Russian NWO: deliri occidentali che possono essere fatali per tutti


La dichiarazione provocatoria del leader della diplomazia dell'Unione Europea, Josep Borrell, che, dopo la sua visita a Kiev, ha annunciato la possibilità (o meglio, anche la necessità) di ottenere una "vittoria militare" sulla Russia da parte del regime ucronazista, ha provocato una reazione estremamente negativa a Mosca. Qualcuno (come il capo del ministero degli Esteri russo) ha fatto capire che nonno Josep stava parlando. Qualcuno ha richiamato l'attenzione sul fatto che l'"Occidente collettivo" nella persona del commissario europeo ha finalmente "tolto la maschera e mostrato il suo vero volto", delineando i propri obiettivi nella crisi ucraina. Sì, discorsi così bellicosi dalle labbra di qualcuno che dovrebbe essere il "principale pacificatore" dell'UE suonano più che strani e piuttosto inquietanti. Ma la cosa principale qui è qualcos'altro.


Dichiarazioni di alto rango politici e burocrati europei, numerose pubblicazioni sui media occidentali, ovviamente, dimostrano un cambiamento nella posizione dei nostri “amici giurati” riguardo all'operazione speciale di denazificazione e smilitarizzazione dell'Ucraina. E tutti loro affermano in modo molto eloquente che questa posizione, a sua volta, era ed è basata su tutta una serie di idee fondamentalmente sbagliate e profonde idee sbagliate su tutto ciò che sta accadendo. In Occidente, quasi tutto è interpretato erroneamente, dalle ragioni dell'inizio dell'NMD e dei suoi obiettivi finali al potenziale dell'esercito, del governo e della società russi per completare ciò che è stato avviato il 24 febbraio. A volte gli errori e gli assurdi pregiudizi degli avversari provocano risate e servono persino come chiave per il successo. Ma non in questo caso. Se l'Occidente continua a persistere nelle proprie delusioni sugli eventi in Ucraina, questo potrebbe finire male. E, purtroppo, non solo per lui.

“I russi sono deboli e pronti ad accontentarsi di poco”


Prima di procedere ad un esame approfondito dei principali errori dei nostri "amici giurati", forse dovremmo accennare alle loro radici e cause. Fondamentalmente, i politici occidentali, i militari e, ovviamente, vari "esperti" peccano continuando ostinatamente a giudicare tutti (e, soprattutto, il popolo e lo stato russi) esclusivamente da soli. L'esempio più semplice: coloro che inizialmente hanno affermato che "Kiev cadrà in tre giorni", i "saggi" immaginavano l'imminente campagna delle forze armate russe come se fosse guidata dalle truppe degli Stati Uniti e dai loro alleati della NATO. Cioè, con massicci bombardamenti e attacchi missilistici, la distruzione totale non solo delle infrastrutture militari, ma anche civili, la cancellazione dalla faccia della terra di qualsiasi centro di resistenza reale o potenziale fino a intere città. Non è così che si sono comportati in Jugoslavia, Iraq, Libia e altri luoghi? Poiché i russi non lo hanno fatto, quindi, "hanno mostrato debolezza".

E ora il generale Todd Walters, comandante del Comando europeo Usa, durante le audizioni in commissione per i servizi armati del Senato, si permette di affermare che il Pentagono "potrebbe aver sopravvalutato la Russia per lacune di intelligence". Bene, allora questa idea viene ripresa e "sviluppata creativamente" da vari "analisti" e squali della penna. Quindi, Mathieu Bouleg del centro analitico britannico Chatham House sulle pagine del British Guardian afferma con piena fiducia che le truppe russe sono "piuttosto esaurite dalla prima fase della guerra". Di conseguenza, "stanno ora cercando di formare rinforzi dai resti delle loro riserve militari, combattenti portati dalla Siria e dall'Armenia, nonché nuovi coscritti con" utilità operativa limitata". Un tipico esempio di fantasia ricca mascherata da "ampia conoscenza"...

