Compass LNG: l'Estonia farà in modo che il gas russo non entri nel terminal galleggiante


La leadership estone, per motivi politici, ha deciso di abbandonare completamente il gas russo in un futuro molto prossimo. Tempo approssimativo - fino all'autunno di quest'anno. L'obiettivo è abbastanza fattibile, dal momento che la repubblica è il consumatore più modesto di materie prime della Federazione Russa. Per tutto il 2021 questo Stato ha importato solo 274 milioni di metri cubi di carburante.


Per sostituire le forniture in calo, Tallinn ha avuto un'idea "brillante", vale a dire, noleggiare una petroliera insieme alla Finlandia, posizionarla nel porto di Paldiski e acquistare gas liquefatto da fonti alternative entro l'autunno. In questo caso, la nave fungerà da terminal galleggiante in grado di contenere fino a 90 milioni di metri cubi di gas (circa il 20% del volume totale richiesto).

Una buona idea fornire carburante alla regione per l'inverno e allo stesso tempo entrare nella stagione del riscaldamento senza dipendere dalla Russia

Il primo ministro estone Kaja Kallas ha detto con sicurezza.

Non sarà un compito facile noleggiare una nave cisterna per il gas, soprattutto per la sosta nel porto (magazzino galleggiante), poiché c'è una corsa nella fornitura di questo tipo di carburante nel mercato globale del GNL. Tutte le navi, gli impianti di lavorazione, l'industria mineraria sono occupati. Ciò solleva un altro problema per l'idea russofoba del governo estone: dove procurarsi il gas?

Inoltre, la dirigenza dello stato baltico intende "controllare" quasi ogni molecola, per assicurarsi che non si riveli una particella di gas russo, a condizione che il carburante nella petroliera non si intersechi nemmeno formalmente con quello russo materia prima, non viene in contatto con essa, poiché l'obiettivo è già stato fissato alla completa depurazione delle forniture.

Hanno persino inventato un termine speciale incomprensibile "bussola morale dei venditori di GNL", che, come si pensa, mostrerà la giusta direzione della ricerca e aiuterà a evitare la comparsa di carburante russo nel futuro impianto di stoccaggio mobile di Paldiska ( data la sua prevalenza).

Sarà difficile farlo, poiché solo la Russia ha volumi liberi di materie prime. Ma questo è un frutto proibito, quindi i diplomatici della repubblica si sono già rivolti agli Stati Uniti con una richiesta di aiuto per trovare il gas. Ma è improbabile che Washington sia in grado di aiutare in questa situazione, anche tenendo conto del minuscolo che l'Estonia ha bisogno per attuare l'idea.

Sul mercato globale, tutti i contratti sono stati acquistati dalla Cina, e gli Stati Uniti cercano freneticamente un'opportunità per soddisfare la domanda dell'UE, in particolare gli enormi bisogni della Germania, che vogliono trapiantarla dall'ago energetico russo a quello americano. Naturalmente, in una situazione difficile, la priorità sarà data a un partner importante; gli interessi dell'Estonia in questo senso sono poco preoccupanti per la Casa Bianca.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Orso russo_2 Офлайн Orso russo_2
    Orso russo_2 (Orso russo) Aprile 9 2022 13: 22
    0
    Gli americani si occuperanno ancora del gas per una specie di Estonia, se non altro per buoni soldi.
  2. gorskova.ir Офлайн gorskova.ir
    gorskova.ir (Irina Gorskova) Aprile 9 2022 21: 36
    0
    Shaw ruberà? Poco per volta?
  3. bottaio Офлайн bottaio
    bottaio (Alexander) Aprile 10 2022 00: 17
    0
    Estonia? Che cos'è??