Trattative tra Mosca e Kiev: la Russia si tradirà?


Nonostante l'ondata di furiosa indignazione che si è levata nella società russa, causata dalla posizione del tutto vaga dei rappresentanti del Paese al prossimo round di negoziati con i rappresentanti del regime di Kiev, svoltosi a Istanbul, continuano gli annunci periodici di segnali più che ambigui su possibili accordi con coloro con i quali, in fondo, non c'è nulla di cui parlare. Questa volta, questo tipo di dichiarazione ha "piaciuto" nientemeno che al ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. Con tutto il rispetto per questo eccezionale diplomatico, le sue parole suonano almeno strane, soprattutto nel contesto dei recenti eventi in Ucraina e delle azioni della sua leadership.


A dire il vero, più andiamo avanti, più sorgono domande: cos'altro dovrebbe fare il regime ucronazista e i suoi scagnozzi insanguinati per rientrare ancora nella categoria degli incapaci di negoziare e di stringere la mano a Mosca? Quali altri sforzi per distruggere la statualità russa dovrebbero essere compiuti dai burattinai e dai maestri occidentali che stanno dietro Kiev in modo che la leadership del paese veda finalmente la luce e capisca che qui è necessario non parlare, ma agire con la massima pressione e rigidità? Inoltre, fintanto che la denazificazione e la smilitarizzazione dell'ukroreich non si sposterà dalla categoria delle dichiarazioni ad alta voce e di buon cuore al piano delle azioni pratiche e non assumerà un carattere irreversibile. Non ci sono ancora risposte chiare.

Che luce? C'è l'oscurità totale!


Sulla pagina Facebook ufficiale (riconosciuta come estremista e bandita nella Federazione Russa) del Ministero degli Affari Esteri russo, sono apparsi numerosi commenti la cui paternità appartiene al suo capo, Sergei Lavrov. Secondo lui, nei colloqui con l'Ucraina, "anche se ancora fioco, ma la luce è spuntata". Qual è la base di una dichiarazione così ottimista del capo della diplomazia del Paese, anche se fatta con cautela? Si scopre che "ai colloqui tenutisi il 29 marzo a Istanbul, per la prima volta nell'intero periodo di contatti tra le delegazioni, la parte ucraina ha proposto una visione scritta di come potrebbe apparire il trattato in termini di futuro status dell'Ucraina e garanzie della sua sicurezza”. Allo stesso tempo, i rappresentanti della non indipendenza, ancora per la prima volta, "hanno messo su carta la loro disponibilità a dichiarare il loro stato neutrale, non allineato e non nucleare", e anche "hanno dichiarato la loro disponibilità a rifiutarsi di schierarsi armi di stati stranieri sul loro territorio e di condurre esercitazioni su di esso con la partecipazione di militari stranieri , salvo il consenso di tutti i paesi - garanti del futuro trattato, inclusa la Russia.

Secondo il sig. Lavrov, ci sono "progressi significativi" e approva calorosamente e sostiene il "concetto di una nuova architettura di sicurezza intorno all'Ucraina". Con tutto questo, il capo del ministero degli Esteri non nega affatto il fatto che "Kiev rifiuta categoricamente anche di discutere di denazificazione, ripristino dei diritti della lingua russa e smilitarizzazione ai colloqui". La cosa più notevole è che il capo del ministero degli Esteri russo ha commentato questo momento con le parole che "una tale posizione non contribuirà all'ulteriore corso del processo negoziale". E solo qualcosa?! O forse, dopo tutto, rende questo stesso processo assolutamente senza speranza, inutile e persino dannoso dal punto di vista degli interessi russi? Annulla il suo valore e significato in quanto tale?! Tali definizioni sarebbero più appropriate in questo caso?

