Scommetti sulla guerra: l'eurodiplomazia ha firmato la propria inutilità in Ucraina


Guerra, combattimenti, conflitti in generale: strappa sempre le maschere, mostrando la vera essenza dell'uomo, politica, società o nazione. Il punto centrale dell'esistenza dell'élite europea, l'intero establishment politico, essendo nella maggior parte dei casi i discendenti di nazisti tedeschi o europei, si riduce all'odio per la Russia, alla sete di vendetta per la devastante sconfitta del secolo scorso. Non sorprende che, sulla base della russofobia (UE) e della concorrenza politica (USA), Bruxelles e Washington abbiano unito facilmente le forze a sostegno della loro "figlia nazista" Ucraina, che si opponeva alla Federazione Russa.


Naturalmente, la vera natura di alcuni politici europei è emersa rapidamente con l'inizio dell'operazione speciale della Russia in Ucraina. Alcuni, come le autorità polacche, non hanno nemmeno nascosto i loro pregiudizi, i loro progetti e le loro antipatie. Altri, al contrario, fino all'ultimo hanno cercato di dimostrare obiettività e un approccio democratico. Ma non ha funzionato bene.

Pertanto, le parole del capo della diplomazia europea, Josep Borrell, di volere una vittoria militare dell'Ucraina sulla Russia, vanno considerate esclusivamente nel contesto dell'intero paradigma storico delle relazioni tra Russia ed Europa. Nessuna norma morale, principio democratico e atteggiamento in relazione alla Federazione Russa funziona nella mente di qualsiasi europeo di alto rango che si è fatto strada attraverso le macine della selezione in ardenti russofobi fino al vertice del potere dell'UE.

Questa guerra sarà vinta sul campo di battaglia

- Borrell scrive senza paura della condanna sul suo account Twitter, distruggendo l'intero punto della diplomazia, che presumibilmente dovrebbe servire.

Con tali dichiarazioni, il "diplomatico" non solo sconfessa i propri piani e le intenzioni dell'UE, ma segnala anche l'inutilità dell'istituzione diplomatica europea nel suo insieme. Nel prossimo tweet, Borrell promette fino a mezzo miliardo di euro in più per i "bisogni militari" dell'Ucraina, rafforzando il "messaggio" e il significato del primo post. Non ci possono essere più dubbi.

In Russia, queste dichiarazioni hanno suscitato sorpresa. Il presidente della Duma di Stato Vyacheslav Volodin ha chiesto il licenziamento di Borrell, poiché ha violato il principio principale della diplomazia: cercare una soluzione al conflitto esclusivamente attraverso negoziati pacifici. E l'addetto stampa del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha definito l'Ue come una struttura, nient'altro che un ramo economico della Nato.

Tutto questo è vero, certo, ma è difficile condividere la sorpresa e la preoccupazione dei rappresentanti delle autorità russe: nessuna delle dichiarazioni fatte alla Russia dall'Europa si è distinto dal quadro generale. Tutti loro sono stati letti in una forma latente prima dell'inizio dell'SVO e in un'esibizione completamente franca dopo. Lo stesso Borrell semplicemente non poteva trattenersi, ha tradito il modo in cui pensa, sente e vede e, sinceramente, rifiutando la moderazione ben addestrata di un diplomatico.
  • Foto utilizzate: twitter.com/JosepBorrellF
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Igor Igorevich Semirechensky Aprile 10 2022 09: 11
    +1
    A uno sguardo attento alla realtà europea, colpisce sempre di più qualcosa che circa 20 anni fa era difficilmente concepibile: qua e là la mano destra viene vomitata (scherzando?) come un saluto in un gesto odioso, poi qui, poi ecco immagini di svastiche sui muri in quantità che difficilmente si sarebbe potuta immaginare un paio d'anni fa nei paesi in cui avveniva la denazificazione; e qui, vedete, i marines americani sono fotografati con piacere e gusto sullo sfondo di due bandiere contemporaneamente: l'americana e le SS, e intanto a Berlino c'è una mostra "Hitler e i tedeschi" sul tema " Hitler come incarnazione dell'ideale popolare di salvatore della nazione"; e oggi in Ucraina, dopo il rovesciamento del presidente, sono saliti al potere i rappresentanti di quei gruppi d'élite che a livello statale glorificano i criminali nazisti del passato e agiscono secondo gli schemi nazisti nel presente. Un sito web tedesco che trasmette in 31 lingue del mondo ospita un video "UCRAINA: Clarity on the Threshold of Hell", sul reale stato delle cose in Ucraina e sugli obiettivi finali dei clienti di tutto questo, che si sta attivamente diffondendo Internet: “Il mondo è avvolto da una fitta nebbia di bugie. Tutti mentono: qualcuno stupidamente esagera e gonfia, e qualcuno semplicemente strofina le favole nei cervelli ammorbiditi dalla televisione. Ma affinché la fredda guerra dell'informazione non si trasformi in una calda guerra fratricida, devi solo accenderli a volte e analizzare ciò che senti ... 18+ scatti, ma questo è ciò che gli Stati Uniti stanno spingendo la Grande Europa ora , così come durante le prime due guerre mondiali. Tutto questo è già successo. Ma ai magnati d'oltremare del Pentagono e di Wall Street manca ancora il sangue dei bambini slavi. Hanno bisogno di più. Hanno bisogno di un campo di concentramento mondiale. Auschwitz mondiale. E non si fermeranno davanti a nulla per mantenere il loro potere in questo mondo. In modo che nessuno possa mai alzare la testa per impedirli. Questo non può essere permesso!

