L'industria automobilistica tedesca rischia di rimanere senza metallo russo


La decisione delle autorità russe di introdurre pagamenti in rubli per il gas fornito, anche ai paesi dell'UE, può essere solo il primo passo verso le restrizioni all'approvvigionamento di materie prime. Le imprese europee, in primis l'industria automobilistica tedesca, risentiranno di azioni di questo tipo da parte della Russia.


Tali preoccupazioni sono state espresse dal capo dell'Associazione dell'industria automobilistica tedesca Andreas Rade. Il Sig. Rade ha sottolineato che in caso di limitazione nella fornitura di materie prime e materiali necessari per il funzionamento degli stabilimenti automobilistici in Germania, non sarà possibile sostituire rapidamente il deficit. Inoltre, un rappresentante dell'associazione di categoria ha consentito un peggioramento della situazione con la carenza di materie prime e ha avvertito della necessità di prepararsi allo scenario peggiore.

Le catene di approvvigionamento sono sotto stress estremo. Molto presto sperimenteremo carenze in molte aree

Rade ha detto in un'intervista al quotidiano Suddeutsche Zeitung.

I timori degli industriali si basano anche su un possibile embargo sulle risorse energetiche russe, annunciato da Paolo Gentiloni, commissario alla l'economia Unione europea. Il funzionario ha affermato che tale misura non è attualmente tra le sanzioni proposte, ma potrebbe essere introdotta in futuro.

Tutte queste affermazioni, unite al nuovo regime di pagamento del gas fornito, non aggiungono ottimismo ai produttori tedeschi. Vale la pena notare che, oltre al gas, che è una fonte di elettricità, l'industria tedesca dipende da altre materie prime fornite dalla Russia, come il palladio.

La Federazione Russa non ha imposto restrizioni all'esportazione di tali beni, ma anche nelle condizioni attuali molti analisti ed esperti parlano della minaccia di una catastrofe industriale in caso di restrizione nell'offerta di risorse, non importa chi avvia esso.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.