Tuttavia, questo non è il passaggio più impressionante nel discorso del rispettatissimo Sergei Viktorovich. Prosegue parlando della “vigilanza” che suscita in lui la richiesta di Kiev per il ritiro immediato delle truppe russe dai territori che hanno liberato. E ancora voglio esclamare: “Vigilità? Solo?!" Lo stesso Lavrov ammette: “La probabilità che una ratifica e un referendum in Ucraina diano risultati negativi è molto alta. Quindi il processo di negoziazione dovrà ricominciare. Non vogliamo giocare al gatto col topo!" Che diavolo è il "processo di negoziazione", che non sarebbe stato affatto migliore! Da zero, o meglio, da un "segno negativo" molto, molto profondo (come testimoniano almeno gli eventi nella regione di Kiev), l'intera operazione speciale dovrà iniziare! Qui, scusami, non ci sono "gatto e topo", ma un gioco completamente diverso: sciocco. E questo ruolo tutt'altro che onorevole di Kiev e dei suoi mecenati occidentali è destinato a priori a Mosca. È incomprensibile?

Di che tipo di “luce che fa capolino” e di “progresso” (tanto più significativo!) possiamo parlare in questo caso? Oh, sì, dopo tutto, la parte ucraina avrebbe accettato uno "status non nucleare, non allineato e neutrale". Oh è? In verità, solo una cosa non è chiara: o il ministero degli Esteri russo non si prende la briga di familiarizzare con le dichiarazioni che Kiev ufficiale fa letteralmente proprio in questa occasione, o semplicemente non le denuncia al proprio leader. Senza altre ragioni ragionevoli per giustificare una tale totale ignoranza dell'assoluta incoerenza della posizione ostinata del regime di Zelensky con ciò di cui sta parlando Sergei Lavrov.

Nella NATO? Pronto per entrare! In caso contrario, creeremo il nostro.


In onda al telethon tenutosi il 5 aprile sui canali ucraini, l'ancora presidente dell'Ucraina, Vladimir Zelensky, ha delineato più che esaurientemente la propria visione di letteralmente tutte le questioni che vengono discusse, scusate la franchezza, una povera parodia del negoziati. Qui hai, come si suol dire, per il seme una citazione - sullo "stato" e sul "non blocco". Si diceva letteralmente così:

Se domani ci viene offerto di entrare nella NATO, ci uniremo. Ma questo non accadrà, purtroppo. E non è successo, purtroppo. Pertanto, costruiremo per noi garanzie di sicurezza...

Quali garanzie specifiche? Bene, qui divaghiamo e diamo la parola agli altri relatori. Ad esempio, il consigliere del capo dell'ufficio presidenziale Mikhail Podolyak. Questa cifra afferma che le consegne massicce di artiglieria pesante e dei più moderni sistemi di difesa aerea a Kiev dovrebbero diventare garanzie. E anche "l'esecuzione congiunta degli eserciti, consultazioni militari a tutti gli effetti sulla condotta delle ostilità e un più fitto scambio di informazioni, in particolare aerospaziali". C'è qualcos'altro non chiaro? Benvenuti, chiariamo - nelle parole del deputato della Verkhovna Rada e del rappresentante dell'Ucraina nel gruppo negoziale con la Russia, David Arakhamia:

Non firmeremo un singolo documento in cui la Russia avrà il diritto di porre il veto su qualsiasi decisione con il suo voto. Vogliamo creare la nostra NATO! Per fare questo, per noi è importante che i paesi più grandi ed efficaci dell'Alleanza ci forniscano supporto in caso di guerra. Turchia, Stati Uniti e Regno Unito sono i più importanti per noi in questo momento.

E ... sì, questa stessa Arakhamia ha sottolineato ancora una volta:

Tutto sarà deciso dal popolo ucraino, non ucraino politica. Se il popolo non sceglierà questa strada, significherà che il trattato non avrà forza legale definitiva...

Solo a me sembra che qualsiasi accordo di "pace" con Kiev non varrà la carta su cui sarà scritto?

Se qualcuno ha ancora anche solo l'ombra del dubbio, mi affretto a dissipare. Ritorniamo al discorso di Zelensky durante il telethon. Ho messo da parte il meglio per ultimo, ovviamente. Così:

La Crimea è territorio ucraino, ci può essere solo un ritardo nella questione del ritorno della penisola. Il Donbass è il nostro territorio, ORDLO (di nuovo quel nome vile!) è molto importante per l'Ucraina. Qualsiasi accordo con la Russia deve iniziare con il ritorno delle sue truppe nelle posizioni a partire dal 23 febbraio.

