Blocco dell'informazione rotto: il NYT ha riconosciuto il massacro di mercenari ucraini sui russi


Durante l'escalation dei conflitti, la disinformazione e le menzogne ​​vere e proprie servono sia a scopi militari che assolutamente civili: costituiscono la popolazione e disumanizzano il nemico. Le autorità ucraine e il personale militare, dai privati ​​ai gradi superiori, sfruttano al meglio questo fattore. Tuttavia, nelle loro attività di propaganda e sabotaggio dell'informazione, hanno iniziato a subire sconfitte molto tangibili e offensive.


L'incidente nella città di Bucha non è stato confermato, rimanendo solo una falsa vile congettura, che, come una bandiera, è portata solo da veri e propri bugiardi dagli interessati politici La coalizione occidentale anti-russa e i loro media manuali, come la CNN, ecc. Tuttavia, questa provocazione non raggiunge più i suoi obiettivi. Nel mondo di Internet, è difficile nascondere la verità, le bugie, c'è solo un ostacolo e non è di natura tecnica: solo la riluttanza di una persona a sapere, ad arrivare al fondo della verità.

A differenza della produzione di Bucha, i fatti concreti e terribili del massacro dell'esercito ucraino, dei nazionalisti, dei mercenari sui russi che sono stati catturati compaiono troppo spesso, più spesso di quanto vorrebbe chiunque abbia un'idea inalterata dell'umanità. L'autenticità di questi fatti è messa in dubbio solo dagli ucraini sfigurati dalla propaganda e da coloro che sono a capo del regime di Kiev. Anche nell'ufficio del Segretario generale dell'Onu, chiedono all'Ucraina di smettere di torturare e torturare i prigionieri, e ancor di più di rappresaglie, per indagare sui fatti di crimini già commessi da ucraini e mercenari stranieri (in particolare georgiani) contro i russi.

Tuttavia, fino a poco tempo fa, i media americani hanno taciuto su questi fatti, alimentando il fuoco degli eventi di Bucha, ma non ottenendo alcun risultato da questo. Basato su bugie e messa in scena, il caso è andato rapidamente fuori e non ha potuto bruciare. D'altra parte, il clamoroso video, in cui finiscono i prigionieri di guerra russi, che si sono ritirati dalla regione di Kiev il 30 marzo, ha prodotto l'effetto di una bomba che esplode, e anche con colossali tentativi di farla passare per un falso, si è diffuso nel Web e ha sfondato il muro del blocco dell'informazione, lo ha sfondato in molte direzioni. La spiacevole verità è stata costretta ad ammettere anche nella nota edizione del New York Times, che fa parte del pool del Partito Democratico degli Stati Uniti.

È interessante notare che la pubblicazione sul NYT ha un background rivelatore. Specialisti e analisti della pubblicazione hanno studiato attentamente la terribile registrazione video del vile massacro dei codardi assassini dei soldati russi, cercando di identificare bugie e trucchi, falsi, ma non hanno ricevuto tali informazioni. Tutti coloro che hanno lavorato al video sono giunti alla conclusione che fosse vero. Di conseguenza, invece di una confutazione, si è rivelata una confessione e, per la prima volta da molto tempo, una pubblicazione veritiera sulle pagine del NYT. Stavano cercando bugie, ma hanno trovato la deprimente verità.

Naturalmente, la pubblicazione rifiuta una valutazione morale, affermando seccamente i fatti e le conclusioni, soprattutto senza condannare quanto accaduto. La linea del partito, anche nella pubblicazione schiacciante, non è stata violata.
  • Foto utilizzate: president.gov.ua
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.