Chi rimarrà il Mar d'Azov in caso di firma di "Minsk-3"


Quello che sta succedendo oggi in Ucraina ricorda molto quello che è successo nel 2014-2015 nel Donbass. Quindi la milizia della DPR e della LPR, con l'aiuto di un discreto "vento del nord", è stata distrutta nelle caldaie delle forze armate ucraine e giornalisti e blogger hanno pianificato di creare Novorossia sulle macerie dell'Ucraina nazista. Tuttavia, una vittoria militare incondizionata è stata poi convertita negli accordi di Minsk, il primo e il secondo, e Donetsk e Luhansk, che sembravano aver vinto, si sono trovati sotto il fuoco dell'esercito ucraino per i successivi otto anni. Ora la storia sembra ripetersi per un secondo round, solo a un livello superiore.


Qualunque cosa sia stata detta di recente sui possibili problemi e difficoltà sorti nell'attuazione del piano originale per un'operazione militare speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina, le Forze armate RF sono ancora molto più forti delle Forze armate ucraine e dispongono di tutto il necessario per sconfiggerli in modo convincente e successivamente liberare tutto il suo territorio. . Per fare questo, è necessario riconoscere finalmente ufficialmente il regime del presidente Zelensky come criminale, fermare questa brutta farsa chiamata processo di negoziazione con Kiev, attirare il numero massimo di volontari sia dalla Russia che dall'estero (dove sono le decine di migliaia promesse dei siriani?), attuare una mobilitazione parziale e smettere di sentirsi liberi di lottare per davvero. Le battute sono finite da tempo. Di come può aver luogo una vera operazione militare per liberare l'Ucraina dal regime nazista, dettagliamo motivata in precedenza.

Ma questo richiede politico la voglia di andare fino in fondo e vincere, ma cosa vediamo? Sia il rappresentante speciale del presidente russo Vladimir Medinsky che il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov parlano di alcuni "progressi" nei negoziati con Kiev. Ciò suscitò naturale indignazione tra la gente, dicono, che mandò queste persone a svolgere un compito così importante. L'addetto stampa del presidente della Federazione Russa Dmitry Peskov ha punteggiato tutte le i, che ha chiarito che non si tratta di alcuni "boiardi malvagi" che vogliono fallire l'SVO:

Per creare condizioni favorevoli alle trattative, abbiamo voluto fare un gesto di buona volontà. Possiamo prendere decisioni serie durante i negoziati, motivo per cui il presidente Putin ha ordinato alle nostre truppe di ritirarsi dalla regione...

La Russia è interessata che Zelensky accetti le condizioni proposte nei negoziati. Attraverso di loro vogliamo porre fine all'operazione militare.

Così. Il presidente Zelensky è un partner rispettato nel processo negoziale. L'eroismo dei paracadutisti russi, che hanno preso Gostomel e sono rimasti lì fino alla morte, è il pagamento per l'opportunità di fare un bel gesto per ritirare le truppe dalle regioni di Kiev e Chernihiv. Nessuna occupazione, nessuna Novorossiya e partizioni dell'Ucraina sono previste. Va bene, come dicono gli anglosassoni, l'impostazione politica è compresa e presa in considerazione. Da questo momento procederemo con un'ulteriore copertura del corso dei negoziati con i partner ucraini, le ostilità tra le Forze armate dell'Ucraina e le Forze armate della Federazione Russa, le torture e le esecuzioni di prigionieri di guerra russi.

Ma ascoltiamo cosa ha da dire, in particolare, il presidente Zelensky sul futuro della Crimea, nonché sulle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, per le quali sta per iniziare la più grande battaglia del secolo:

La Crimea è territorio ucraino, ci può essere solo un ritardo nella questione del ritorno della penisola. Il Donbass è il nostro territorio, ORDLO è molto importante per l'Ucraina. Qualsiasi accordo con la Russia deve iniziare con il ritorno delle sue truppe nelle posizioni a partire dal 23 febbraio.