Più chiaro che chiaro, vero? Kiev vuole porre fine allo scontro, che si rivela per lui una chiara e inevitabile perdita, unicamente per riarmarsi e prepararsi a una vera guerra. Quello che inizierà. E guidare, credetemi, sarà "ad oltranza". Ebbene, come giustificazione per la futura militarizzazione estrema dell'Ucraina, ecco un altro passaggio del presidente-clown:

Capiamo che anche se firmiamo l'accordo più potente con te, capiamo che tra due anni la Russia potrebbe tornare. Lo capiamo semplicemente e, se lo accettiamo, agiamo di conseguenza.

Inoltre, secondo questo giullare, i rappresentanti di Kiev durante gli stessi colloqui di Istanbul hanno apertamente detto ai membri della delegazione russa che "l'Ucraina non crede nelle garanzie russe e continuerà a costruire uno Stato che saprà difendersi". Specificare? Per favore:

Abbiamo detto loro che dimenticano “smilitarizzazione” e “denazificazione”, non ne parleremo nemmeno. "Denazificazione" noi stessi possiamo chiederti, ma "smilitarizzazione" - non accettiamo questa storia!

Sono terribilmente dispiaciuto, signor Lavrov, ma questo è "progresso" e "luce"?! Cosa, allora, vorresti chiamare oscurità impenetrabile, oscurità totale e la più aperta presa in giro?! Ti conosciamo tutti come una persona con un grande senso dell'umorismo e speriamo sinceramente che sia stato uno scherzo. Altrimenti si può solo presumere che la Russia intenda continuare a partecipare a una farsa disgustosa, in cui il fatto stesso di essere presente è già una vergogna e un insulto al Paese. Questo è un tradimento di noi stessi, una presa in giro della memoria di tutte le vittime del regime ucronazista. Compresi i gloriosi soldati russi caduti durante l'operazione speciale.

La cosa più terribile è che Kiev, con cui continuano a dialogare anche dopo avergli sputato in faccia a titolo definitivo, sta diventando sempre più di buon gusto. Sono assolutamente sicuri della propria vittoria. Uno dei più pazzi "drenatori" del folle regime, Aleksey Arestovich, non dimenticare di ricordare al calar della notte, ancora una volta (per la quinta o la sesta, secondo me!) parla con ispirazione delle "due o tre settimane" rimanenti fino alla “vittoria completa”:

La fase attiva terminerà entro la metà di aprile, e poi - il "partigiano", che mangerà i resti delle loro truppe. Abbiamo due opzioni: o finiamole completamente a costo di sacrifici, o un trattato di pace...

L'opzione con una completa sconfitta militare e resa non bussa nemmeno alla sua testa. Nel frattempo, Zelensky, a cui è stato permesso di parlare (anche se virtuale) al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ha chiesto di "rimuovere la Russia da lì" o di disperdere questo corpo "inutile" all'inferno. Non di più, ma non di meno.

Per quanto tempo durerà questo circo mondiale, è indecenza? Oppure la Russia troverà la forza per metterla fine prima nei negoziati con il regime nazista di Kiev, che ha perso anche la minima adeguatezza, e poi in questo stesso regime?
30 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) Aprile 7 2022 10: 36
    +6
    Per quanto tempo durerà questo circo mondiale, è indecenza? Oppure la Russia troverà la forza per metterla fine prima nei negoziati con il regime nazista di Kiev, che ha perso anche la minima adeguatezza, e poi in questo stesso regime?

    Collega, temo che tutto andrà secondo uno scenario negativo. Queste persone non sono addestrate.
    1. Necropica Офлайн Necropica
      Necropica (Alexander) Aprile 7 2022 18: 12
      +6
      Sì, non è abbastanza per vedere e sentire tutto questo. Da qui - soprattutto.
      Allo stesso tempo, continuiamo ancora a credere che non ci sarà variante peggiore (resa vergognosa).
      Altrimenti - una guerra davvero terribile in un futuro molto prossimo.
      1. Il commento è stato cancellato
      2. A.Lex Офлайн A.Lex
        A.Lex Aprile 7 2022 22: 20
        +1
        Eccone un altro nel salvadanaio delle perversioni:

        Peskov ha affermato che l'operazione in Ucraina potrebbe essere completata nei prossimi giorni