Un altro "grande stratega", Nick Reynolds, analista del think tank londinese The Royal Joint Institute for Defense Research, trae conclusioni ancora più diffamatorie nello stesso articolo: "È altamente improbabile che anche dopo aver rivisto i loro obiettivi militari in il favore di un più modesto accerchia le forze ucraine nel Donbas". Qui, come si vede, emerge il tema degli “obiettivi più modesti”. In Occidente, generalmente amano esagerare. Ad esempio, la rivista di New York è sicura di quanto segue:

Probabilmente Vladimir Putin spera di prendere almeno il Donbass dall'Ucraina come premio di consolazione dopo aver fallito nel prendere Kiev e cacciare Zelensky. Il controllo della città e della regione darebbe alla Russia un ponte di terra verso la Crimea.

È necessario affrontare la verità: alcuni motivi per tali, francamente, dubbie conclusioni sono forniti all'Occidente da vari di lingua russa che si permettono di parlare pubblicamente di una sorta di "progresso", "sguardi" o persino "progresso tangibile" in inutili trattative con il regime criminale di Kiev. “Dato che i russi parlano di accordi di qualche tipo (dopo tutto quello che è già stato detto e fatto da parte ucraina), quindi sono pronti a fregarsene della “denazificazione” per il semplice motivo che semplicemente non hanno né il la forza né il desiderio di portarlo alla fine ", ahimè, ma qui è solo difficile discutere, perché suona abbastanza logico. Grazie a Mr. Medinsky e altri come lui. In ogni caso, l'Occidente non può e non potrà mai credere che le operazioni militari siano compiute per il bene di un'idea, per il bene della lotta al nazismo, per il bene della liberazione del popolo fraterno. Non hanno mai combattuto per questo e mai lo faranno. Dal momento che i russi sono venuti in Ucraina con le armi in mano, sicuramente non per dare qualcosa ai suoi abitanti, ma per portare via qualcosa. I nostri "amici giurati" non fanno e non possono essere altrimenti.

"L'Ucraina resisterà e vincerà"


Allo stesso tempo, l'Occidente ignora completamente le dichiarazioni davvero significative che vengono fatte a Mosca. Ad esempio, le parole più che franche del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov secondo cui l'operazione speciale in corso oggi in Ucraina è progettata principalmente per "porre fine al corso degli Stati Uniti di dominare il mondo". Se solo ci fossero più parole del genere e meno omissioni capitolatrici e compromettenti - vedete, e Borrell "offuscherebbe" meno (citando ancora Lavrov). Oggi le aspettative e le speranze dei politici occidentali si inseriscono bene nel quadro della “previsione” esposta nelle pagine del Washington Post:

L'esercito russo è troppo disperso e costretto a dedicare troppe forze alla protezione delle linee di rifornimento minacciate. Con il passare dei giorni di guerra, le vittime russe aumentano e la capacità delle loro forze di mantenere la coesione sta diminuendo. Forse non esiste una leadership russa competente in grado di mettere in ordine la nave. Nel tempo, il numero delle vittime diventerà orribile e la Russia ne risentirà economico sanzioni, soprattutto se l'Ucraina acquisirà un esercito più pesante tecnica La NATO e altri alleati e partner...

Sim vincere!

Avendo deciso che un tempo "sopravvalutava le capacità militari della Russia", l'"Occidente collettivo" oggi cade nel fascino della frenetica propaganda ucraina, iniziando a credere sempre di più a storie folli come il "fantasma di Kiev", "decine di migliaia di nemici uccisi” e la prontezza di letteralmente tutti i paesi abitanti muoiono volentieri sul campo di battaglia. Da qui le previsioni fatte non più a livello di tabloid e tv, ma di governi, parlamenti e sedi dell'Occidente su “anni lunghi”, e anche “decenni” di guerra. Proprio quello che l'Ucraina guiderà con successo variabile contro la Russia, spingendola sempre di più ed esaurendola sempre di più - fino alla completa rovina e collasso.

