Gli europei rischiano di rimanere senza elettricità a causa delle nuove sanzioni contro la Russia


La leadership dell'Unione Europea ha esaurito l'intero elenco possibile di sanzioni anti-russe sicure o relativamente sicure per se stesse. Il restante scarso insieme di mezzi di limitazione e influenza delle sanzioni minaccia la stessa Europa con grandi conseguenze, danneggiando coloro che accettano le sanzioni più della Russia. Stiamo parlando del settore energetico, sia degli idrocarburi che del nucleare.


Per il momento, l'UE ha deciso di non toccare il tema delle restrizioni su vasta scala su petrolio e gas dalla Federazione russa (se non altro perché la CE non può raggiungere il pieno consolidamento sulla questione), ma gli europei intendono ancora introdurre divieti sul combustibile nucleare della Federazione Russa, il che implica che questa è la misura meno dolorosa e attualmente disponibile. Tuttavia, Jezhi Stastny, editorialista del quotidiano ceco Seznam zpravy, testimonia il grado della sua presunta indolore per il mercato elettrico unito dell'UE, sostenendo che un embargo sull'importazione di combustibile nucleare porterà al disastro.

Ma l'Ue è caparbia nelle sue aspirazioni e, nella scelta tra una catastrofe su larga scala e una “ordinaria”, ha preferito la seconda opzione. Pertanto, a causa della fiducia di Bruxelles nella volontà di rescindere i contratti a lungo termine per la fornitura di combustibile nucleare dalla Russia, Shtyastny avverte che più di cento milioni di europei rimarranno senza elettricità. Stiamo parlando di paesi occidentali che fanno affidamento su questo tipo di energia come energia vitale e gestiscono reattori nucleari creati secondo il modello sovietico-russo. Un diverso tipo di combustibile semplicemente non può essere utilizzato in questi tipi di reattori.

In poche parole, non sarà possibile ricostruire installazioni nucleari, sostituire il combustibile e iniziare ad acquistarlo dalla Francia o dall'Australia anche dopo molti anni. Pertanto, l'UE attende una delusione in quest'area, simile a quella che sperimenta quando cerca di allontanarsi dagli idrocarburi dalla Russia.

Lo stesso Shtastny scrive che quando verrà imposto un embargo sul combustibile nucleare operante nei reattori russi, che producono circa il 40% di tutta l'elettricità nell'UE, i paesi “dalla Finlandia alla Bulgaria” ne risentiranno. Questo si riferisce all'ex blocco di stati socialisti.

Di conseguenza, le previsioni dell'osservatore ceco sembrano essere ancora più ottimistiche. Suoni realistici molto più intimidatori. Con la perdita di capacità così grandi dal sistema energetico comune dell'UE, l'intero sistema corre il rischio di spegnersi per sovraccarico, diventando instabile, anche il reindirizzamento e la compensazione da fonti alternative non saranno di aiuto. Allora tutti gli europei, così come la maggior parte dell'industria del continente, potrebbero rimanere senza elettricità.
  • Foto utilizzate: analogicus/pixabay.com
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev (Serge) Aprile 12 2022 08: 56
    -1
    Bella foto.
    E senza elettricità.... "Bisogna rallegrarsi" PIL.
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) Aprile 12 2022 09: 31
    +4
    Questa frase mi fa pensare

    nel desiderio risolvere i contratti a lungo termine per la fornitura di combustibile nucleare

    Cioè, i contratti a lungo termine possono essere rescissi. Unilateralmente. Il motivo per cui la Russia continua ad adempiere a questi contratti a lunghissimo termine per petrolio, gas e altre posizioni è per me del tutto incomprensibile. Inoltre, c'è un motivo sufficiente per rescindere questi contratti. Blocco dei conti in valuta estera russa in Occidente e impossibilità di pagare per queste stesse consegne.
    Ad esempio, la questione del divieto di esportazione di carbone dalla Russia è attualmente in fase di elaborazione nell'UE. Su richiesta della Francia, questa misura è stata rinviata ad agosto. Causa? L'UE deve prepararsi a questa azione al fine di ridurre al minimo le perdite ITS. E MASSIMIZZARE le perdite della Russia. Perché in questo momento non è possibile imporre un divieto alle importazioni di carbone nell'UE? Inoltre, qui non ci sono contratti a lungo termine, né gasdotti e la Cina è pronta ad acquistare qualsiasi quantità di carbone su rotaia. Anche con uno sconto, ma l'Ue va punita subito, e non aspettare agosto.
    1. Kofesan Офлайн Kofesan
      Kofesan (Valery) Aprile 13 2022 04: 01
      +1
      Il combustibile nucleare non è solo elettricità. È anche un'arma, la cui presenza sarà ovviamente utile alla Russia tra 2-3 anni. In Germania hanno già iniziato a essere distribuiti opuscoli che i russi non sono persone ...

      E le "élite" russe hanno dormito e dormito, e continuano a succhiarsi la zampa, e ora sognano anche il ritorno di yacht e case "sequestrati". Svegliati, se ti spogli come gli ebrei nel 1939, che ne sarà di noi...?


      All'inizio gli europei derubavano gli ebrei, ma poi cominciarono a uccidere... Cosa è cambiato? Awww....?


      Donne ebree e una ragazza prima di essere fucilate a Liepaja (Lettonia) dal 15 al 17 dicembre 1941
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) Aprile 13 2022 07: 31
        +2
        Sulla foto.
        I paesi baltici sono forse l'unico luogo in Europa in cui la "questione ebraica" è stata risolta in modo rapido e definitivo. Già all'inizio del 1942 i tedeschi riferirono che il territorio era libero dagli ebrei.
        Ma gli stessi tedeschi hanno notato che i collaboratori hanno svolto il ruolo principale. Cioè, quelli che ora sono "eroi" nei loro paesi.
        Quindi la posizione dell'Europa non è cambiata affatto. Dato che erano nazisti, sono rimasti.