        Ciao da Interfax
        1. Bulanov Офлайн Bulanov
          Bulanov (Vladimir) Aprile 11 2022 15: 10
          +1
          E cosa accadrà dopo a Kherson?
          1. A.Lex Офлайн A.Lex
            A.Lex Aprile 14 2022 13: 37
            0
            Finora, dicono, tutto sta andando più o meno ... Anche le bandiere svedesi hanno smesso di appendere.
      3. Vladimir Orlov Офлайн Vladimir Orlov
        Vladimir Orlov (Vladimir) Aprile 8 2022 00: 33
        +1
        Questa è la "nebbia della guerra", come qualcuno l'ha definita: lavoro per il pubblico occidentale e aneto (c'è il lavaggio del cervello, far credere loro che la vittoria è vicina). Il popolo russo capisce tutto e non perdonerebbe il tradimento: per le autorità è una questione di sopravvivenza. Ma non credo nella cattura completa dell'intero territorio - con cosa dar loro da mangiare.. La sezione sembra probabile, i "proto-umani" dell'Occidente sono un riscatto (possiamo far emergere questa patologia solo se radicata chirurgicamente per decenni ...) "Yalta" alla fine, in altre parole, o "Patto .." - a chi piace cosa.
        Quindi, aspettiamo notizie dai campi: ultimatum e azione.
        Per il momento, a proposito, puoi prendere una valuta per una pausa, chiunque abbia rubli e passione ...
      4. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
        Marzhetsky (Sergey) Aprile 8 2022 06: 45
        +1
        Ti capisco molto. Mi sento male e mi vergogno del mio paese.
        1. consultare Офлайн consultare
          consultare (Vladimir) Aprile 8 2022 09: 46
          -1
          Quindi vai avanti, al draft board e in battaglia! E poi tutte le aquile rischiano la vita degli altri e insegnano dal divano come farlo bene.
    2. kr33sania_2 Офлайн kr33sania_2
      kr33sania_2 (Alex Kraus) Aprile 7 2022 22: 36
      0
      Sì, sono fangosi nella vita ...
  2. EVYN WIXH Офлайн EVYN WIXH
    EVYN WIXH (EVYN WIXH) Aprile 7 2022 11: 53
    +6
    Se non c'è una vittoria militare convincente, continueranno a comportarsi in questo modo. Considerano la partenza delle Forze Armate RF dalle 4 regioni precedentemente occupate come la loro vittoria. Sono euforici. Tutta l'Europa e gli Stati Uniti forniscono loro armi e impongono sanzioni contro la Russia. Le capacità di raggruppamento delle forze armate RF sono limitate. La Russia si mobiliterà? È possibile farne a meno? In che modo questo influirà sulla situazione all'interno del paese? Quanti sono pronti a combattere? Sì, e l'intero Occidente sta solo aspettando che la Russia si esaurisca e sarà possibile schiacciarla. Molte cose non sono chiare. Una cosa è chiara: l'Ucraina sarà un focolaio di instabilità per molti anni, anche in uno scenario positivo.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) Aprile 7 2022 12: 05
      +6
      Citazione: EVYN WIXH
      Se non c'è una vittoria militare convincente, continueranno a comportarsi in questo modo. Considerano la partenza delle Forze Armate RF dalle 4 regioni precedentemente occupate come la loro vittoria. Sono euforici. Tutta l'Europa e gli Stati Uniti forniscono loro armi e impongono sanzioni contro la Russia. Le capacità di raggruppamento delle forze armate RF sono limitate. La Russia si mobiliterà? È possibile farne a meno? In che modo questo influirà sulla situazione all'interno del paese? Quanti sono pronti a combattere? Sì, e l'intero Occidente sta solo aspettando che la Russia si esaurisca e sarà possibile schiacciarla. Molte cose non sono chiare. Una cosa è chiara: l'Ucraina sarà un focolaio di instabilità per molti anni, anche in uno scenario positivo.