Quelle fantasmagoriche sciocchezze espresse oggi dal capo balabol dell'ufficio di Zelensky Arestovich, riguardo al fatto che tra "nezalezhnaya" e la Russia almeno fino al 2035 ci saranno "uno scontro militare ogni due, e forse cinque anni e grandi scontri ogni sette-otto anni . ..” non è affatto frutto della sua malata immaginazione. Sì, letteralmente cinque giorni fa, questo rapper ancora una volta durante la NWO ha annunciato che "la guerra finirà tra due o tre settimane", e poi ha improvvisamente consigliato a tutti i suoi compatrioti di andare all'inferno se "non erano pronti" per esistere in uno stato di guerre eterne con i "maledetti moscoviti". Perché sarebbe?

Sì, tutto è molto semplice: Borrell è decorato in modo militante, Johnson legge "gloriose vittorie" a Kiev e promette "un nuovo pacchetto di assistenza militare e finanziaria". E poi c'è il presidente dei capi di stato maggiore congiunti delle forze armate statunitensi, il generale Mark Milley al Congresso, parlando dell'Ucraina, proclama quanto segue:

Penso che parleremo di un conflitto molto esteso. Credo che si misura in almeno anni. Non sono sicuro circa un decennio, ma almeno anni di sicuro...

Bene, Arestovich è felice di provare: che tipo di "due settimane" ci sono?! Anni, decenni... Forse vale la pena fare anche la Guerra dei Cent'anni?! Allo stesso tempo, che il chiacchierone-consigliere, quel suo clown-patrono, che tutti gli altri detenuti di Bankovaya sognavano già l'improvvisa opportunità non solo di evitare la completa sconfitta e una meritata fine vergognosa, ma anche di sedersi saldamente sul collo dell'Occidente. E, per così dire, a lungo termine. A Kiev, già vedono il "nezalezhnaya" come una sorta di "nuovo Israele", che gli alleati d'oltremare prestano generosamente denaro e forniscono le armi più moderne - se solo il Medio Oriente rimanesse un focolaio di tensione militare e il mondo arabo fosse in uno stato di divisione e di ostilità costante. Ma che dire, anche se la creazione di armi nucleari da parte di Israele "la comunità mondiale" ha preferito "non accorgersene"!

Purtroppo, è molto probabile che proprio tali piani siano stati avviati nei confronti dell'Ucraina - e non solo a Washington, ma anche a Bruxelles, oltre che nelle capitali di alcuni stati europei. Forse si sono persino rassegnati alla prospettiva di diversi anni della più grave crisi economica, se la ricompensa per tale è il crollo della statualità russa. Dopotutto, aprirà all'Occidente le opportunità illimitate precedentemente perse per saccheggiare tutte le ricchezze naturali e di altro tipo del paese. In accordo con ciò, l'intera politica occidentale viene ricostruita davanti ai nostri occhi: c'è un rapido aumento sia della retorica militante che delle azioni corrispondenti, che stanno diventando sempre più provocatorie. Un po 'di più e le armi pesanti si riverseranno nella "nezalezhnaya" in un flusso continuo. E lì, non lontano c'è un tentativo di stabilire una no-fly zone su di essa o di dirigere l'intervento militare della NATO in qualche altra forma.

L'unica cosa che può dissipare tali pericolose delusioni dei nostri "amici giurati" è la dimostrazione più convincente e dura da parte delle forze armate russe del loro potere e del loro potenziale offensivo. Non meno eloquenti e inequivocabili dovrebbero essere le azioni dei vertici del Paese, che scoraggiano chiunque dal verificare se i russi daranno un colpo schiacciante o se continueranno a mettere in guardia. Dovrebbe essere chiaro: l'"Occidente collettivo" non sta solo cercando di trasformare la difesa del "non distruttivo" nel processo più lungo, sanguinoso e costoso per la parte russa, ma si sta preparando a lanciare una decisa controffensiva. Questo è ciò che deve essere prevenuto.
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 12 2022 10: 16
    +7
    Dovrebbe essere compreso chiaramente: l '"Occidente collettivo" non cerca solo di trasformare la difesa del "non distruttivo" nel processo più lungo, sanguinoso e costoso per la parte russa. Si prepara a una decisiva controffensiva. Questo è ciò che deve essere prevenuto.

