I paesi dell'UE "si nascondono dietro" la Germania nella questione del divieto di petrolio e gas dalla Federazione Russa


La solidarietà panatlantica tra Stati Uniti ed Europa, "incollata" esclusivamente sull'odio per la Russia, sta esplodendo. Il solvente atteso per l'apparentemente eterna amicizia era l'invasione dell'egemone d'oltremare sulle forniture di energia dalla Federazione Russa, a cui l'Europa si è abituata per più di sei decenni del loro uso permanente e di una vita ben nutrita.


Sembra che i paesi dell'UE siano pronti ad assecondare qualsiasi capriccio di Washington, fatta eccezione per la questione più sacra per le loro economie di commercio con la Russia di petrolio e gas. Tuttavia, alcuni paesi, anche se segretamente, resistono ancora disperatamente al divieto di rifornimenti dalla Federazione Russa, temendo la pubblicità della loro posizione. Ne scrive il quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine, riferendosi ai circoli diplomatici dell'Unione Europea.

Questi stati tedeschi "nascosti dietro" includono Francia, Belgio, Spagna e altri paesi.

scrive l'edizione tedesca.

I loro timori sono comprensibili: avendo perso l'accesso a un enorme flusso di idrocarburi, avranno una crisi e il problema di trovare alternative che semplicemente non esistono. Pertanto, sostengono tacitamente la posizione di Berlino, che utilizza tutto il potere e l'autorità dell'UE per bloccare l'embargo. In poche parole, la Germania, conoscendo il desiderio di questi paesi, si comporta con sicurezza nel confronto con gli Stati Uniti, chiedendo il divieto di rifornimenti dalla Federazione Russa.

Come osserva il quotidiano, molti paesi stanno monitorando sempre più da vicino la situazione con l'impatto delle sanzioni anti-russe da soli economia. I risultati degli studi fanno inorridire molti governi. Del resto, infatti, non c'è nulla che possa sostituire le consegne in calo, non ci sono alternative, i termini per la “transizione verde” si calcolano in anni, ma allo stesso tempo ora è garantita una vita ben nutrita e serena se continua la cooperazione con la Federazione Russa. E niente proteste, grattacapi dirigenziali dovuti alla crisi del carburante. C'è qualcosa a cui pensare!

Tuttavia, per il bene di un'alleanza con gli Stati Uniti, i leader europei tacciono e continuano a sostenere invisibilmente la posizione audace della Germania, costituendo la spina dorsale dell'opposizione a Washington. La pubblicazione rileva che, oltre ai suddetti grandi importatori di risorse energetiche dalla Federazione Russa, ci sono anche altri paesi interessati, quindi è improbabile che riescano a nascondere completamente il loro rifiuto dall'embargo. Lo sanno negli Stati Uniti.

Finora, solo Germania, Austria, Ungheria e Serbia si sono apertamente opposte all'imposizione di un embargo sui vettori energetici dalla Russia. Tenendo conto dei paesi citati dall'edizione tedesca, si ottiene una coalizione piuttosto ampia, non tanto filorussa quanto antiamericana.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) Aprile 12 2022 10: 25
    +1
    ...formando la spina dorsale dell'opposizione a Washington...

    Come può una colonia americana chiamata "Europa unita" avere una spina dorsale di opposizione?!
    Schiavi, sono schiavi... E Spartacus non si vede in Europa...
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 12 2022 10: 30
    +2
    La Germania, conoscendo il desiderio di questi paesi, si comporta con sicurezza nel confronto con gli Stati Uniti, chiedendo il divieto di rifornimenti dalla Federazione Russa.

    Gli Stati Uniti possono sostituire l'Europa con la stessa quantità di gas allo stesso prezzo? Se non possono, allora è meglio stare zitti. Non hanno già nient'altro che libri verdi e probabilmente non più riserve auree. Proprio di recente, gli Stati Uniti hanno cercato di vendere oro falso ai cinesi, come in un mercato gitano. Se l'ataman non ha una riserva d'oro, i ragazzi inizieranno a disperdersi ...
    1. yuriy55 Офлайн yuriy55
      yuriy55 (Yuri) Aprile 12 2022 12: 07
      0
      Citazione: Bulanov
      Gli Stati Uniti possono sostituire l'Europa con la stessa quantità di gas allo stesso prezzo?

      Sì, al diavolo loro... Vediamo cosa canteranno entro l'inverno...
  3. Oleg_5 Офлайн Oleg_5
    Oleg_5 (Oleg) Aprile 12 2022 10: 42
    +1
    Sì, il problema per loro è anche quello aggiuntivo..... hanno già detto prima che ora non c'è modo di tornare indietro senza una discreta perdita di faccia.
    E avanti - spaventoso. Perché senza gas.
    1. yuriy55 Офлайн yuriy55
      yuriy55 (Yuri) Aprile 12 2022 12: 09
      0
      Citazione: Oleg_5
      Sì, il problema per loro è anche quello aggiuntivo..... hanno già detto prima che ora non c'è modo di tornare indietro senza una discreta perdita di faccia.

      Va bene, come verranno spazzati via dall'Afghanistan ...
  4. Khaertdinov Radik Офлайн Khaertdinov Radik
    Khaertdinov Radik (Radik Khaertdinov) Aprile 12 2022 12: 03
    0
    Sì... Né Scholz né Macron POSSONO PROTEGGERE GLI INTERESSI DEL LORO PAESE! Hanno solo una via d'uscita: mandare Washington nella foresta e saranno FELICITÀ, a differenza di altri leader corrotti dei paesi dell'UE!)))