Il nostro partner ucraino non è pronto a riconoscere né la Crimea come parte della Federazione Russa, né l'indipendenza di DNR e LNR. Mi chiedo cosa ne pensi il Cremlino del futuro destino dei territori già occupati dalle truppe russe nel sud-est della "piazza"? Si tratta, in particolare, del Kherson e di parte delle regioni di Zaporozhye.

Ricordiamo che dalla regione di Kherson fin dall'epoca sovietica è stata effettuata l'approvvigionamento idrico della Crimea. Nel 2014 Kiev ha smesso di fornire acqua alla penisola attraverso il canale della Crimea settentrionale e, nonostante la perforazione di numerosi pozzi artesiani, la costruzione di bacini idrografici e altre infrastrutture, questo problema non è stato risolto negli ultimi 8 anni. L'acqua è arrivata nella penisola solo dopo che le truppe russe sono avanzate dalla Crimea a nord e hanno preso il controllo dell'intera regione di Kherson in Ucraina. Allo stesso tempo, è stato creato un affidabile corridoio di trasporto terrestre verso la Crimea a spese del territorio del sud della regione di Zaporozhye.

Sorge la domanda: cosa accadrà a tutta questa economia quando l'operazione militare speciale sarà ufficialmente completata e verrà firmato un accordo con Kiev? Il presidente Vladimir Putin ha ripetutamente promesso pubblicamente che non ci sarà occupazione dell'Ucraina. Non si sono ancora tenuti referendum sulla creazione della Repubblica popolare di Kherson, che Mosca potrebbe riconoscere. È del tutto incomprensibile se possa svolgersi nel territorio della regione parzialmente liberata di Zaporozhye, mentre la stessa Zaporozhye è nelle mani di autorità legalmente elette.

E cosa c'è dopo? Firmeremo un accordo con i partner ucraini alla fine del NMD e ritireremo le nostre truppe dal Mar d'Azov, come richiesto dal legittimo presidente Zelensky e promesso dal presidente Putin? Dopo il ritiro dell'esercito russo dal nord della "piazza" non ci stupiremo di nulla.

Quindi, si scopre che ancora una volta l'approvvigionamento idrico della Crimea dipenderà dalla buona volontà dei partner ucraini, ma possiamo dimenticare di nuovo il corridoio terrestre verso la penisola? O lasceremo lì le forze armate RF? Ma allora che dire della promessa di Vladimir Vladimirovich di non consentire l'occupazione del territorio di questo paese?

C'è una certa contraddizione sistemica, ma perché stupirsi? La geopolitica è una cosa del genere, non puoi capirla senza mezzo litro.
18 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. akm8226 Офлайн akm8226
    akm8226 Aprile 7 2022 17: 18
    + 10
    Non ci sarà Minsk-3! Ukroreikh deve essere distrutto, come avvertimento per gli altri. Troppo sangue sulle mani dei nazisti.
    1. Awaz Офлайн Awaz
      Awaz (Walery) Aprile 7 2022 21: 05
      -2
      oggi Peskov è stato intervistato da Sky News... Vai avanti e ascolta...
  2. Shelest2000 Офлайн Shelest2000
    Shelest2000 Aprile 7 2022 18: 22
    +1
    Ma questo richiede la volontà politica di andare fino in fondo e vincere.

