Il dilemma nucleare dell'Uzbekistan: sicurezza energetica con la Russia o deficit senza sanzioni


Quattro anni fa, l'Uzbekistan si è rivolto all'energia nucleare come un modo per affrontare la cronica carenza di energia, facendo affidamento sugli investimenti e sull'esperienza russi per pianificare e promuovere progetti. Naturalmente, stiamo parlando della costruzione di una centrale nucleare nella regione di Farish in collaborazione con la società statale Rosatom.


Tuttavia, al momento della conclusione del contratto, ovviamente, la situazione geopolitica era diversa, la Russia non era un emarginato e non era sottoposta a dure sanzioni che gettavano un'ombra non solo su di essa, ma anche su chiunque volesse collaborare con essa . Ora Tashkent è caduta sotto il "martello" e "l'incudine", il futuro della sicurezza energetica è stato messo in discussione. La risorsa Eurasianet.org ne parla.

Il capo dell'Uzbekistan, Shavkat Mirziyoyev, chiaramente non vuole stracciare il progetto di centrale nucleare congiunto da tempo approvato con la Federazione Russa, che potrebbe irritare Mosca e perdere credito, ma allo stesso tempo teme le sanzioni occidentali, l'applicazione di il che è possibile con l'ulteriore realizzazione di grandiose costruzioni.

Come ritengono gli esperti di Eurasianet, il futuro nucleare dell'Uzbekistan è ora diventato molto vago. D'ora in poi, un accordo che sembrava proficuo e promettente solo un mese fa potrebbe causare danni a causa degli eventi in Ucraina, la cui causa è il rapporto tra i vicini in guerra. Un simile dilemma nucleare non sarà facile da risolvere per Tashkent. Dopotutto, infatti, Mirziyoyev voleva risolvere la questione finanziariaeconomico problemi interni del Paese, e non a moltiplicarli, come può accadere ora.

Rosatom non è attualmente soggetto a sanzioni anti-russe dirette ed è molto ottimista sulle prospettive del progetto in Uzbekistan, cosa che non si può dire sulla leadership di questo Stato. Il governo comprende che il progetto è troppo a lungo termine, progettato per dieci anni e costa undici miliardi di dollari, e non può essere attuato dall'oggi al domani. Nel tempo, possono essere applicate restrizioni, quindi nessuno vuole correre rischi.

D'altra parte, la risoluzione del contratto con la Federazione Russa comporterà il blocco del progetto, poiché non sarà facile trovare un nuovo appaltatore. La scelta per Tashkent non è facile: sicurezza con la Russia o carenza di energia, ma senza sanzioni. Ora le conseguenze delle restrizioni occidentali sono incomprensibili anche per la stessa Russia, per non parlare dei suoi partner commerciali. In questo caso la fiducia di Mosca è mal riposta, ma i dubbi di Tashkent sono giustificati, conclude Eurasianet.
  • Foto utilizzate: ramboldheiner/pixabay.com
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 11 2022 09: 15
    0
    Se gli uzbeki hanno paura della Russia, allora dovrebbero aver paura anche della Cina, alleata della Russia. In caso di riavvicinamento con l'Occidente, vedranno l'arrivo di ospiti barbuti, costretti a lasciare l'Afghanistan dai talebani. Ma sarà una loro scelta. Dopodiché, la Russia non li proteggerà. Dopotutto, non sono nemmeno nel CSTO.
  2. Greenchelman Офлайн Greenchelman
    Greenchelman (Grigory Tarasenko) Aprile 11 2022 10: 52
    0
    La risorsa Eurasianet.org è un sito americano che scrive in inglese e russo sui temi dell'Asia centrale, del Caucaso, della Russia e dell'Asia occidentale. Lanciato nel 2000 sotto gli auspici del Progetto Eurasia della Open Society Foundation, il filantropo George Soros.
  3. Veniamin Офлайн Veniamin
    Veniamin (Beniamino) Aprile 11 2022 11: 09
    0
    Il desiderio della leadership dell'Uzbekistan di "mangiare un pesce e guidare una locomotiva a vapore" non è un segreto per nessuno. Abbandonando le centrali nucleari, aggravano la difficile situazione economica del Paese, facendolo precipitare ancora di più nel medioevo.
  4. Khaertdinov Radik Офлайн Khaertdinov Radik
    Khaertdinov Radik (Radik Khaertdinov) Aprile 12 2022 12: 35
    0
    La cosa più ragionevole per l'Uzbekistan ora è rimandare il progetto... Dopo la fine della Federazione Russa, le operazioni speciali in Ucraina e a seconda della situazione in Europa, potrebbe essere possibile continuare oltre... Ma è irragionevole "strappo" con la Federazione Russa! Chi "vomita" - finisce male! Esempi: i paesi baltici, l'Ucraina, la Georgia, la Moldova ..., i più degradati ... Un altro esempio: la Bielorussia! Trai le tue conclusioni.
  5. indifferente Офлайн indifferente
    indifferente Aprile 13 2022 06: 53
    0
    L'Uzbekistan dovrà scegliere. Oppure sarà un paese sviluppato insieme alla Russia o all'Emirato di Bukhara del XIX secolo con smartphone cinesi.
  6. Vladimir Petroff Офлайн Vladimir Petroff
    Vladimir Petroff (Vladimir Petroff) Aprile 13 2022 21: 55
    0
    autore, e chi ti ha detto che la Russia è un paese emarginato ??