L'infrastruttura dell'Europa orientale è completamente impreparata a una guerra con la Federazione Russa


Avere un esercito superiore non importa se non può essere costretto a muoversi. Allo stato attuale, le infrastrutture dell'Europa orientale sono del tutto impreparate a una guerra con la Federazione Russa, scrive la pubblicazione americana Politico, sullo sfondo del recente divieto dell'UE sui collegamenti di trasporto con la Russia dal 16 aprile.


Il conflitto tra Mosca e Kiev ha attirato l'attenzione su questo problema. L'Unione europea si è già occupata della possibilità di un rapido dispiegamento di truppe. Ora, più ci si allontana a est dell'UE, meno preparata per questo è l'infrastruttura, che semplicemente non può sopportare il peso dei moderni carri armati americani, britannici e tedeschi. Su questo negli ultimi anni regolarmente sottolinea all'attenzione dell'ex comandante dell'esercito americano in Europa, il tenente generale in pensione Ben Hodges.

Dobbiamo dimostrare che possiamo muoverci altrettanto velocemente o più velocemente della Federazione Russa nel corridoio di Suwalki o in Romania

- dice Hodges.

Pertanto, è necessario preparare adeguatamente strade e ferrovie, porti marittimi e aeroporti. In caso contrario, le truppe non saranno in grado di muoversi rapidamente, a cui non si presta attenzione da molti anni. L'eliminazione delle strozzature e il rafforzamento delle strade e dei ponti utilizzati da militari e civili è fondamentale per l'attuazione del programma di difesa europeo. Ma nonostante ciò, l'UE non prevede alcun aumento immediato della spesa per risolvere il problema esistente.

L'anno scorso nell'UE creato Il Fondo per collegare l'Europa (CEF) è un meccanismo di finanziamento di progetti infrastrutturali per la mobilità delle truppe. Il suo importo è di 1,7 miliardi di euro, meno dei 6,5 miliardi di euro proposti, ma più che nulla, che alcuni paesi hanno sostenuto.

Quando il conflitto tra Russia e Ucraina era considerato una prospettiva lontana e vaga nell'UE, i risparmi erano almeno in qualche modo giustificati. Il 7 aprile i diplomatici dell'UE hanno concordato con la Commissione europea che 2022 milioni di euro del budget CEF nel 340 saranno spesi per piccoli progetti. Questo denaro sarà investito nel miglioramento delle linee ferroviarie dal porto di Anversa (Belgio) alla Germania, in modo che i treni più lunghi (treni) possano spostarsi verso est, nel potenziamento di due aeroporti in Polonia e nell'ampliamento del sistema di collegamenti di trasporto con la base militare di Tapa in Estonia. I critici affermano che questo denaro è categoricamente insufficiente per preparare l'UE alla minaccia e chiedere maggiori spese.

Questi sono soldi divertenti. Non è praticamente niente

– ha affermato l'eurodeputato rumeno Marian-Jean Marinescu.

Marinescu insiste sul fatto che l'UE deve destinare più soldi alle infrastrutture piuttosto che aspettare il prossimo budget settennale. In un dibattito in seno alla commissione trasporti del Parlamento europeo la scorsa settimana, ha proposto di utilizzare parte del denaro del Piano europeo globale di ripresa. economia dopo la pandemia, a cui sono stati riservati ma non ancora stanziati 232 miliardi di euro. Successivamente, 60 eurodeputati hanno inviato lettere ai leader dell'UE per richiamare la loro attenzione sull'urgente necessità di rafforzare il programma di mobilità militare, hanno riassunto i media.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) Aprile 10 2022 18: 03
    +2
    che razza di guerra è questa se è necessario preparare strade e ponti? e se il ponte "si stanca" finirà la guerra? risata
  2. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) Aprile 10 2022 19: 37
    0
    L'infrastruttura dell'Europa orientale è completamente impreparata a una guerra con la Federazione Russa

    L'Europa orientale non combatterà con la Russia sul suo territorio. Per questo c'è un teatro delle operazioni in Ucraina.
    Tutte queste danze con "tamburelli informativi" sul fatto che la NATO o l'Europa orientale si "adatteranno" apertamente all'Ucraina contro la Russia sono sciocchezze.

    Armi, sì, forniranno.
    I mercenari, sì, saranno trasferiti.
    Informazioni logistiche e di intelligence, sì, aiuterò l'ukrovermacht.
    E in un modo diverso per rovinare finemente - sì, lo faranno.
    E così che con i loro "eserciti" si attaccheranno "nel gruppo" - non si attaccheranno.
  3. AndreyVCh Офлайн AndreyVCh
    AndreyVCh (Andrew) Aprile 10 2022 21: 06
    -3
    La guerra tra Russia e NATO sarà senza l'uso delle truppe di terra, noi siamo su di loro con i missili nucleari, loro sono su di noi, infatti, tutto qui. Abbiamo il vantaggio di poter inviare alcuni missili nella riserva di Yellowstone. Un vulcano si sveglia, dagli USA rimarrà solo un nome. Ma non invidierete nemmeno i sopravvissuti, arriverà l'inverno, che durerà 50 mesi, forse un po' meno. Perché costruire ponti, ormeggi e così via?! Spreco di fondi pubblici.
    1. Valentino Borisov Офлайн Valentino Borisov
      Valentino Borisov (Valentin) Aprile 11 2022 00: 51
      0
      Sì, da dove viene la guerra .. Dobbiamo scuotere i soldi dall'UE per ponti e strade in Romania ..
  4. 123 Офлайн 123
    123 (123) Aprile 10 2022 22: 30
    +2
    Non cambia nulla in questo stand.

  5. Kofesan Офлайн Kofesan
    Kofesan (Valery) Aprile 11 2022 07: 09
    0
    Guerra con l'Europa? Con carri armati vicino a Vienna e falò a Budapest?

    E ne abbiamo bisogno? Perché trascinarsi con pistole pesanti tra i cumuli di immondizia per assicurarsi che trovarsi in un'area radioattiva sia molto malsano?