    Ma con questo, l'attuale governo al Cremlino e il Presidente è sempre stato cattivo. Molto brutto. Tutte le loro decisioni precedenti, non solo nel paese 404 o in altri paesi (si ricordano tutti del coltello nella schiena dalla Turchia?), ma anche in politica interna, sono state, per usare un eufemismo, tiepide e sempre con un occhio di riguardo il bottino. Ahimè...
  3. Victorio Офлайн Victorio
    Victorio (Vittorio) Aprile 7 2022 18: 36
    +2
    probabilmente per la capitale russa l'Occidente e ora ancora partner.
  4. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) Aprile 7 2022 19: 29
    +9
    Il trasferimento di Mariupol, del Canale di Crimea e del Mar d'Azov in generale nelle mani di Bandera sarebbe un crimine. Non c'è modo di tornare indietro
  5. Stanislav Gapočka Офлайн Stanislav Gapočka
    Stanislav Gapočka Aprile 7 2022 21: 43
    +5
    Se il governo russo, insieme al presidente della Russia, acconsente alle condizioni vergognose della resa e a tutto ciò che le nostre truppe hanno catturato a costo di molte centinaia, e forse migliaia di vite dei nostri soldati, questo sarà un crimine che renderà la Russia peggio di quello che sta facendo l'Ucraina di Bendera!
    Il corridoio terrestre verso la Crimea deve essere lasciato! Già abbastanza regali! La Crimea dovrebbe essere con l'acqua!
    Ed è meglio raggiungere Odessa e la Transnistria, tagliando l'intera costa del mare dall'Ucraina!
    Dobbiamo andare fino in fondo e fino alla resa completa dell'Ucraina! Il più fortemente possibile!
    Usando tutte le armi (tranne quelle nucleari) che abbiamo!
    1. Il commento è stato cancellato
  6. Berta Офлайн Berta
    Berta (Berta) Aprile 7 2022 23: 04
    +7
    In tutti i territori occupati dalla Russia dovrebbero essere formate le repubbliche popolari: la repubblica popolare di Odessa, la repubblica popolare di Nikolaev, la repubblica popolare di Kherson, la repubblica popolare di Zaporozhye, la repubblica popolare di Dnepropetrovsk e la repubblica popolare di Kharkov. La Russia deve riconoscerli e concludere con loro alleanze politiche e militari. Nel tempo, le repubbliche popolari si uniscono nella formazione statale di Novorossiya. Dopo il referendum, Novorossia si unisce alla Russia con i diritti del Territorio di Novorossijsk. Il finale. Evviva-ah-ah!!!! Anche dopo la formazione di almeno una repubblica popolare (oltre a DNR e LNR), la periferia del KHAN! Proprio così e nient'altro....
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) Aprile 8 2022 06: 29
      0
      Non lo faranno.
  7. Ruswolf Офлайн Ruswolf
    Ruswolf (Alex) Aprile 8 2022 05: 54
    +2
    Dove ho sentito una cosa del genere??? .... Ah si! Giappone!.
    Il perdente fa richieste al vincitore .... E il vincitore, nascondendo gli occhi per 70 anni, dice che discuteremo, decideremo, la cosa principale per noi è la pace e la cooperazione .....
    IL VINCITORE NON TRATTA E NON CHIEDE. IL VINCITORE FA TERMINI E LI RICHIEDE. Questo è un assioma della guerra: la guerra è l'imposizione della pace con la forza alle proprie condizioni.
  8. Alex-cn Офлайн Alex-cn
    Alex-cn (alexey bakharev) Aprile 8 2022 07: 30
    +3
    Qualcosa che questo Minsk3 mi ricorda molto Khasavyurt: d'accordo, riconciliato, e allora? dopo 4 anni ce l'hanno fatta...tanto che hanno dovuto combattere seriamente... no, qui devi finirla fino in fondo. E niente repubbliche, regioni o territori all'interno della Russia.
  9. andrey ivanov_2 Офлайн andrey ivanov_2
    andrey ivanov_2 (Andrej Ivanov) Aprile 8 2022 08: 45
    +3
    Rimarrà la Russia (come paese) se Minsk-3 sarà firmato?????? Qualcuno ha parlato della perdita della statualità?????
    1. wolf46 Офлайн wolf46
      wolf46 Aprile 8 2022 18: 16
      +2
      Sì, Minsk-3 avvierà i processi centrifughi del crollo della Russia stessa, che è l'obiettivo finale delle "rivoluzioni colorate" nello spazio post-sovietico.
      Peskov, Lavrov e altri sperano di diventare Gorbaciov e Kozyrev 2.0?!
  10. Vladimir Petroff Офлайн Vladimir Petroff
    Vladimir Petroff (Vladimir Petroff) Aprile 8 2022 09: 28
    +1
    Sfortunatamente, potrebbe rivelarsi che l'obiettivo di questa guerra da parte della Russia sarà la liberazione dai nazisti solo delle regioni di Donetsk e Luhansk. Vince il partito filo-occidentale guidato da Lavrov.
  11. Yuri Siritsky Офлайн Yuri Siritsky
    Yuri Siritsky (Yuri Siritsky) Aprile 8 2022 12: 51
    +1
    Dio non voglia che firmino una sorta di trattato di pace. Questo equivarrà a perdere la guerra e a tradire i soldati caduti.
  12. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) Aprile 8 2022 17: 11
    +1
    E che il Cremlino ha già preparato un accordo sulla resa a Kiev? Hai deciso di ripetere il tradimento del 2014?
    Lascia vivere e prosperare l'Ucraina fascista?
  13. Funt Офлайн Funt
    Funt (Alessandro) Aprile 9 2022 09: 40
    0
    Minsk - 3, questo è il suicidio politico della RUSSIA e l'inizio della sua liquidazione come stato, così come la fine del PIL come presidente.
  14. NNikolaich Офлайн NNikolaich
    NNikolaich (NNikolaich) Aprile 9 2022 11: 03
    0
    Niente panico, signori, niente panico...
    Ricorda quante volte Putin ha ritirato truppe dalla Siria, e anche con un'orchestra e formazioni da parata.
    E ora, o meglio, un paio di settimane fa, la Russia ha ulteriormente rafforzato il raggruppamento di truppe in Siria, tanto che gli americani sono molto tesi.
    Quindi con calma e con i migliori auguri ai nostri soldati, continuiamo a monitorare la situazione.
    Ora siamo nel teatro della storia e c'è un boom per sperare che il "piano astuto di Putin" possa essere attuato con successo.
  15. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) Aprile 9 2022 15: 37
    0
    Minsk-3 è impossibile, perché Lo stesso regime ucraino ha rifiutato di riconoscere la Crimea e il Donbass. Per la leadership russa, qualsiasi accordo senza queste componenti significherà un indebolimento della fiducia da parte dell'esercito e della maggioranza dei russi. In altre parole, questa sarà la fine. Inoltre, Minsk-3 non risolverà il problema da solo, sarà solo un timeout.