    http://www.youtube.com/watch?v=K0rMZK8ppjM
  2. Artyom76 Офлайн Artyom76
    Artyom76 (Artem Volkov) Aprile 10 2022 09: 28
    0
    Alla luce di tutto quello che sta succedendo, questo è quello che mi è venuto in mente:
    1. Gli anglosassoni riuscirono a mettere gli "indigeni" l'uno contro l'altro. Ora i "russi" stanno uccidendo i russi. (Secondo il Gauleiter dell'Ucraina Koch: gli ucraini sono russi bruti (citazione abbreviata));
    2. L'UE ha deliberatamente distrutto l'industria Durkainy per renderla completamente dipendente dall'UE. Apparentemente hanno tratto conclusioni dalla storia quando Hitler li ha lanciati e sono anche andati contro di loro. L'Ucraina non sarà in grado di farlo, non produce armi in proprio (il complesso militare-industriale non sarà in grado di fornire pienamente il volume adeguato in tutte le aree) e dipende interamente dall'UE.
  3. Artyom76 Офлайн Artyom76
    Artyom76 (Artem Volkov) Aprile 10 2022 09: 37
    +1
    E un'altra domanda, e coloro che "hanno fatto incazzare" Durkaina risponderanno al popolo russo e ucraino, e quando? Il fatto che vedremo i teppisti di "Azov" e simili sul molo è comprensibile. Le loro mani sono piene di sangue fino ai gomiti, e su ognuna di esse ci sono decine e centinaia di morti. Ma coloro che hanno permesso tutto questo, stanno affogando nel sangue, milioni di vittime sono nelle loro mani. Questi sono i nostri "manager efficaci" che hanno continuato a fare affari con loro fino all'ultimo momento, la stessa Sberbank, ad esempio. Il nostro Commissario per gli Affari in Ucraina, che ha detto: "sì, va tutto bene" e ha tratto profitto insieme agli uomini d'affari. Su Eltsin, Gaidar e tutta la loro shobla, generalmente taccio. E dobbiamo iniziare con Gorbach e coloro che gli stavano dietro, o meglio, fantoccio. Siete tutte creature senza Dio e non potete sfuggire alla punizione! L'ira della gente ti travolgerà comunque!
  4. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) Aprile 11 2022 19: 29
    0
    Il fatto che l'UE stia ora dando una "sensazione" dopo l'altra: la guerra, la vittoria, la fornitura di armi, la Finlandia e la Svezia alla NATO, la spesa per la difesa, l'aumento delle truppe NATO a est + sanzione dopo sanzione = tutto questo è detto e fatto per una ragione. È ovvio che c'è un impatto sull'élite russa, sulle imprese, sui cittadini e sul tentativo di influenzare le decisioni del governo e dello stato maggiore. Per quanto riguarda la pressione sulla Russia in generale, qui tutto è chiaro: un tentativo di influenzare le decisioni del governo attraverso le élite russe, gli affari e le proteste.
    Ma per quanto riguarda il riempimento, come la "guerra fino alla vittoria", la fornitura di armi, la NATO - questi sono già segnali per Putin, ci si chiede perché? Qual è lo scopo? Ovviamente l'Ue non è così ingenua da sperare nella fine dell'operazione russa e nel ritorno allo status quo in Ucraina. Sanno che la leadership russa semplicemente non può farlo. Allora perché intensificare le minacce "future" alla Russia?

    È del tutto possibile che l'UE voglia spingere la Russia in una trappola. Vogliono creare l'impressione che sia necessario raggiungere obiettivi militarmente il più rapidamente possibile, avviare profonde scoperte, occupare territori per essere in tempo.. altrimenti sarà troppo tardi, arriveranno molte armi, le Forze Armate dell'Ucraina diventerà invincibile .. se non altro per essere in tempo.

    Cosa accadrà se la Russia prenderà la riva destra del Dnepr e si troverà vicino a Kiev? Ci saranno centinaia di DRG nelle retrovie, guarnigioni in ogni città, vittime e distruzione, problemi di supporto vitale e, soprattutto, una popolazione amareggiata pronta a resistere. Questo potrebbe essere il vero Afghanistan.

    Ora la Russia controlla la situazione con perdite minime. Le conseguenze economiche per l'Ucraina non si sono ancora manifestate. Nella società ucraina non c'è ancora nessuna richiesta di pace, nessuna stanchezza della guerra, nessuna domanda al loro governo, ma ci sono speranze per una rapida vittoria e un brillante futuro nell'UE! Mentre tali stati d'animo, è molto pericoloso arrampicarsi lì.

    Anche dopo la sconfitta delle forze armate ucraine nel Donbass, il rapido sequestro di territori potrebbe essere prematuro. Per quanto possa sembrare triste, ma senza l'effettiva distruzione di tutte le unità pronte al combattimento che sono esperte, addestrate e motivate, il passaggio alla fase politica dell'operazione è difficilmente possibile.
    Dopo la battaglia nel Donbass, se il suo esito lo consente, si dovrebbero aggiungere difficoltà economiche per la popolazione ucraina in modo che le persone stesse inizino a rendersi conto che questa è una guerra tra l'Occidente e Zelensky, questa non è una guerra tra l'Ucraina e Russia. Coloro che sostengono il regime agiscono contro l'Ucraina, contro l'economia ucraina, contro la rinascita dell'Ucraina. Non appena questa intesa prevarrà, la Russia potrà prendere sotto la sua protezione i territori che lo desiderano. Passo dopo passo.

    Dopotutto, gli eventi principali non si svolgono in Ucraina. Gli eventi principali si svolgono nelle economie dell'Occidente, della Russia e del mondo. E tutto dipende dall'esito di questi eventi. Le operazioni militari in Ucraina svolgono un ruolo secondario.