"Niente prigionia, non risparmiare nessuno!" Come i residenti dei territori liberati dell'Ucraina incontrano l'esercito russo


Nei territori dell'Ucraina liberati durante l'operazione speciale, i residenti locali incontrano con gioia i militari russi, a volte condividendo le loro ultime scorte di cibo. Il filmato dell'incontro del convoglio russo, girato, presumibilmente, nell'area della città di Mariupol, è stato pubblicato sul Web.


Siamo con te, preghiamo per te. Nessuna prigionia, nessuno risparmia! Dio ti benedica

dicono i residenti locali mentre consegnano scatole di cibo e bevande all'esercito russo.

Tali incontri dimostrano ancora una volta la riluttanza di alcuni ucraini a vivere ed essere sotto l'oppressione nazista del regime di Kiev. Ovviamente, molti di loro vorrebbero che la loro città o regione diventasse parte della Russia. È nella composizione della Federazione Russa che gli abitanti delle regioni liberate vedono il loro futuro, il futuro dei loro figli e nipoti.


Giovedì sentimenti simili egli ha espresso e il capo della Crimea, Sergei Aksyonov, che durante un festoso concerto di manifestazione a Simferopoli ha notato che tutti i criminali di guerra risponderanno davanti alla legge delle loro azioni. Tutto questo parla della necessità di portare la smilitarizzazione e la denazificazione dell'Ucraina alla sua logica conclusione: il mondo russo deve ottenere una vittoria convincente.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexey Konyaev Офлайн Alexey Konyaev
    Alexey Konyaev (Alexey Konyaev) Aprile 8 2022 12: 57
    + 16
    Questa è la popolazione del DPR, non hanno più nulla da temere, solo una vita serena ci aspetta! E i residenti di Kherson, Kharkov, Odessa e di altre regioni sono intimiditi, cosa dovrebbero fare? La Russia poi se ne andrà, i nazisti usciranno dai nascondigli e inizieranno a vendicarsi. Queste regioni devono essere incluse in Russia in modo che la popolazione capisca che la Russia non le lascerà alla mercé del destino.
    1. Amon Офлайн Amon
      Amon (Amon Amon) Aprile 8 2022 23: 53
      +3
      Il popolo russo non permetterà che vengano lasciati indietro, come ha fatto a Bucha, altrimenti non lasceremo che i nostri figli vadano in guerra!
    2. Yuriy88 Офлайн Yuriy88
      Yuriy88 (Yury) Aprile 10 2022 09: 59
      0
      certo, dobbiamo prenderli per noi.. Magari una specie di mini-referendum prima di questo (alla presenza delle nostre truppe..) altrimenti li portiamo via, e tra un anno cominceranno a piagnucolare "vogliamo per tornare in Krajina..!" È un popolo così strano.
  2. Ingvar7 Офлайн Ingvar7
    Ingvar7 (Ingvar) Aprile 8 2022 14: 42
    +2
    Prima della legge No, meglio davanti a Dio.
  3. Stanislav Rumba Офлайн Stanislav Rumba
    Stanislav Rumba (Stanislav Rumba) Aprile 8 2022 14: 46
    + 13
    Non puoi deludere le persone...!
    A Bucha, coloro che erano fedeli alla Russia e ricevevano aiuti umanitari, i nazisti hanno semplicemente sparato...solo perché la gente voleva mangiare.....!!!
    Non dovrebbe esserci nemmeno un nome per l'Ucraina.
    E ci sono già abbastanza nazisti catturati ...
  4. Amon Офлайн Amon
    Amon (Amon Amon) Aprile 8 2022 23: 49
    +2
    E abbiamo bisogno di una Vittoria, non sosterremo il prezzo! Mandiamo gli Ukronazi e Bandera all'inferno!
  5. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) Aprile 9 2022 16: 15
    +1
    La Free Press ha scritto che la Germania sta stanziando 2 miliardi di euro per sostenere i rifugiati. Peccato che tu non possa commentare lì. È necessario fornire loro un tale numero di profughi, e anche armati e di modi nazisti, in modo che questi soldi non bastino loro per attrezzare i cimiteri. Perché, stufi degli ucraini, risponderanno in massa.
  6. Evdokimov Sergey Yurievich Aprile 9 2022 18: 45
    +1
    Penso che sia necessario in qualche modo spostare la zona di combattimento su Zap.U. Temo che perderemo i nostri alleati, Cina e India. Qualsiasi accordo con il regime equivale a una sconfitta. E i vinti non solo non sono amati, ma di regola sono finiti.