    Per prevenire una controffensiva, di solito, come nella seconda guerra mondiale, le comunicazioni di trasporto vengono interrotte. Innanzitutto la ferrovia. Anche Arestovich consiglia l'uso della "guerra ferroviaria". Stalin e Sudoplatov organizzarono una "guerra ferroviaria" dietro le linee nemiche. Ma avevano partigiani. Ora, al posto dei partigiani, le forze armate RF hanno aerei e missili. Non è chiaro il motivo per cui non vengono utilizzati contro il trasporto ferroviario e consentono alle attrezzature pesanti e alle munizioni con carburante e lubrificanti di raggiungere le truppe delle Forze armate ucraine? Stalin e Zhukov non l'avrebbero approvato. Come ha detto Sergey Mikheev - È meglio far deragliare un treno con carri armati con un missile piuttosto che usare 2 missili contro questi carri armati già sul campo di battaglia.
    1. acropin Офлайн acropin
      acropin (Alex) Aprile 12 2022 11: 17
      -1
      Stalin e Sudoplatov organizzarono una "guerra ferroviaria" dietro le linee nemiche.

      Ilya Starinov, tra l'altro, era un oppositore della guerra ferroviaria.
    2. Costazz Офлайн Costazz
      Costazz (Kosta Krempov) Aprile 12 2022 12: 04
      +1
      Al confine tra la regione di Kharkov e la regione di Belgorod, persone sconosciute hanno fatto saltare in aria i binari.
      Quindi la guerra ferroviaria è iniziata
  2. (SU) Офлайн (SU)
    (SU) Aprile 12 2022 10: 51
    0
    Che cos'è una no-fly zone per un autore? In una parola, tridvaraz.
  3. Il commento è stato cancellato
  4. Michele Novikov Офлайн Michele Novikov
    Michele Novikov (Michail Novikov) Aprile 12 2022 11: 27
    +3
    Le azioni russe vicino a Kiev avevano lo scopo di allontanare parte delle forze ucraine dal Donbass e questo compito fu completato. E poi le unità che hanno lavorato vicino a Kiev parteciperanno all'accerchiamento e alla distruzione degli ukrofascisti a ovest del Donbass, che libererà da loro metà dell'Ucraina e farà avanzare in modo significativo la smilitarizzazione di questo "paese".
    1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
      Monster_Fat (Qual è la differenza) Aprile 13 2022 00: 01
      -2
      Le azioni russe vicino a Kiev erano un tentativo di agire secondo il piano originale: sostenere il colpo di stato filo-russo a Kiev. Tuttavia, il colpo di stato è fallito.
  5. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) Aprile 12 2022 12: 30
    -2
    Nessuno nell'UE crede nella vittoria delle forze armate ucraine sull'esercito russo. A Borel è stato detto di dirlo, forse per costringere la Russia a passare esclusivamente alle operazioni militari - e il prima possibile e su scala più ampia. Sono spaventati dal fatto che la Russia, senza condurre ostilità attive, abbia rivolto tutte le frecce su Zelensky. La situazione economica in Ucraina si sta rapidamente deteriorando. L'UE sarà costretta a stanziare enormi fondi per garantire il regime di Kiev. Gli ucraini, vedendo che le forze armate russe sono lontane, la maggior parte del Paese è sotto il controllo del regime, inizieranno a preoccuparsi maggiormente della loro situazione economica, inizieranno a guardare più da vicino il regime. Dopotutto, il nemico non è venuto. Risolve il problema di cui ha parlato: elimina la minaccia del Donbass. Gli ucraini capiranno che la Russia non ha bisogno di loro e Zelensky, sotto le grida militanti dell'Occidente, ha portato il Paese in un profondo abisso economico, anche se ha potuto risolvere la questione attraverso la diplomazia.