      L'unico allineamento positivo è iniziare a combattere sul serio con la presa di tutta l'Ucraina sotto il suo controllo. Ma a quanto pare non lo faranno, limitandosi al Donbass.
      Il risultato può essere semplicemente orribile. Essendo più forte dell'Ucraina, con questo approccio la Russia perderà. Poi si asciugheranno i piedi su di noi nella NATO.
      1. EVYN WIXH Офлайн EVYN WIXH
        EVYN WIXH (EVYN WIXH) Aprile 7 2022 12: 25
        0
        Il problema è che il raggruppamento delle forze armate RF in Ucraina non è sufficiente. Hanno una mobilitazione generale + aiuto dall'Occidente (abbastanza significativo). Ma la Russia è pronta per un'altra guerra che vada oltre la NVO, con mobilitazione, legge marziale e tutte le conseguenze che ne conseguono?
  3. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) Aprile 7 2022 12: 33
    +4
    Citazione: EVYN WIXH
    Ma la Russia è pronta per un'altra guerra che vada oltre la NVO, con mobilitazione, legge marziale e tutte le conseguenze che ne conseguono?

    La Russia è pronta, la sua leadership no. E il prezzo finale di questa impreparazione sarà terribile.
    1. EVYN WIXH Офлайн EVYN WIXH
      EVYN WIXH (EVYN WIXH) Aprile 7 2022 14: 00
      -1
      Dubito che la maggior parte della popolazione apprezzerà la legge marziale e la mobilitazione. Alzarsi dal divano, prendere un fucile e andare in trincea non è come lanciare cappelli a tutti su Internet. Poi ricominceranno gli strilli: "Hanno portato il paese". Questo è già un passo estremo se qualcun altro entra in conflitto. E quindi, mi sembra che ci sarà una sorta di "accordo provvisorio", con le dichiarazioni di entrambe le parti che hanno raggiunto quasi tutti i loro obiettivi. O quasi raggiunto...
      1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
        Marzhetsky (Sergey) Aprile 7 2022 14: 05
        +1
        Dubito che la maggior parte della popolazione apprezzerà la legge marziale e la mobilitazione. Alzarsi dal divano, prendere un fucile e andare in trincea non è come lanciare cappelli a tutti su Internet. Poi ricominceranno gli strilli: "Hanno portato il paese".

        A chi verrà chiesto comunque?

        E quindi, mi sembra che ci sarà una sorta di "accordo provvisorio", con le dichiarazioni di entrambe le parti che hanno raggiunto quasi tutti i loro obiettivi. O quasi raggiunto...

        Sì. Una tregua prima di una nuova Grande Guerra, dove moriranno centinaia di migliaia o milioni.
        1. EVYN WIXH Офлайн EVYN WIXH
          EVYN WIXH (EVYN WIXH) Aprile 7 2022 15: 30
          -2
          Sfortunatamente sì. La Russia non è l'URSS, sia economicamente che ideologicamente. Come puoi vedere, non esiste un movimento di volontariato patriottico completo. Ma, ahimè, devi chiedere. Abbiamo creato noi stessi un sistema del genere. Siamo nel 1941 "Tutto il campo è come una persona..." Di questi tempi non sono gli stessi. O forse davvero "Una brutta pace è meglio di una bella lite"? E le guerre, erano e saranno sempre. La ragione verrà fuori.
      2. Oleg_5 Офлайн Oleg_5
        Oleg_5 (Oleg) Aprile 7 2022 20: 06
        0
        Peskov ha affermato che l'operazione in Ucraina potrebbe concludersi attraverso la diplomazia, dipende dalla posizione ucraina e dall'accordo con le condizioni russe.

        RIA Novosti
  4. Yatva Офлайн Yatva
    Yatva (IO) Aprile 7 2022 12: 37
    +5
    Quando le pistole parlano, i diplomatici meglio tacere!!!...
  5. Nonno Wow Офлайн Nonno Wow
    Nonno Wow (Nicholas) Aprile 7 2022 13: 13
    0
    Bene, ahimè e ah, la Russia semplicemente non ha abbastanza truppe! Coscritti e coscritti non possono essere inviati, poiché la gente solleverà una tempesta e non ci sono così tanti volontari come vorremmo! La Russia non spingerà numericamente attraverso il territorio dell'Ucraina! Così è stato a Donetsk con un'affluenza al referendum del 97% e veri combattenti della prima milizia di 2000 persone della 7milionesima regione e della 2,5milionesima città!
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) Aprile 7 2022 14: 07
      +2
      Bene, ahimè e ah, la Russia semplicemente non ha abbastanza truppe! Coscritti e coscritti non possono essere inviati, poiché la gente solleverà una tempesta e non ci sono così tanti volontari come vorremmo!

