ci sia pace sulla terra, ma voglio davvero che gli avidi capitalisti (soprattutto americani e britannici) muoiano completamente! Possano i popoli fraterni trovare la pace comune!