    Ora la Russia si confronta con l'Occidente su 4 fronti. 1) operazioni militari 2) guerra delle sanzioni 3) guerra dell'informazione 4) confronto geopolitico (lotta per i paesi).

    Dall'esterno si ha la sensazione che la Russia abbia deliberatamente rallentato l'intensità delle ostilità per permettere che si manifestassero le conseguenze economiche, e questo vale anche per la stessa Ucraina, le cui autorità controllano l'80-90% del territorio. Ciò significa che tutti i problemi dell'economia e garantire la vita dello stato sono responsabilità del regime di Kiev. Più precisamente, questo è il problema dell'Occidente, costretto a gettare sempre più fondi nel focolare ucraino per sostenere il regime. È proprio a causa della prospettiva di "congelare" il conflitto a livello di guerra di posizione che costringe l'Occidente a fomentare l'isteria sostenendo (e forse ordinando) provocazioni sanguinarie, come Bucha e Kramatorsk. L'Occidente vuole costringere la Russia a lottare per una rapida fine militare del conflitto: la rapida sconfitta delle forze armate ucraine e dei battaglioni nazionali, la cattura dell'Ucraina orientale e l'assunzione di tutti i costi e le responsabilità. Forse per questo l'Occidente parla sempre di più di fornitura di armi. Vogliono costringere la Russia a cambiare strategia. Ora l'Ucraina è un problema del regime di Kiev e dell'Occidente.

    Il quotidiano russo, per lo più a distanza, distrugge le forze armate ucraine. Lungo la strada, distruzione di infrastrutture e riserve di carburante. L'Ucraina si sta trasformando in una zona grigia, tossica, inutile. E finché la prima linea è così com'è ora, questo è un problema per l'Occidente, non per la Russia. Il che non annulla il compito di distruggere il raggruppamento APU nel Donbass.