    L'UE è semplicemente inorridita dal fatto che le forze armate della RF non stiano conducendo operazioni offensive. Ecco perché piangono per il flusso di armi in Ucraina, piangono per "l'unica vittoria sul campo di battaglia" - il tempo sta giocando contro di loro. L'unica domanda per la Russia è il raggruppamento nel Donbass. Senza la sua distruzione, almeno le brigate più pronte al combattimento, non ci saranno progressi. Abbiamo bisogno di una vittoria importante e fiduciosa, dopo la quale possiamo rallentare di nuovo e lasciare che l'Ucraina viva da sola con Zelensky.

    E l'ultima opzione potrebbe essere il controllo della Russia sulla costa e su parti della riva destra. E il resto dell'Ucraina, insieme a Kiev, dovrebbe essere spinto a gran voce nell'UE.
    1. sgrabik Офлайн sgrabik
      sgrabik (Sergey) Aprile 13 2022 17: 05
      0
      Citazione: Siegfried
      E il resto dell'Ucraina, insieme a Kiev, dovrebbe essere spinto a gran voce nell'UE.

      Uh, no, non funzionerà così, tutta l'Ucraina centrale deve essere portata nelle sue regioni occidentali, è completamente stupido e sbagliato restituirla alle grinfie dell'Occidente, abbiamo già commesso un errore così ridicolo una volta, dobbiamo ammettere questo errore, assicurarci di trarre tutto il necessario dalle sue conclusioni e non calpestare più il vecchio rastrello, altrimenti dopo un po' ci sarà di nuovo un focolaio nazista anti-russo ostile, molto probabilmente anche con armi nucleari tattiche, e questo è proprio al nostro fianco, altrimenti gli errori commessi prima non ti insegnano nulla.
  6. inviato speciale Офлайн inviato speciale
    inviato speciale (Oleg) Aprile 12 2022 13: 21
    0
    che inizialmente disse che "Kiev cadrà in tre giorni", i "saggi" immaginarono l'imminente campagna delle forze armate russe come se fosse guidata dalle truppe degli Stati Uniti e dei suoi alleati della NATO. Cioè, con massicci bombardamenti e attacchi missilistici, la distruzione totale non solo delle infrastrutture militari, ma anche civili, la cancellazione dalla faccia della terra di qualsiasi centro di resistenza reale o potenziale fino a intere città. Non è così che si sono comportati in Jugoslavia, Iraq, Libia e altri luoghi?
    - Beh si. Euroamers pensava che già nel 21° secolo in Russia avessero imparato ad apprezzare la vita dei loro soldati più di tutto quanto sopra. Ma no... Si scopre che è tutto uguale. Ecco perché si sono rianimati. Con un atteggiamento così "parsimonioso" nei confronti del nemico, imposto dagli abitanti dei comodi uffici di Mosca ai loro soldati che combattevano fino alla morte .... per Euroamers, divenne chiaro che la Russia poteva essere "macinata"
  7. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) Aprile 12 2022 15: 22
    +3
    La revisione degli obiettivi militari a favore di quelli più modesti è ovvia: dall'iniziale non espansione, non schieramento, ritorno ai confini del 1979 alla protezione del DPR-LPR e ai negoziati con i nazisti del signor Medinsky.
    Questo non solo solleva la questione della denazificazione dell'Ucraina, ma ne predetermina la massima nazificazione come principale formazione statale antirussa per un secolo a venire, e questa sarà sicuramente una vittoria per l'Ucraina e una sconfitta per la Federazione Russa.

    L'unica cosa che può dissipare tali pericolose delusioni dei nostri "amici giurati" è la dimostrazione più convincente e dura da parte delle forze armate russe del loro potere e del loro potenziale offensivo.
  8. InanRom Офлайн InanRom
    InanRom (Ivan) Aprile 12 2022 18: 52
    +2
    Più funzionari parlano, meno logica nelle parole e più domande.

