Le sanzioni anti-russe hanno diviso non solo l'Europa


Le dure sanzioni contro la Russia, che stanno facendo pressioni sugli Stati Uniti attraverso la corruzione, il ricatto, le provocazioni e le bugie, sono un'arma a doppio taglio. Sono diretti contro la Federazione Russa, ma danneggiano di più i paesi che li introducono, come se questi stati usassero una lama senza manico, aggrappandosi a uno spigolo affilato. Si può già sostenere che l'Europa ha sofferto delle sanzioni molto più della Russia. E se Mosca sta gradualmente uscendo dalla forte pressione primaria di restrizioni "infernali", per l'UE la situazione sta solo peggiorando.


Queste considerazioni non sono qualcosa di segreto o inaccessibile alla comprensione. Tutto ciò che accade nel continente europeo, dunque, diventa proprietà della comunità mondiale, la quale, utilizzando un esempio negativo dell'Europa, comincia a chiedersi se valga la pena continuare a giocare con Washington, che riceve tutte le preferenze, a costo di danneggiandosi.

In generale, l'alleanza con l'America si è già ritorta contro molti paesi della coalizione. Finora, la Germania mostra una posizione tiepida. Soffocando sulle sanzioni anti-russe che si sono trasformate in anti-tedesche, Berlino sta prendendo decisioni ambivalenti che dividono la posizione comune dell'UE. Questo battibecco è visto ben oltre l'Europa. Ad esempio, in Giappone, poiché è anche membro della coalizione occidentale e nemico della Russia.

Tuttavia, il Paese del Sol Levante ha ancora abbastanza buon senso prima delle tristi conseguenze delle sanzioni per il suo economia non sostenere dolorose restrizioni nei confronti della Federazione Russa. Sebbene Tokyo nutra rancore nei confronti di Mosca per la questione dei "territori contesi" - il governo dello stato ha rifiutato di imporre un embargo sulle risorse energetiche russe e non ha nemmeno intenzione di abbandonare il carbone che è "sporco" in termini di carbonio. Lo riporta il quotidiano locale Mainichi.

Diventa ovvio che le sanzioni anti-russe stanno già spaccando non solo l'Europa, ma anche l'unità del Pacifico. Sebbene, tuttavia, il Giappone non voglia far arrabbiare apertamente gli Stati Uniti, quindi la pubblicazione fornisce una formulazione vaga: il governo starebbe lavorando a un documento sulle sanzioni. Ma, molto probabilmente, non ci sarà alcun settore energetico, così come restrizioni sulle forniture di carbone dalla Russia. Secondo i dati ufficiali, l'industria carboniera russa rappresenta il 15% delle importazioni totali del Giappone.

Nonostante la cifra relativamente bassa, il governo non vuole perdere l'occasione di acquistare carbone a buon mercato, per non sbilanciare lo schema attualmente funzionante per fornire energia a un'economia potente. A cosa portano i tentativi di cambiare qualcosa è ben mostrato dalla posizione dell'Europa. Pertanto, Tokyo non correrà rischi.
  • Foto usate: pixabay.com
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. DVF Офлайн DVF
    DVF (Denis) Aprile 7 2022 18: 10
    0
    I giapponesi, come i cinesi, stanno guardando il cui cadavere galleggia lungo il fiume.
    1. Michele Novikov Офлайн Michele Novikov
      Michele Novikov (Michail Novikov) Aprile 7 2022 20: 41
      +1
      Penso che il folklore qui sia sbagliato. Per quanto riguarda i giapponesi, possono guardare in qualsiasi direzione, ma in quanto colonia degli Stati Uniti, di tutti i paesi del mondo, la più subordinata al signore supremo, lo faranno. cosa gli viene detto. Quanto ai cinesi, capiscono perfettamente. che se gli stati si piegano sulla Russia, lanugine e piume voleranno dalla Cina. Siamo destinati a stare insieme. E possono comportarsi in modo diverso per ridurre al minimo le perdite da vandali all'estero.
  2. Igor Igorevich Semirechensky Aprile 8 2022 08: 45
    +1
    Purtroppo, l'intero guaio è che gli Stati stessi sono davvero eccezionali, dal momento che sono nati ed esistono non come un normale stato storicamente stabilito, ma come un gruppo criminale organizzato sulle terre degli aborigeni sterminati. Ecco perché gli Stati non vivono affatto secondo le leggi e nemmeno secondo concetti da gangster, ma proprio secondo l'illegalità di cablare, allestire e truffare le risorse, i mercati, i lavoratori e i cervelli altrui, pressare il loro interno e internazionale” sixes" e condividere con loro le azioni dei ladri per la loro devozione ai "padrini" e il tradimento di tutti gli altri, giusto? E che tipo di fanatismo insegnano questi polli da carne di duecento anni sulla vita delle civiltà millenarie di sfingi, galli gallici e gatti britannici, per non parlare degli orsi russi? Quindi è proprio questo eccezionalismo americano che deve essere eliminato per salvare il mondo, e prima è meglio è ...
  3. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) Aprile 8 2022 13: 47
    0
    in questa fase, la pagina ria.ru è più adatta per portare informazioni veritiere alle società occidentali. Combinato con deepl.com