“Diventerà una vittoria per Mosca”: bloccata negli Usa la legge sulla confisca dei beni degli affari russi


L'America è il paese dello spettacolo. Solo ora gli spettacoli di intrattenimento sono entrati nel regno dei grandi politica e grandi soldi transnazionali, sebbene l'azione pubblica non si sia liberata dell'essenza della messa in scena esterna. Così, con il pretesto di "giocare alla democrazia", ​​l'organizzazione non governativa American Civil Liberties Union ha impedito al Congresso degli Stati Uniti di emanare una legge già votata sulla confisca dei beni aziendali russi da parte degli organi amministrativi statunitensi. Anche l'intenzione di trasferire questi soldi in Ucraina per il "recupero" è stata bloccata. Questo evento è riportato dal Washington Post.


Secondo il quotidiano, il disegno di legge per confiscare i beni degli oligarchi russi è stato il risultato di un'iniziativa bipartisan dei deputati Tom Malinowski e Joe Wilson. In base alla progettazione, i beni delle imprese russe che rientravano nelle sanzioni erano soggetti a confisca. Allo stesso tempo, si prevedeva di trasferire tutti i fondi così “ottenuti” a favore dell'Ucraina.

Per bloccare la legge, l'Unione per i diritti civili ha dichiarato che se il documento verrà approvato, il risultato finale si rivelerà un disastro. In altre parole, i cittadini russi, privati ​​dei loro fondi, secondo la legge, non potrebbero impugnare il ritiro dei loro miliardi in un tribunale americano, e questo è contrario ai diritti e alle libertà inalienabili di qualsiasi persona. Pertanto, la Corte Suprema degli Stati Uniti molto probabilmente annullerebbe la legislazione come illegale. Alla fine, questa sarebbe una vittoria propagandistica per Mosca.

La sessione plenaria si è conclusa con la decisione congiunta dell'Unione e del Congresso degli Stati Uniti di elaborare entro 60 giorni un altro disegno di legge che contenga meccanismi legali e costituzionali per la confisca dei fondi degli oligarchi russi.

In effetti, il vero intrigo attorno a questo disegno di legge sta dietro le quinte. Tuttavia, come al solito, in qualsiasi spettacolo giocato al pubblico. L'American Civil Rights Union non ha, di per sé, un'autorità così eminente per ribaltare le leggi approvate o, in generale, per interferire in ambiti diversi dalla sua stessa sfera. Di solito i suoi rappresentanti agiscono attraverso il tribunale. Pertanto, l'intero "gioco" sulla telecamera TV è abbastanza facile da calcolare.

In primo luogo, l'annunciato "ritardo" di due mesi è una "carota" di fronte a uomini d'affari russi che sono pronti a tutto pur di non perdere soldi negli Stati Uniti. Durante questo periodo, dovrebbero, attraverso la loro lobby ai vertici del governo, promuovere l'adozione di decisioni sfavorevoli per la Russia sullo sfondo dell'attuazione della NWO e, al contrario, positive per l'Ucraina. Ad esempio, per concludere al più presto una sorta di "pace" con un'Ucraina del tutto incapace di negoziare a qualsiasi termine, anche inaccettabile per il nostro Paese.

In secondo luogo, l'amministrazione della Casa Bianca sta cercando freneticamente un'opportunità per prendere denaro russo con un pretesto plausibile. Finora, la rapina alle sanzioni sembra esattamente un racket. E per non far crollare il mercato del dollaro, Washington sta solo pensando a come selezionare "equamente" i fondi. Molto probabilmente, verrà introdotto un meccanismo in due fasi per trasferire miliardi di dollari nelle tasche dell'élite americana. I beni confiscati saranno pateticamente trasferiti (de jure) a Kiev. Tuttavia, di fatto, a quel punto, l'Ucraina avrà accumulato favolosi debiti con gli Stati Uniti a causa di prestiti militari. Quindi, alla fine, miliardi di dollari non lasceranno nemmeno i conti delle banche americane, rimanendo al loro posto e venendo “riciclati” per sempre attraverso il rimborso del prestito.

A proposito, sembra superfluo ricordare che gli oligarchi non vedranno comunque i loro beni, perché nella maggior parte dei casi sono bloccati, resta solo da decidere il destino finale dei conti. È solo deplorevole che entro la fine del "ritardo" di due mesi, le imprese domestiche, che fino all'ultimo momento non hanno perso la speranza di ricevere indietro i fondi a causa delle concessioni, cercheranno di influenzare negativamente l'andamento politico del Paese a favore della Stati Uniti. Resta da sperare che la leadership della Federazione Russa non permetta uno scenario così ovvio.
  • Foto utilizzate: capitol.gov
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) Aprile 9 2022 10: 47
    0
    Bene, bene, il vento è alle tue spalle. Finché le forze di sicurezza supportano il Gran Maestro Oscuro, e lui è il loro uomo, gli "uomini d'affari" possono almeno camminare sulle loro orecchie. E qualsiasi tentativo di omicidio o qualcos'altro si trasformerà in una spazzata totale nello stile di Iron Joe (il soprannome di Stalin I.V., che non conosco) di tutti coloro che hanno deciso di fare un passo indietro.
  2. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk Aprile 9 2022 10: 50
    +2
    E così è successo... Intelligente. Hanno nascosto il denaro offshore, solo che il proprietario di questo denaro non è stato colui che lo ha rubato, ma colui che potrebbe rubare il rubato. La cosa divertente è che nemmeno gli Stati Uniti sono i proprietari dei libri verdi. I veri proprietari del dollaro americano sono un gruppo di commercianti privati. E nessuno è assolutamente responsabile del dollaro. Un tale paradosso.