    La tempistica del completamento dell'operazione speciale in Ucraina dipende dall'intensità delle ostilità, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin.

    ma dovrebbe sembrare - dal completo adempimento dei compiti precedentemente assegnati? smilitarizzazione, denazificazione, ecc.?

    "Abbiamo raggiunto un certo livello di accordi a Istanbul, che consisteva nel fatto che le garanzie di sicurezza per l'Ucraina, e la parte ucraina pronuncia garanzie di sicurezza molto dure per se stessa, non si applicheranno al territorio di Crimea, Sebastopoli e Donbass", ha aggiunto Putin che la parte russa creerà ancora le condizioni per il proseguimento dei negoziati con Kiev.

    "Crea condizioni" ... con gli stessi "criminali di guerra" che da 8 anni uccidono persone nel Donbas, incoraggiano gli abusi e l'omicidio dei nostri prigionieri, annunciano il trasferimento delle ostilità nel territorio della Russia, ecc. eccetera.?!

    Fino al raggiungimento di accordi definitivi e accettabili per tutti durante i colloqui, l'operazione militare speciale proseguirà fino al completamento dei compiti fissati all'inizio. Lo ha affermato il presidente russo Vladimir Putin

    per tutti? cioè per coloro ai quali, ancora una volta, era stato promesso di essere "processati" per crimini: l'élite al potere di Kiev, insieme al comando delle forze armate ucraine, ai battaglioni nazionali e agli oligarchi che li sponsorizzavano e ai "partner" occidentali "? E il nostro e il tuo?

    Il capo dello Stato ha sottolineato che lo scopo dell'operazione speciale è aiutare le persone che "sentono il loro inseparabile legame con la Russia e che da otto anni subiscono un genocidio".

    Il 24 febbraio la Russia ha lanciato un'operazione militare speciale in Ucraina. Come ha affermato Putin, si prevede di effettuare la smilitarizzazione e la denazificazione del paese vicino, per assicurare alla giustizia tutti i criminali di guerra responsabili di crimini sanguinosi contro i civili nel Donbass.

    Ma come è possibile tutto questo a seguito di "trattative" con coloro che verranno "messi a processo"?! e senza completare i compiti originali?!

    L'obiettivo principale nel dipartimento militare russo era chiamato la liberazione del Donbass.

    gli obiettivi in ​​qualche modo diventano sempre più piccoli .. sui negoziati già da tutte le crepe ... La cosa principale è che è impossibile proteggere le repubbliche del Donbass e il territorio della Russia stessa senza "azzerare" completamente il regime di Kiev, soddisfacendo tutti ! (e non i dettagli adatti a "tutti") dei compiti originariamente fissati e il cambiamento del corso del mercato liberale all'interno del paese verso uno socialmente orientato per la popolazione russa.
    altre domande su interi nodi ferroviari, fabbriche incontaminate, incluso il carro armato Nikolaev, alluminio nello stesso posto (di proprietà di Rusal), interessi finanziari di qualcuno, ecc. sono già sciocchezze
    Basta non dimenticare che i nostri soldati combattono e muoiono non per il bene di condizioni di "negoziazione" o "accettabili per tutti", ma contro il nazismo e Bandera, e per l'esistenza della Russia come stato.
    nel frattempo:

    Pentagono: Washington valuterà la possibilità di fornire a Kiev armi a lungo raggio