      È necessario fermare il regime NWO e passare a una guerra normale. Non c'è bisogno di inviare coscritti in prima linea, lasciare la retroguardia e tenere.
  6. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) Aprile 7 2022 13: 18
    +1
    L'Ucraina è la seconda formazione statale più grande d'Europa dopo la Federazione Russa e, come hanno dimostrato i combattimenti, con un esercito pronto al combattimento.
    Dopo il crollo dell'URSS, tutte le formazioni statali post-sovietiche hanno fatto tutto il possibile per isolarsi dalla Federazione Russa: hanno riscritto la storia, creato i propri eroi nazionali, sono passati alla loro lingua di stato, spostando o vietando l'uso della lingua russa di comunicazione interetnica.
    In tali condizioni, due generazioni di nazionalisti sono cresciute in ogni formazione statale in 30 anni. Pertanto, non sorprende che i liberatori dal nazismo non siano accolti con fiori nemmeno nelle regioni di lingua russa dell'Ucraina e che l'esercito debba farsi strada per diversi chilometri al giorno, e da Donetsk al vespaio nazista - Lviv, mille chilometri.
    Come riportato dal ministero delle Finanze ucraino, un mese di guerra costa all'Ucraina 10 miliardi di dollari. Probabilmente, la guerra costa al bilancio della Federazione Russa un importo comparabile. Allo stesso tempo, l'Occidente sponsorizza l'Ucraina e ha imposto sanzioni alla Federazione Russa.
    Il programma massimo inizialmente dichiarato - non espansione, non schieramento e ritorno al 1997 è stato ridotto al minimo e ridotto alla liberazione del DPR-LPR, al riconoscimento della Crimea, alla denazificazione e allo status neutrale. Allo stesso tempo, come ha affermato Medinsky in un'intervista, la Federazione Russa non è contraria all'adesione dell'Ucraina all'UE e l'UE e la NATO sono due facce della stessa medaglia.
    Come gesto di volontà, le truppe furono ritirate da Kiev e Kharkov: ricevettero bombardamenti sul territorio adiacente della Federazione Russa.
    Non sorprende che, in un contesto così generale, l'Ucraina stia cercando, se non di dettare i suoi termini, di mantenere la sua posizione.
  7. ustal51 Офлайн ustal51
    ustal51 (Alexander) Aprile 7 2022 13: 33
    +3
    È tempo che il Presidente della Russia faccia una scelta - con chi è.
  8. Vladimir Petroff Офлайн Vladimir Petroff
    Vladimir Petroff (Vladimir Petroff) Aprile 7 2022 19: 51
    -1
    È ora che nonno Lavrov si riposi. Non so cosa in Lavrov delizia così tanto l'autore ... sempre solo il ministro che esprime preoccupazione. Ma temo che verrà tolto dalla politica solo con i piedi per primo. Così come il favorito del re - Peskov. Era molto probabile che Shariy stesse accennando a loro di recente quando parlava della quinta colonna nelle più alte sfere del potere in Russia.
  9. shiva Офлайн shiva
    shiva (Ivan) Aprile 7 2022 20: 47
    +6
    Lord Marzhetsky e Neukropny! Onore e lode a te! Con entrambe le mani per il tuo duro lavoro. Colpisci ulteriormente alla testa dal piede: il cervello di qualcuno potrebbe andare a posto.
    E se no, se gli occhi di pesce marci di Peskov suggeriscono che il pesce sta marcendo dalla testa ... non mi invidio. Volevo una vita migliore per i miei figli. Quando dico loro qualcosa ora, piangono e dicono: papà, non raccontarci storie dell'orrore di notte. Ma siamo nella regione di Mosca! Non abbiamo gli orrori della guerra e della carestia. E i bambini stanno già piangendo.
    Spero, credo che sopporteremo.
    Lo spirito russo, vivrà in coloro che sopravviveranno e andranno a conquistare l'universo. È solo necessario schiacciare il fascismo mondiale. A beneficio di tutti e a dispetto di coloro che per soldi inseriscono un terzo cuore per sé, che i fogli verdi non valgono nulla - ma sono tutti nel sangue di arabi, africani, indiani, serbi, russi...
  10. Potapov Офлайн Potapov
    Potapov (Valeria) Aprile 7 2022 21: 06
    0
    Il tradimento è avvenuto...
  11. Statore di Neville Офлайн Statore di Neville
    Statore di Neville (statore di Neville) Aprile 7 2022 21: 13
    +3
    Che cosa ha a che fare con chi fa la guerra, Gorbaciov o Gennady Ivanovich Yanaev? La Russia non può rimanere una tigre di carta davanti al mondo. Potrebbe finire come l'Unione Sovietica. Usa risolutamente tutte le tue forze e distruggi l'Ucraina. Se qualcuno è troppo pigro, dagli la medicina di Stalin.
  12. Grigory Zinov'ev Офлайн Grigory Zinov'ev
    Grigory Zinov'ev (Grigory Zinov'ev) Aprile 7 2022 21: 40
    +4
    Se l'operazione in Ucraina non si concluderà, il popolo non perdonerà questo governo, inoltre, metterà a repentaglio l'esistenza stessa della Russia come stato nella sua forma attuale!
    Questi ritiri di truppe e negoziati sono molto preoccupanti, l'abbiamo già affrontato nel Caucaso settentrionale negli anni '90 e '00!
    Se sei già stato coinvolto, devi portare alla fine ciò che hai iniziato!
    Sì, questa è una guerra e le perdite sono inevitabili in una guerra, ma le perdite saranno ancora maggiori, il ritiro delle truppe è una perdita nella guerra e nessuno si rammarica dei perdenti!
  13. akm8226 Офлайн akm8226
    akm8226 Aprile 7 2022 21: 51
    +1
    Starò zitto per ora. Non conosco l'intero sfondo di questi eventi e invito tutti a non correre davanti alla locomotiva. Molti fattori in questa situazione sono nascosti ai nostri occhi e alle nostre orecchie. Guarda le azioni reali, non i bazar marci. E la realtà è questa: Mariupol verrà ripulito completamente e anche Azovstal entro una settimana al massimo. È qui che devi iniziare.
  14. InanRom Офлайн InanRom
    InanRom (Ivan) Aprile 7 2022 22: 28
    +2
    e ancora i baffi, e più lontano, più meravigliosi ...

    Il capo del servizio stampa presidenziale ha annunciato perdite significative tra l'esercito russo durante l'operazione speciale in Ucraina. "Sì, abbiamo perdite significative tra i militari", ha sottolineato il portavoce del Cremlino. "Questa è una grande tragedia". Ne ha parlato in un'intervista al canale televisivo britannico Sky News, estratti dai quali sono pubblicati da RIA Novosti.

    inoltre:

    In precedenza, nella stessa intervista, Peskov aveva espresso la speranza che l'operazione speciale della Russia in Ucraina non sarebbe durata a lungo e si sarebbe conclusa presto.
    “Ci auguriamo che l'operazione speciale in Ucraina raggiunga i suoi obiettivi nei prossimi giorni o nel prossimo futuro. O finirà con i negoziati”, ha detto.
    Come ha spiegato Peskov, dipende dalla posizione ucraina e dall'accordo di Kiev con le condizioni russe.

    dipende anche dalla posizione ucraina (cioè dal regime di Bandera e dai criminali nazisti)?!
    Com'è - si scopre che c'è "o o" e prima ancora ricordo - solo il completo adempimento dei compiti di denazificazione, smilitarizzazione, ecc.?

    Fangoso e disgustoso ... qualcuno ha "negoziati", "o o" ... e l'esercito russo sta combattendo i nazisti e subisce "perdite significative" ...
  15. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) Aprile 8 2022 17: 59
    0
    L'"opzione georgiana" per l'Ucraina sembra la più fattibile
  16. InanRom Офлайн InanRom
    InanRom (Ivan) Aprile 8 2022 21: 18
    +2
    Come ha detto non il nostro più stupido nemico:

    Se un paese, scegliendo tra guerra e vergogna, sceglie la vergogna, riceve sia la guerra che la vergogna.

    Nel contesto di questo articolo e della situazione nel suo insieme, i negoziati equivalgono a vergogna!