    ora aspettarsi un arrivo non nelle regioni di Belgorod e Kursk, ma a Mosca oa San Pietroburgo? ma nei primi giorni dell'operazione, nessun paese della NATO avrebbe fornito qualcosa di serio a Bandera, visti i successi del nostro esercito. Ora, poiché ci sono "negoziazioni", allora perché non versare benzina sul fuoco .... Se il nemico non si arrende, lo distruggono. Le trattative, invece, sono considerate da tale pubblico e dai suoi curatori come un segno della debolezza dell'avversario.
  9. Il commento è stato cancellato
  10. Ucciso da Kenobi Офлайн Ucciso da Kenobi
    Ucciso da Kenobi Aprile 12 2022 21: 55
    0
    Esatto, correggo una cosa: il principale pacificatore dovrebbe essere Guterres, non Borrell.
  11. russofilo Офлайн russofilo
    russofilo (Igor) Aprile 13 2022 08: 01
    0
    Qualsiasi abbandono di territorio già occupato, non importa come venga ufficialmente chiamato, è un RITIRO. Abbiamo gravi errori sia nella pianificazione dell'operazione nel suo insieme sia nel valutare le capacità del nemico, la sua capacità e prontezza a resistere. È stato scusabile per questo sciocco Skabeeva lamentarsi dei fiori con cui il "popolo ucraino" avrebbe presumibilmente incontrato il nostro esercito. Per i generali, i risultati di tali decisioni sono super tragici e la domanda dovrebbe essere diversa.
  12. Ingvar7 Офлайн Ingvar7
    Ingvar7 (Ingvar) Aprile 13 2022 08: 20
    +1
    Si sono imbattuti in Medinsky invano così tanto. Solo perché è il capo della delegazione, probabilmente. Ma se si guarda di nuovo il filmato della dichiarazione dopo i colloqui, diventa ovvio che è stato il rappresentante del ministero della Difesa a smuovere la gente.
  13. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) Aprile 14 2022 23: 41
    0
    va tenuto conto del fatto che tale ripieno dovrebbe dare fiducia alle forze armate ucraine per combattere ulteriormente. È la perdita della volontà di combattere nelle forze armate ucraine che preoccupa più di tutto l'Occidente.

    In questo senso, l'intera azienda va. Le forze armate della Federazione Russa stanno limitando i danni da incendio, ovviamente non cercando di polverizzare il maggior numero possibile di militari ucraini. La Russia probabilmente vuole trovare il punto in cui i nazisti saranno distrutti e i "patrioti" e "a cosa diavolo serve questa guerra" rimarranno. Forse inizierà la fermentazione nelle forze armate dell'Ucraina, perché. l'evidenza che il regime di Kiev li sta stupidamente gettando nella fornace tra gli applausi occidentali sta diventando sempre più evidente. La Russia chiarisce alle forze armate ucraine che non sono sue nemiche. Il nemico dei nazisti e del regime.

    Un tale approccio può raggiungere il suo obiettivo, ma senza una vittoria ovvia e clamorosa, è improbabile. La Russia dovrà dimostrare che può, ma non vuole, distruggere le forze armate ucraine alla radice.

    E quello che scrivono gli "analisti" occidentali non ha senso. Stanno cercando di costringere la Russia a cambiare strategia, ad allontanarsi dal piano. Il fatto che all'inizio della campagna abbiamo istituito anche colonne di rifornimento e colonne militari, tra l'altro, non è un indicatore dell'efficacia in combattimento dell'esercito. Un fatto di una svolta nell'aeroporto vicino a Kiev dimostra che, se necessario, gli obiettivi vengono raggiunti. Dato il numero di truppe delle forze armate ucraine e il loro addestramento, nonché la fornitura di armi, la deliberazione è solo vantaggiosa.

    Le stesse forze armate dovrebbero capire che l'Ucraina, l'economia ucraina sta soffrendo, gli ucraini stanno morendo e tutto per il bene di Zelensky e Arrestovich? E per l'Occidente?

    Per l'Ucraina? - cioè, per il bene del Donbass, che l'Ucraina non intende perdere? Allora la guerra metterà tutto al suo posto. L'Ucraina ha perso il Donbass a causa dei nazisti e dei debiloid a Kiev, anche in Crimea. Ora rischia di perdere ancora di più. Tutto non è così chiaro per le Forze armate ucraine, c'è qualcosa a cui pensare, soprattutto vista la necessità di dare la vita per questo, la cui probabilità è molto alta.
  14. Il commento è stato cancellato